mercoledì 12 dicembre 2018

A Trento: a Messa preghiera dei fedeli pro conviventi, e pro sodomiti

Articolo di oggi su Il Trentino sulla parrocchia di S. Antonio dopo l'omelia del Parroco don Renzo Caserotti:

"Preghiamo Dio Padre [...] giovani che sperimentano la convivenza, [...] coppie dello stesso sesso che convivono e si amano". FOTO SOPRA
Prima o poi il braccio di Dio scenderà sul mondo e su questi uomini di Chiesa traditori e infedeli a dare giustizia.
E i fedeli applaudono. 
Vergogna! La Chiesa piegata ai vizi del mondo solo per trovare facile consenso 
Mah. 
Se le notizie del giornale sono esatte, cosa ci sta a fare il Vescovo? E se il Vescovo è d’accordo (direi complice) che ci fa a stare la S. Sede?
L

18 commenti:

  1. oltre alle espressioni della "preghiera" riportate dal giornale va veramente senso l'applauso dei "fedeli"... hanno creato una "nuova" chiesa che non è quella incardinata sul vangelo e sul magistero immutabile.

    RispondiElimina
  2. e le notizie del giornale sono esatte, cosa ci sta a fare il Vescovo? E se il Vescovo è d’accordo (direi complice) che ci fa a stare la S. Sede?
    Lo sapete bene. Scrive Amoris Laetitia.

    RispondiElimina
  3. Come annacquare la fede fino a farla scomparire

    RispondiElimina
  4. Faccio notare peó che da quanto dice l'articolo, non è stato il parroco a fare questa preghiera, ma una laica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio ancora: il parroco dove stava? E chi questa "laica" che legge insulsaggini?

      Elimina
    2. Qualche "ministra straordinaria"? Quelle che vogliono introdurre l'ordine sacerdotale anche alle donne?

      Elimina
  5. Egli li ricevette dalle loro mani e li fece fondere in una forma e ne ottenne un vitello di metallo fuso. Allora dissero: «Ecco il tuo Dio, o Israele, colui che ti ha fatto uscire dal paese d'Egitto!».
    Ciò vedendo, Aronne costruì un altare davanti al vitello e proclamò: «Domani sarà festa in onore del Signore».
    Il giorno dopo si alzarono presto, offrirono olocausti e presentarono sacrifici di comunione. Il popolo sedette per mangiare e bere, poi si alzò per darsi al divertimento.

    Allora il Signore disse a Mosè: «Va', scendi, perché il tuo popolo, che tu hai fatto uscire dal paese d'Egitto, si è pervertito.
    (Esodo 32:4-7)

    RispondiElimina
  6. Che ci sta a fare la Santa (!?) Sede ? Ad approvare, ormai apertamente i vizi più repellenti, visto che è ormai selezionata bergogliana, simili sconcezze, visto che il Capo non si sente di giudicare, figuriamoci di condannare!

    RispondiElimina
  7. Impressionante. Società opulenta divenuta sale insipido.

    RispondiElimina
  8. E voi di Messa in latino che ci state a fare ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno MiL ha il coraggio di denunciare questi fatti inconcepibili compiuti contro questo incredibile atto che è avvenuto fra gli applausi dei fedeli presenti e nel silenzio di chi avrebbe dovuto allontanare dall'ambone o quanto meno controllare preventivamente il testo che avrebbe dovuto recitare la ragazza. Sono tempi difficilissimi!

      Elimina
  9. Ecco i risultati di sessant'anni di cattocomunismo trentino.

    RispondiElimina
  10. Almeno MiL ha il coraggio di denunciare questi fatti inconcepibili compiuti contro il più elementare "sensus ecclesiae". Quell'incredibile fatto è avvenuto fra gli applausi dei fedeli presenti e nel silenzio di chi avrebbe dovuto allontanare dall'ambone o quanto meno controllare preventivamente il testo che avrebbe dovuto recitare la ragazza. Sono tempi difficilissimi! Non c'è più alcun tipo di rispetto per la sana dottrina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo comodo denunciare senza agire. Messa in latino, ovvero i suoi adepti, denuncia da troppo tempo e a cosa è servito ?. Continuate pure a denunciare. Risultato ? Zero. Anzi sempre peggio.

      Elimina
    2. Lei cosa farebbe di grazia? Il termine "adepti" non si addice per i buoni cattolici aderenti ad una comunità ecclesiale.

      Elimina
    3. Io se fossi al posto di uno dei cardinali che si dicono difensori della millenaria dottrina cattolica (quelli che ogni tanto si indignano) avrei da tempo denunciato l'apostasia di Bergoglio e avrei restituito la berretta anche a costo di essere sospeso a divinis. Ma si sa la vita comoda piace a tutti e rinunciare ad agi ed onori è doloroso. Quindi un modesto ringhio prima ti tornare a cuccia salva la faccia e per loro va bene così. Come diceva don Abbondio il coraggio se uno non ce l'ha non se lo può dare e così si abbaia un po' poi ci si trincera dietro l'obbedienza. E la faccia è salva. Lo pubblicate questo commento o per voi è pericoloso farlo ?.

      Elimina
    4. Indubbiamente un appartamento a Trisulti è molto meglio di una cella ad Avrillè.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.