lunedì 11 novembre 2019

Dom Elvir Tabaković Can. Reg., un fotografo per la Tradizione

Lo scorso 28.10.2019 (si veda QUI) MiL ha pubblicamente ringraziato Dom Elvir per aver reso disponibili le foto del recente pellegrinaggio Summorum Pontificum (Roma, 25-27 ottobre 2019).

In effetti, da qualche anno a questa parte, chi partecipa al tradizionale pellegrinaggio romano ha avuto modo di notare questo giovane riservato religioso (non ancora sacerdote) che, ad ogni celebrazione, con grande tatto e delicatezza, si sposta qua e là per immortalare i vari momenti.

Sempre con il suo abito (veste talare bianca e mozzetta nera), sempre con due, tre macchine fotografiche reflex sulle spalle.

Ci siamo dunque chiesti, ma chi è Dom Elvir Tabaković Can. Reg.?

A Roma non abbiamo avuto modo di approfondire e quindi abbiamo fatto delle veloci ricerche in internet.

Ecco qui di seguito i risultati. Davvero curiosi e sorprendenti.

AZ


_  _  _  _  _

Aggiornamento del 25.11.2019

Abbiamo trovato in rete anche questo simpatico video in inglese e ve lo proponiamo ad integrazione dell'intervista.
AZ


_  _  _  _  _

Scopriamo (QUI, QUI, QUI) che Dom Elvir è un giovane come tanti altri, di origini croate, che ha sempre amato l'avventura: gite in scooter dalla Croazia fino al punto più settentrionale d'Europa, passando per la leggendaria US Route 66 che collega le coste occidentale e orientale degli USA, kayak e snowboard nelle località più attraenti del mondo, gite in moto e auto lussuose. Tutto ciò grazie alla sua professione: era una fotografo, uno dei più talentuosi. Da adolescente ha anche suonato musica punk, suonando il basso nella band Osijek Diverzija.


Elvir Tabakovic è nato nel 1986 a Kupres ed è cresciuto a Osijek. All'età di tredici anni era cattolico, ma in seguito si dichiarò ateo. Aveva una grande compagnia di amici, viaggiava per mezzo mondo, ma non era completamente soddisfatto. Ha lavorato come fotografo professionista per vari giornali e riviste.

All'inizio del 2012, ha frequentato un seminario spirituale e ha incontrato Dio lì. Ha avuto una conversione e la sua vita è completamente cambiata. Nell'aprile dello stesso anno, nella Basilica del Sacro Cuore di Gesù in Via Palmoticeva a Zagabria, nella settimana di preghiera per le vocazioni sacerdotali e religiose, decide di diventare sacerdote. Nell'Anno della Fede, il giorno della festa di Ognissanti, all'età di ventisei anni, entra nel Convento di San Michele nell'Ordine dei Canonici Regolari di San Agostino alla città bavarese di Paring, Germania.
Ha sorpreso molti con la sua decisione. La sua famiglia è stata di grande supporto, ma c'erano quelli che cercavano di chiedergli conto della sua chiamata spirituale. Oggi è un canonico alle prime armi in un villaggio di trecento abitanti, con solo poche case, a una ventina di chilometri da Ratisbona.

Il convento di San Michele appartiene alla restaurata Congregazione Windesheim, di cui il membro più famoso è Tommaso da Kempis, autore del libro "Imitazione di Cristo". I membri sono canonici regolari, che esercitano sia attività sacerdotali e pastorali, sia anche di contemplazione e preghiera (specialmente in latino). Nelle molte "coincidenze" che lo avevano portato in Germania prima, riconobbe che Dio lo voleva proprio lì.

Maggiori informazioni su questo monastero e comunità su www.propstei-paring.de .

Recentemente Dom Elvir è stato intervistato (QUI); poponiamo quindi ai nostri lettori una traduzione dell'intervista in cui il religioso racconta molto della sua vita e della sua conversione.


- La maggior parte delle storie di conversione contengono sempre alcune drammatiche circostanze che in cui le persone si sono imbattute prima di incontrare Gesù Cristo. Tragedie della vita, depressioni, dipendenze e simili ... La tua storia sembra un po' diversa, anche se non puoi dire che la tua vita non fosse "in pericolo" prima della conversione?
Bene, praticare sport adrenalinici può certamente essere pericoloso, a volte terminando con il destino. In particolare il kayak. C'è un po 'di vento, ti fa esplodere per 20 metri, poi ti getta a terra ed è finita. Dopo la conversione, spesso ho girato il film all'indietro e mi sono reso conto di quanto Dio mi ha effettivamente assistito per tutta la vita. Quante volte avrei potuto morire e sono stato trattenuto per i capelli. Come quando ho avuto un incidente in moto, un camper è volato davanti a me e ha praticamente creato un muro.

- Dove è successo?
Vicino a Trogir, sull'autostrada adriatica. Guidavo all'incirca a 100 all'ora, strada aperta, doppia linea. Il camionista, penso che fosse ceco, stava girando in modo semicircolare e posizionando letteralmente il veicolo perpendicolare alla strada. Sarei potuto morire così. È stato un miracolo riuscire a frenare e colpire il veicolo così bene da passare con una spalla e un ginocchio. In tre giorni ero come nuovo. Questo è solo un piccolo esempio. Quando guardo la mia vita statisticamente, mi rendo conto che in tre anni ho percorso 240.000 chilometri e non mi è successo niente. Ti rendi conto che Dio mi stava sorvegliando.

- Eri davvero dipendente dall'adrenalina?
Probabilmente era una specie di dipendenza. Durante tutti questi viaggi, ho cercato appagamento, felicità e piacere. È sempre legato alla squadra che ti circonda. Sei giovane, vuoi essere accettato e riconosciuto, vuoi essere “cool”. E in realtà vuoi essere amato.

- Giovanni Paolo II una volta disse che questo bisogno d'amore ci motiva continuamente. Che anche quelli che vanno in una "casa chiusa" cercano l'amore, nel posto sbagliato.
Vero. Proprio l'altro giorno, ho pensato a quanto ero ossessionato in passato dalla ricerca del "nuovo", del "moderno" perché pensavo che tutto ciò che era stato superato fosse inutile. E ora capisco cosa intendesse Sant'Agostino quando dice: "Oh mio Dio, così vecchio e davvero nuovo". La verità è eterna ed eterna. Oggi siamo cresciuti in questo mondo in modo da concentrarci solo sul progresso, sullo sviluppo della tecnologia e della scienza. Questa è l'opinione: le scienze naturali potranno un giorno spiegare l'origine del mondo. Fino a quando non saranno in grado, non preoccupiamoci di quello. Mi sono formato in tale atmosfera, in questo distacco rispetto a tutto ciò che è vecchio. Ma è un pregiudizio. Ad esempio, ho letto Agostino e ciò che ha scritto nel 4 ° o 5 ° secolo. Bene, quello è stato scritto in passato. Per quanto riguarda la vera cognizione spirituale, non ci sono cambiamenti, sono sempre veri.

- Come ti sei sentito veramente prima della conversione? Hai iniziato a prendere coscienza di ciò che è veramente dietro questa avventura?
La conversione non è avvenuta "subito". Circa due anni prima della mia conversione, un mio amico stava frequentando seminari spirituali e mi stava dicendo cosa stava succedendo lì. Mi ha parlato di una preghiera che funziona, guarigione spirituale e fisica. Da un lato, mi ha toccato perché gli credevo, era un mio buon amico. D'altra parte, non volevo crederci. Credere in questo miracolo sarebbe credere in tutto ciò che ne consegue: l'esistenza di Dio, l'incarnazione di Gesù, la Chiesa ...

- Era una specie di paura della verità?
Tutte le persone non convertite lo attraversano. Potrebbe essere una piccola digressione, ma in questi giorni sto pensando a un altro tipo di paura. Alcune persone, quando abbracciano la fede, pensano che ci siano solo angoscia e sofferenza davanti a loro. Sai: le persecuzioni, le croci, le dure preghiere, solo quello è davanti ai loro occhi. E in realtà, vivere con Gesù è molto più bello e più facile, vivere nella fede, nella speranza e nell'amore.

- E hai mai pensato a quella croce che è imminente?
Cerco di non pensarlo in categorie umane, ma di pregare Dio per darmi la forza di portare quella grande croce quando verrà il momento per lui. Accettarlo nel libero arbitrio e portarlo con completa fiducia in Dio. Lo so, Dio è un realista. Non ci darà mai una croce più grande delle nostre capacità. Non gioca con le persone e i loro punti di forza. Ci dà solo ciò per cui ci ha dato e la forza.

- Torniamo alla storia della conversione.
Sì, torniamo indietro. Il fatto è che tutte queste avventure che ho vissuto, tutto quel divertimento e le uscite hanno iniziato a diventare noiose e noiose. Mi sentivo saturo, ma non volevo ammetterlo. Andavo in kayak e mi annoiavo dopo il terzo giorno. Ho iniziato a farmi domande sul futuro. Quale prossimo? Mi calmerò mai?

- A quel tempo, hai incontrato Mijo (Mijo Barada, un carismatico laico che ha avuto una grande influenza sulla conversione di Elvir)?
L'ho incontrato per curiosità. Mi disse subito che non avrebbe cercato di convincermi di qualcosa. Stavo gridando per vedere l'effetto della preghiera, per avere qualcuno che pregava per me o per qualcun altro e per sperimentare come funziona la preghiera. Quella volta, quando incontrai Mijo, qualcuno lo chiamò, una persona che aveva problemi con l'influenza del diavolo, e Mijo mise il suo cellulare sull'altoparlante per sentire il demone rispondere alla chiamata del nome di Gesù Cristo. Era proprio quello di cui avevo bisogno: la prova dell'esistenza del mondo spirituale. Ma dopo quell'incontro, mi sono imbarcato in una serie di viaggi, non ho avuto il tempo di chiarire con me stesso ciò a cui avevo assistito. Tuttavia, da solo, ho iniziato a evitare alcuni tipi di peccato. Ho smesso di imprecare, diciamo. Ma mi ci è voluto un anno intero per mettere a posto tutte quelle esperienze. Non l'ho fatto, come disse Gesù ai discepoli, "potrebbe" portare quella verità. Ho accettato in linea di principio che la realtà spirituale è vera, che Dio esiste e non è un giudice severo ma vero Amore. Ma non sono ancora stato in grado di prendere la libera decisione della conversione. Durante quel 2011 ho incontrato Mijo due volte di più e mi ha profetizzato sulla mia conversione e missione.

- Ti ha profetizzato?
Sì. E più tardi, mentre studiavo la Bibbia, mi resi conto che la profezia era la cosa più normale possibile. Bene, San Paolo invita tutti i credenti a profetizzare, a quel dono che "costruisce la chiesa". È lo stesso con l'espulsione degli spiriti malvagi che preghiamo in ogni Padre Nostro. Una cosa del tutto normale che ha la sua copertura nei documenti della Bibbia e della Chiesa e non so perché alcuni la complichino. Comunque, penso che il terzo incontro con Mijo sia stato cruciale per la mia conversione. In seguito ho iniziato a studiare e leggere di Gesù, i santi, la fede. Ho trovato testimonianze di persone su Internet, ho trovato testimonianze di Medjugorje. Medjugorje a ben vedere è stato molto importante per la mia conversione.

- In che modo?
Ha a che fare con un evento della prima infanzia. Da bambino soffrivo di ittero prolungato. Era pericoloso, i dottori avevano una prognosi molto poco fiduciosa, che avrei avuto gravi disabilità visive, uditive, del sistema nervoso, ecc. L'infermiera che lavorava all'ospedale consigliò a mia madre di fare un voto alla Madonna di Medjugorje per la mia salute. Era circa il periodo in cui il pellegrinaggio a Medjugorje era iniziato (sono nato nel 1986). Così mia madre lo ha fatto e sono stato guarito, senza conseguenze. Oggi credo che la Madonna mi abbia portato sotto la sua ala e che per tutto il tempo la sua forte intercessione mi abbia seguito per tutta la vita. E questo riconoscimento della sua presenza è avvenuto quando ho letto di Medjugorje. Nel dicembre 2011, sono andato a Medjugorje per la prima volta, con l'autobus e me stesso. Ricordo di essere arrivato verso le otto di sera. Era inverno, temperatura sotto lo zero. Ho fatto il pellegrinaggio tutta la notte - sono andato a Križevac e poi alla Collina delle Apparizioni. Non ho incontrato nessuno, ero solo tutto il tempo. E chi altro se non un avventuriero sarebbe uscito in inverno a scalare le colline per tutta la notte (ridendo, poi mettendosi in pausa). E guarda, sono un giro in scooter per la Norvegia e ritorno, quindi non c'è da meravigliarsi (ride). Comunque, niente con Maria, tutto con Maria!

- Ed eccolo, non sono passati nemmeno due anni da quei primi passi, e tu sei già in abiti religiosi. Sei un po "scioccato" da questa velocità?
Non l'ho fatto e ora ti dirò perché. Quando guardo indietro alla mia vita, mi rendo conto di essere stato creato e preparato per tutta la mia vita per questa missione. Bene, tutto ciò che ho fatto di sbagliato ora Dio lo sta trasformando per sempre. E cosa c'era che non andava, ora Dio lo sta facendo come nuovo. Tutto ciò che Dio crea è buono e le opere malvagie lo rendono perversione. Tuttavia, anche questa perversione Dio la ribalta per sempre.

- Spiegamelo.
Considera tutti quei viaggi in cui sono stato. Erano inutili in se stessi, inutili, non portavano alcun bene duraturo a nessuno, nemmeno a me, tranne che col tempo mi resi conto della loro inutilità. Ora posso dare una forte testimonianza per Cristo attraverso di loro. Ecco, guarda: tutto quello che volevo nella vita mondana, l'ho ottenuto. E questo non mi ha riempito. Perché solo in Dio il nostro Creatore è realizzazione - lo sto vivendo ora.

- Quando ti ha sorpreso lo Spirito Santo l'ultima volta?
Mi ha stupito di quanto tutto ciò che è emerso dai miei discorsi sui media sia stato correttamente trasmesso, senza truffe. Senti, stiamo parlando di media come Jutarnji List e simili (ride) che non sono affatto simpatici alla Chiesa. Ed è stato davvero giusto. In questo ho visto un'affermazione della volontà di Dio. Dio voleva solo che la mia testimonianza fosse ascoltata nel modo giusto. Vuole festeggiare. Non ho chiamato nessun giornalista, mi hanno risposto tutti. All'inizio ero scettico, ma ho pregato e ho ricevuto la conferma che tutto dipendeva dalla più grande gloria di Dio.

- Il musicista rock polacco Maleo ha scritto che dopo la conversione, lui e sua moglie hanno perso un gruppo di amici della scena musicale, persone che erano disturbate dalla loro fede, ma Dio ha dato loro nuovi amici. E tu vieni da quell'unica via di mezzo lontana da Dio. Hai esperienze simili?
Devo dirti che sono rimasto in contatto con molti dei miei amici di prima. Raramente si sono verificate reazioni negative. Comunico con tutti come prima. In effetti, ascolto sempre lo Spirito Santo per cogliere l'occasione per evangelizzare, ma non voglio essere invadente, non voglio forzarlo. Voglio dire esattamente quanto dovrei. Quello che cerco sempre di fare è testimoniare. Se avessi incontrato Dio ed era semplicemente meraviglioso.

- Il tuo ordine, i canoni regolari, sono abbastanza sconosciuti in Croazia. Com'è davvero la loro spiritualità?
Sai cosa, anche qui in Germania sono per lo più sconosciuti al credente medio. I canoni regolari sono il più antico ordine sacerdotale nella Chiesa. La vita comune del sacerdote affonda le sue radici nei tempi apostolici e, attraverso il dominio di sant'Agostino alla fine del IV secolo, divenne regolata. Ad esempio, San Domenico e Sant'Antonio erano, inizialmente, canonici regolari. Ora la nostra congregazione, Windesheim, è molto particolare. È culminata nel 15 ° secolo attraverso il movimento "devotio moderna" (pietà moderna) che ha restaurato la Chiesa dall'interno. Il più grande frutto di questa spiritualità è il libro "Imitazione di Cristo" di Thomas da Kempis, che è ancora il secondo libro più stampato oggi dopo la Bibbia. Nel secolo scorso lo Stato portò via tutto e per 96 anni non vi furono più monaci. La congregazione è stata "salvata" dalla rifondazione nel 1961 e oggi ha un monastero a Roma, in Baviera e nella Repubblica ceca. Attualmente, Windesheim, da un lato, è di natura abbastanza tradizionale, e dall'altro è aperto al rinnovamento carismatico nello Spirito Santo.

- Quindi una fila con una ricca tradizione che è anche carismatica?
Per alcune persone, questo è incompatibile, ma non credo che nessuno in contatto con lo Spirito Santo veda un problema con esso. Le persone ci metterebbero in un cassetto, ma non sanno quale. Sono venuto qui quasi alla cieca, perché Mijo mi aveva portato come ospite in precedenza, e dopo aver appreso della vocazione sacerdotale più tardi in Croazia, sono tornato qui allo Spirito dallo Spirito. E ora, attraverso il noviziato, sono convinto ogni giorno che la vita sacerdotale nella comunità sia l'ideale e quanto mi vada bene. Anche la spiritualità carismatica mi si addice, ma ho l'impressione che alcune persone abbiano un'idea sbagliata di "carisma", che la parola provochi pregiudizi e incomprensioni. Per me, la spiritualità carismatica è un'intensa collaborazione con lo Spirito Santo. San Paolo parla costantemente di carisma. Non sono qui per farmi sentire potente, per essere grande davanti agli altri, ma per servire l'edificio della Chiesa: la salvezza e la liberazione degli uomini.

- Com'è il tuo giorno medio al monastero?
Mi alzo verso le 6 del mattino, seguita dalla preghiera del mattino dell'ora prima. Alle 8 e mezza celebriamo la Santa Messa, seguita dalla colazione. Successivamente, tutti si impegnano a rispettare i propri obblighi; studiare, lavorare o fare le pulizie. Alle 12 e mezza c'è la preghiera, poi il pranzo. Successivamente, il periodo del giorno in cui tutti sono di nuovo impegnati nei loro obblighi e nella preghiera privata. Alle 17 c'è il Vespero, seguito dalla cena e poi dalla preghiera della Compieta . Inoltre, il giovedì facciamo un'ora di adorazione davanti al Santissimo, mentre i più giovani si riuniscono più spesso in modo indipendente e celebrano il Signore in un oratorio separato con chitarra e canto.

- Quale parte della giornata è più importante per te nella tua formazione?
Mi godo ogni momento di connessione con Dio, nella preghiera o nella riflessione. In effetti in ogni situazione che la mia giornata porta. Cerco di crescere spiritualmente e il processo è meraviglioso per me. Studio e leggo il più possibile, a volte sento di aver bisogno di più, ma ci sono anche attività quotidiane da svolgere. Qui sono in arrivo due nuovi postulanti e abbiamo dovuto riordinare e sistemare le stanze per loro, smontare, riposizionare e assemblare un armadio alto 3 metri e largo 3,5, che ci ha richiesto diversi giorni.

- Avevi delle aspettative su come sarebbe stata la vita di un monastero? Hai riscontrato difficoltà?
Non avevo aspettative perché in realtà non conoscevo troppo bene la Chiesa e la vita sacerdotale per aspettarmi qualcosa. In realtà anche prima della mia conversione pensavo di trasferirmi a Monaco, mi sentivo sempre a mio agio con quella disciplina e quell'ordine tipici dei tedeschi. Da quando sono venuto al monastero per conoscere la volontà di Dio e non per il bene del popolo, non ho intenzione di andarmene proprio per il bene del popolo. Vale a dire, mediante la chiamata di Dio, dobbiamo accettare la pienezza di ciò che Lui ha preparato per noi, non solo i bei momenti del rapimento orante, la gioia della comunione, ecc., ma anche le croci come disaccordi e incomprensioni che sono inevitabili nella vita comunque.
Vedo un parallelo qui con le persone che non vogliono andare in chiesa a causa del vicino ipocrita che partecipa alla Santa Messa ogni domenica, ma anche quando si va in chiesa solo per socializzare, omettere la preghiera sincera e incontrare il Dio vivente. In entrambi i casi il motivo è sbagliato: uno a causa della gente che non va in chiesa e l'altro solo a causa della gente che va in chiesa.

- "Alcuni diranno: era un avventuriero, e ora ha perso la libertà che aveva."
Ma era falsa libertà. Ero schiavo di me stesso e dei miei assunti. Tutto quello che volevo nella mia testa, dovevo soddisfarlo. Se non avessi soddisfatto ciò che volevo, sarei stato frustrato, se l'avessi ricevuto, la soddisfazione sarebbe durata brevemente. Solo ora sono libero, perché la decisione da prendere era una decisione presa in libertà, consapevole della situazione; consapevole della realtà spirituale. Inoltre, molti non sono nemmeno consapevoli che non siamo gli autori di ogni pensiero che ci viene in mente. Alcuni di questi pensieri sono allettanti e alcuni sono i suggerimenti dello Spirito Santo. Il riconoscimento dei fantasmi è quindi fondamentale per poter prendere le giuste decisioni. Perché la decisione finale dipende da noi se accettare o meno un pensiero.

- Stai ancora scattando delle foto?
Sì, relativamente spesso. Fotografo scene della vita monastica quotidiana, liturgia, ma anche natura. A questo punto, non so quando o come i doni che avrò raggiungeranno la loro pienezza. Ma so che tutti i talenti che ho sono doni di Dio, so che non sono vani e che ognuno di noi ha il nostro scopo nel piano di Dio per la salvezza degli uomini.

- E la musica? Come guardi la tua fase punk adesso?
Come la ricerca della giustizia e della libertà. È solo che li cercavo nel posto sbagliato, in anarchia. E quei valori sono in realtà dove c'è ordine, perché Dio è il Dio dell'ordine. Ma non esistiamo per amore dell'ordine, ma l'ordine esiste per il nostro bene. Non voglio sminuire quella parte del mio passato, in quanto non voglio sminuire qualcuno che sta attraversando le stesse cose che ho passato, ma voglio pregare per lui e la sua conversione.

- Come vedi la tua chiamata in futuro?
I canonici regolari non sono esclusivamente contemplativi, ma soprattutto un ordine sacerdotale pastorale ed evangelico. Operiamo attraverso le parrocchie a noi assegnate o attraverso varie forme di pastorale. Onestamente non voglio pensare troppo a ciò che ci aspetta in futuro perché non voglio che le mie costruzioni ostacolino la volontà di Dio. Non voglio preoccuparmi per domani ma per oggi. È mio compito ora imparare bene il tedesco e continuare la mia istruzione. Ma posso dirti che come futuro sacerdote, mi vedo tra le persone, diffondendo la gioiosa Verità. Forse in alcune mansioni con i giovani, perché conosco la loro cultura, il modo di pensare e di vivere bene. Sai, non posso venire a dire, di cosa stai parlando, non hai idea della vita! (Ride). Penso che il problema principale per i giovani sia che non conoscono la pienezza della verità, non conoscono la realtà spirituale. Non mi sono presentato perché, beh, improvvisamente ho deciso di entrare nel mondo delle fiabe, ma poiché ho sperimentato la realtà spirituale, ho sperimentato e realizzato l'amore di Dio. Seguendo l'esempio della Beata Vergine Maria e dei santi come San Agostino e il beato Giovanni Merz, vorrei testimoniare a tutti coloro che sono alla ricerca della verità che Gesù Cristo è veramente il Signore e Dio, in cui troveranno la pienezza della verità e il pieno compimento nella loro vita.


A cura di Goran Andrijanić
Fotografie: Elvir Tabaković