Post in evidenza

Un parroco in Diocesi di Fidenza coraggioso sulla S. Comunione in bocca

L'arciprete di Castelvetro e Croce S. Spirito (PC), in Diocesi di Fidenza ma alle porte di Cremona, spiega perchè darà la S. Comu...

martedì 9 giugno 2020

"In Francia i tradizionalisti sono sempre più rappresentativi della Chiesa"Jean de Tauriers Presidente del Pellegrinaggio di Chartres.

Apprendendo le cronache del meraviglioso "Pellegrinaggio di Chartres" l'animo cattolico è pervaso da grandi sentimenti  di gratitudine verso gli ideatori e gli organizzatori di quell'eccelsa pagina di storia contemporanea che fa rivivere nei nostri giorni i grandi ideali dei pellegrinaggi del passato.
Una nobilissima e preziosa propedeutica d'impronta tradizionale per la gioventù   che in Italia non può essere neppure concepita anche se ne avrebbe immensamente bisogno
Ci consoliamo con quel che avviene in Francia, grazie alla benemerita Associazione Notre-Dame de Chrétienté.

Maria,  auxilium Christianorum, ora pro nobis
AC
In Francia tradizionalisti sono sempre più rappresentativi della Chiesa 

di Jean de Tauriers
Presidente dell'Associazione Notre-Dame de Chrétienté

Cari amici pellegrini, abbiamo appena chiuso la trentottesima edizione di questo  pellegrinaggio "eccezionale"
Tra il coronavirus, il divieto dei raggruppamenti pubblici, i cambiamenti dell'ultimo minuto...
nulla è stato risparmiato dall'organizzazione  Notre-Dame de Chrétienté che ha dovuto adattarsi fino agli ultimi giorni. 
Vorrei ringraziare tutti i nostri amici organizzatori di Notre-Dame de Christianité, per la loro dedizione e la loro efficienza che è  stata fantastica. 

Il pellegrinaggio si è svolto bene con centinaia di iniziative locali, mantenedo intatto il fervore  e  coraggiosa caparbietà per continuare ad essere "pellegrini".
Come ogni anno, saremo in grado di fornirne le cifre (ovviamente quelle vere !) dopo la Messa del Ringraziamento a Sainte Odile dell'11 giugno (tutte le informazioni su www.nd-chretiente.com).

Contemplando tutti questi piccoli gruppi che  camminavano per Parigi sabato scorso, rivedendo tutte queste immagini che giungevano da tutta la  Francia ed  altrove, ero sbalordito e pieno di fiducia per il nostro futuro. 
(Notre-Dame de Christianité) NDC (il "pellegrinaggio di Chartres" per dirla semplicemente) ha quasi 40 anni
I nostri fondatori volevano ripiantare il cristianesimo o almeno una reazione cristiana in Francia, dopo l'appello di Giovanni Paolo II nel mezzo della cristi della Chiesa e della società.
I fondatori vedendo gli effetti della decristianizzazione e hanno voluto creare un nuovo slancio tra i giovani. 
Quando osservo i nostri pellegrini, molti dei quali giovani, vedo che questa successione sta avvenendo portando sicura  speranza per il domani. 

È inaudito che il culto pubblico sia stato vietato in Francia durante questa pandemia. Dovremmo riflettere e imparare tutte le lezioni da quello che è successo per colpa del sorprendente indebolimento della Chiesa in Francia. 
Non dimentichiamo però le parole coraggiose di alcuni vescovi che ringraziamo ancora una volta. 
In unione ad una richiesta di provvedimenti provvisori presentata al Consiglio di Stato, NDC ha voluto fornire sostegno alle comunità che camminano regolarmente per le strade di Chartres. 
Il nostro approccio era rispettoso della gerarchia in atto ma allo stesso tempo determinato perché riguardava l'onore di Dio. 

Tutta questa storia mi fa pensare alla favola di Jean de La Fontaine "Il leone innamorato": declamata da Fabrice Luchini, è eccezionale. 
Il povero leone amoroso è un po 'come la Chiesa che ha voluto, durante un famoso e recente Concilio, rinunciare a tutti i suoi privilegi: più democrazia cristiana, più vantaggi ... 
Chiedeva solo di essere “una chiesa libero in un libero stato "con la grande efficienza che osserviamo. 
Il destino della Chiesa cattolica ricorda quello del povero leone amoroso che pur di sedurre la sua amata accetta di  farsi tagliare i denti e limare gli artigli: 
Per non perder la dolcezza d’un amor che cieco il rende, 
l’animale innamorato al consiglio acconsentì; 
ma un leone disarmato è un castello che si arrende. 

Il leone fatto pochissima resistenza. La sua anima era così cieca!

Le domande rimangono: perché c'erano così pochi di noi? 
Perché le associazioni diocesane o altre comunità al di fuori della sfera tradizionale non hanno fatto lo stesso passo? 
Mi sembre che difendere la libertà di culto pubblico dovrebbe essere un obiettivo condiviso da tutti i cattolici?

Non credo affatto quello che ha scritto Jean-Pierre Denis in La Vie cioè che noi (i tradizionalisti) siamo "non rappresentativi" della Chiesa. 
Questa espressione è piuttosto brutta, ma la storia ci ha insegnato ad avere uno stomaco forte e resistente. 
Più che cattivo, è particolarmente scorretto perché dovrebbe sapere che noi tradizionalisti siamo sempre più rappresentativi. 

I "cattolici osservatori" (che comprende gli ultimi cattolici praticanti) al modo di di Yann Raison du Cleuziou e del suo libro "Aux origines de la Manif Pour tous", devono imparare ad agire concordemente su alcuni argomenti: quello della libertà di culto è uno dei più importanti . 
I cattolici sono ora una minoranza in Francia e, per di più, furono la vecchia maggioranza: impariamo domani a lavorare insieme:« représentatifs et non représentatifs » ! 

Desidero ringraziare calorosamente i celebranti e le autorità che ci hanno supportato nel 2020: Il canonico Fournier, cappellano militare; ringrazio padre Lacroix per il suo benvenuto a Saint Sulpice e Monsignor Aupetit. 
Monsignor Rougé, che ha accolto sabato la "piccola colonna" dei pellegrini all'ingresso della sua diocesi. 
Il reverendo padre Louis-Marie de Blignières, superiore della Fraternità Saint Vincent Ferrier, che ha celebrato la messa a Chémeré-le-roi la Domenica di Pentecoste
Padre Barrero, superiore dell'Istituto del Buon Pastore, per la Benedizione Eucaristica nel seminario di Courtalain di domenica sera. 
Monsignor Descourtieux (Congregazione per la Dottrina della Fede) che ha celebrato la Messa di lunedì di Pentecoste nella Cappella di Santa Petronilla nella Basilica di San Pietro a Roma. 
Il Rettore della cattedrale di Chartres, padre Blondeau, per la sua sempre generosa e cordiale accoglienza, così come monsignor Christory. 
Potete immaginare che tutte queste riprese televisive abbiano richiesto molto lavoro e soprattutto dei tesori di ingegnosità.. 

Un grande grazie a tutti coloro che hanno lavorato con discrezione, ovviamente, e termino con una grande parola di gratitudine per padre Garnier, il nostro cappellano generale. 
 

Nos Saints Anges, protégez-nous dans les combats 
Sainte Jeanne d’Arc, protégez la France 
Sainte Geneviève, protégez la France 
Notre-Dame de la Sainte Espérance, convertissez-nous !


Jean de Tauriers 
Presidente di Notre-Dame de Chrétienté 


Fonte: Le Salon Beige QUI

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.