giovedì 2 aprile 2020

Puó un decreto del Culto Divino dire qualcosa sulla durata della pandemia?


Missa in angustia pestilentiae: la Congregazione per il Culto Divino con decreto del 30 marzo 2020 a firma del Prefetto card. Sarah rispondendo a molti quaesita, rende noto che il Santo Padre (gli piacerà questo titolo?) concede la facoltà ai sacerdoti di celebrare questa particolare messa votiva tutti i giorni eccezion fatta (tra le altre) nelle domeniche di Avvento... 
Non è che il Primo Ministro Conte, durante la visita al Papa (sempre del 30 marzo), gli ha detto alcune cose che a noi non possono dire? 
Speriamo di sbagliarci e preghiamo!  
(Si ringrazia l’amico sacerdote che ci ha passato e commentato questa notizia). 
R

5 commenti:

  1. Han fatto semplicemente copia e incolla dalla istitutio generalis tutto qui. Nessun retro pensiero

    RispondiElimina
  2. In tutte le domeniche del tempo ordinario; sono esclusi i periodi forti: avvento quaresima e pasqua. Il decreto vale tutto l'anno, perché non dovrebbe considerare l'avvento? Nun ci avete proprio gnente da ffà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continui a venire qui e a prendere sberle, non ti sei stancato di essere preso in giro da tutti? (A me diverti, sia chiaro).

      Elimina
  3. ROCCA IMPERIALE (COSENZA) – Multa di 400 euro per don Domenico Cirigliano, 76 anni, parroco di Rocca Imperiale. La denuncia dei carabinieri dopo che è sceso in strada in processione solitaria. Non era autorizzato dalle autorità.
    A questo punto siamo arrivati?

    RispondiElimina
  4. Niente di strano! Il coronavirus resisterà in giro per un bel po'! E li hanno solo fatto un copia incolla dall'ogmr!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.