Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

sabato 21 dicembre 2019

Vescovi tedeschi: l’omosessualità è “normale” quanto l’eterosessualità.


Mi vergogno di loro.
Dio ne chiederà a loro conto.
Luigi

Blog di Sabino Paciolla, 10 Dicembre, 2019

Franz-Joseph Bode
vescovo di Osnabrück (Germania)
La Commissione per il matrimonio e la famiglia della Conferenza Episcopale Tedesca ha raggiunto un consenso sul fatto che l’omosessualità è una “normale forma di predisposizione sessuale”. Ce ne parla Dorothy Cummings McLean in questo articolo pubblicato su LifeSiteNews. Eccolo nella mia traduzione.
La Commissione per il matrimonio e la famiglia della Conferenza Episcopale Tedesca ha raggiunto un consenso sul fatto che l’omosessualità è una “normale forma di predisposizione sessuale”.

Due prelati tedeschi hanno anche affermato che Amoris Laetitia insegna che i rapporti sessuali formatisi dopo un divorzio non sono né gravemente peccaminosi né un ostacolo
alla ricezione della Santa Cena.

Il 5 dicembre, la Conferenza episcopale tedesca ha pubblicato un comunicato stampa che illustra i risultati di una “consultazione di esperti sul tema ‘La sessualità dell’uomo: come discuterla dal punto di vista scientifico-teologico, e come valutarla ecclesiasticamente?’”

La consultazione, che comprendeva un panel di vescovi, sessuologi, teologi morali, teologi dogmatici e esperti in diritto canonico, si è svolta a Berlino e si è conclusa il 4 dicembre. Il momento dell’evento coincideva con la partenza dei vescovi tedeschi lungo il loro “percorso sinodale“.

Secondo il comunicato stampa, gli esperti concordano sul fatto che “la sessualità umana comprende una dimensione di piacere, di procreazione e di relazioni”.

Hanno anche convenuto che l’omosessualità è “normale” quanto l’eterosessualità e che nessuna delle due attrazioni sessuali dovrebbe essere cambiata.

“C’è stato anche un accordo sul fatto che la preferenza sessuale dell’uomo si esprime nella pubertà e assume un orientamento etero o omosessuale. Entrambi appartengono alle normali forme di predisposizione sessuale, che non possono o dovrebbero essere modificate con l’aiuto di una specifica socializzazione”, ha dichiarato il comunicato stampa.

Il comunicato ha presentato questo status di normalità come motivo per cui “ogni forma di discriminazione di persone con orientamento omosessuale deve essere respinta”, un insegnamento che si dice sia stato richiesto per “molto tempo” dall’ufficio didattico della Chiesa ed è stato “esplicitamente sottolineato da Papa Francesco” in Amoris Laetitia.

Tuttavia, l’accordo ha avuto i suoi limiti. Non c’è stato consenso su “se il divieto magisteriale sull’omosessualità praticata sia ancora attuale”. Gli esperti non erano d’accordo anche sull’opportunità di permettere a persone sposate e non sposate di usare contraccettivi artificiali.

Il comunicato stampa dei vescovi tedeschi menziona in particolare l’arcivescovo Heiner Koch di Berlino, capo della Commissione per la famiglia, e il vescovo Franz-Joseph Bode di Osnabrück. Entrambi erano stati presenti al Sinodo sulla Famiglia a Roma nel 2015. Secondo la dichiarazione, entrambi gli uomini hanno sottolineato “l’importanza di una discussione solida basata sulle scienze umane e la teologia e hanno sottolineato gli sviluppi che già si possono trovare in Amoris Laetitia“. 

Come esempio di “sviluppo” in Amoris Laetitia, i vescovi tedeschi affermano che il documento dice che “un rapporto sessuale dopo un divorzio e un matrimonio non è più generalmente valutato come peccato grave, e, di conseguenza, non è prevista una generale esclusione dalla ricezione dell’Eucaristia”.

Tra gli altri prelati tedeschi presenti nel panel vi erano il vescovo Wolfgang Ipolt di Görlitz, il vescovo Peter Kohlgraf di Magonza e diversi vescovi ausiliari della Commissione per la Famiglia.

Il Catechismo della Chiesa cattolica del 1992 afferma chiaramente che gli atti omosessuali sono “instrinsecamente disordinati” e “contrari alla legge naturale” (CCC 2357).

“Chiudono l’atto sessuale al dono della vita”, continua. “Non procedono da un’autentica complementarietà affettiva e sessuale”.

“In nessun caso possono essere approvati”.

Tuttavia, il Catechismo sottolinea che la sofferenza delle persone con attrazione per lo stesso sesso non dovrebbe essere aumentata da un trattamento non gentile:


Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione. (CCC 2358).

Il Catechismo sottolinea anche che:

“Le persone omosessuali sono chiamate alla castità. Attraverso le virtù della padronanza di sé, educatrici della libertà interiore, mediante il sostegno, talvolta, di un’amicizia disinteressata, con la preghiera e la grazia sacramentale, possono e devono, gradatamente e risolutamente, avvicinarsi alla perfezione cristiana. (CCC 2359).

Tuttavia, c’è una diffusa ribellione nella Chiesa cattolica in Germania contro la dottrina perenne della Chiesa in materia sessuale, anche tra i membri della Conferenza Episcopale Tedesca. L’insistenza della Conferenza Episcopale Tedesca a tenere il proprio sinodo, o “percorso sinodale“, senza il permesso del Vaticano, ha preoccupato i cattolici tedeschi più tradizionali.

Il cardinale Walter Brandmüller, presidente emerito del Pontificio Consiglio per le scienze storiche, ha avvertito che procedere su questa strada – che mette in discussione gli insegnamenti della Chiesa sul celibato, il sacerdozio maschile, l’omosessualità e il matrimonio – potrebbe portare a una “chiesa nazionale” senza “quasi nessun legame con Roma“. Il cardinale (uno dei quattro che sottoscrissero i Dubia) ha dichiarato che questa sarebbe “certamente la via più sicura verso il declino finale” della Chiesa tedesca.

3 commenti:

  1. Bisognerebbe chiedere a questi ben pasciuti presuli teutonici perché con certe idee non lasciano la Chiesa cattolica che da millenni ha predicato tutto il contrario di quanto sostengono. Sono stati i più accaniti nemici del loro conterraneo papa Benedetto perché acerrimo nemico del relativismo. Non hanno l'onestà intellettuale di farlo, a cominciare da Kasper, perché la Chiesa in Germania non solo è libera di inventare, è piena di soldi, dona prestigio, libertà dal CVII in poi di proclamare qualsiasi apostasia. Sono di gran lunga peggiori dei protestanti, con la psicopatia nazista del pangermanesimo, come chiaramente ha detto il card. Muller.

    RispondiElimina
  2. Certo che Amoris Laetitia ne ha provocato di macello! Povera Chiesa! Che papa disastroso!

    RispondiElimina
  3. La faccia di Franz-Joseph Bode la dice lunga...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.