mercoledì 23 ottobre 2019

"L'incendio di Notre-Dame è il simbolo del nostro fallimento"! Il rapporto sei mesi dopo l'incendio: a che punto è la ricostruzione? Il video


Sei mesi dopo il terribile incendio ( leggere QUI )che ha danneggiato gravissimamente la Cattedrale di Notre-Dame di Parigi "l'anima stessa della Francia" ( Ven.Pio XII) ascoltiamo quel che dicono i nostri cugini francesi sullo "status" della messa in sicurezza del Tempio più più amato dai cattolici francesi ed ovviamente più odiato dalle potenti organizzazioni laiciste  nemiche della Chiesa Cattolica
Conosciamo il ben noto "spirito critico" (stile "gilet gialli") dei nostri cugini francesi che non si lasciano ovviamente imbambolare dalle belle parole dei loro eleganti e snob politici attualmente al potere. 

Ave Maria. 
AC 


Notre-Dame de Paris: il rapporto sei mesi dopo l'incendio 
Sei mesi dopo l'incendio di Notre-Dame del 15 aprile, 
cosa possiamo dire delle donazioni e della ricostruzione?  

Notre-Dame de Paris è stata salvata dalle fiamme il 15 aprile, ma sei mesi dopo l'evento, la cattedrale è ancora in pericolo. 

Sono stati eseguiti due terzi delle operazioni di consolidamento e messa in sicurezza : un pavimento in legno copre la navata e sono stati posizionati dei ganci negli archi di sostegno per rinforzare la struttura. 
Ma oggi la stabilità di Notre Dame non è garantita. 
L'operazione più delicata è la rimozione del ponteggio calcinato. " Deve essere tagliato al più presto " , ha detto Monsignor Patrick Chauvet, rettore della cattedrale.  (Le impalcature danneggiate non sono ancora state smantellate " Le Monde" N.d.R.)

104 milioni di euro pagati 

Il consolidamento dell'edificio dovrebbe costare 85 milioni di euro, di cui 37 milioni sono già stati impegnati. 
La ricostruzione può essere presa in considerazione solo a partire dal secondo trimestre del 2020. 
Le misure imposte per proteggere dal piombo rallentano il cantiere. ( Certo che se ne inventano sempre di nuove! Fra poco diranno che ci sono anche delle basi nascoste di U.F.O.! Leggere l'autorevole Le Figaro QUI N.d.R.) 
Le 39 aziende presenti sul posto denunciano sprechi di tempo. 
Gli impegni di donazione si concretizzano progressivamente man mano che il lavoro procede. " 922 milioni di euro " sono stati interamente promessi o già raccolti, ha dichiarato il ministro della Cultura, Franck Riester. " 104 milioni di euro sono già stati pagati " , ha aggiunto. 



Tra scelte architettoniche, gare d'appalto e dimensioni della costruzione, alcuni esperti scommettono oggi da circa vent'anni che Notre-Dame si rialzi dalle ceneri.


Fonte: France Info QUI

 
Notre-Dame de Paris: sei mesi dopo l'incendio, ri-torniamo sulla terra 

Sei mesi dopo il giorno dell'incendio della cattedrale di Parigi, il Ministro della Cultura Franck Riester in un dibattito pubblico ha finalmente espresso un poco di umiltà sentendosi pienamente coinvolto in questo progetto "titanico". 

A quanto pare l'espressione più efficace l'ha data  il prefetto dell'Ile-de-France, Michel Cadot: "La tragedia di Notre Dame è una maratona che è iniziata con uno sprint. Saranno ricordate in futuro le parole dette nello sconforto febbrile dei primi giorni: un po' tutti dagli architetti ai restauratori, i mecenati e soprattutto i politici si affrettarono a mettere il sale: "una gara per la flèche"; 'entro cinque anni', 'ancora più bella', 'un miliardo di euro ..."
Sei mesi dopo, invece ha preso il sopravvento la realtà di una situazione estremamente complessa e un progetto che sembra lungo e difficile che richiede necessariamente  un deciso cambio di passo.
In breve, senza bobine e senza  gesti coraggiosi, il Ministro della Cultura è stato catapultato davanti i giornalisti della stampa...  ( Leggere anche Le Monde QUI  "le impalcature danneggiate non sono ancora state smantellate" N.d.R.)



Un gigantesco mikado 

No, Notre-Dame non è ancora completamente fuori pericolo. 
Chiaramente: se i timpani nord e sud, e la maggior parte degli archi rampanti sono rinforzati e messi in sicurezza, le vetrate, mobili e le opere d'arte messe in salvo, ci sono però le macerie da ripulire sulle volte, che sono in stato che rimane particolarmente inquietante. 
Per garantire la stabilità della navata, nelle prossime settimane verranno installati dei tiranti. 
Quindi, sarà necessario ispezionare pazientemente ogni pietra per sapere quale sia stata colpita dal calore del fuoco e dagli idranti dei pompieri. 

Realismo

Un'altra preoccupazione: l'impalcatura che era stata installata attorno alla guglia molto prima dell'incendio per i lavori di riparazione [da dove sarebbe partito l'incendio? Senza risposta] "per fortuna ha resistito alle fiamme". 
La sua caduta sarebbe stata davvero devastante. 
Il pericoloso smantellamento di questo gigantesco mikado, le cui barre sono state letteralmente saldate dal fuoco, inizierà "entro la fine dell'anno" e chiederà "tra quattro e sei mesi". Pazienza.  

Addio 2024, seppellito il concorso della flèche???

Dopo, e soltanto dopo, la messa in sicurezza dell'edificio [così entro la primavera], sarà possibile prevedere un piano d'azione e discutere i vari possibili pregiudizi del restauro di Notre-Dame e degli edifici annessi.
Ovviamente consultandosi con la diocesi e la città di Parigi, e nel rispetto delle responsabilità di ciascuno: l'architetto capo che raccomanda i lavori, il Drac (Il Ministero della Cultura francese N.d.R.) che convalida e firma le autorizzazioni, l'istituzione pubblica che garantisce il controllo di lavoro, tutto sotto la tutela della direzione del Patrimonio, "elenca cautamente il ministro, che non vorrebbe dimenticare nessuno, ed evoca ancora parigini, cattolici, turisti, il mondo ...Ecumenismo. "Non vogliamo rimanere bloccati in un calendario che farebbe inutilmente pressione sulle aziende" - ha detto -Franck Riester 
D'altra parte, Franck Riester non pronuncerà mai il mantra dei "Giochi olimpici", il momento simbolico evocato da Emmanuel Macron in modo che la cattedrale, "ancora più bella", venga restituita a milioni di visitatori. 
Per non contraddire il Presidente il ministro ha concordato a malapena "la data del 2024 come ambizione per un restauro a buon ritmo ma soprattutto di qualità", precisando però: "Non vogliamo essere bloccati con un calendario che sarebbe inutilmente fare pressione sulle aziende". 
Per quanto riguarda il "concorso di architettura per la ricostruzione della flèche ", il politico ha annunciato che quell'ipotesi era stata ventilata " a caldo" dal Primo Ministro subito dopo l'incendio ma poi era rimasta "lettera morta" con tanto di bocche cucite.
Rispondendo ad una domanda specifica di un giornalista  Franck Riester ha accennato con una certa riluttanza la possibilità di un "concorso di architettura" preferendo invece un "processo di consultazione per questo progetto titanico ". 

Umiltà. 
"Costruire utile", come dice il disegno di Séchas. (immagine 2 N.d.R.)
Rimangono i nervi della guerra: "Le donazioni e le promesse oggi ammontano a 922 milioni di euro, di cui 104 milioni sono già stati pagati", annuncia il ministro, il quale ritiene normale che i patroni possano scaglionare le loro donazioni  a seconda dell'avanzamento dei lavori. Il lavoro di consolidamento e sicurezza è già quotato  37 milioni e dovrebbe costarne circa 30 in più. E se i donatori fallissero? Grido di cuore: "Lo stato assumerà. Non lasceremo Notre-Dame in bilico ..." 


Responsabilità

Mentre aspettiamo che Notre Dame venga restaurata / ricostruita / modernizzata (gratta l'inutile scritto), diamo un'occhiata al punto cruciale di 44 artisti colpiti dal suo fuoco. 
Come Hervé Di Rosa o Alain Séchas, che illustrano questo articolo. ( immagine 1 e immagine  2 N.d.R)
Come l'architetto Rudy Ricciotti, che propone di "riabilitare Viollet-le-Duc come Giovanna d'Arco o Capitano Dreyfuss" oppure Claude Lévèque, sempre punk, che, sotto l'immagine di un portacenere traboccante, sentenzia: "Che la cattedrale rimanga così com'è: in rovina. "  

Le conseguenze della negligenza sono incalcolabili. 

Uno standard di circuiti elettrici incontrollati , la sorveglianza umana ridotta  (uno solo vigila  anziché due ed un solo è arrivato), un sistema di rilevamento potenzialmente confuso ... 
Il risparmio di un già consumato mozzicone di candela (una piccola gestione contabile) e la mancanza di un rigoroso monitoraggio dell'eredità hanno superato, in poche ore, un gioiello risalente a diversi secoli. 
Straziante. 



Fonte : Sortir Grande Paris QUI








Immagine 1 : L'incendio di Notre Dame interpretato dall'Artista Hervé Di Rosa, Editions Jannink 2019  

Immagine 2: "Construire utile" disegno di Séchas  

Link (citato) delle immagini 1 e 2 QUI



Il significativo video pubblicato dalla "Cattedrale di Parigi"



1 commento:

  1. Ma scusate all'efficienza e il decisionismo del super presidente Macron ha preso il sopravvento la realtà della situazione? Evidentemente le organizzazioni laiciste non vogliono che la cattedrale sia restaurata...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.