martedì 30 aprile 2019

Sri Lanka: fedeli in ginocchio testimoni della Risurrezione


#SriLanka: Domenica scorsa (28 aprile Domenica in Albis), i cattolici srilankesi, hanno seguito la Santa Messa alla tv, celebrata dal Card. Ranjith, Arcivescovo di Colombo, per paura di una nuova ondata di attentati. (*)

Guardate con quanta fede, e rispetto partecipano alla Santa Messa! 
Il Cristianesimo pur essendo stato dichiarato molte volte estinto, anche questa volta riuscirà a dimostrare la sua origine divina e a rinascere più forte di prima. 
Dalla Passione giungeremo alla Resurrezione, perché dinanzi a Dio, ogni ginocchio si pieghi
nei cieli e sulla terra e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore! 
DonSa
(Facebook)

(*) Le Chiese in tutto lo Sri Lanka restano chiuse per i continui timori di sicurezza 
Tutte le chiese cattoliche dello Sri Lanka sono state chiuse la seconda domenica di Pasqua dopo una serie di attentati uccisi oltre 300 persone alla settimana precedente. 
Il cardinale Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha ordinato le chiusure dopo aver detto di aver visto dei documenti di intelligence trapelati che avvertivano di ulteriori attacchi. 
Le chiese rimarranno chiuse fino a nuovo avviso. 
Il cardinale aveva in precedenza criticato le autorità dello Sri Lanka per non aver agito sull'intelligence straniera dicendo che gli attacchi erano imminenti. 
"Non sapevamo nulla. È stato un fulmine per noi ", ha detto ai giornalisti. "Mi sono sentito tradito un po '. Mi sentivo triste. È una decisione molto seria da parte delle agenzie di sicurezza che non ce ne hanno parlato ", ha aggiunto. 
AP riferisce che molti cattolici sono rimasti a casa e si sono inginocchiati davanti ai loro apparecchi televisivi mentre il cardinale Ranjith pronunciava un'omelia da una piccola cappella nella sua residenza a Colombo. 
"Questo è il momento in cui i nostri cuori sono messi alla prova dalla grande distruzione che ha avuto luogo domenica scorsa", ha detto il cardinale. "Questa è una questione di tempo come: Dio ci ama veramente, ha compassione per noi, può sorgere nei cuori umani". 
 Il presidente Maithripala Sirisena in seguito ha emesso una legge di emergenza che vieta tutti i rivestimenti del viso che oscurano l'identità di una persona, incluso il velo islamico, mentre la polizia continua a reprimere i gruppi militanti. 

Fonte: Catholic Herald QUI