mercoledì 10 luglio 2019

Csaba Ozsvári "maestro del sacro" e la Croce Missionaria con le Reliquie dei Santi

Sono trascorsi dieci anni dalla morte di un giovane Artista della terra di Ungheria che giustamente ha concepito l'arte sacra nel modo "tradizionale" seguendo cioè l'insegnamento della Chiesa e le giuste raccomandazioni dell'allora Papa Benedetto XVI. 
La religiosità popolare dice che "il Signore chiama a Se' prematuramente i  figli più buoni per preservarli dal dolore del tempo presente e per farli godere della Sua gloria".
Grati del dono di avere avuto un così significativo punto di riferimento spirituale e artistico alcune comunità in Ungheria stanno pregando affinchè venga aperta la  causa di beatificazione di Csaba Ozsvári, Artista del Sacro, e padre di famiglia esemplare. Come Artista ha ripetutamente espresso il suo desiderio di servire solo Dio perchè amava con amore inesauribile la Chiesa e pregava ogni giorno  per i Sacerdoti.
AC  

Amava la Chiesa: dieci anni fa il pio transito 
di Csaba Ozsvári maestro del sacro  

di Márk Aurél Érszegi 

Uno dei simboli del Congresso Eucaristico Internazionale di Budapest, la “Croce Missionaria” è in viaggio per le diocesi e le comunità ecclesiali dell’Europa Centrale come segno e richiamo. 
Benedetta da Papa Francesco nel 2017, la Croce reca tra gli ornamenti in stile ungherese
arcaico delle piccole teche con le Reliquie di diversi Santi della regione. 
Ma la Croce stessa potrebbe essere ritenuta una reliquia in se'. 
È infatti, opera dell’orafo ungherese, Csaba Ozsvári, membro dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro e del Movimento Ungherese di Schönstatt (link sotto N.d.R.), che dieci anni fa, il 9 luglio 2009, tornava alla casa del Padre in fama di santità. 
La morte improvvisa (per arresto cardiaco) di questo padre di famiglia esemplare, avvenuta dopo una Santa Messa devotamente partecipata, è stata vissuta dalla sua comunità come un segno. 
Ma è stata tutta la Chiesa ungherese ad essere molto toccata dalla scomparsa di questo laico impegnato, uno dei massimi esponenti dell’arte sacra contemporanea ungherese. 
Sin dagli inizi della sua carriera Ozsvári aveva, infatti, lavorato soprattutto per committenze ecclesiastiche, con uno stile originale che rifletteva, anzi rendeva tangibile, il sacro. 
Nato nel 1963, Ozsvári ha voluto espressamente dedicarsi all’arte sacra negli anni del regime comunista, quando ciò non era per niente ben vista, al massimo tollerata. 


Ozsvári però ha voluto coraggiosamente mettere il proprio talento al servizio di Dio: „l’arte sacra è una peculiare forma di evangelizzazione”, diceva. In una conferenza affermò che, sulla scia dei documenti del Concilio Vaticano II, l’arte sacra serve per elevare l’anima a Dio. 
Era molto preoccupato perciò dello stato dell’arte sacra contemporanea
Per Ozsvári lo sviluppo della propria arte coincideva con un’esperienza del Dio Creatore sempre più piena, e le sue opere divenivano espressioni di tale esperienza sempre più profonda. Scriveva di lui uno dei suoi più prestigiosi committenti, il Card. Karl-Josef Rauber: “Non ha voluto cedere alle tendenze individualiste e troppo moderne, le sue opere hanno invece seguito in tutto la viva tradizione dell’arte sacra. Così pure la sua vita di preghiera, tutto il suo atteggiamento, la sua vita familiare mi hanno convinto che egli ha guidato la sua famiglia del tutto secondo la volontà di Dio, ed è stato un bravissimo padre di famiglia e un marito esemplare.” (cfr. „Vértanúink-Hitvallóink”, rivista della Fondazione Mindszenty, N. XXI/3.).
Il Cardinale Rauber, già nunzio a Budapest, afferma inoltre di pregare ogni giorno per Csaba Ozsvári, anzi, di chiedere la sua intercessione: “Sono convinto che la beatificazione di questo padre di famiglia sarebbe di enorme aiuto alla Chiesa in Ungheria come pure a molte famiglie europee. Sono convinto che il suo esempio di vita sarebbe una benedizione per ogni famiglia cattolica”. 

Amava la Chiesa, e questo amore Ozsvári lo sapeva trasmettere con la sua persona e con i suoi oggetti sacri che tuttora alimentano e sostengono la fede dei sacerdoti e dei fedeli. 

Praticamente tutte le diocesi ungheresi, come pure la Nunziatura di Budapest, ne possiedono qualche opera, soprattutto delle suppellettili sacre. 
Diversi sono poi i tabernacoli, le croci pettorali e gli anelli vescovili, nonché i calici che si trovano all’estero. 

In Vaticano spesso durante la Veglia Pasquale si utilizza il prezioso evangeliario, realizzato da Csaba Ozsvári, dono della Conferenza Episcopale Ungherese a San Giovanni Paolo II nel 1991. 
L'evangeliario preparato per Giovanni Paolo II con la Vergine Maria Patrona Hungariae Anche in altre occasioni aveva preparato dei regali per il papa. 
Nel 1997 il suo Vir Dolorum è stato donato a Pappa Giovanni Paolo II, mentre durante la visita ad limina del 2008 la Conferenza Episcopale Ungherese ha regalato a Papa Benedetto XVI un suo calice. 
Ancora nel 1998, invece, era stato sempre Ozsvári a preparare una croce pettorale ed un anello per l’allora Card. Joseph Ratzinger, in occasione del conferimento del premio teologico Stephanus al futuro pontefice. 

È stata per la missione cittadina del 2007, cui Budapest aveva partecipato assieme ad altre metropoli europee, che Ozsvári ha preparato la grande Croce Missionaria , ora ripresa per il Congresso Eucaristico Internazionale. (Video sotto N.d.R.)


Poco prima della sua morte, nell’aprile 2009, Csaba Ozsvári è stato ricevuto, assieme alla famiglia, da Papa Benedetto XVI, cui ha regalato la copia del crocifisso, da lui stesso realizzato per la cappella della comunità ungherese di Schönstatt. 
La morte lo ha colto proprio accanto a quella cappella, in un piccolissimo ma affascinante villaggio, Óbudavár, sorto non lontano dal Lago Balaton. 

È proprio ad Óbudavár che il Movimento Apostolico di Schönstatt (link sotto N.d.R.) ne custodisce la memoria (anche con un libro-ritratto a lui dedicato). 
Ritengono che Dio abbia scelto Csaba Ozsvári per fare della sua vita e della sua arte un esempio per tutta la comunità ecclesiale, affinché potesse aiutare quanti hanno dedicato la propria vita a Dio nel sacramento del matrimonio. 

Il cuore di Csaba Ozsvári si è fermato improvvisamente, all’età di 46 anni, a Óbudavár, dopo la Santa Messa, nella quale aveva offerto la propria vita. 
Le sue opere, nate dalla profondità del suo cuore e famose anche a livello internazionale, nonché la sua vita pura e virtuosa sono portatrici di un importante messaggio. 
Pregava costantemente per i sacerdoti, che sempre onorava per la loro vita devota ed aiutava con tutte le sue energie. 
Il Movimento Ungherese di Schönstatt si prepara a introdurre la causa di beatificazione di Csaba Ozsvári

Fonte: Ambasciata Ungheria presso la Santa Sede QUI

Foto 1: la Croce Missionaria (A Missziós keresztről) uno dei simboli del 52mo Congresso Eucaristico Internazionale che si terrà nella Capitale Magiara QUI 

Il video che illustra la Croce Missionaria  realizzata dal Maestro Csaba Ozsvári 


 

1 commento:

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.