lunedì 13 gennaio 2020

L'Arcivescovo di Cracovia contro Greta Thunberg: è un oracolo sfruttato ideologicamente


Dagli amici di Totus tuus.
QUI un'intervista  sul tema a don Alfredo Morselli.
QUI Tosatti.
Luigi

7-1-20 Un vescovo fa il suo mestiere e dice la sua.

Contrariamente a quanto si possa pensare, Greta Thunberg, non è un’eroina alla Giovanna D’Arco rediviva.
Ce n’eravamo quasi convinti visto come – specie in Europa – molti prelati sono letteralmente caduti ai piedi della adolescente svedese che da mesi gira il mondo, in versione sempre green e un po’ scroccona, per richiamarci alla fine del mondo per causa dell’inquinamento e dello sfruttamento della terra.

Che agli scienziati – quelli veri – la giovane non stia poi tanto simpatica, è cosa ormai già detta, ma ci voleva anche che un vescovo prendesse posizione visto che in tante parrocchie, poco ci manca che non si inizi la liturgia con un “dal Vangelo secondo Greta”.

Marek Jedraszewski, arcivescovo di Cracovia, in un’intervista concessa al media locale TV Republika, ha definito la ragazza un «oracolo». Per il vescovo dunque, l’adolescente «è diventata un oracolo per tutte le forze politiche e sociali» che cercano di «demolire tutta la tradizione cristiana».

Il suo punto di vista, che ha sollevato la furia degli indignati difensori dell’ambiente, parte da una
considerazione sull’ecologismo definito «un fenomeno molto pericoloso», come tutti quelli «imposti come una dottrina vincolante».

Nelle forme ideologiche dell’ambientalismo tutto, infatti, è improvvisamente rimesso in discussione: «In realtà, la nostra cultura è messa in discussione; l’intero ordine mondiale si inverte, partendo dal fatto che l’esistenza di Dio, il creatore, è messa in discussione; il ruolo e la dignità di ogni essere umano sono rimessi in discussione», ha affermato Jedraszewski.

Potranno non piacere le parole dell’arcivescovo, e la lista di indignati si è subito ingrossata, a partire dal vice presidente della Capitale Varsavia Paweł Rabiej, e tanti media nel mondo che hanno bersagliato il vescovo reo di lesa maestà, però i confratelli polacchi lo hanno difeso: «Siamo solidali con te per gli attacchi dannosi che il difensore della verità evangelica deve sopportare», perché «è sempre glorioso stare dalla parte dell’antropologia cristiana, che vede l’immagine di Dio nell’uomo».

Nell’intervista alla tv polacca l’arcivescovo, definendo la forma ideologica dell’ambientalismo, ha anche detto che «è apparsa una nuova forma di totalitarismo», che non è «qualcuno da eliminare fisicamente, ma certamente degrada spiritualmente».

2 commenti:

  1. Bravo vescovo! Anche da parte cattolica, finalmente, qualcuno che va esplicitamente contro il moralismo gretino.

    RispondiElimina
  2. I toni sono eccessivi e staccati dalla realtà e anche il suo confratello di Armagh non la pensa come lui https://www.thetablet.co.uk/news/12323/irish-primate-defends-greta-thunberg?fbclid=IwAR1OwflgKjXNdRXT___U97uM9Rvc9WUQ_j9K4KQcVxmD3Nqpo6dXomN0EpE

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.