Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

lunedì 16 marzo 2020

Coronavirus Siena il Sindaco ha affidato la protezione della Città del Palio alla Madonna del Voto

Siena: ieri domenica 15 marzo il sindaco della Città del Palio Luigi De Mossi ha offerto le chiavi della città alla Madonna del Voto, conservata nella Cattedrale Metropolitana di Santa Maria Assunta, affinché allontani l'epidemia. 
In questo terribile momento piagato dal micidiale coronavirus ammiriamo il ripetersi dei gesti secolari che testimoniano la fede genuina del popolo: "Benedetto l'uomo che confida nel Signore e il Signore è sua fiducia" ( QUI il gesto analogo compiuto alcuni giorni fa dal Sindaco di Venezia). 
AC  
"O Maria la tua Siena difendi… “. 
La città consegna le chiavi alla Madonna 

di Maura Martellucci  

Si cominciò con Montaperti. Con i fiorentini accampati alle Ropole, i senesi si mobilitano: convocazione del Consiglio Generale, reclutamento lampo di truppe; messa in stato di operatività dell’esercito in 24 ore; fundraising fulmineo con il Salimbeni che va avanti e
indietro con carrettate di soldi.
E offerta delle chiavi alla Madonna per impetrarne la protezione in una situazione così perigliosa, come atto conclusivo di una fantasmagorica processione di massa.
Forse la Madonna ci mise davvero una mano, perché se l’esercito senese avesse dovuto mobilitarsi di punto in bianco in 24 ore avrebbe perso la battaglia anche contro l’esercito di Tegoia.  

Ma se questa è la storia che tutti sanno e che da secoli e secoli si tramanda, forse non tutti sanno che le possibilità che sia vera sono poche
La cerimonia di offerta delle chiavi di una città alla Madonna è un gesto che gli storici attribuiscono (come uso invalso e condiviso) a qualche decennio dopo Montaperti. 
Quindi è possibile che sia stato ben conosciuto a chi ha scritto le cronache della celebre battaglia (tutte, infatti, risalenti a parecchi decenni dopo, e tutte di alveo culturale guelfo che aveva assunto il particolare culto della Vergine tipico della casa d’Angiò: gli storici ben sanno che quando, in un contesto politico, si trova la Madonna, fra Due e Trecento, siamo pressoché di regola in ambito religioso guelfo; molto più difficilmente ghibellino), ma è anche vero che non cambia niente nell’immaginario senese.  

Per Siena, accanto a Siena, comunque, a Montaperti, a reggere alta la Balzana c’era anche la Vergine che, con le chiavi, come vuole la tradizione, oppure senza, come vuole la storia, era la Signora protettrice della città. Poi, nei secoli, le chiavi sono state poste varie volte nelle Sue mani, nei momenti in cui Siena si è trovata ad affrontare i momenti cruciali della sua storia. 

Nel museo delle Biccherne, nell’Archivio di Stato di Siena (quando riaprirà per nostra gioia), andate ad ammirarne una delle meno conosciute. 
E’ datata 1483 e si intitola “Offerta delle chiavi della città alla Vergine”. E’ un momento particolare quello che affronta Siena nella seconda metà del XV secolo: c’è stata la giornata di Poggio Imperiale, l’assedio e la presa di Colle Val d’Elsa che sebbene festeggiata come una vittoria, è alquanto effimera: il sovrano di Napoli Ferrante I e Firenze,infatti, stipulano la pace solo dopo un anno (siamo nel 1481) così Colle torna a Firenze e i senesi devono lasciare il castello valdelsano. 
E’ stato l’unico significativo sfondamento della delimitazione stabilita nei primi anni del ‘200. 
Ed è durato un soffio: la frontiera si richiuderà alle loro spalle e fino alle riforme amministrative post-unitarie Siena non rimetterà più piede nella Valdelsa. Intanto nel difficile governo di Siena è sempre più arduo trovare un equilibrio istituzionale: cambiamenti, rivolgimenti, subbugli. E tutti seguiti da estromissioni di vinti e riammissioni di neo-vincitori pro tempore, in un vai e vieni di Monti, singole personalità, famiglie, consorterie, tutte alla ricerca di una desiderata egemonia personale. 
Per questo, nel 1483, si ritiene necessario offrire le chiavi di Siena alla Vergine per sancire, di fronte a Lei, la tanto cercata riappacificazione tra i Monti cittadini. 
La cerimonia si svolge all’interno del Duomo, davanti l’altare della Madonna delle Grazie, alla presenza dell’Arcivescovo e degli esponenti delle principali fazioni politiche, raccolte nelle grandi consociazioni dei Monti, da quell’anno appunto unificati, come si legge nella didascalia della stessa Biccherna, nella “apprexentatione delle chiavi quando tutti quatro e Monti s’adusseno ad uno”.  

La pacificazione, però, fu di breve periodo: un nuovo colpo di Stato, il 22 luglio 1487, porterà all’occupazione delle istituzioni. Poi arriverà Pandolfo Petrucci. Ma questa è un’altra storia.  

Si arriva al 1526: un’altra annataccia. L’immagine della Vergine come “Immacolata Concezione” viene posta sui gonfaloni della milizia senese che, durante la battaglia di Porta Camollia, sconfigge la milizia imperiale e quella pontificia. Sugli stendardi campeggia la scritta: “Per Immaculatam Virginis Conceptionem de inimicis nostris libera nos Deus noster”. 
La tradizione vuole che sia stata la gentildonna senese, Margherita Bichi, vedova e mantellata francescana, a convincere il Priore del Concistoro, Giovanni Del Rondina, ad affidare il 22 luglio di quell’anno (lo scontro avverrà il 25 luglio) le chiavi della città di Siena alla Madonna. A vittoria ottenuta, sui “vessilli trionfali della Patria” vengono ricamati questi versi: “ Voi, Donna del Ciel, voi foste quella, / che liberaste noi con poche squadre, / Per far fede quaggiù, che il primo Padre / Non peccò in Voi tutta graziosa, e bella”.  

Siamo nel marzo del 1554 (in stile senese: per oggi è il 1555), Siena è stremata da mesi e mesi di assedio. 
Si sente nell’aria che la fine (qualunque essa sia) è vicina. Il 24 marzo è domenica: vigilia del nuovo anno e “Vigilia dell’Annunziazione della beata gloriosa Vergine Maria” così, racconta Alessandro Sozzini nel suo Diario dell’assedio; tutte le più alte autorità cittadine e religiose si dirigono verso il duomo con “lo stendardo di Nostra Donna, ed in un bacino d’argento le chiavi delle porti della Città” e finita la Messa “fu per il Priore di Concistoro (Girolamo Tantucci, n.d.r.) presentato il bacino con le chiavi della Città alla gloriosa Vergine Maria, Avvocata della Città di Siena, con alquante parole onorate”. 
Tantucci disse, infatti: “Chiudete con esse le porte di questa Patria alla guerra, apritele alla pace; serratele a’ vostri e nostri nemici, apritele a’ nostri amici; chiudete le menti di tutti i cittadini alle pestifere discordie, apritele all’unione, acchiocchè i danni ricevuti dagli odii, si emendino, con l’introduzione dell’amore”.  


Purtroppo fu tutto inutile, l’assedio ebbe termine dopo poche settimane e Siena “vinta ma non doma”, fu costretta a scendere a patti con l’Impero. Finisce qui, di fatto, il medioevo senese e si apre una nuova epoca, che poi non sarà così terribile, ma sarà diversa, come accade dopo ogni catastrofe, quando il presente è destinato a cambiare e reinventarsi in un futuro che non avresti immaginato. Inizia l’epoca che sarà caratterizzata dal governatorato mediceo. 

L’ultima volta che Siena offre in voto le chiavi della città a Maria è nel 1944
E’ il 18 giugno, si celebra la funzione della Domenica in Albis, e le autorità e il popolo si inginocchiano davanti all’altare della Madonna del Voto per invocarne la protezione di fronte alle incursioni aeree che si fanno sempre più frequenti. Tutta Siena è lì. Non si fa alcuna processione solenne, ma dentro la cattedrale, presenti il labaro del Comune, del Magistrato e le bandiere delle 17 Consorelle con i Paggi Maggiori, il Podestà, Guido Socini Guelfi, legge l’atto di donazione (firmato dallo stesso Podestà e dal Rettore del Magistrato delle Contrade, Guido Chigi Saracini), redatto in tre copie una delle quali viene deposta in un’urna che contiene anche le chiavi simboliche della città, urna posta sull’altare della Madonna del Voto (le altre due copie vengono portate in Curia e in Comune). 
E l’Arcivescovo impartisce la benedizione. Con l’esercito che si avvicina alle mura.  


Questi quattro gesti solenni di offerta della Città alla Vergine Maria sono anche visibili e mirabilmente rappresentati nel bronzo, scolpito da Vico Consorti, della “Porta della riconoscenza”, la porta laterale della Cattedrale che fu voluta e inaugurata il 16 agosto 1946 dal Conte Guido Chigi Saracini, in ringraziamento dello scampato pericolo della guerra. Oggi, 15 marzo 2020, la cerimonia di offerta delle chiavi di Siena alla Madonna, “Advocata Senensium”, Avvocata dei Senesi, si ripete. 
Si ripete in questi giorni che nessuno di noi avrebbe creduto di dover affrontare. Ma oggi possiamo essere solo con il nostro cuore e la nostra anima in cattedrale, accanto al nostro Arcivescovo Augusto Paolo Lojudice, al Sindaco di Siena Luigi De Mossi, al Prefetto Armando Gradone, al Rettore del Magistrato delle Contrade Claudio Rossi, e seguire, chiusi ognuno nelle proprie case, la Santa Messa e il rito.  


Anche l’Arcivescovo ha sottolineato come è venuto, di nuovo, il momento che Maria avvolga con il suo manto la nostra città, come ha fatto in passato, ed ha ricordato come i Senesi a Lei si sono sempre rivolti con devozione, come, alla fine del ‘500, ci fu una statuina di terracotta, nel rione di Provenzano, che, per fare luce in una Siena che viveva una delle sue pagine più buie, distrutta dopo i mesi dell’assedio e la fine della Repubblica, offrì i suoi miracoli ai cittadini che le si rivolgevano e, in suo onore, venne eretto un santuario che è la Collegiata di Santa Maria in Provenzano.  


Dopo la benedizione le autorità hanno offerto a Sua Eccellenza la chiave della nostra città che è stata deposta davanti alla Madonna del Voto.A te o Vergine Santa, o Madre del Cielo, affidiamo tutta l’umanità, tutta la città, perché possiamo guardare come segno di speranza di una luce che presto si faccia strada e squarci queste nubi nere che ci attanagliano. A Te, Signora, affidiamo le sorti della nostra Gente. E le chiavi dei nostri cuori”, perché, con questo gesto simbolico ma fortemente evocativo, si è rinnovata, ancora una volta, quella consacrazione a Maria che era stata sancita (con o senza chiavi) 760 anni fa, alla vigilia della battaglia di Montaperti. 


O Maria la tua Siena difendi, per lei prega benigna il Signor”.  

Maura Martellucci 


Fonte e foto :Sienanews QUI