Post in evidenza

Un parroco in Diocesi di Fidenza coraggioso sulla S. Comunione in bocca

L'arciprete di Castelvetro e Croce S. Spirito (PC), in Diocesi di Fidenza ma alle porte di Cremona, spiega perchè darà la S. Comu...

venerdì 6 marzo 2020

La minacciosa onda islamica che il Sultano-Presidente Turco Erdogan sta riversando sull'Europa infiacchita dal coronavirus

"Slanciare il cane al leon morente è vile" (Rigoletto, atto primo) 
Il Sultano-presidente Erdogan sta facendo invadere l'Euopa infiacchita dal coronavirus con le  difese immunitarie  delle "radici cristiane" al minimo. L'autodifesa è un diritto naturale: il continente europeo, abbaondato dall'attuale Gerarchia cattolica, ha il proprio futuro religioso, culturale ed economico  quanto mai incerto. Come potrà    l'Europa, senza la guida spirituale della Chiesa Cattolica che suscitò eroici difensori dei sacri spazi cristiani come il Beato Marco d'Aviano, resistere all'Islam che si sta imponendo prepotentemente dentro i confini europei?
"Il buonismo illuminista non paga, non ha mai pagato, né mai pagherà, perché in quanto bontà/ideologica cioè applicata a prescindere dal reale, è falso. E' segno di una pretesa superiorità intellettuale che usa la finzione come deterrente per gli altri considerati incapaci di distinguere il falso dal vero, l'ipocrita dall'onesto." (cit.QUI)

Maria Auxilium Christianorum, ora pro nobis!  
AC

In Europa stanno per arrivare oltre 100 mila profughi dalla Turchia 
- Min. Esteri Ungheria 

Dopo le recenti dichiarazioni del presidente Erdogan, il ministro degli Esteri ungherese ha
lanciato l'allarme circa le migliaia di migranti che potrebbero fare il loro ingresso in Europa. 

Oltre 100.000 profughi siriani potrebbero oltrepassare la frontiera turca per dirigersi all'interno dei confini dell'Unione europa.

A lanciare l'allarme è il Ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó, il quale, durante la sua visita a Belgrado, ha assicurato che il governo di Budapest farà di tutto per difendere i propri confini: "Nelle prossime settimane ci aspettiamo un afflusso di circa 100mila migranti. Al vostro ministro (il ministro degli Esteri serbo, ndr) ho detto che difenderemo i nostri confini, a dispetto di ogni pressione, perché è un dovere dello Stato. La sicurezza dei confini e della nostra popolazione devono essere al primo posto", ha spiegato Szijjártó. 

Nei giorni scorsi il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha dichiarato che il suo paese non chiuderà i confini con l'UE ai rifugiati siriani in fuga verso l'Europa. 
Il presidente turco Tayyip Erdogan ha poi aggiunto che sono milioni i rifugiati che si sposteranno verso i confini del suo paese con l'UE nel prossimo futuro. 

Dopo l'aggravarsi della situazione ad Idlib, la Turchia ha dichiarato che non sarebbe più stata in grado di frenare i flussi di migranti e rifugiati e ha aperto i suoi confini con l'UE, dopo di che migliaia di migranti hanno attraversato le frontiere.

Per tre giorni, le autorità greche hanno impedito circa 20 mila tentativi di violare il confine, dove si trovano centinaia di agenti di polizia e unità dell'esercito greco. 

Fonte: Sputniknews QUI

Leggere anche :  

Chiesa e post Concilio QUI 

La Nuova Bussola Quotidiana QUI 

11 commenti:

  1. Visto che non riesco a fare il commento sull articolo relativo alla Santa messa a Venezia, vorrei precisare che nel Veneto i sacerdoti della Fsspx celebrano regolarmente, eccetto a Verona dove non avendo chiesa propria non possono celebrare.oltretutto per dare la possibilità a tutti e rispettare la legge del metro di distanza, viene celebrata una messa in più.ovviamente questo avviene in quanto è palesemente assurdo chiudere le chiese e lasciare aperti i bar , cinema , ecc...la Fsspx dovrebbe fare la stessa cosa altro che streaming

    RispondiElimina
  2. Come "l'onda minacciosa islamica"? Perché questa cultura dello scarto? Non sono i nostri fratelli mussulmani che ci porteranno la ricchezza della loro diversità? Dio non è cattolico perché è anche mussulmano. E Maometto, in fondo, non era anch'egli un fratello del profeta Gesù? Confessatelo, o Voi che leggete: non vi son sembrato Bergoglio?

    RispondiElimina
  3. La Chiesa ex-cattolica tace e acconsente, abbandonando la civiltà cristiana nelle mani di chi vuole distruggerla aiutati anche trafficando loscamente con i nemici dichiarati di Cristo, per mezzo di Comunità bottegaie, con il paravento della carità spacciata per cristiana e della illusoria e subdola pace tra le religioni, che con il " dialogo" montiniano è divenuta un confuso sincretismo strumentale.

    RispondiElimina
  4. Vigorous Dragon9 marzo 2020 16:37

    Sono siriani. Non sono i turchi a volerli direttamente mandare in Europa. Sono mandati via dalle zone colpite dall'avanzata dell'esercito siriano,che giustamente sta riconquistando il territorio dai ribelli. Sono profughi a maggioranza sunnita,che in realtà potrebbero essere mal visti dalle autorità siriane a minoranza sciita.Al contrario della vulgata,questo dimostra come in realtà la religione conta molto poco nella guerra siriana. E le persone,che siano musulmani,sciiti,sunniti o quant'altro,sono semplicemente profughi che diventano un problema per tutte le nazioni circostanti.

    RispondiElimina
  5. Vigorous Dragon9 marzo 2020 22:47

    Cari signori,
    sulla questione dei profughi siriani la realtà è ben altra. Non vi è alcuna invasione da parte di un sultano. I profughi sono la diretta conseguenza delle azioni belliche che colpiscono direttamente le zone colpite. I primi a farne le spese sono gli stessi turchi.I pesanti bombardamenti russi,che coprono l'avanzata delle truppe siriane per conquistare le zone a maggioranza sunnita,nonché la presenza nefasta dei ribelli,costituiscono la causa principale della miriade di profughi.Tra le altre cose,se Erdogan esiste in Turchia,questo lo dobbiamo allo stesso motivo per cui in Italia c'è Salvini o Berlusconi.Lungi dalla vulgata,la realtà è invece questa

    https://observers.france24.com/en/20200304-racism-syrian-turkey-violence-soldier-die-syria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ha altro modo e maniera di fare propaganda politica dal colore più che inconfondibile ?

      Elimina
    2. Berlusconi e Salvini? Troppo a sinistra.

      Elimina
  6. Vigorous Dragon9 marzo 2020 23:10

    Se i cattolici si occupassero inoltre di maggiore giustizia sociale nel contesto della nostra società,senza gridare contro il solito "che guevara" o i soliti "rivoluzionari",al fine di difendere sempre i più benestanti o gli evasori fiscali e le caste in ogni caso, non avremmo sempre quelli come Bergoglio o gli immigrazionisti,ad aiutare i quali sono prima di tutto quelli che difendono politiche economiche e sociali fin troppo classiste e plutocratiche. Questo non significherebbe togliere peso al cattolicesimo,ma al contrario dare una maggiore spinta sociale,uscendo dalla prospettiva sin troppo settaria.Se molti difendono Orban o Putin,perché altrettante persone non debbono sostenere l'educazione e la sanità pubblica? Che si esca da questo leghismo economico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, con il debito che ha l'Italia, aumentiamo ancora di più la spesa pubblica, così le generazioni future erediteranno una situazione irrisolvibile... E poi parole come "classiste": da dove sei uscito? Dagli anni '70?

      Elimina
    2. "Maggiore giustizia sociale"... "maggiore spinta sociale" ... sociale, sociale, sociale ... altro che Vigorous Dragon, un pseudonimo del tutto usurpato. Lei non ha niente di vigoroso e ancor meno del drago. Lasci perdere. Torni in mezzo alle sardine.

      Elimina
  7. Vigorous Dragon13 marzo 2020 22:05

    Quanto siete stupidi! Se non siete dei troll,come accade di solito,le vostre sono delle risposte senza logica. Questo succede quando si antepongono gli interessi economici e personali alla stessa religione. A parte il fatto che non avete il monopolio sul cattolicesimo,né dal punto di vista dei partiti né dal punto di vista della classe sociale di appartenenza,parole come giustizia sociale sono "normalissime". Quale differenza ci sarebbe tra una "eretica" Radio Maria,che vede nella Lega di Salvini il proprio idolo e i difensori della liturgia in lingua latina? Capisco che voi potreste essere dei veneti abituati a quel certo tipo di superficialità generalmente leghista,ma è bene affermare che determinati ambiti di partito,piuttosto che avere la religione o il cristianesimo come anima politica,preferiscono avere come obiettivo del loro agire i propri interessi economici. Ora,che un giovane possa accorgersene,è cosa più facile. Che se ne accorga un qualche anziano,invece è cosa più difficile,specialmente se troppo legato alle dinamiche della sceneggiata della partitocrazia in cui vige l'Italia. Che si faccia un logico paragone sociale ed economico tra Berlusconi e Salvini,i loro rispettivi partiti,e questi con Erdogan,è cosa molto logica. Logica leghista ed eva-sionista a parte,difendere l'educazione e la sanità pubblica,è cosa sacrosanta e giusta.In altro luogo,vorrei invitarvi ad usare toni più rispettosi del prossimo. Difendere Salvini e Berlusconi non è,tra l'altro,come difendere Cesare. Si finisce, in questa maniera, di insultare senza motivo il prossimo,per difendere milionari e corrotti. Le sardine sono pagate dai sionisti per rianimare lo scenario dei teatranti della falsa politica italiana.Se molti di quelli che si definiscono cattolici,amassero davvero la propria Religione,troverebbero davvero di darle maggior peso politico e sociale,cosa non gradita alla massoneria,di cui sempre si parla.Le sardine ne sono la conseguenza diretta.Dopotutto,lo Stato e la Chiesa non dovrebbero essere separate,come si dice o si pensa tra i difensori della Chiesa. Ma siccome si pongono le caste e gli interessi economici e personali innanzi agli ideali,si preferisce appunto difendere i propri interessi,ed a questi,il latrocinio.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.