domenica 2 dicembre 2018

Mons.Aupetit : "Vogliamo che Cristo regni nei nostri cuori?" Il cristianesimo si scontra "con questo crescente narcisismo che sta invadendo le società occidentali"

"Come accade ogni anno, l'Arcivescovo di Parigi ha invitato gli studenti di Île-de-France a radunarsi all'inizio del loro anno scolastico. 
Quest' anno, la messa degli studenti è stata celebrata alle 18:30 di giovedì 15 novembre nella Cattedrale di Notre Dame. Cosa c'è di meglio infatti di un tempo di lode e di preghiera in una celebrazione comunitaria in questo anno accademico ? Per il Mons. Michel Aupetit, arcivescovo di Parigi, è "l'occasione per affidare al Signore il nuovo anno accademico, che Egli benedica e sostenere il percorso degli studi di ciascuno." (Cfr.KTO TV QUI
Nella Cattedrale  strapiena di studenti l'Organo magistralmente suonato da un giovanissimo organista e l'orchestra di giovani musicisti  hanno accompagnato i canti eseguendo anche dei scelti brani di musica sacra.
Prima della rinnovazione delle promesse battesimali e della Professione di Fede sono state cantate  le Litanie mentre l'Arcivescovo e i concelebranti pregavano rivolti alla Croce. 
All'Offertorio la Schola ha eseguito il "Sicut cervus" del grande Palestrina.
Una stupenda lezione di dignità e di preghiera!
AC  

Omelia di mons. Michel Aupetit alla Messa nella Cattedrale di Notre-Dame 
agli studenti provenienti da Ile-de-France  

Phm 7-20 ; Ps 145,6-10 ; Lc 17,20-25 
   
Toc, toc, toc ... Bussano alla porta. Apro. Era il 1974 e due persone sul pavimento dell'edificio si avvicinarono a me con una Bibbia: "Sai che l'anno 1975 è designato dalla Bibbia come l'anno della fine del mondo?
Non conoscevo i Testimoni di Geova e la loro propensione a parlarci della fine del mondo. Anche se ancora giovane e disinformati della Sacra Scrittura, sapevo che il Vangelo basta ricordare la frase, "nessuno conosce il giorno né l'ora" (Mt 24, 36). 
E poi anche quello che abbiamo appena ascoltato: "il giorno del Figlio dell'uomo sarà come un lampo che illumina l'orizzonte".

In tutti i tempi, i terribili avvenimenti, guerre, epidemie, calamità naturali, la follia umana e la loro propensione a scegliere il male, la decadenza istituzionalizzata ci portano a tante
speranze per il ritorno di Cristo che si è tentati di pensare che i segni della fine del mondo si stanno manifestando.

Ma non è il disprezzo del mondo che dovrebbe farci sperare nel ritorno trionfale di Gesù. Mentre possiamo anche pensare che il nostro mondo sta andando alla perdizione con il riscaldamento globale, la disgregazione della famiglia, della società individualista ci accorgiamo che le leggi non sono ordinate al bene comune ma sono asservite ai desideri individuali dei più potenti. 
È vero che la società fraterna che Cristo ci ha chiesto di costruire si sta scontrando  con questo crescente narcisismo che sta invadendo le società occidentali. 

Dobbiamo odiare questo mondo? Dovremmo rifiutarlo per cercare delle illusioni altrove? Dovremmo sperare per la fine dei tempi? Dov'è il regno di Dio? 
Nelle fantasticherie di un ipotetico mondo migliore?

Ascoltiamo Gesù: "il regno di Dio è lì in mezzo a te". Non è quindi un territorio, una terra promessa come per gli ebrei o una terra dell'Islam come per i musulmani. No! Il Regno di Dio è presente dove Cristo è presente. Perché non c'è nessun altro nome che ci salva sotto il cielo. Il Regno di Dio non è un territorio ma il cuore dell'uomo. È l'unico posto in cui Cristo vuole stabilire il suo regno.

Non si tratta di creare una rivoluzione che cambi le strutture della società. Si tratta di trasformare i cuori. L'esempio di Onézime è edificante. Questo schiavo fuggito dalla sua casa, Filemone, si convertì al cristianesimo con San Paolo. 
Quest'ultimo lo rimanda al suo padrone, che gli chiede di considerarlo non più come schiavo ma come fratello. 
Abolire la schiavitù era essenziale. 
In Francia, è stato abolito solo a metà del 19 ° secolo, ben dopo la rivoluzione francese. 
Tuttavia, se il cuore abitato da Cristo ci mostra in ogni uomo un fratello, un figlio di Dio, rivestito con dignità insuperabile, è impossibile per il trattamento di uno schiavo. 

Ma vogliamo che Cristo regni nei nostri cuori? 

Se è così, non possiamo odiare il mondo che Cristo è venuto a vivere per salvarlo, per permettergli di conoscere il Padre. Se Cristo è morto sulla croce, è per amore degli uomini di questo mondo. Dobbiamo trasfigurarlo dalle nostre vite, dal nostro modo di vivere il Vangelo nella verità. Perché se i cristiani vivono come il mondo, sono del mondo. 
Se sono in Cristo, amano il mondo senza compromettersi nelle loro depravazioni e vogliono portargli ciò che li rende felici: nostro Signore Gesù Cristo. Noi siamo il corpo di Cristo. 
La Chiesa non è un'istituzione, è il Corpo del Signore. 
Lui la rende bella. Sei tu che irradi questa bellezza con la tua santità. 
È Lui, Gesù, che ci rende fratelli, figli dello stesso Padre. Non possiamo essere indifferenti al destino dei nostri fratelli umani perché, ricorda ciò che Dio disse a Caino, l'assassino di suo fratello Abel: "Che cosa hai fatto con tuo fratello? ". Caino rispose: "Sono io il guardiano di mio fratello? (Gen 4, 9-10)".  
E voi, cari giovani, cosa rispondete a questa domanda del Signore? 

+ Michel AUPETIT, Arcivescovo di Parigi. 

Fonte. Arcidiocesi di Parigi ( QUI ) 

Video della celebrazione: QUI