Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

martedì 12 maggio 2020

Silvia Romano: l'apostasia, la pietà e non dimenticare chi sono i rapitori


Su Silvia Romano, il portavoce terroristi al-Shabaab ha detto:"Soldi riscatto finanzieranno jihad"

Lo ha riferito a "Repubblica" Ali Dehere, portavoce del gruppo terroristico Al Shabaab (QUI su Rai News, tratto da Repubblica).



Di contro i sacerdoti si rallegrano e il Presidente della CEI, tutto giulivo è giunto anche a dire che Silvia Romano è “nostra figlia?” Ma come "figlia"? Proprio "figlia" (ormai) non lo è più.

Siamo umanamente molto contenti che sia stata liberata e che sia a casa, ci mancherebbe. Ma certo ci dispiace moltissimo che abbia apostatato e che in un momento di tale angoscia non si sia rivolta al Dio della vera fede cattolica.
È una figlia  "perduta”, semmai da recuperare e da pregare per lei.
Si vede che i sacerdoti si scordano di esserlo e si lasciano trascinare dal sentimentalismo del secolo.
Chiariamo: è ovvio che la coscienza non può essere violentata e che la scelta della Romano va comunque rispettata, perchè in un qualche modo ella ha cercato conforto nel trascendente. 
Però la gioia del suo ritorno non è piena, è dimezzata dal fatto che lei non abbia avuto la fortezza di resistere e di pregare come le era stato insegnato, e pur cercando Dio, si sia
lasciata traviare da una falsa religione: quella islamica.
Questo è l'ennesima riprova del fallimento della pastorale e della catechesi della Chiesa Cattolica e anche della nostra civiltà occidentale che non danno più il supporto spirituale alle coscienze che sono abbandonate al nichilismo (e ormai poco supportate dalla frequenza - con la vera fede - e che in situazioni difficili si rivolgono a religioni “esotiche” ma false). 
Ecco: alla luce di ciò, il  presidente dei vescovi italiani, nessun vescovo o sacerdote, avrebbe potuto arrivare ad esprimersi così.
Preghiamo per questa povera ragazza e per cardinali e sacerdoti che non capiscono la gravità dell'apostasia (QUI e QUI).
Ricordando inoltre che terroristi islamici, simili a coloro che l'hanno rapita, hanno ammazzato il nostro Fabrizio Quattrocchi (QUI il filmato dell'uccisione) e che al-Shabaab è lo stesso gruppo che firmò l'attentato del Giovedì Santo del 2015 in Kenia (QUI e foto sopra dove vennero massacrati 148 studenti).
Di qui si può capire anche la durezza di Langone.
Sotto un breve video di amara riflessione di Silvana de Mari.
Luigi



12 maggio 2020 - Preghiera di Camillo Langone


Parlano di lavaggio del cervello. Io invece credo che le volontarie per l'Africa partano già lavate. Perfettamente lavate: candeggiate. Completamente deculturate: pagine bianche su cui scrivere qualunque cosa. Se sei di Milano e ti ritrovi in preda alla libido filantropica ma non vedi i disgraziati che dormono in Via Vittor Pisani fra mucchi di cartoni, e le file chilometriche alla mensa dei frati di Corso Concordia, e dunque ti precipiti alle falde del Kilimangiaro per salvare il Continente Nero, significa che per te Cristo e il Vangelo, Manzoni e Jannacci, Aldo Coppola e Giovanni Gastel, il calendario dei Santi e il cotechino di Capodanno, la Madonnina e il Camparino, la Milano da bere (alcolica) e la Pinacoteca di Brera (iconica) non sono nulla, e che sei già pronta per Corano, cambio di nome e palandrana. Non si attribuiscano ai predoni somali capacità particolari: si riconosca nelle volontarie un vuoto eccezionale.


15 commenti:

  1. non metuens verbum13 maggio 2020 06:02

    Non so se la Silvietta fosse battezzata (probabile ma non certo), non so se avesse seguito il catechismo (idem), ma è certo che per i pastori responsabili di lei e di noi, e che oggi gioiscono della sua palandrana verde e delle chiese chiuse presidiate dai Rambi in divisa, quel battesimo e quel catechismo avessero lo stesso valore dell'acqiua fresca.

    RispondiElimina
  2. Il vostro odio vi acceca: avete postato un video in cui si dice che se non sei ostetrica o ingegnere non devi andare in africa, e i preti allora che ci stanno a fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse per portare il Vangelo di certo non per abiurare...

      Elimina
    2. Ottima osservazione.
      Quelli che sono lì per Evangelizzare in nome di Cristo, portare i Sacramenti e con Essi la vita divina, salvare anime, sono lì per quello per cui sono stati chiamati da Dio e valgono infinitamente più d'un qualsiasi medico o ingegnere.
      Chi è là per filantropia terzomondista, non è meglio che se ne stia a casa.

      Elimina
    3. Per evangelizzare, "andate e predicate al mondo!" (cit.) Questi hippie manco quello fanno, vanno solo a farsi il selfie col bambino di colore...

      Elimina
    4. Ah ecco, allora in Africa ci può andare solo chi sa amputare un arto, chi sa seguire un parto e chi evangilizza. Chi si occupa di bambini orfani invece no.
      Adesso mi etutto piu logico.

      Elimina
  3. La CEI non trascura occasione per manifestare atteggiamenti che danneggiano la Chiesa e approvano l'apostasia. Il suo presidente non dorme la notte per mostrare di aduguarsi alle istruzioni rivoluzionarie di Bergoglio che proclama che Dio è uguale per tutti anche quello dell'Islam che predica la guerra santa contro gli infedeli cristiani. Giustissima l'affermazione " che le volontarie per l'Africa partano già lavate " ( nel cervello !)e non mostrano certo i segni di rapimento o di vessazioni tanto poi sono giulive. E' arcinoto che centinaia di giovani partono per i paesi arabi a istruirsi nelle varie operazioni anche terooristiche per poi tornare per agire da testa di ponte islamica contro la cristianità, nei loro paesi.

    RispondiElimina
  4. Brava Silvana De Mari, una vera cattolica, oltre ad una persona che ragiona con la propria testa, che usa il ben dell'intelletto, la retta ragione donataci dal Creatore, e non si lascia lavare il cervello dai padroni del discorso, dall'élite massomnico-finanziaria che vuole instaurare il regno del terrore, il Nuovo Ordine Mondiale di origine e stampo luciferino. Ma non avranno l'ultima parola, poiché è riservata all'Immacolata, alla Regina delle Vittorie, che li sconfiggerà tutti, avessero anche l'appoggio di tutti i dèmoni dell'inferno, di tutte le armate delle tenebre. Viva Maria SS.ma ! Christus Vincit !

    RispondiElimina
  5. non metuens verbum13 maggio 2020 16:23

    7.32, se tu capissi qualche cosa, sapresti che i Missionari cattolici sono stati per secoli i salvatori dell'Africa…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così mi insulti senza motivazione, che stile.
      Lei piuttosto sa forse qualcosa delle sofferenze di chi muore per Aida? Sa quante migliaia e migliaia di morti anche di innocenti bambini sono sulle coscienze di missionari cattolici che predicano il rifiuto del preservativo?

      Elimina
    2. Però i missionari predicano anche la castità e contro piaghe come poligamia e libertinaggio

      Elimina
    3. "Preservativo": che brutta parola! Dietro c'è tutta la mentalità patologica dei senza Dio.

      Elimina
  6. sistemi anticoncezionali sono sempre esistiti, anche all'epoca dell'impero Romano, erano in vescica o budella di animale. ma la fissa che la chiesa ha oggi è solo per differenziarsi dai protestanti che ne fanno largo uso. del resto il sesto comandamento in origine era non commettere adulterio. cioè non giacere con alcuno diverso dal proprio marito o moglie. poi il comandamento dato a Mose' è stato trasformato.

    RispondiElimina
  7. Semplicemente la non frequenza al sacramento della confessione, e di conseguenza, a quello conseguente dell'Eucaristia.
    Vittime dello spadroneggiare fin dal grembo materno di un continente scristrianizzato, e anche le donne che si fanno ora forti sulle spelle della giovane donna, sappiano che a farsi un esame di coscienza personale: i capelli corti, il vestire da uomo, e il carrierismo personale che dimentica la diversa chiamata di uomo e donna, sono in abominio al Signore.
    Pertanto, la via stretta della Croce è veramente difficile ma possibile, e chi osa mettersi a pontificare con tanta arroganza nei termini, anche lesivi della dignità personale altrui, dovrebbe iniziare con una bella ripassata della propria conduttura di vita. Il velo, l'abbigliamento, il portamento, la riservatezza, il linguaggio pulito, la contesia nel rivolgere le correzioni fraterne, l'umiltà di non sentirsi degni di insegnare niente se prima non ci si è purificati totalmente dalle sozzure personali. E tanto altro.
    Modelliamoci alla Vergine Maria Santissima e Madre di Dio.

    RispondiElimina
  8. ha dimenticato che un un'altro strumento del demonio è il grammofono (M. Troisi)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.