giovedì 12 settembre 2019

Ora è davvero troppo! Napoli: la Basilica di San Giovanni concessa al Partito Radicale per il loro congresso Transnazionale. I nuovi padroni della società e della Chiesa.




Per la festa di Ognissanti 2019 il Parroco che officia la Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli sarà probabilmente costretto a celebrare la Santa Messa altrove, chissà pure all'aperto sotto un gazebo, perchè la Basilica è stata "affittata", a sua insaputa e dei parrocchiani, ai responsabili del Partito Radicale che vi terranno per tre giorni il loro   Congresso Transnazionale. (leggi sotto)
Ecco i nuovi padroni della società e della Chiesa, FAVORITI e acclamati dai vertici della Chiesa e loro accoliti .... quel che sta accadendo nelle chiese di Napoli e di altre parti d'Italia e del mondo  è veramente TROPPO!  
Nella convulsa sequela delle continue, aberranti profanazioni e danneggiamenti  delle chiese cristiane  si vedono indistintamente gli artigli del diavolo! 
Le parole ormai non sono più sufficienti: urge la mobilitazione porta a porta dei cattolici a difesa delle chiese , dei simboli e dell'identità cristiana!
AC 

Leggi sotto AGGIORNAMENTO


Ora è troppo: basilica ostaggio dei Radicali a congresso  

Ancora Napoli, ancora una profanazione. (Leggi MiL QUI N.d.R.
Il partito Radicale celebra il suo congresso nell'antica basilica di San Giovanni nel giorno di Ognissanti. 
Ad aprire il tempio al partito che più di ogni altro ha combattuto la fede, la morale e il sentimento cattolico degli italiani, una fondazione privata che lo affitta in accordo con la diocesi per eventi. Il segretario radicale: «Il ricavato va al restauro». 
Il parroco "ostaggio" - come il precedente - non ne sapeva nulla: «Ora basta, non posso
neanche organizzare un'adorazione eucaristica. Il vescovo Sepe ristabilisca il culto». 
Il restauro, in realtà, è già stato pagato, ma la fondazione non ne parla. 
Ecco che cosa abbiamo scoperto. 

di Andrea Zambrano 

Se un giorno dovessimo assistere alla beatificazione di Marco Pannella, il Partito Radicale avrà già pronta la chiesa. 
Anzi, la basilica. 
Si chiama San Giovanni Maggiore ed è la chiesa napoletana dove il Partito Radicale ha deciso di svolgere il suo Congresso nazionale. 
I radicali a congresso in una chiesa? 
Sì, il titolo è questo, ma per capire i contorni di questa notizia bisogna scendere a Napoli. Precisamente nella zona universitaria dove, appena dietro la Federico II sorge l’antica Basilica di San Giovanni Maggiore, scrigno del barocco partenopeo che mescola sapientemente la magnificenza architettonica del sacro e la mitologia locale. 
E’ qui che, infatti, secondo la tradizione sarebbe sepolta la ninfa Partenope, progenitrice della città. 
Ed è dunque qui che il Partito Radicale Transnazionale celebrerà il suo Congresso. Domenica scorsa, Maurizio Turco, il segretario nazionale del partito di Pannella e della Bonino, ha annunciato che la tradizionale assise si svolgerà dal 31 ottobre al 2 novembre e avrà come ordine del giorno varie tematiche: le proposte di legge su amnistia e indulto, la responsabilità civile dei magistrati, la lottizzazione della Rai, la tenuta in vita di Radio Radicale, la chiusura dei carceri minorili con la partecipazione di don Ettore Cannavera e - persino - la somministrazione controllata di eroina ai tossici refrattari. 
Tutte tematiche tipiche del “credo” radicale. 
Solo che stavolta a destare qualche imbarazzo è la location: una basilica cattolica aperta al culto. 
Anzi, restaurata e ritornata al culto da pochi anni. 
Possibile? 
Il partito che ha fatto più di tutti dell’anticlericalismo e della violazione dei principi cattolici la sua bandiera, in una chiesa? 
Il partito che ha introdotto l’aborto in Italia, che vuole lo spinello libero, che sta lottando tenacemente per introdurre l’eutanasia nel nostro Paese, accanto al tabernacolo? 
Ma l’arcivescovo lo sa? 
E chi ha concesso le chiavi? 
Deve esserci un errore, sicuramente. 
Però, che non si sia trattato di un abbaglio lo dimostra il fatto che la newsletter del partito che annuncia l’assise, reca proprio in bella vista la foto della chiesa scaricata da Google. Deve esserci sotto qualcosa allora, qualcosa di ancor più misterioso della vicenda di Portosalvo raccontata alcuni giorni fa e la Nuova BQ, in questa concatenazione sorprendente di scoperte, ha cercato di documentarlo mettendo in fila la cose. 
Anzitutto chiamando don Eduardo Parlato, responsabile diocesano dei beni culturali: «I Radicali in chiesa? Impossibile», ci risponde. 
Insistiamo: «Guardi che lo hanno annunciato loro»; «Le ripeto che è impossibile, il vescovo dovrebbe essere sicuramente informato», ribatte. 
Cerchiamo dunque il parroco, anche se la chiesa non è più parrocchia, ma è retta canonicamente da un anno da don Salvatore Giuliano che vi dice messa.  

AL TELEFONO COI RADICALI 

Mentre rincorriamo il sacerdote rintracciamo il segretario nazionale del partito. 
Ed è proprio da Maurizio Turco che capiamo i contorni della vicenda. «Un congresso di partito in una chiesa?», chiediamo. «In una basilica!», ci risponde. 
«L’abbiamo noleggiata dalla Fondazione degli Ingegneri di Napoli - prosegue -. 
Il nostro desiderio era di fare il congresso a Napoli e tra le varie sale che ci sono state proposte abbiamo scelto questa». 
Ma il prezzo di noleggio? 
«Lo chieda alla fondazione, però si badi: va tutto per il restauro della chiesa, così ci hanno detto, non c’è alcun scopo di lucro, così ci hanno detto». 
Ecco un altro caso di carità pelosa: con la scusa del restauro, tutto sembra lecito. 
Anche la violazione delle più elementari regole del sacro. 
Alle nostre - comprensibili - obiezioni Turco non sembra per nulla scandalizzato. 
«E che male c’è? Durante la settimana la chiesa non è aperta al culto, vi si dice Messa solo alla domenica». 
Osserviamo che non è possibile sottrarre al culto una chiesa solo temporaneamente, con l’agenda in mano, del tipo: oggi pilates, martedì taglio e cucito e domenica i vespri. 
E contestiamo che è un po’ insolito che un partito celebri un appuntamento politico in un tempio. 
«Se è per questo al nostro interno abbiamo anche un sacerdote». 
Chi? 
«E’ don Ettore Cannavera, che è membro del consiglio generale del partito radicale». 
Addirittura…ribadiamo che un sacerdote non può avere incarichi di partito. 
Ci replica che per quanto gli riguarda si può.  

UN PARROCO "IN OSTAGGIO" 

Salutiamo Turco e rintracciamo don Salvatore che per poco non sbianca: «Il partito…?»; «Radicale, reverendo…Radicale». 
Anche don Salvatore si mostra stupito, poi la sua voce si fa via via più grave: «Mi perdoni, ma stavolta è stato oltrepassato il limite». 


Il reverendo ci racconta così la dolorosa historia di una chiesa che è stata restaurata perché ritornasse al culto, ma è stata data gestione alla Fibart, la Fondazione Ingegneri Beni Culturali Arte e Tecnologia che ha ricevuto dalla Curia di Napoli in comodato d’uso la Basilica. 
Veniamo a sapere anzitutto che il congresso radicale non è stato concordato né annunciato al sacerdote, come dovrebbe essere da accordi, ma come non accade per il resto neppure per tutti gli altri eventi. 
E che «è impossibile che i soldi dell’affitto vadano al restauro per il semplice fatto che questa chiesa è stata già restaurata per 3 milioni di euro con i soldi della Sovrintendenza».  


Nel frattempo però gli eventi si sono sprecati. 

Su internet si trovano ancora le polemiche per il concerto di Patti Smith nel 2014 e per la mostra su Van Gogh. 
Il predecessore di don Salvatore infatti, un anno fa diede le dimissioni perché la mostra sul pittore fiammingo venne prolungata di sei mesi all’insaputa del sacerdote che così non sapeva più come dire Messa. 
Don Salvatore in questi mesi ha provato a far notare che l’occupazione della chiesa nelle mani di una fondazione crea grossi problemi anche di pastorale: «Ho provato a fare l’adorazione eucaristica notturna - ci ha detto - perché questa è una zona di movida giovanile, ma non posso programmare nulla perché devo chiedere praticamente io il permesso alla Fondazione che gestisce la chiesa tutta la settimana e mi lascia dire messa solo alla domenica. Tra l’altro, io la Messa di Ognissanti il 1 novembre la dirò, il Partito Radicale dovrà andarsene. Ora avverto il vescovo. Questo fatto è la goccia che fa traboccare il vaso: la chiesa deve ritornare al culto permanentemente». 
Don Salvatore quindi sembra essere una vittima di questa “occupazione”, portata avanti da anni - come è il caso di tante altre chiese partenopee - col beneplacito di sua eccellenza il Cardinal Crescenzio Sepe. 
Ma che cosa dicono gli ingegneri? 
Rintracciamo il responsabile dell’associazione. «Abbiamo concordato con Radio Radicale per tre giorni - ci spiega l’ingegner Luigi Vinci - e avvertito la curia. E’ tutto regolare. Come? … il restauro? Vabbè … ma cos’è questo interrogatorio? Non ho nient’altro da dire. Saluti». 


Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana QUI

AGGIORNAMENTO DALLA NUOVA BUSSOLA QUOTIDIANA "che ha seguito per prima questa vicenda, sta dalla parte di don Salvatore e mette a disposizione la fortunata campagna #salviamolechiese per la causa. Scrivete a redazione@lanuovabq.it per sostenere don Salvatore, chiedere al vescovo Sepe di annullare immediatamente il congresso dei Radicali in chiesa e stralciare il concordato con la Fondazione che, come abbiamo visto, porta soltanto a un business che umilia il sacro."   QUI

Leggere anche "Ci penserà San Gennaro a fare giustizia" QUI

Immagine: Le strategie del demonio QUI


Aderiamo alla campagna della Nuova BQ #salviamolechiese. Mostre, balletti da stadio e persino un maialino cotto in cattedrale. Continuate a segnalarci abusi e utilizzi impropri del tempio di Dio a:  redazione@lanuovabq.it

10 commenti:

  1. Immagine delle due mani azzeccatissima! Dice tutto!!! Tutto il resto è chiacchiera!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo ma anche "tutto il resto..." è inquietante!

      Elimina
    2. Certissimamente inquietante, ma anche chiacchiera finché il contrastare l'invasione degli assatanati resterà confinato nella dialettica parlata o scritta che sia, e che per di più viene ingoiata dal bergogliano silenzio.

      Elimina
  2. non metuens verbum13 settembre 2019 05:48

    Da parecchio tempo non ci passavo davanti, ma ieri ho scoperto con raccapriccio che sulla facciata della Scala Santa, coprendo completamente tutta la superficie esterna del Sancta Sanctorum "Non est in toto sanctior orbe locus", di fronte all’ Arcibasilica lateranense, Omnium Urbis et Orbis ecclesiarum Caput et Mater, splende un enorme pannello pubblicitario (oggi di uno smartphone, ieri e domani altre cose ?).
    D’accordo, sono in corso restauri, ... ma vi pare normale ?
    Giulio G.

    PS mentre passavo sul sagrato, vedevo un giovane Passionista che si faceva allegramente i selfies in compagnia, e un altro Passionista maturo che seduto in compagnia al tavolino di un bar leccava un cono gelato. Cose lecite lecitissime, per carità, ma che con la storia dei Passionisti e con il luogo specialissimo e con il ministero ivi affidato loro, le ho sentite piuttosto stridenti.

    RispondiElimina
  3. Singolare la coincidenza del congresso radicale con la festa satanica di Halloween...
    Altro che fumo di Satana entrato da una fessura nel Tempio di Dio... Ormai le porte sono spalancate per fiamme dell'inferno e demoni tutti!!!

    RispondiElimina
  4. IMPORTANTE : La Nuova BQ, che ha seguito per prima questa vicenda, sta dalla parte di don Salvatore e mette a disposizione la fortunata campagna #salviamolechiese per la causa. Scrivete a redazione@lanuovabq.it per sostenere don Salvatore, chiedere al vescovo Sepe di annullare immediatamente il congresso dei Radicali in chiesa e stralciare il concordato con la Fondazione che, come abbiamo visto, porta soltanto a un business che umilia il sacro.

    RispondiElimina
  5. Adesso chiederò la disponibilità della chiesa per fare il bunga bunga così di soldini per il restauro ne entreranno a palate. ...... Dobbiamo internare questi pazzi prima che vendano all'asta San Gennaro.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.