mercoledì 17 luglio 2019

Vittorio Sgarbi, l'arte sacra e Papa Francesco

In data 7 giugno u.s., a Reggio Emilia in piazza Prampolini davanti alla Cattedrale, si è tenuto il comizio finale in occasione del ballottaggio per l'elezione del sindaco (vinto poi dal centro-sinistra).al quale ha partecipato l'on. Vittorio Sgarbi.
Sgarbi, con l'irruenza ormai nota, non si è limitato ad un appello elettorale a favore del candidato sindaco del centrodestra, ma ne ha approfittato per svolgere alcune considerazioni sull'attuale pontificato e dal punto di vista artistico anche sugli osceni restauri effettuati nel duomo di Reggio Emilia all'epoca di Mons. Adriano Caprioli.
Le parole del politico hanno suscitato una ridda di polemiche, a seguito delle quali, lo stesso Sgarbi ha risposto con una lunga lettera della quale pubblichiamo la foto (purtroppo non è possibile inserire il link in quanto il sito della Gazzetta di Reggio Emilia è a pagamento) e di cui condividiamo i contenuti. 
Non condividiamo, per nulla, invece le considerazione dell'architetto modernista che ha scritto, sempre sulla Gazzetta di Reggio Emilia, una risposta a Sgarbi tentando, penosamente, di difendere l'indifendibile. 
Anche di questa lettera pubblichiamo la foto.
Luigi