venerdì 30 agosto 2019

Mons.Aupetit "Maria è il futuro dell'uomo perché la sua Assunzione realizza la nostra vocazione"




Abbiamo descritto la grande manifestazione di fede dei parigini nella Solennità dell'Assunzione di Maria Santissima: "Miracle à Paris": la grande processione dell'Assunta e del "voto" di Luigi XIII da Notre-Dame a Saint-Sulpice" ... fuori dalla Cattedrale ferita di Notre-Dame... con la Statua della Vergine donata dal Re Carlo X , quest'anno ha preso una nuova strada estremamente importante per i cristiani: a Saint-Sulpice l'Arcivescovo di Parigi Mons. Michel Aupetit dopo la solenne Messa di chiusura del pellegrinaggio ha ri-consacrato la Francia alla Beata Vergine Maria alla presenza orante dei moltissimi fedeli presenti."  
( QUI )
Questa è la stupenda Omelia dell'Arcivescovo di Parigi. 
AC 

"La Donna è il futuro dell'uomo"   

Omelia 

di S.E.R. Mons. Michel Aupetit 
Arcivescovo Metropolita di Parigi 
 al solenne Pontificale 
della Solennità dell'Assunzione di Maria Vergine 
Parigi.  Chiesa di Saint-Sulpice
Giovedì 15 agosto 2019 



Ap 11, 19a et 12,1-6a.10ab ; Ps 44, 11-16 ; 1 Co 15,20-27a ; Lc 1, 39-56 

Conoscete la canzone di Jean Ferrat, che cita Aragon: "La donna è il futuro dell'uomo". 
( QUI N.d.R.
Ma chi è questa donna? 

Oggi, celebrando Maria, celebriamo il nostro futuro. 
Perché Maria salì in Paradiso con il suo corpo e la sua anima. 
Anche noi andremo a Dio con tutto il nostro essere, corpo e anima. 
L'apostolo Paolo ci dice: "Quando Cristo ritornerà, gli uomini risorgeranno. Tutti riceveranno la vita "(1 Cor 15). 

La nostra anima spirituale, creata direttamente da Dio, ci consente quaggiù di entrare in relazione con Lui. 

Nell'ora della nostra morte, sarà messa alla presenza di colui che l'ha creata per amore. 
Il nostro corpo ci permette di relazionarci l'un l'altro. 
Per effetto dell'Incarnazione del Figlio di Dio, anche il nostro corpo entra in relazione con Dio. 
Gesù lo nutre con l'Eucaristia. 
Inoltre, per la pienezza dei tempi, quando Cristo ritornerà, il nostro corpo risorgerà come Gesù. 
Il nostro corpo non è destinato ad andare in fumo in un forno crematorio, né di essere corroso dai vermi. 
Il nostro corpo, che ha sopportato ed ha espresso la nostra vita e si unirà alla comunione dell'amore in Dio vale a dire alla Trinità in cui l'umanità della Parola è presente dall'Ascensione di Gesù alla destra del Padre. 

Man mano che il corpo di Gesù ascendeva con le sue ferite, il nostro corpo, danneggiato, ferito dal peccato, dalla malattia, dalla vecchiaia, verrà trasfigurato. 

Maria è il futuro dell'uomo perché la sua Assunzione realizza la nostra vocazione. 

Ci ha preceduto in tutto: 
- Accoglie la Parola di Dio: ( anche noi ) accogliamo la carne di Cristo nell'Eucaristia. 

- Ella dà il suo "sì" liberamente: ( anche noi ) dovremo entrare nella libertà che ci dà di seguire Cristo.

- Fa una domanda che non è un dubbio: ( anche noi ) dobbiamo anche formare la nostra intelligenza. 

- Stabilisce un atto di fede: ( anche noi ) dovremo farlo come lei. 

Ma soprattutto, ( Maria) si lascia forgiare nell' amore. 

Dio ci ha creati per l'amore e la vocazione dell'uomo è l'amore. 

È questa semplice carità che la spinge verso Elisabetta e la fa andare oltre le domande della sua stessa gravidanza per servirla. 

Questo amore "come Gesù" gli dà l'amore come Dio. Si irradia, si diffonde, è contagioso. "Te l'ho detto perché la mia gioia sia in te e la tua gioia sia perfetta" (Gv 15, 11), dice il Signore. 


Questa è la gioia di Maria manifestata nel suo Magnificat

 + Michel AUPETIT, arcivescovo di Parigi.




Fonte: Arcidiocesi di Parigi QUI

Foto ( e video) Paris catholique QUI