Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 8 maggio 2020

Langone e le giravolte del S. Padre Francesco

Mi pare molto di buon senso.
QUI l'articolo.
Luigi

29 aprile 2020 - Preghiera di Camillo Langone
Esortando dal pulpito di Santa Marta a dare a Cesare quel che è di Dio, ossia l'ubbidienza anche al divieto eucaristico, Papa Francesco non solo ha scaricato i poveri vescovi Cei, tutti patriottici ma non tutti sufficientemente proni, o pronati, visto che dopo cinquanta giorni di letargo avevano cominciato a sollevare qualche obiezione, evocando, gozzaniani e demodé, buone cose di pessimo gusto quali il rispetto di Concordato e
Costituzione in materia di libertà di culto. Il Sommo Pontefice ha pure sconfessato migliaia di fedeli che in queste settimane hanno partecipato a messe clandestine, comunioni clandestine, riti clandestini (le Ceneri, le Palme...), i tanti laici, i molti frati, i parecchi preti che hanno animato una resistenza cattolica di cui si potrà dare conto solo quando sarà caduta in prescrizione.
Da domani tutti questi cristiani o smetteranno di seguire Cristo, il suo “Fate questo in memoria di me”, o scaveranno ancora più in basso le loro catacombe. Io di ubbidire alla Chiesa di Stato non ci penso proprio, ma non ho nemmeno la vocazione del minatore, ho un grande bisogno di aria aperta. Mi limito a copiaincollare Dante su Papa Giovanni XXII: “Ma tu che sol per cancellare scrivi, / pensa che Pietro e Paolo, che moriro / per la vigna che guasti, ancor son vivi”. Dunque ci si ricordi che di Papi guastatori ce ne furono altri, e che la vigna dopo di loro tornò a fruttificare (nel frattempo mi faccio un giro in bici).

2 commenti:

  1. Bergoglio è in evidente difficoltà, per questo dà un colpo al cerchio e uno alla botte. Forse fa le giravolte per attirare l'attenzione ma non lo segue più nessuno: i cattolici non lo seguono perché hanno constatato che cattolico non è (le chiese si sono svuotate), gli atei non lo seguono perché è pur sempre un Papa, e non si fidano della melliflua Chiesa di Roma (e ne hanno ben donde). Bergoglio dà gli ultimi colpi di coda, cerca tristemente di stupire ora che il pontificato sta finendo, ma sarà ricordato solo per aver riproposto idee politiche superate e smentite dalla storia.

    RispondiElimina
  2. Bergoglio il nuovo che avanza dal 1970/80 Con teologia della liberazione e cattocomunismo.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.