venerdì 18 ottobre 2019

Mons. Aupetit Omelia della Messa per i parlamentari a Sainte-Clotilde: "L'orgoglio ci rende pretenziosi e la pretesa ci rende pericolosi"

Le ispirate e spontanee Omelie di Mons.Michel Aupetit sono un dono prezioso! 
( QUI alcune Omelie dell'Arcivescovo di Parigi)
AC

Omelia di Mons. Michel Aupetit  
Arcivescovo Metropolita di Parigi
Messa "de rentrée" dei parlamentari e dei politici 
a Sainte-Clotilde 
Martedì 15 ottobre 2019 - 
Festa di Santa Teresa d'Avila

Rm 1,16-25; Ps 18A, 2-5; Lc 11,37-41 

Se vi dovessi interrogare sull'anno  1515, voi mi rispondereste: "- è l'anno della- nascita di Santa Teresa d'Avila". No? 
Ognuno di noi  ha i suoi riferimenti, ognuno ha le sue certezze. 
Oppure pensiamo davvero che nel 1515  c'è stata solo la battaglia di Marignan

Quale evento è stato la maggiormente influente per la nostra umanità? 
Certamente  - la sconfitta di - Marignan ha suggerito agli Svizzeri di autocollocarsi per lunghissimo tempo in uno "status" di neutralità - internazionale-.
Ma la riforma spirituale di Santa Teresa si estende ben oltre e senza dubbio in  modo più duraturo -nella storia-. 
Quindi sorge la domanda: come si può non bloccare la verità alla luce della nostra conoscenza? 
Come non "soffocano la verità nell'ingiustizia" come dice San Paolo nella prima lettura che abbiamo appena letto? 
Pensiamo che questa verità sia sempre più grande di ciò che possiamo percepire? 
La nostra conoscenza solleva solo un angolo del velo, ma il pericolo è sempre quello di racchiudere la verità nello stretto campo di ciò che possiamo capire.
Gli esempi sono numerosi anche nelle scienze della scienza.
Il teorema dell' "incompletezza" di Gödel mostra che ci sono domini della realtà che non sono dimostrabili dalla matematica.
Il principio di incertezza di Heisenberg rivela l'impossibilità di conoscere con certezza i segreti della misurazione della materia.
Allo stesso modo in biologia, alla fine del 20° secolo, abbiamo pensato che tutto fosse determinato dalla genetica.
Quindi la scoperta dell'importanza dell'epigenetica, che gioca un ruolo importante nell'espressione genica, ha cambiato questa percezione.
Anche oggi ci rendiamo conto che l'epigenetica non è sufficiente per spiegare i meccanismi della vita. 
Tutte queste fantastiche scoperte potrebbero renderci orgogliosi.
L'orgoglio ci rende pretenziosi e la pretesa ci rende pericolosi.
Pensavamo di dominare la natura e ora sta morendo nelle nostre mani.
Pensiamo di controllare la vita e persino di ridefinire la filiazione.
Questa follia porterà ancora agli stessi errori e pericoli che l'ecologia denuncia oggi.
Esiste una cura per questa pericolosa sufficienza?
Ascoltiamo Papa Francesco nella sua enciclica sull'ambiente Laudato Sii: "Non possiamo sostenere una spiritualità che dimentichi Dio onnipotente e creatore. In questo modo, finiremmo per adorare altre potenze del mondo, o ci collocheremmo al posto del Signore, fino a pretendere di calpestare la realtà creata da Lui senza conoscere limite. 
Il modo migliore per collocare l’essere umano al suo posto e mettere fine alla sua pretesa di essere un dominatore assoluto della terra, è ritornare a proporre la figura di un Padre creatore e unico padrone del mondo, perché altrimenti l’essere umano tenderà sempre a voler imporre alla realtà le proprie leggi e i propri interessi. "(75).
Potremmo noi dirlo meglio? 
Le nostre scoperte sono notevoli e davvero ammirevoli.
Ma non è sufficiente brillare agli occhi del mondo.
Non è sufficiente " purificate l'esterno della coppa e del piatto, ma il vostro interno è pieno di rapina e di iniquità" (Lc 11,39) come dice Cristo Gesù.
La verità del nostro cuore, la purezza delle nostre intenzioni saranno giudicate dall'amore di Dio. 
Quindi non saremo molto pesanti -nella bilancia-.
Fortunatamente Cristo, che è di natura divina, ha preso il posto dei poveri che siamo tutti noi. 
Seguendolo su questo cammino di umiltà, siamo sicuri di non illuderci e di accettare una verità che viene liberata nell'amore e che non può più essere rinchiusa perché, dice Salmo 84, "Amore e verità s' incontreranno".
Abbiamo scienza ma possiamo avere anche la saggezza!

+ Michel Aupetit, arcivescovo di Parigi

Fonte: Diocesi di Parigi QUI



Omelia dell'Arcivescovo Metropolita di Parigi del 15 Ottobre 2019




Immagine: Particolare della facciata della Basilica di Santa Clotilde di Parigi QUI

*** 

Il Grande Organo Aristide Cavaillé-Coll  

(1859
della Basilica di Saint Clotilde di Parigi  

Restaurato ed ampliato da:
- Joseph Beuchet (1933 et 1962) 
- Barberis (1983) 
- Dargassies (2005 "restauration et agrandissements" a cura di Bernard Dargassies sotto la direzione del Maestro Giacomo Taddei (+ 2012)  e la collaborazione del Maestro Oliviero Penin

Sulla cantoria in controfacciata, si trova l'organo a canne principale della basilica, l'opus 88 di Aristide Cavaillé-Coll, del quale furono organisti titolari alcuni importanti musicisti, tra cui César Franck (1859-1890, Gabriel Pierné (1890-1898), Charles Tournemire (1898-1939), Joseph Ermend Bonnal (1941-1944) e Jean Langlais (1945-1989). 
Lo strumento venne costruito a partire dal 1853 fino al 1859, e il 1º dicembre dello stesso anno César Franck tenne il concerto inaugurale. 
Ha subito una serie di interventi che ne hanno modificato l'assetto originario; l'ultimo risale al 2004-2005: l'organaro Bernard Dargassies, sotto la direzione degli organisti titolari Jacques Taddei e Olivier Penin, ha restaurato lo strumento, portandolo a 71 registri ed installando una nuova consolle a quattro tastiere, situata a pavimento nelle navate, con trasmissione elettronica. 
L'organo è alloggiato all'interno di una monumentale cassa lignea, con mostra formata da canne di Principale disposte in più campi, con tourrelles a pianta semicircolare. 
Le consolle sono due, entrambe realizzate nel corso del restauro del 2004-2005: una fissa in cantoria e una mobile indipendente nella navata. [Wichipedia QUI]

Leggere pure QUI


La celeberrima Toccata dalla V Sinfonia di Charles-Marie Widor 
Olivier Penin 
Orgue Ste-Clotilde Paris