Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 22 maggio 2020

8x1000 contestato: "Non ve la prendete con noi poveri preti ma con il governo e con i politici che hanno imposto tutto"

Il post "Niente comunione in bocca? Niente 8 x mille alla CEI!"  ha avuto, come prevedibile, grande attenzione anche tra il Clero. QUI
A tal proposito   un Sacerdote ci ha scritto: "Chi attacca la Chiesa  usando come minaccia l'8xmille vuol dire che non si vuole bene alla Chiesa: volete bene ai noi preti? Mi dispiace notare come ogni problema nella Chiesa sia associato con l'8xmille. È vergognoso pensare che la Comunione sulla mano o in bocca possa essere risolto con l'8xmille: siete proprio sicuri che tutti i Vescovi o tutti i Sacerdoti sono d'accordo con certe disposizioni chieste dal Governo alla Cei? 
Vi posso assicurare che la maggior parte di noi Sacerdoti a riguardo della Comunione non è d'accordo con le disposizione della CEI e del governo. Smettetela di generalizzare e di fomentare rabbia nei fedeli contro i Sacerdoti. Se proprio volete protestare, prendetevela con il Governo: con quei politici  che hanno osato imporre anche delle leggi ostili a Gesù Cristo e alla Chiesa. [No! Magari! Purtroppo Reverendo non è così! Per quanto riguarda le normative  per la "riapertura" della Santa Messa ai fedeli nella c.d. "fase2" può informarsi QUI N.d.R.] Speriamo di non leggere più certi post e vi prego: abbiate rispetto e compassione anche per noi poveri Sacerdoti" (lettera firmata) 

***
In questo periodo di sofferenza collettiva a causa del coronavirus il nostro blog  si è prodigato per edificare i Lettori con tanti racconti di  Sacerdoti che, nel pieno adempimento del proprio ministero, pur di essere vicini ai proprio fedeli hanno   sfidato  gli arcigni controlli curiali e le pericolose delazioni che  ignobilmente affliggono le "fasi" a-sociali di questa pandemia. (v.video sotto)
Rassicurando il Sacerdote sul dovuto rispetto  nei confronti dei Consacrati proponiamo un'altra testimonianza , fra mille  consimili,  accaduta in un paese durante questi terribili mesi segnati dalla pandemia.
"Al tempo del coronavirus c'era un paese molto devoto alla Madonna Santissima. 
Durante il periodo di lockdown le donne, gli uomini, gli anziani e i ragazzi, approfittando della breve uscita da casa per la spesa, si recavano in chiesa per pregare davanti la venerata immagine della Madonna Addolorata. 
In chiesa c'era anche il loro parroco che quotidianamente applicava l'intenzione della S.Messa Quotidiana, trasmessa in streaming, per i defunti e per le esigenze spirituali dei suoi parrocchiani. 
Il parroco non ha mai smesso di stare vicino in ogni modo al dolore e alle trepidazioni dei suoi parrocchiani. Quando l'isolamento è terminato è andato a visitare ,  con le dovute preacuzioni, le famiglie che abitano in campagna nelle frazioni più isolate. 
Nella Domenica delle Palme ha benedetto i rami di ulivo e nella Veglia Pasquale l'acqua santa per le benedizioni tanto care ai fedeli. 
Quando è arrivata l'ondata dei pagamenti: i mutui, le bollette delle chiese e delle iniziative intraprese per aiutare le famiglie che a causa della mancanza di lavoro avevano problemi serissimi per "il pane quotidiano".
Senza le offerte dei fedeli la parrocchia come avrebbe fatto per saldare i pagamenti?
I parrocchiani  si sono  allora stretti idealmente accanto al loro giovane e bravo parroco pagando le rate del mutuo , le bollette e attraverso un'ulteriore colletta proposta su un social,  hanno aiutato concretamente quelle famiglie che stavano in serie in difficoltà: tutto con  doverosa riservatezza!
Un piccolo "miracolo" che il giovane sacerdote attribuisce alla Divina Provvidenza che non abbandona mai i Consacrati che con cuore innocente e cuore puro si affidano a Dio con la preghiera e ... con le lacrime! "

Ecco uno fra i mille esempi che splendono di santo fervore sacerdotale  in tempo di coronavirus in Italia: tantissimi altri li possiamo leggere su questo blog. 
Ai Sacerdoti pastoralmente vicini e dediti al popolo va il nostro rispetto e la nostra grata ammirazione.   
Per il rispetto e per l'amore che dobbiamo ai Sacerdoti non possiamo rassegnarci che " la bandiera politico-ecclesiale della Comunione in mano sia stata surrettiziamente introdotta approfittando della tragedia del coronavirus" dai soliti furbetti delle potenti consorterie illuministe/progressiste che in un momento così doloroso hanno ignorato la sofferenza del popolo santo di Dio che dovrebbero servire  e proteggere anche a costo della vita! (QUI)

Maria Madre e Regina dei Sacerdoti prega per noi. 

AC  

Immagine: notiziesecche QUI

Suggeriamo l'ascolto di questo video di Padre Giorgio Maria Faré  sopratutto dal min. 28 sul "ricominciamento" delle Messe con il popolo e della spinosissima questione della Comunione ai fedeli.
Sconvolgente!

 

29 commenti:

  1. Tutto concorre “perchè siano svelati i pensieri di molti cuori” [Lc 2,25-35]
    In Italia abbiamo assistito ad uno scenario a livello dottrinale/liturgico/pastorale disastroso imploso a seguito nell'emergenza sanitaria di questi giorni.
    E' ovvio che qualcuno deve rendere conto anche praticamente di questo triplice scempio: se il politico sbaglia dovrebbe essere bocciato dagli elettori; se il dirigente industriale sbaglia viene sostituito dal padrone dell'azienda ecc. ecc. se la gerarchia cattolica sbagliando allontana dalla fede, dalla salvezza spirituale, i fedeli essi hanno il diritto/dovere di lasciarli a pane e acqua ( tanto si arrangiano ugualmente trascando con i potenti di turno...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel commento.

      Elimina
    2. "Se la gerarchia cattolica sbagliando allontana dalla fede".
      No: se la gerarchia sbaglia determinando l'allontanamento dalla fede, significa che ha perso essa stessa la fede, o forse non ce l'ha mai avuta negli ultimi 60 anni, e quindi non è più cattolica.

      Elimina
  2. Sì il governo è anticristiano ma la Cei perché non si è ribellata? E i tanti sacerdoti perché non hanno fatto presente che ciò era contro la Volontà di Dio? L'obbedienza ai Pastori va fatta sempre ma non quando va contro la Volonta' di Dio e con carità va fatto presente anche a costo di essere perseguitati nella Chiesa. Quando i governi di centro sinistra hanno fatto la legge sulle unioni civili...dov'era la gerarchia? Non ha protestato anzi è andata contro il family day. Una cosa vergognosa per leggi che gridano vendetta al cospetto di Dio. Ormai questa gerarchia è diventata tiepida e se non si converte lo ricorda cosa l'attende?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle unioni civili l'argentino ha detto "non mi immischio".

      Elimina
  3. NO CARI!! GLI ISTITUTI TRADIZIONALI VIVONO SENZA 8/1000 E FANNO IL LORO APOSTOLATO! VOI INVECE VI PIEGATE ALLE ERESIE PROTESTANTI E ALLA PACHAMANA E VI BECCATE LO STIPENDIO AGGRATIS!

    PUBBLICATE I COMMENTI GRAZIE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verità inconfutabile!

      Elimina
    2. Concordo…. I poveri don Abbondio non hanno mai nemmeno mostrato zelo nell'applicare Summorum Pontificum!!! Mai più 8X1000!!!!

      Elimina
  4. Al Sacerdote che ha preso carta e penna per piagnucolare stizzito "noi poveri preti"(ooooooh...), vasi d'argilla tra i brutti della CEI e i cattivi del Governo, voglio dire che è ormai da TRE ANNI che verso l'odiosa e obbligatoria gabella agli Ortodossi (per evitare che torni alla CEI dalla finestra ciò che le rifiuto dalla porta).
    NON FINANZIO coi MIEI soldi il sistema CEI, perché, diciamocela tutta, i termini "8x1000 alla Chiesa Cattolica" sono truffaldini e falsificano il discorso: quella roba NON È la Chiesa. Non si sta dando "l'8x1000" alla Chiesa, bensì alle casse della CEI.
    Altro sono invece le donazioni a quei Sacerdoti e a quelle realtà ecclesiali il cui ministero sacerdotale e/o le cui opere reputo degni d'essere sostenuti. Ed è in questo senso che intendo il precetto di sovvenire alle necessità della Chiesa, non facendo mettere dal commercialista una crocettina sul modulo dela dichiarazione dei redditi.
    Caro Sacerdote, invece di stracciarsi le vesti perché i fedeli si sono stufati di foraggiare le tante stramberie, di finanziare l'autodemolizione della Chiesa, col tono pusillanime e vittimistico del chiagni e f*tti, di chi, "poverino" non ha mai colpa perché sono gli altri brutti e cattivi.. dico che se per colpa degli ALTRI siamo stati multati se passavamo in Chiesa a piangere un morto senza Sacramenti mentre potevamo uscire a comprare le sigarette e a far pisciare il cane, se per colpa degli ALTRI dobbiamo assistere impotenti allo scempio eucaristico della Comunione dai guanti e sui guanti..e beh, allora per colpa degli ALTRI continuerete a NON ricevere il mio 8x1000.
    E non piangete, da donnicciole, su ciò che non avete il coraggio di difendere da uomini.

    RispondiElimina
  5. Mi hanno colpito tantissimo le parole di Padre Giorgio Maria Faré: incredibile quello che ha testimoniato il Padre il quale invita i fedeli a denunciare alla Congregazione per il Culto Divino le vessazioni che stanno ricevendo in questo tempo di "regime".
    Addirittura ci sono dei cartelli che ordinano ai fedeli di "NON INGINOCCHIARSI" in chiesa!
    Poichè la Congregazione per il Culto Divino è solita non rispondere neppure per scritto si potrebbero istituire dei "gruppi" di fedeli con parecchie firme per costringere la risposta da parte del dicastero vaticano.

    RispondiElimina
  6. niente 8x1000 se non celebrano la messa tridentina. io lo darò ai buddisti il buddismo è una filosofia non una religione.

    RispondiElimina
  7. I fedeli sono esasperati, non ne possono più. I sacerdoti dovrebbero ribellarsi alle direttive ingiuste dei protocolli. Loro hanno giurato fedeltà al Vangelo, non ai protocolli della CEI.

    RispondiElimina
  8. Mimmo da Taranto22 maggio 2020 17:08

    Se il sacerdote, che si lamenta della reazione dei cattolici i quali rifiutano di versare l'8x1000 a causa della negata ricezione sulla lingua della Santa Comunione, è veramente in disaccordo con le disposizioni della CEI - in accordo col governo italiano, faccia pubblica rimostranza come ha fatto don Alfredo Morselli nella sua Parrocchia in Diocesi di Bologna, e come fanno più silenziosamente tanti altri parroci e rettori.

    RispondiElimina
  9. Sacerdoti tutti anonimi.....e la CEI che dice???

    RispondiElimina
  10. Senza 8xmille che ne sarà della civiltà cattolica italiana? Mantenere chiese, oratori, centri di raccolta per poveri: tutto quello che rende grande la nostra cattolicità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè Centri per migranti e Feste dell'Unità e Feste arcobaleno per la terra e LGBT? Quello intende con "Civiltà cattolica" (ossia il pessimo giornalaccio di Spadaro)?

      Elimina
    2. Sei proprio comico! La civiltà cattolica italiana (e non solo) è stata ampiamente già distrutta dal vaticano secondo e dai suoi papaveri. Per mancanza sia di preti che di fedeli, abbiamo visto, da decenni, chiese, seminari e conventi chiusi, abbandonati o venduti per trasformarli in hotel, ristoranti, centri benessere...quando non luoghi di culto pagano! Perfino la pietà dei laici non è stata risparmiata (nonostante gli sproloqui dei modernisti sul "popolo di Dio"): soppressione o normalizzazione di confraternite, circoli, terzi ordini...tabula rasa di tutto, tanto che, in molti ambienti, perfino la recita del S. Rosario è ridicolizzata e scoraggiata. Cosa se ne fanno dell'8x1000? Si comprano un nuovo televisore o un nuovo cellulare? Non è rimasto in piedi niente dopo cinquant'anni di "nuova Pentecoste"...e non poteva essere altrimenti: voltate le spalle a Dio, Dio dà la sua Grazia a qualcun altro. Chiedetevi un po' come mai dove si celebra il rito cattolico c'è sempre folla, compresi giovani e famiglie con bambini. Chiedetevi un po' come mai dei piccoli istituti semisconosciuti ai più (quando non apertamente osteggiati) aprono sempre più chiese e seminari. Chiedetevi un po' come mai, appena si fonda un monastero o un convento con la regola ed il rito tradizionale, in pochi anni non sanno più dove mettere i postulanti...e diverse di queste realtà non percepiscono certo l'8x1000...eppure costruiscono, mentre i modernisti continuano a chiedere soldi per distruggere. Almeno abbiano la decenza di tacere! Ci consola, però, che ormai lo schifo è palese, il ramo è tagliato e bisogna solo aspettare che si secchi del tutto.

      Elimina
    3. Bisogna obbedire a quello che predica Bergoglio: una chiesa povera. Avete le chiese, avete i campanili, avete le canoniche, avete gli oratori, ma vi manca la fede. Allora, parafrasando s. Atanasio a proposito degli Ariani: è meglio avere gli edifici tirati a lucido con l'aria condizionate o la fede? Fate un po' voi.
      8x1000 agli ortodossi, sono più vicini a Cristo che i sedicenti cattolici.

      Elimina
    4. Ci sono moltissimi che ancora non si rendono conto che la dittattura della loggia massonica che si è impadronita di san Pietro e del Vaticano da 60 anni sta mostrando tutta la sua virulenza, con l'acquiescenza cosciente o incosciente di tutti i parroci. VIA UNA VOLTA PER TUTTE IL NOVUS ORDO!!!

      Elimina
    5. Bergoglio predica una chiesa povera, da bravo sinistro ipocrita, ma vedendo il traffico di esseri umani che incoraggia, direi che pensa molto al soldo...

      Elimina
  11. ma che state a di'. la nostra cattolicità? se non fosse per meluzzi che è ortodosso in televisione dai pretivendoli sento solo corbellerie. si penso proprio che la religione ortodossa sia quella che oggi è riuscita a tenere meglio conservata la propria cultura a parte l'islam. 8x1000 agli ortodossi. tanto le chiese appena possono i pretivendoli le regaleranno al miglior offerente.

    RispondiElimina
  12. Caro sacerdote, negare l'8x1000 è nostro diritto ma non si disperi. Una cospicua parte del "non destinato" andrà comunque ridistribuito e giungerà nelle casse della chiesa visibile (la Chiesa di Cristo non fa conto dell'8x1000). Invece, tutte quelle chiese-edificio (parrocchie o comunità pastorali) in cui si offende Dio per obbedire al mondo riceveranno solo offerte dai pochi rimasti. Eh sì, perché, caro sacerdote, oramai ci vediamo costretti a cercare sacerdoti veramente devoti, dediti alle anime, rispettosi della liturgia, fedeli a Cristo. Le chiese-parrocchie-comunità in cui i sacerdoti si beano di obbedire a un decreto infame si svuoteranno. I bravi sacerdoti, invece, vedranno sempre più fedeli partecipare alle sante Messe che celebrano e, di conseguenza, riceveranno anche offerte, oltre che aiuto e conforto: non saranno lasciati soli. Gli altri, i don Abbondio, si dovranno accontentare.
    Volete dare a Cesare quel che Cesare chiede? Peggio per voi. Noi daremo comunque a Dio ciò che è di Dio.

    RispondiElimina
  13. Io son sicuro che a parte una (purtroppo buona )fetta di preti che hanno perso la fede,la maggior parte del clero vive momenti molto complicati.Vengono attaccati dal governo e dai media e se si ribellano son puniti dai superiori.E' semplicistico invitarli a fare piazzate perché verrebbero messi da parte immediatamente col bel risultato che una parrocchia o una diocesi fiorente finirebbe in mano ad un mezzo eretico. Vi dico come mi comportavo io al lavoro :quando arrivava una novità cervellotica ed inapplicabile ,ogni tanto succedeva,io firmavo per presa visione e continuavo a fare come avevo sempre fatto.Tutti erano contenti e non c'erano mai contestazioni.Prima o poi questa follia passerà.

    RispondiElimina
  14. Da sempre hanno adorato e cercato il Dio denaro in tutti i modi,anche illeciti , l'importante è sempre stato ...incassare... il più possibile , sono anni che ho smesso di indicarli come beneficiari dell'obolo

    RispondiElimina
  15. In Lettera ai Romani 13 San Paolo sostiene che le autorità civili sono state messe da Dio. La CEI segue il versetto alla lettera. Io non condivido il versetto

    RispondiElimina
  16. Nella chiesa cattolica post conciliare l'errore è stato collocato sullo stesso piano della verità inducendo gli a-cristiani nelle loro credenze per indebolire i cristiani nella loro fede. Per attuare tutto questo solo volati fiumi di denari verso i membri della gerarchia cattolica : perchè la verità non fosse stata più unica a beneficio dell'antico sogno massonico della perfetta uguaglianza delle fedi umane sotto l'egida del grande architetto dell'universo ( massonico). Non l'appoggio totale della pax illuminista progressista e massonica la chiesa non soffrirà la fame e la persecuzione umana. Dovrà solo fare i conti con Dio onnipotente : «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno». (Mc, 16,15-18)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo dicono apertamente, ma atei e massoni disprezzano questi pseudo-cristiani che si sono venduti a loro per 30 denari. Ho amici atei che ridacchiano pensando agli attuali vertici cattolici, un clero bigotto e traboccante di ipocrisia. Ma si sta sottovalutando il popolo dei fedeli: la gente capisce che vogliono cambiare la dottrina, alla fine (forse già di questo pontificato) ci sarà la resa dei conti.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.