venerdì 11 ottobre 2019

Don Marino Neri: "Libri. Conferenze di Vita Spirituale"

Da Campari e de Maistre la recensione della nuova fatica libraria dell'amico don Marino Neri.
Buona lettura per i nostri lettori.
Luigi

di Francesco Filipazzi
Nella Chiesa attuale, per lo meno quella mediaticamente esposta e visibile, termini come spiritualità e mistica sembrano ormai desueti e privi di interesse. Fra sacerdoti iperattivi e vescovi esuberanti, il vero Messaggio è ormai annacquato. La preghiera, il rapporto con Gesù, il culto, non vanno di moda, eppure resistono molti consacrati che si spendono per mantenere la vita di fede propria e di coloro che la Provvidenza ha affidato loro.
In "Conferenze di Vita Spirituale", don Marino Neri risponde all'esigenza, manifestata da molti cattolici, di ripartire dall'inizio nella costruzione di una vita interiore. Nel volume vengono presentate le coordinate per iniziare un viaggio verso la vita "vera", che non è quella degli affanni terreni ma quella delle gioie celesti.
Aiutato da santi come Santa Caterina e San Giovanni della Croce, l'autore mette in chiaro la necessità di alcuni passaggi fondamentali che vanno a comporre un cammino, per così dire, iniziatico, fatto di impegno e rinunce, abnegazione e pericoli.
La vita di ogni cattolico, sembra dire Don Neri, è tutto sommato assimilabile a quella degli apostoli, San Pietro in primis e ogni punto del percorso trova un riscontro nel Vangelo e negli Atti.
Veniamo a sapere che la conversione del Battesimo non è sufficiente, anche se necessaria, per giungere alla visione dell’Eterno e che anzi siamo chiamati ad una continua ricerca, a fare forza su noi stessi, a convertirci giorno per giorno, trovando poi una seconda e anche una terza conversione, le cui spiegazioni lasciamo alla lettura del libro.

Alla conclusione, veniamo avvertiti, non si pensi di aver concluso un percorso, anzi. Il testo ha il preciso scopo di stimolare l’intrapresa di un viaggio verso la contemplazione e l’approfondimento delle opere dei santi citati sarà sicuramente una prosecuzione consona del percorso che porterà ad un avvicinamento a Dio.
Queste Conferenze hanno il pregio di porre i termini del discorso in modo chiaro, mantenendo fermamente al centro Gesù Cristo e gli Apostoli. La nostra vita spirituale, deve necessariamente affondare oltre che nel Vangelo, nelle vicende umane di coloro che hanno seguito il Maestro, cioè nella Chiesa delle origini, tante volte citata per altri motivi meno nobili.

Il libro è dunque un invito a curare e coltivare una vita interiore, nonostante gli affanni e le follie dei tempi moderni, le piccole e grandi tentazioni di tutti i giorni, i vizi e le pulsioni negative. Da apprezzare soprattutto la massima che fa da filo conduttore, secondo cui "nella vita spirituale, chi non va avanti, va indietro". Bisogna insomma stare in guardia, perché non esiste, in questo ambito, possibilità di tirarsi indietro.