domenica 31 maggio 2020

Una lettera del Culto Divino del 2009, durante la peste suina, sulla S. Comunione in bocca

In un'analoga epidemia (2009) la Congregazione per il  Culto Divino ribadisce il n. 92 della Redemptionis Sacramentum per cui ogni fedele ha SEMPRE il diritto di ricevere la S. Comunione in bocca.

Pentecoste "Emitte Spíritum tuum, et creabúntur. Et renovábis faciem terræ"

Factus est repente de coelo 
sonus advenientis spiritus vehementis,
ubi erant sedentes, alleluia: 
et repleti sunt omnes Spiritu Sancto, loquentes magnalia Dei, alleluia alleluia. 

(Communio, in festo Pentecostes)



Giovanni Paolo II e la sua contrarietà alla S. Comunione in mano


Dalla pagina Facebook di don Alfredo Morselli: "Per coloro che dicono che S. Giovanni Paolo II non ricevette la S. Comunione in mano dall'allora Card. Joseph Ratzinger, solo per motivi di salute. Il Santo Pontefice era contrario, pur avendo ceduto in seguito a varie pressioni. Non dico nulla sul fatto che poi non si è più opposto, perché mi astengo dal formulare ipotesi su un giudizio prudenziale di un Romano Pontefice.
Ma l'animus dei santi è inequivocabile 
Sulla piazza di Notre Dame, a Parigi, San Giovanni Paolo II porge la santa comunione a madame Giscard d'Estaing e la pone in bocca mentre ella tende le mani

sabato 30 maggio 2020

Oggi è santa Giovanna d'Arco: "Bisogna combattere perchè Dio doni la vittoria"

Santa Giovanna prega per noi e per la Chiesa e aiutaci nella battaglia. "Noi combatteremo per la buona causa e, come disse S. Giovanna d'Arco, Dio concederà la vittoria" (MiL QUI e QUI l'articolo di Basta Bugie, tratto da Radici Cristiane).

Rino Cammilleri: Ma l’Inquisizione ha fatto anche cose buone? E altre storie

Dagli amici di Totus Tuus.
RINO CAMILLERI, Ma l'inquisizione ha fatto anche cose buone? Fede e Cultura 2020.
Luigi

Dalle crociate all’Inquisizione, la storia senza leggende nere

Crociate e Inquisizione cattive, Medioevo delle streghe e dei roghi, Sicilia tollerante con i musulmani?
Nel libro “Ma l’Inquisizione ha fatto anche cose buone?”, lo scrittore Rino Cammilleri smonta, con le armi della ragione e fatti storici alla mano, molti falsi miti ideati da una storiografia faziosa e fondamentalmente anticattolica.
Ecco qualche esempio.

Si può dunque rispondere affermativamente alla domanda che dà il titolo al quinto volume della raccolta “Il Kattolico”, ossia Ma l’Inquisizione ha fatto anche cose buone? (Fede e Cultura 2020, pp. 140), nel quale Rino Cammilleri – firma nota ai lettori della Nuova Bussola – smonta, con le armi della ragione e citando i fatti storici, molte credenze comuni elaborate da una storiografia faziosa e pregiudizialmente anticattolica relativamente a crociate, Inquisizione, Medioevo delle streghe e dei roghi e al mito della Sicilia tollerante con i musulmani.

Mons. Marconi: “Il mondo ha bisogno di Vangelo, più che degli eurobond o di un miracoloso vaccino! L’amore a Dio ed alla Chiesa è più forte del tuo orgoglio e della tua superbia intellettuale”

Omelia di Mons. Nazzareno Marconi, Vescovo di Macerata-Tolentino- Recanati- Cingoli- Treia, alla S. Messa Crismale  celebrata questa mattina nella grande chiesa Abbaziale cistercense di Santa Maria Annunziata di Fiastra, che dal 2016 funge da cattedrale essendo il duomo maceratese chiuso a causa dei gravi danni provocati dal terremoto. 
Il Vescovo, dedito completamente ai suoi figli di adozione, sul modello pastorale di San Carlo Borromeo, è ricambiato con sincero affetto dai suoi Sacerdoti e dal popolo tutto duramente provato dal terremoto ed ora dalla pandemia del coronavirus. 
AC  

Omelia di Mons.Nazzareno Marconi 
della Santa Messa Crismale 
sabato 30 maggio 2020 
Abbazia di Santa Maria Annunziata di Chiaravalle di Fiastra  

La Messa "Covid-free": tra guanti, divieti di inginocchiarsi e altre pazzie

Un interessante articolo sulle ultime pazzie liturgiche in tempo di coronavirus.
Su una proposta prudente e assennata sulla distribuzione della S. Comunione vedere Julio Loredo su MiL QUI (e QUI per un articolo storico sul medesimo argomento).
Luigi

29-05-2020, La Nuova Bussola Quotidiana,  Luisella Scrosati

In molte chiese sono stati tolti gli inginocchiatoi e i fedeli non possono ricevere la Comunione in bocca. Ma l’Ordinamento Generale del Messale Romano chiede di inginocchiarsi «alla consacrazione a meno che lo impediscano lo stato di salute e...». Perciò è chi sta in piedi che deve spostarsi. Sulla Comunione il presidente nazionale dei Medici Cattolici ha detto che quella «in mano è igienicamente meno sicura». Questi gli abusi non chiesti dal protocollo e contrari al Diritto Canonico.

Tosatti su Enzo Bianchi e Bose

Alcuni considerazioni di Tosatti sulle ultime vicende dell'allontanamento di Enzo Bianchi (su MiL QUI).
QUI il comunicato dell'Osservatore Romano e QUI un commento di Magister con il riassunto di un comunicato di fra Enzo Bianchi (di cui non si ha però il testo completo).
Luigi

[...]

Così è, più o meno, formulata la spiegazione di Melloni, nell’articolo citato, sulla cacciata di Enzo Bianchi da Bose. Dove naturalmente i veri colpevoli sono i biechi servizi segreti dei catto-tradizionalisti (lui li chiama “integristi”) che son riusciti a generare persino un peggioramento degli umori gastrici di Eugenio Scalfari dopo la cacciata del suo amichetto da Bose.
Stavolta il Melloni però, nell’intento di formulare un Covid–Vaticano, è andato oltre se stesso.

venerdì 29 maggio 2020

Pellegrinaggio di Chartres, i testi in italiano per partecipare



Facendo seguito al nostro post di quale giorno fa QUI, ecco il link ricevuto dagli amici dell'organizzazione Notre-Dame de Chretiente con tutti i testi IN ITALIANO per la meditazione, l'approfondimento e per seguire il pellegrinaggio "da casa".

Ricordiamo ai nostri lettori l'appello ad iscriversi numerosi!

QUI le modalità.

AZ

Dalla mail della Curia della diocesi di Bologna inviati moduli per partecipare alla veglia "antiomofobia"

 


Incredibile: dalla mail ufficiale (presa dai contatti dell' "Ufficio Pastorale per la Famiglia", si veda sotto) della Curia di Bologna sono state inviate le istruzioni ed il modulo di partecipazione per la veglia (28.5.2020 vedi locandina sotto) per il superamento dell'omofobia, organizzata dalla Parrocchia di San Bartolomo alla Beverara di Bologna (che già dal 2015 non è nuova a questo tipo di iniziative qui).

Al di là delle solite assurde motivazioni 'politicamente corrette' per queste veglie religiose (il parroco, tra le altre, dice: "gli omossessuali sono ancora troppo discriminati" -??-) e delle

Le tre profondità della Rivoluzione: tendenze, idee, fatti nella battaglia in corso sulla S. Comunione sulla mano

Nel magistrale saggio di PLINIO CORREA DE OLIVEIRA Rivoluzione e Controrivoluzione,  Torino, Dell'Albero 1963 (I ed) vi è un interessante capitoletto sulle "tre profondità della rivoluzione".
Applicatelo alla battaglia in atto sulla Comunione sulla mano e sul divieto di inginocchiarsi in chiesa e capiremo molte cose  della guerra in atto.
Consigliamo anche ai nostri lettori di approfondire le modalità della Finestra di Overton dell'omonimo sociologo.
Luigi

Plinio Corrêa de Oliveira
Capitolo V


1. La Rivoluzione nelle tendenze
Come abbiamo visto, la Rivoluzione è un processo fatto di tappe e ha la sua origine prima in determinate tendenze disordinate che ne costituiscono l’anima e la forza di propulsione più

I Sacramenti dimenticati dalla CEI: lo Spirito Santo un optional?

Rileggendo attentamente il protocollo del 7 maggio 2020, per mezzo del quale la C.E.I. ed il ministero dell'Interno hanno permesso nuovamente la celebrazione delle S. Messe col popolo, abbiamo notato alcune stranezze che certamente non possono essere imputate (almeno del tutto) al governo. Nel protocollo sono regolamentate le modalità di amministrazione di 5 Sacramenti su 7. 
Al n. 3.10 viene esplicitamente detto che il Sacramento della S. Cresima è rinviato, senza indicare nessun orizzonte temporale per la celebrazione; del Sacramento dell'Ordine Sacro poi non è fatta, nel protocollo, alcuna menzione. 
Questi fatti, appaiono, a chi scrive e non solo, gravissimi. 

giovedì 28 maggio 2020

La nuova edizione del Messale Novus Ordo: ci mancava solo il Confiteor femminista

Alcuni approfondimenti sulla  nuova edizione in italiano del Messale novus ordo.
Ci mancava solo in Confiteor femminista.
Luigi

Benedetta Frigerio, 27-05-2020

La modifiche errate del "Padre Nostro" e quella del "Confiteor" in senso femminista ma che dimentica la realtà dell'unità della creazione. I miglioramenti nella Preghiera Eucaristica e nella formula precedente la Comunione e le altre modifiche. Complessivamente nel nuovo Messale italiano si nota una duplice tensione: la lodevole volontà di essere più fedeli al testo latino e quella errata di fare aggiunte attente alla facilità della recezione senza custodire la ricchezza dell’espressione liturgica.

Comunione sulla mano: alcune considerazioni

Alcune considerazioni dottrinali e normative del 2013 ma ancora attuale.
La Comunione in mano è un "permesso", non la regola.
Luigi

Pubblicato 19 Gennaio 2013 | 
di P. Francesco M. Budani FI 
(pubblicato su Riscossa Cristiana)

Il 25 marzo 2004 la Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha promulgato l’istruzione Redemptionis Sacramentum, riguardo alcune cose che si devono osservare ed evitare circa la Santissima Eucaristia.
Il suo alto valore normativo risulta con una certa evidenza dal tono globale ed è esplicitato dalle parole conclusive:

"Questa Istruzione, redatta, per disposizione del Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti d’intesa con la Congregazione per la Dottrina della Fede, è stata approvata dallo stesso Pontefice il 19 marzo 2004, nella solennità di san Giuseppe, il quale ne ha disposto la pubblicazione e l’immediata osservanza da parte di tutti coloro a cui spetta".

Premura del beato Giovanni Paolo II che ne dispose la redazione, era evidentemente di

Aldo Maria Valli: libro su Abu Dhabi e presentazione giovedì 28 maggio ore 21

Una lettura (con interventi di don Morselli e don Bux) e una visione per stasera, di interesse per i nostri lettori.
Luigi

Aldo Maria Valli
Non avrai altro Dio
Riflettendo sulla dichiarazione di Abu Dhabi

La dichiarazione sulla Fratellanza umana per la pace umana e la convivenza comune, sottoscritta nel 2019 da papa Francesco e dal grande imam Al-Azhar Ahmad Al Tayyeb ad Abu Dhabi, ha rappresentato uno snodo importante nel pontificato di papa Bergoglio ed è stata fonte di grandi apprezzamenti da un lato ma anche di numerose critiche e perplessità. In questo piccolo libro di Aldo Maria Valli,con interventi di acuti osservatori come don Ncola Bux e don Alfredo Maria Morselli, si ragiona su queste

Tabernacolo, conopeo,tovaglie e candele: vittime della folle dittatura igienista e delle norme "ecclesicide"

Abbiamo  potuto constatare de visu gli effetti che l'imposizione della follia ansiogena ha avuto in una parrocchia di  un tranquillo paesino (  purtroppo i fedeli di quella comunità non sono  gli unici ad essere colpiti dalle norme "ecclesicide" ).
Pochi giorni prima di quel fatidico 18 maggio i paesani hanno visto  arrivare all'interno della loro chiesa parrocchiale due esperti "igienisti".

mercoledì 27 maggio 2020

Al via il XXXVIII "Pellegrinaggio di Chartres", spiritualmente e virtualmente


Prenderà al via sabato prossimo 30 maggio 2020 la XXXVIII edizione del glorioso Pellegrinaggio di Pentecoste, da Notre-Dame di Parigi (ora Saint-Sulpice) a Notre-Dame di Chartres, quest'anno previsto da sabato 30 maggio a lunedì 1 giugno 2020.

Noi di MiL ne abbiamo già parlato QUI1 e QUI2.

Per chi non lo avesse ancora fatto, l'accorato appello di cui ci facciamo volentieri promotori è quello di iscriversi tutti, numerosissimi!

Poichè che non sarà possibile "camminare" materialmente, la nostra iscrizione fungerà per lo meno da supporto spirituale e simbolico: in tal modo faremo sentire ancora una volta la vitalità della devozione a Notre-Dame, la forza del pellegrinaggio, l'attualità della Tradizione.

L'iscrizione è gratuita (9€ se si vuole ricevere a casa il carnet del pellegrino), QUI le semplici modalità per aderire. 

(Ricordiamo che gli italiani fanno parte della "Région: Etrangers" e il capitolo italiano si chiama "Chapitre: Immaculata Coredemptrix")

Ma come si svolgerà quest'anno il pellegrinaggio?


Il Rosario di riparazione di Trieste: la cronaca e qualche immagine


Come avevamo anticipato qui, lo scorso 23 maggio si è tenuta a Trieste, nella centralissima, Piazza Sant'Antonio Nuovo, davanti al solenne pronao della chiesa di S. Antonio Taumaturgo, la recita del Santo Rosario in riparazione del Protocollo sottoscritto dal Governo e dalla CEI per la ripresa delle celebrazioni della S. Messa con concorso di popolo.


L'iniziativa, promossa dal Comitato "Beato Francesco Bonifacio" per la difesa della SS. Eucarestia, con la partecipazione del Movimento cattolico per la famiglia e la vita e di altri gruppi mariani, è stata la prima manifestazione, in Italia, con la quale i fedeli hanno fatto sentire la propria voce per riparare alle inevitabili profanazioni determinate dall'applicazione delle regole imposte per la distribuzione della Santa Comunione in questo periodo di emergenza sanitaria. In particolare, i fedeli hanno voluto sottolineare che l'uso del guanto sia da parte del Sacerdote, sia dei fedeli che ricevano la Particola sul palmo della mano, solleva drammatici interrogativi circa la purificazione degli stessi e la certa probabilità che frammenti Eucaristici siano destinati alla dispersione, o, addirittura, allo smaltimento tra i rifiuti. La sola possibilità che ciò possa avvenire dovrebbe immediatamente condurre i pastori ad opporsi ad una tale prassi.

Costanza Miriano. "Di covid, di morte, di peccato originale e di vita eterna"

Alcune interessanti riflessioni di Costanza Miriano su coronavirus e comportamenti ecclesiastici.
Speriamo che quella parte di gerarchia traditrice e infingarda vi si riconosca e si converta.
I "neretti" sono nostri.
Luigi


Come si è posta la Chiesa davanti a questa emergenza?
Cosa ha detto al cuore dell’uomo questo momento in cui tutti abbiamo modificato il nostro stile di vita per evitare il rischio di morire? Quale modo ci ha consegnato di stare davanti alla morte?

La Diocesi di Bergamo invita ad «evvitare» i prodotti usa e getta: dalla pastorale senza dottrina alla pastorale senza ortografia


Viene in mente il celebre racconto guareschiano, uno dei primi apparsi su Candido, in cui i Rossi, vinte le elezioni comunali, chiedono alla signora Cristina un po’ di ripasso scolastico: «Ci riguarda le relazioni che dovremo leggere, ci spiega le parole che non riusciamo a capire. Noi sappiamo quello che vogliamo e non ci sarebbe bisogno di tante poesie, ma con quelle due carogne [i due consiglieri dell’opposizione, N.d.R.] bisogna parlare in punta di forchetta o ci faranno passare per stupidi davanti al popolo».

Il pomeriggio di sabato 23 maggio è stato collocato questo cartello all’ingresso della Cattedrale di Sant’Alessandro martire a Bergamo, predisposto – come recita la didascalia in basso – dall’Ufficio diocesano per la Pastorale sociale e del lavoro, curato dall’Accademia di grafica del Patronato San Vincenzo (di cui ci siamo occupati qualche giorno fa a proposito del rito vudù QUI) e pronto ad accogliere i fedeli in occasione della ripresa delle Sante Messe cum populo.

martedì 26 maggio 2020

Breaking news: Enzo Bianchi allontanato da Bose

La rivoluzione mangia i suoi figli...
Da tempo MiL aveva notizie di rumores in tal senso e di probabile allontanamento del fondatore.
QUI alcuni vecchi post di MiL sul Priore di Bose, tra cui una vecchia lettera che ci scrisse nel 2012.
Tra i ricordi di chi scrive ce n'è uno che testimonia il "carattere" di Enzo Bianchi: alcuni anni fa tentò di far chiudere un piccolo monastero perchè, a suo dire, i monaci erano gli autori di un libro in cui lui era citato negativamente. Per fortuna il vescovo resistette alle pressioni.
QUI e sotto il Comunicato ufficiale di Bose: "Poiché, tuttavia, a partire dalla notifica del decreto, l’annunciato rifiuto dei provvedimenti da parte di alcuni destinatari ha determinato una situazione di confusione e disagio ulteriori, si ritiene necessario precisare che i provvedimenti di cui sopra riguardano Fr. Enzo Bianchi, Fr. Goffredo Boselli, Fr. Lino Breda e Sr. Antonella Casiraghi, i quali dovranno separarsi dalla Comunità Monastica di Bose e trasferirsi in altro luogo, decadendo da tutti gli incarichi attualmente detenuti"
Luigi
Aggiornamento mercoledì 27 maggio ore 10.10: da circa un'ora il sito di Bose è diventato inaccessibile.Temiamo stiano volando gli stracci...

Un miracolo di San Filippo Neri "l'apostolo di Roma"

Oggi è la festa di una dei più grandi Santi della Chiesa Cattolica: San Filippo Neri fondatore della Congregazione dell'Oratorio che di tanto aiuto fu ed è nei nostri giorni alla Chiesa nell'educazione della gioventù. Filippo, semplice ed umile, rifuggì sempre gli onori e dignità ecclesiastiche, più volte offertegli. 
E Dio lo favorì col dono della profezia, dei miracoli e con frequenti visioni. 
Un  dipinto (v.immagine a destra) di Artista sconosciuto, raffigura il miracolo della guarigione della mano

Catto-gay connection: come la lobby gay ecclesiastica sta cercando di promuovere l'omossesualità

Vogliono far passare per "normale" una prassi peccaminosa.
Ripetiamo: piena e caritatevole accoglienza verso tutti, se dopo accurato discernimento sono consapevoli del proprio  sbaglio, pentiti del peccato e casti nei propositi, nel rispetto e nell'accoglimento filiale del Catechismo. Come per qualsiasi peccatore.
Nessuna tolleranza invece verso chi cerca di "normalizzare" un comportamento disordinato e di stravolgere la dottrina sul peccato contro natura dei sodomiti, uno dei quattro peccati "che gridano (vendetta) verso il cielo" (o come erano chiamati prima del 1983 "che gridano vendetta al cospetto di Dio) per il quale il Signore distrusse con fuoco e zolfo le città di Sodoma e di Gomorra (checchè ne dica Mons. Galantino): 

24 "Igitur Dominus pluit super Sodomam et Gomorram sulphur et ignem a Domino de caelo (25) et subvertit civitates has et omnem circa regionem, universos habitatores urbium et cuncta terrae virentia." Genesi, 19, 24-25)
Roberto


di Riccardo Cascioli, La Nuova Bussola Quotidiana 25.5.2020

Avvenire, il cardinale Zuppi, l'editrice San Paolo: tutti insieme per lanciare una nuova offensiva per la legittimazione dell'omosessualità nella Chiesa. Un libro, con la benedizione dell'arcivescovo di Bologna, che raccoglie le voci di teologi, psicologi, che spingono tutti dalla stessa parte. Con la scusa dell'accoglienza delle persone si cancella la differenza tra orientamento sessuale e atti omosessuali, spingendosi fino ad aprire a un qualche riconoscimento delle unioni gay. Ratzinger aveva avvertito già 34 anni fa: nella Chiesa una lobby gay vuole sovvertire l'insegnamento sulla sessualità. 




La Lettera di Paix Liturgique: "SONDAGGIO ROMANO SULLA MESSA TRADIZIONALE"

La nuova Lettera di Paix Liturgique.
Ci permettiamo di essere un po' meno ottimisti dei nostri amici: vedere alcuni retroscena sul Questionario QUI.
Vedremo e preghiamo.
Luigi

Lettera 118 del 22 Maggio 2020

SONDAGGIO ROMANO SULLA MESSA TRADIZIONALE

Molto rumore

La Congregazione per la Dottrina della Fede, cui ormai fa direttamente capo il Motu Proprio Summorum Pontificum ed una sezione che svolge ora i compiti prima di competenza della Commissione Ecclesia Dei, ha inviato a tutti i presidenti delle Conferenze episcopali del mondo una lettera datata 7 marzo 2020, firmata dal cardinal Ladaria, Prefetto della Congregazione (e già presidente della Commissione Ecclesia Dei, in virtù della ristrutturazione voluta da Benedetto XVI), da trasmettere a tutti i Vescovi del mondo. Cui viene chiesto di rispondere ad un sondaggio in 9 domande circa l’applicazione del Motu Proprio Summorum Pontificum nelle loro Diocesi. La CEF-Conferenza Episcopale Francese lo ha comunicato ai Vescovi lo scorso 30 aprile 2020.

Pinzette eucaristiche: la soluzione per la S. Comunione in tempo di coronavirus?


Un'interessante  proposta mandataci dall'amico Julio Loredo della TFP italiana sull'esperienza milanese.
Continueremo a offrire possibili soluzioni - nella battaglia in corso dei modernisti contro la S. Comunione in bocca e in ginocchio - ai nostri lettori, sacerdoti e laici.
Luigi


Pinzette eucaristiche: la soluzione perfetta per la Comunione in tempo di pandemia 
di Julio Loredo 


Ieri, domenica 24 maggio, sono finalmente riprese a Milano le Sante Messe in rito ambrosiano antico, nella bellissima chiesa di Santa Maria della Consolazione, di fronte al Castello Sforzesco. Per la durata dell’emergenza sanitaria saranno celebrate due Messe, anziché una, per permettere la partecipazione di tutti i fedeli tenendo conto delle norme sanitarie che impongono, tra l’altro, la cosiddetta distanza sociale. Ho scelto di andare a quella delle 8,30AM. Ci saranno

lunedì 25 maggio 2020

Nell’anno della “Laudato si’” è festa per tutti, tranne che per “mi’ Signore”

Poveri noi e povero "mi' Signore".
Anche  chi scrive deve fare un grande mea culpa sull'aver sottovalutato la pericolosità di certi argomenti: all'uscita dell'Enciclica, durante un pranzo romano con alcuni importanti e colti sacerdoti, fummo tutti d'accordo nel dire, più o meno - "per fortuna che scrive di clima, se si limita a questo....".
Avevamo sbagliato completamente: il tema dell'ambiente e le, salva reverentia, stupidaggini ivi contenute in certi documenti sono purtroppo parte integrante dell'attacco alla retta dottrina che da tempo è in atto.
Luigi

Settimo Cielo, 25-5-20

In questi tempi di carestia mondiale, da coloro che in Vaticano tengono i cordoni della borsa – il gesuita Juan Antonio Guerrero Alves e il cardinale Reinhard Marx, prefetti l’uno della segreteria per l’economia e l’altro del consiglio per l’economia – sono venuti inviti pressanti ai capi di curia ad essere “sobri” e a “tagliare le spese di convegni, trasferte all’estero, consulenze esterne”.

Terrorismo e sciacallaggio informatico contro la Chiesa Cattolica

Sabato scorso,  vigilia della delicatissima ripresa in Italia delle S.Messe festive "cum populo" il quotidiano IL MESSAGGERO ha pubblicato  un articolo, non firmato, a dir poco vergognoso recante il titolo: "Contagio di massa in chiesa a Francoforte sul Meno: i positivi dopo la messa salgono a 107" con due  foto che si riferiscono invece a una liturgia all'interno di una chiesa cattolica.
In realtà la notizia  si riferiva ad un rito che si era svolto in un tempio battista nel quale, notoriamente, non si celebra nessuna Messa. 
Oltretutto chi garantisce, in modo scientificamente inequivocabile, che il contagio "di massa" è avvenuto durante quella funzione nella chiesa battista?
Come si fa a stabilire il nesso tra andare ad una funzione religiosa e contagio?

Lourdes: S. Comunione anche in bocca e senza guanti. Viva!

Piccole buone notizie: grotta di Lourdes, il 22 maggio scorso, S. Comunione fatta in maniera decorosa, pur rispettosa delle precauzioni mediche.

Sacrilegi e dispersioni: rischi nella "nuova" Comunione


"Copiamo" un bell'articolo dell'amico Zambrano sui rischi delle grottresche pratiche della nuova distribuzione della S. Comunione.
Ripetiamo che la medicina e l'igiene non c'entrano nulla: questa è una battaglia intraecclesiale  dei modernisti per la Comunione in mano, l'abolizione dei banchi, il divieto di inginocchiarsi (forse il virus è più pericoloso su quelli in ginocchio?), etc.
E ci stupiamo che anche una parte del mondo conservatore cattolico non capisca la posta in gioco.

domenica 24 maggio 2020

Ormai solo Messe con prenotazione elettronica: il Grande Fratello per l'Eucarestia?

Stiamo preparando alcuni post per descrivere la pazzia che sta montando in questi giorni sulla vicenda della riapertura delle Messe, tra guanti di gomma, divieti di inginocchiamento, S. Comunione in mano e altre pazzie. 
O peggio parroci che ci dicono che loro le Messe non le celebrano e se i fedeli proprio vogliono, possono farsi recapitare a casa il Corpo di Nostro Signore in una scatola per una comoda autocomunione (QUI MiL oggi)

Newsletter Fatima Oggi 21 maggio 2020


Buoni approfondimenti dottrinali e di attualità ecclesiale da parte degli amici della TFP italiana.
Luigi

Newsletter Fatima Oggi 21 maggio 2020

Da quando Marx ed Engels lanciarono il loro “Proletari del mondo, unitevi!” nel Manifesto Comunista, i promotori dell’internazionalizzazione della lotta di classe hanno fatto diversi tentativi per creare una grande e unica rete di sovversione mondiale. Per essi, le nazioni non esistono; esistono solo due classi in conflitto: la borghesia e il proletariato, entrambi globali.

In diverse dichiarazioni recenti, Papa Francesco ha dato a intendere che l’attuale pandemia di coronavirus è una vendetta della natura. Il Papa vuole il “sacro rispetto per la terra”, che “non è soltanto casa nostra, ma anche casa di Dio”. Queste dichiarazioni reggono a una verifica?

Sesso, donne, potere. Le tre sfide modernistiche che la Germania lancia alla Chiesa

Magister e i disastri che si stanno preparando in Germania. Una perla tra le tante in proposta in Germania: “Anche gli atti omosessuali realizzano valori di significato positivi se sono espressione di amicizia, affidabilità, fedeltà e sostegno di vita”.
Mala tempora currunt, con la complicità della gerarchia ecclesiastica.
Luigi

Settimo Cielo, 6-5-20

La pandemia del coronavirus ha fatto sparire dalle cronache il “cammino sinodale” della Chiesa di Germania. Ma questo intanto va avanti. E su di esso non solo la Chiesa tedesca, ma la Chiesa cattolica universale gioca il suo futuro:


Il sinodo ha tenuto la sua prima sessione a Francoforte, dal 30 gennaio al 1 febbraio. E la messa inaugurale, officiata dal cardinale di Monaco Reinhard Marx, ne ha fornito il ritratto, con vescovi, sacerdoti e laici, uomini e donne, mescolati nella navata, disposti in ordine alfabetico, esattamente come nell’assemblea sinodale dove ciascuno dei 230 delegati vota alla pari degli altri e i vescovi sono minoranza.

No Messa e autocomunione formato picnic a Novellara (RE): vergogna!

Ci informano che a Novellara (RE), diocesi di Reggio Emilia - Guastalla, il parroco don Giordano Goccini, già tristemente noto alle cronache (vd qui e SOPRATTUTTO qui e noto teologo), ha pubblicato, il 16 maggio 2020, sul sito della parrocchia (novellara.net) un comunicato (qui) che riportiamo sotto per intero, col quale informa i fedeli che le Ss. Messe con la presenza del popolo, nonostante il protocollo ministeriale del 7 maggio 2020, non riprenderanno. Al posto della S. Messa, invece, aveva proposto la S. Comunione d'asporto (qui), idea quest'ultima bloccata dal Vescovo di Reggio Emilia - Guastalla, Mons. Massimo Camisasca, il 23 maggio 2020.
Ci chiediamo perché, nonostante il via libera del 7 maggio e la possibilità offerta dalle tante chiese presenti a Novellara (qui), il parroco si ostini a non celebrare la S. Messa col popolo. 

sabato 23 maggio 2020

Don Brice Meissonnier FSSP nuovo parroco a SS. Trinità dei Pellegrini a Roma



Don Brice Meissonnier FSSP - 51 anni, in passato a Venezia, da 12 anni a Lione - diventa nuovo parroco della Trinità dei Pellegrini a Roma, sostituendo don Jean-Cyrille Sow FSSP, che a sua volta andrà a Lione.


Forum Catholique QUI.

Benvenuto!
Luigi

L'uomo e la sua metà

di Enrico Salvi


Perché nel parlare comune, quando si incontra uomo o una donna da soli e che sappiamo sposati o fidanzati chiediamo scherzosamente: “Dov’è la tua dolce metà?”. La spiegazione è nella parola ebraica zelah che significa “metà” (o anche “lato”), quindi la traduzione con “costola” di cui nel Libro della Genesi al capitolo 2, almeno a prima vista, può sembrare inadeguata. 

«Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio plasmò, con la costola che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo».

La chiesa di S. Maria in Fiore a Firenze: Trump, Dante e Brunelleschi

Un bell'articolo di Antonio Socci.
La Bellezza salverà il mondo.
Luigi


26 Apr 2020 

Era stato Donald Trump (nientemeno), a Davos, nel gennaio scorso, a esaltare messer Filippo Brunelleschi, indicandolo come simbolo del genio italiano e – probabilmente – ignorava che proprio quest’anno si celebrano i 600 anni del suo capolavoro: la Cupola di Santa Maria del Fiore.
Fra i tanti interventi e le tante celebrazioni che in questi giorni illustrano il miracolo architettonico del Brunelleschi, si può dire che le cose dette da Trump restano le più

Problemi della Curia romana: sempre peggio purtroppo. Rumores da Roma

In questo tempo di quarantena da coronavirus vi abbiamo tenuti, il più possibile, aggiornati sulla situazione della Chiesa. Ultimamente ci sono giunte, da fonti altissime, alcune spiacevoli novità. 
  1. Abbiamo avuto conferma che la tragica decisione di chiudere le chiese di Roma (il 12 marzo 2020) sia stata presa dal Card. Vicario De Donatis su decisione espressa del Santo Padre Francesco. Decisione, come ben noto, che suscitò accese polemiche (vedere QUI, QUI e QUI) e che venne revocata il giorno successivo. Questo sgradevole episodio ha lasciato strascichi in Curia Romana, ci dicono infatti che i rapporti tra il Card. Vicario (lasciato come si suol dire, "col cerino in mano") ed il Santo Padre non siano dei migliori, anzi, pare si parlino appena. 

venerdì 22 maggio 2020

Calendario ripresa S. Messe a Bergamo

Dagli amici di Bergamo.
Luigi


Carissimi amici in Cristo,
con grande gioia vi comunico che venerdì 22 maggio riprenderanno le Sante Messe con concorso di popolo

Volantino contro la Comunione in bocca? Il volantino/replica del blog "Ecclesia Dei"


Abbiamo già dato notizia riportando il testo(commentato di don Nicola Bux), del messaggo  che sta girando da qualche giorno nelle chiese dal titolo "la comunione [minuscolo! n.d.r.] in bocca, è un'abitudine che potremmo abbandonare" con lo scopo di spiegare e sostenere la fondatezza della pratica di ricevere la S. Comunione in mano. 

Chiariamo nuovamente che quella di riceverla in bocca non è un'abitudine ma il modo ordinario di farlo, secondo la legge della Chiesa. E che riceverla in mano è una concessione in deroga alla legge, recepita da alcune conferenze episcopali nazionali, a fronte di un indulto particolare della S. Sede. 

In secondo luogo, entrambi i modi devono potere essere lasciati alla libertà del fedele, anche se la nostra sensibilità (in linea con la secolare dottrina e pratica della Chiesa) predilige ovviamente quella in bocca. 


A tal proposito quindi proponiamo la replica documentata e puntuale degli amici del blog

In Diocesi di Bologna il parroco don Alfredo Morselli darà la S. Comunione in bocca



Finalmente un parroco coraggioso: l'amico Don Alfredo Morselli a San Benedetto del Querceto in Diocesi di Bologna.
Come rispettare natura e grazia nel distribuire la SS. Eucarestia.
Preghiamo Maria Santissima che tanti altri sacerdoti lo seguano e anche molti Vescovi capiscano il grave danno ai fedeli nell'imporre una pratica che non aiuta neppure il rischio di contagio, anzi (QUI).
E speriamo che il buon senso trionfi.
A seguire sotto il testo completo dell'avviso parrocchiale pubblicato anche anche QUI sulla pagina Facebook (395 like, più di 193 commenti e 159 condivisioni in poche ore) del sacerdote: "Dopo lunga e sofferta ponderazione e preghiera, ho affisso il seguente avviso sacro"
Luigi





Arcidiocesi di Bologna - Parrocchia di San Benedetto del Querceto

AVVISO SACRO


Si avvisano i fedeli che assistono alle S. Messe in questa chiesa che, fatte salve tutte le disposizioni delle leggi civili che richiedono l’uso di mascherina, la adeguata distanza, il numero massimo dei fedeli, la massima cura per evitare il contagio, etc. e anche di più di quanto previsto


LA S.COMUNIONE SARÀ RICEVUTA DIRETTAMENTE IN BOCCA

PER LE MANI DEL SACERDOTE, SENZA GUANTI

LE MANI DEL SACERDOTE SARANNO ACCURATAMENTE LAVATE E DISINFETTATE AD OGNI S. COMUNIONE

SI PRESTERÀ LA MASSIMA CURA PERCHÉ NON VENGANO TOCCATE DALLE MANI DEL SACERDOTE LE LABBRA DI FEDELI


Chi non volesse ricevere la S. Comunione in detto modo, ma la volesse ricevere in mano, la riceverà su una garza sterile, che verrà immediatamente ritirata e adeguatamente purificata

8x1000 contestato: "Non ve la prendete con noi poveri preti ma con il governo e con i politici che hanno imposto tutto"

Il post "Niente comunione in bocca? Niente 8 x mille alla CEI!"  ha avuto, come prevedibile, grande attenzione anche tra il Clero. QUI
A tal proposito   un Sacerdote ci ha scritto: "Chi attacca la Chiesa  usando come minaccia l'8xmille vuol dire che non si vuole bene alla Chiesa: volete bene ai noi preti? Mi dispiace notare come ogni problema nella Chiesa sia associato con l'8xmille. È vergognoso pensare che la Comunione sulla mano o in bocca possa essere risolto con l'8xmille: siete proprio sicuri che tutti i Vescovi o tutti i Sacerdoti sono d'accordo con certe disposizioni chieste dal Governo alla Cei?