sabato 23 marzo 2019

“Relativismo dottrinale è la maschera di Giuda”. Parla il card. Sarah

“La Chiesa, che dovrebbe essere un luogo di luce, è diventata un covo di tenebre” questa è l'opinione del nostro cardinale sulla situazione della Chiesa di oggi.
Non praevalebunt.
Luigi

Il Timone, Giulia Tanel, 22-3-19
Il cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, ha deciso di «parlare apertamente», rivolgendosi ai «cattolici disorientati» dalla «notte oscura» che sta investendo la Chiesa, «avvolta e accecata dal mistero dell’iniquità».
E lo fa – come riporta LifeSiteNews – nel libro Le soir approche et déjà le jour baisse (La sera si avvicina e già il giorno volge al termine), scritto con Nicolas Diat per le edizioni Fayard e uscito in Francia il 20 marzo, che è «il grido della mia anima! È un grido d’amore per Dio e per i miei fratelli», perché è solo una la verità che salva e ogni pastore sarebbe chiamato a proclamarla al suo gregge. L’enorme piaga degli abusi sessuali che ha investito la Chiesa pone infatti in evidenza come – citando Paolo VI – il «fumo di Satana» abbia invaso la Chiesa dal suo interno per opera di «traditori» che sono diventati «agenti del Male» e «hanno umiliato l’immagine di Cristo presente in ogni bambino» e tradito tanti sacerdoti fedeli.

Dalla crisi spirituale e l’attivismo sociale al ritorno alla preghiera

Per Sarah «la crisi che il clero, la Chiesa e il mondo stanno attraversando è radicalmente una crisi spirituale, una crisi di fede». Il problema di fondo è infatti che «abbiamo abbandonato la preghiera», che «è il sangue che può irrigare il cuore della Chiesa», mentre, di contro, «il male dell’attivismo efficiente si è infiltrato ovunque». Ma, ammonisce il cardinale, «Colui che non prega ha già tradito. È già pronto per ogni compromesso con il mondo. Cammina sui gradini di Giuda».
Fedeltà alla dottrina, contro il relativismo

Oltre alla constatazione che molti ecclesiastici hanno «una vita interiore anemica», un’altra spiegazione circa l’origine del dilagare dello scandalo degli abusi sessuali – che peraltro Sarah afferma essere veri solo per una minoranza di consacrati, mentre molti sono i servi leali, gioiosi e santi del Signore – la si ritrova nel fatto che è stata abbandonata la dottrina cattolica, il che ha causato una confusione tale che persino «le conferenze episcopali si contraddicono a vicenda». «La dottrina cattolica è sfidata», scrive Sarah, «e in nome di sedicenti posizioni intellettuali, i teologi si divertono a decostruire il dogma e a svuotare la morale del loro profondo significato. Il relativismo è la maschera di Giuda travestita da intellettuale». Ed è proprio qui che si insinuano le cadute di tanti consacrati, abbagliati da istanze rivoluzionarie e in rottura con il passato, portate avanti da falsi profeti. Eppure, «l’unità della fede suppone l’unità del magistero nello spazio e nel tempo», anche se essere fedeli alla Verità non è facile perché implica di «accettare la Croce».
Amore per la Chiesa e per Pietro

Sarah pone quindi l’attenzione su un dubbio tentatore si può insinuare nelle anime dei fedeli: se è pur vero che il diavolo opera affinché la Chiesa venga vista come «una organizzazione umana in crisi», va ricordato che «la Chiesa non tradisce. La Chiesa, piena di peccatori, è in se stessa senza peccato. Ci sarà sempre abbastanza luce in lei per coloro che cercano Dio».


La Fede quotidiana, Michele M. Ippolito, 18-3-19
E’ in uscita in Francia il nuovo libro del cardinale Robert Sarah dal titolo “Le soir approche et déjà le jour baisse”, scritto con Nicolas Diat per le edizioni Fayard.

Nel libro il cardinale Sarah apre la sua anima per affrontare la terribile crisi che la Chiesa soffre e scrive: “non voglio intorpidirvi con parole rassicuranti e ingannevoli. Non sto cercando il successo o la popolarità. Questo libro è il grido della mia anima! È un grido d’amore per Dio e per i miei fratelli”.

Sul blog Dominus Est sono  comparse le prime anticipazioni del contenuto di qualche pagina del libro.

“I sacerdoti di tutto il mondo si sono sentiti umiliati e traditi da così tante abominazioni. Dopo Gesù, la Chiesa vive il mistero della flagellazione. Il suo corpo è lacerato. Chi sono i battitori? Quelli che dovrebbero amarlo e proteggerlo! “… La crisi vissuta dal clero, dalla Chiesa e dal mondo è radicalmente una crisi spirituale, una crisi di fede. Viviamo il mistero dell’iniquità, il mistero del tradimento, il mistero di Giuda”.

“Di fronte alla valanga di peccati tra le fila della Chiesa, siamo tentati di voler prendere le cose nelle nostre mani. Siamo tentati di voler purificare la Chiesa con le nostre sole forze. Questo sarebbe un errore. Cosa faremmo? Una partita? Una corrente? Tale è la tentazione più seria: l’orpello della divisione. Con il pretesto di fare del bene, ci dividiamo. Non riformiamo la Chiesa a causa della divisione e dell’odio. Riformiamo la Chiesa iniziando cambiando noi stessi! Non dubitiamo, ciascuno al posto nostro, di denunciare il peccato a partire dal nostro”

“Scusatemi se alcune delle mie parole vi infastidiscono. Non voglio intorpidirvi con parole rassicuranti e ingannevoli. Non sto cercando il successo o la popolarità. Questo libro è il grido della mia anima! È un grido d’amore per Dio e per i miei fratelli. Vi do, cristiani, l’unica verità che salva. La Chiesa muore perché i pastori hanno paura di parlare con tutta la verità e la chiarezza. Abbiamo paura dei media, paura delle opinioni, paura dei nostri fratelli! Il buon pastore dà la vita per le sue pecore”.

Il cardinale Robert Sarah continua:  “Non possiamo stare zitti. I cristiani sono disorientati. Ogni giorno ricevo da ogni parte le richieste di aiuto da parte di coloro che non sanno più a cosa credere. Ogni giorno, ricevo a Roma sacerdoti scoraggiati e feriti. La Chiesa passa attraverso l’esperienza della notte oscura. Il mistero dell’iniquità la circonda e la acceca. Ogni giorno arrivano sempre più terrificanti notizie. Non passa una settimana senza che ci venga rivelato un caso di abuso sessuale. Ognuna di queste rivelazioni lacera i nostri cuori come figli della Chiesa. Come diceva San Paolo VI, il fumo di Satana ci invade. La Chiesa, che dovrebbe essere un luogo di luce, è diventata un covo di tenebre. Questa dovrebbe essere una casa di famiglia sicura e pacifica, e questa è diventata una grotta di ladri! Come possiamo sopportare che i predatori siano stati introdotti tra noi, nei nostri ranghi? Numerosi sacerdoti fedeli si comportano ogni giorno come pastori premurosi, in genitori pieni di dolcezza, con solide guide. Ma certi uomini di Dio sono diventati agenti del Maligno. Questi hanno cercato di profanare l’anima dei piccoli. Hanno umiliato l’immagine di Cristo in ogni bambino”.

Il cardinal Sarah, riflettendo sulla figura di Giuda scrive: “Permettetemi di meditare con te sulla figura di Giuda. Gesù lo aveva chiamato come tutti gli apostoli. Gesù lo amava! Lo aveva mandato ad annunciare la Buona Novella. Ma a poco a poco il dubbio si impadronì del cuore di Giuda. Insensibilmente, iniziò a giudicare l’insegnamento di Gesù. Disse a se stesso: questo Gesù è troppo esigente, inefficace. Giuda voleva portare il Regno di Dio sulla terra, immediatamente, con mezzi umani e secondo i suoi piani personali. Tuttavia, aveva sentito Gesù dirgli: ‘I tuoi pensieri non sono i miei pensieri, né le mie vie sono le mie vie’ (Is 55, 8). Giuda se ne andò nonostante tutto. Non ascoltò più Cristo. Non lo accompagnava più in quelle lunghe notti di silenzio e preghiera. Giuda si è rifugiato negli affari del mondo. Si è occupato del mercato azionario, del denaro e del commercio. Il bugiardo continuava a seguire Cristo, ma non credeva più. Mormorò. Nel pomeriggio del giovedì santo, il Maestro aveva lavato i piedi. Il suo cuore deve essere stato ben indurito per non essere toccato. Il Signore era lì davanti a lui, in ginocchio, servo umiliato, lavando i piedi di colui che doveva liberarlo. Gesù gli ha messo un’ultima volta il suo sguardo pieno di dolcezza e misericordia. Ma il diavolo era già entrato nel cuore di Giuda; Non guardò in basso. Interiormente, deve aver pronunciato la vecchia parola di rivolta: ‘non serviam’, ‘Non servirò’. Durante l’ultima cena, ha comunicato durante il suo progetto.Quella fu la prima comunione sacrilega della storia . E ha tradito. Giuda è per l’eternità il nome del traditore e la sua ombra incombe su di noi oggi. Sì, come lui, abbiamo tradito! Abbiamo abbandonato la preghiera. Il male dell’attivismo efficace si è infiltrato ovunque. Cerchiamo di imitare l’organizzazione di grandi aziende. Dimentichiamo che solo la preghiera è il sangue che può irrigare il cuore della Chiesa. Affermiamo che non abbiamo tempo da perdere. Vogliamo usare quel tempo in utili opere sociali. Colui che non prega più, ha già tradito. Sei pronto per tutti gli impegni verso il mondo. Cammina sul sentiero di Giuda”.

Il cardinale Sarah ha poi rilanciato: “tolleriamo tutte le cause, la dottrina cattolica è messa in discussione. Nel nome di posizioni chiamate intellettuali, i teologi si divertono a decostruire i dogmi, svuotando la morale del loro significato profondo. Il relativismo è la maschera di Giuda travestita da intellettuale. Come essere stupiti quando impariamo che così tanti preti rompono i loro impegni? Relativizza il significato del celibato, rivendichiamo il diritto di avere una vita privata, che è contraria alla missione del sacerdote. Alcuni addirittura chiedono il diritto al comportamento omosessuale. Gli scandali si susseguono, tra i sacerdoti e tra i vescovi. Il mistero di Giuda si estende. Voglio dire a tutti i sacerdoti: Resta forte e retta. Certamente, a causa di alcuni ministri, sarai etichettato come omosessuale. Trascinerà il fango nella Chiesa cattolica. Sarà presentato come se fosse composto interamente da sacerdoti ipocriti e avido di potere. Possa il tuo cuore non essere disturbato. Il Venerdì Santo, Gesù fu accusato di tutti i crimini del mondo e Gerusalemme gridò: ‘Crocifiggilo! Crocifiggilo!’. Nonostante i sondaggi tendenziosi che ti presentano la situazione disastrosa di ecclesiastici irresponsabili con una vita interiore anemica, comandata dallo stesso governo della Chiesa, rimani sereno e sicuro come la Vergine e San Giovanni ai piedi della Croce. I sacerdoti, nonostante la violenza degli attacchi che può subire, la Chiesa non morirà. È la promessa del Signore e la sua parola è infallibile. Non esitare! Tieni ferma la dottrina! Continua la preghiera! Ho voluto questo libro per confortare i cristiani e i fedeli sacerdoti. Il mistero di Giuda, il mistero del tradimento, è un veleno sottile. Il diavolo cerca di farci dubitare della Chiesa. Vuole che lo vediamo come un’organizzazione umana in crisi. Tuttavia, lei è più di questo. Il diavolo ci spinge alla divisione e allo scisma. Il diavolo vuole che crediamo che la Chiesa ha tradito. Ma la Chiesa non tradisce. La Chiesa, piena di peccatori, è senza peccato! Ci sarà sempre abbastanza luce per coloro che cercano Dio. Non essere tentato dall’odio, dalla divisione, dalla manipolazione. Non si tratta di creare un partito, di dirigerci l’uno contro l’altro”.

“Tremo al pensiero che la veste senza cuciture di Cristo rischia di essere di nuovo lacerata. Gesù subì l’agonia vedendo in anticipo le divisioni dei cristiani. Non lo crocifiggiamo di nuovo!”, conclude il cardinale Sarah

2 commenti:

  1. Precisa e completa disamina del benemerito card. Sarah ( ovviamente emarginato !) della situazione attuale della Chiesa cattolica devastata dalla perdita della fede e dall'apostasia, eufemisticamente definita e giustificata dall'Alto " segno dei tempi". E' necessario che questo libro abbia un'ampia diffusione e che non rimanga documento isolato ma seguito da tanti altri di uomini di Chiesa o laici non rassegnati al suo declino. L'Anticristo, evocato nella I di Quaresima, impersonato dall'eresiarca di turno nella storia è penetrato talmente nella Chiesa da possederla, con tanto di laurea in teologia a Tubinga come prevedeva Sololev.

    RispondiElimina
  2. Il Cardinale Sarah invece di scrivere libri farebbe un miglior servizio alla Chiesa se celebrasse apertamente in Rito Tridentino. Vogliamo fatti non parole.....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.