giovedì 30 maggio 2019

Mons. Marconi consacrerà al Cuore Immacolato di Maria la città di Tolentino. La S. Messa nel rito tradizionale del 2 giugno

Per iniziativa dell'associazione  ‘i Viandanti di Maria’, la cui finalità è quella di manifestare pubblicamente la fede invocando l’intercessione della Madonna, dal mese di Febbraio la sera di ogni primo sabato del mese i fedeli si sono ritrovati per le vie del centro storico di Tolentino recitando il Santo Rosario, espressamente dedicato al trionfo del Cuore Immacolato di Maria,  sostando davanti le piccole, bellissime edicole e i dipinti mariani in un suggestivo percorso "devozionale-storico ed artistico" .
Al termine della preghiera i fedeli hanno potuto assistere alla celebrazione prefestiva della santa Messa, celebrata dal Priore della Comunità Apostiniana di San Nicola Padre Giustino Casciano OSA e da don Gianni Compagnucci Parroco della Basilica Concattedrale di San Catervo, chiusa "sine tempore" a causa del sisma del 2016. 
Il Rosario itinerante delle ‘Madonnelle’ si concluderà prima della pausa estiva Sabato 1 giugno nella Basilica di san Nicola,  riaperta al culto nella domenica Gaudete.  
Dopo la Santa Messa  che il Vescovo Diocesano Mons. Nazzareno Marconi, concelebrerà con il Vicario Generale Mons.Andrea Leonesi, la Comunità Agostiniana e i Parroci della Vicaria,  ci sarà la solenne consacrazione e l'affidamento della città di Tolentino al Cuore Immacolato di Maria . (v.locandina)
Tolentino è fra le città che più hanno sofferto a causa del terremoto del 2016 che ha lesionato tantissime case e tutte le chiese infra et extra moenia
Grazie all'intercessione della Santissima Vergine Maria, invocata con il titolo "Madonna
della Tempesta", di San Nicola, Protettore delle Anime Purganti, di San Catervo Martire e di San Vincenzo Maria Strambi Vescovo,  non il sisma non ha fatto vittime a Tolentino anche se la diaspora dei cittadini trasferiti nei centri costieri è purtroppo elevatisssima. 
L'iniziativa del Vescovo Diocesano di consacrare la Città e soprattutto i giovani al Cuore Immacolato di Maria è importantissima: parte integrante del "percorso spirituale" che il Presule sta portando avanti instancabilmente soprattutto dopo il sisma.  
Le parrocchie cittadine o rurali e le comunità piccole e grandi sono state più volte  visitate dal Vescovo per favorire la preghiera e la confermazione nella fede nella docile fedeltà alla Santa Chiesa.
I risultati di tanto fervore spirituale già si  vedono: un incoraggiante aumento delle vocazioni sacerdotali sia per i seminari Pontifici che per quello missionario locale.

***
I fedeli legati alla Santa Messa Tradizionale che viene celebrata nella Chiesa del Sacro Cuore di Tolentino, detta dei "sacconi", restaurata prontamente e messa in sicurezza antisismica nel 2017 dal Governo Ungherese- caso unico in tutto il vasto cratere del terremoto-,  desiderano esternare alla Divina Provvidenza il rendimento di grazie per la Consacrazione della Città di Tolentino al Cuore Immacolato di Maria. 
Domenica 2 giugno 2019 alle ore 17,30 nella Chiesa del Sacro Cuore, centro storico cittadino, sarà celebrata la Santa Messa nel rito tradizionale (disciplinato dal Motu Proprio "Summorum Pontificum") a cui seguirà la Consacrazione del gruppo liturgico (coetus fidelium" al Cuore Immacolato di Maria. 

 Tu sei grazia, Tu sei gioia, Tu sei amore 
Immacolata Vergine Madre

AC


Fonte: Sito della Diocesi di Macerata- Tolentino- Recanati- Cingoli- Treia. QUI