Post in evidenza

Un parroco in Diocesi di Fidenza coraggioso sulla S. Comunione in bocca

L'arciprete di Castelvetro e Croce S. Spirito (PC), in Diocesi di Fidenza ma alle porte di Cremona, spiega perchè darà la S. Comu...

lunedì 1 giugno 2020

Norcia. La preghiera di «liberazione» dei monaci contro coronavirus, guerre e carestie

Qualcuno crede ancora a preghiera, digiuno e penitenza.
Sugli amici di Norcia vedere MiL QUI.
Luigi

Filippo Rizzi sabato 18 aprile 2020, Avvenire

A lanciare questa iniziativa e a raccontarla nel suo blog è stato il priore della comunità benedettina padre Benedetto Nivakoff: nelle nostre orazioni ci sentiamo a fianco di medici e infermieri

I monaci benedettini di Norcia dal 30 marzo scorso hanno scelto di offrire una loro particolare preghiera per la liberazione dal coronavirus, ma anche dalle «carestie e dalle guerre».
Una invocazione particolare quella di questi religiosi che hanno scelto di non abbandonare nonostante il terribile sisma del 2016 la città che diede i natali proprio al loro fondatore e padre del monachesimo occidentale: san Benedetto . La
tradizione vuole infatti che dove sorgeva l’antico complesso monastico distrutto dal recente terremoto e la cui chiesa, l’unica per la verità di tutta Norcia, è rimasta miracolosamente in piedi con la sua abside e la sua facciata sia stata la casa natale di San Benedetto e Santa Scolastica nel 480 dopo Cristo. Una presenza quella di questi figli di san Benedetto, in questo angolo dell’Umbria, ai tempi del Covid-19 dal significato particolare: i monaci sono tornati qui circa 20 anni fa nel 2000 e grazie a questa intuizione è rifiorita la vita e la regola di San Benedetto che era scomparsa a Norcia a causa delle soppressioni degli Ordini religiosi nel 1810 da parte di Napoleone . Dal 2016 infatti i monaci una quindicina - che hanno una media di età di 29 anni e sono in maggioranza statunitensi (tra loro anche un inglese, un canadese, un indonesiano e un brasiliano ) - si sono attivati per la costruzione di un nuovo monastero di fronte agli imponenti monti Sibillini e distante una manciata di chilometri dal centro storico di Norcia. Ma a raccontare il senso di questa particolare “preghiera per la liberazione “ è lo stesso priore lo statunitense padre Benedetto Nivakoff e l'ha fatto attraverso il blog del sito internet del monastero dove ha descritto anche la vita ordinaria ai tempi del Covid-19 per la sua comunità: quella di San Benedetto in Monte. «La vita per i monaci di Norcia, ad oggi tutti sani, continua come al solito perché ogni mattina, durante la Messa conventuale abbiamo aggiunto preghiere contro la pestilenza. – è la testimonianza del religioso, originario di New York - Nel pomeriggio nelle nostre preghiere ci sono dottori e infermieri che si stanno sacrificando». Una vita quella di questi monaci che continua nei difficili tempi del Covid-19 nel rispetto dell’ antica osservanza dell’ora et labora ma suggellata anche dalla produzione di una prestigiosa birra (venduta in tutto il mondo) e dal canto dell’ufficio divino in latino.« Un cambiamento notevole per noi è stata la totale assenza di visitatori della cappella. Sebbene Norcia sia fuori dalle strade di grande comunicazione, siamo fortunati nel poter condividere spesso la nostra vita - l'Ufficio cantato e la Santa Messa - con i visitatori. – scrive ancora nel suo blog padre Benedetto - Le misure adottate dal Governo per il contenimento dell'epidemia precludono questa condivisione confinando ciascuno nella propria casa. Il nascondimento dal mondo assume, così, un simbolismo quasi sacramentale durante questa straordinaria crisi». Un flagello – secondo padre Nivakoff – che sta mettendo alla prova la «nostra vita monastica» come ai tempi del sisma del 2016. «Ogni giorno diventa più chiaro che insieme soffriremo per qualche tempo delle conseguenze fisiche, economiche, psicologiche e spirituali del coronavirus. – è la riflessione finale ¬- Dovremmo essere disposti a imparare le lezioni che Dio vuole insegnarci. Pretendere che Dio restituisca ciò che abbiamo perso è una grande tentazione. Nella tragedia Dio immette semi di nuova vita. Dobbiamo innaffiarli con le nostre preghiere (sia visibili che invisibili), i nostri sacrifici e, forse, anche le nostre vite. La morte, però, non ha l'ultima parola»

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.