mercoledì 3 ottobre 2018

L'organista Nicola Procaccini vincitore del primo premio del Concorso Organistico “Dieter Buxtehude”

Tuffiamoci della rigenerante sorgente della liturgia e dell'arte musicale per condividere con i nostri carissimi Lettori la notizia che il Maestro Organista Nicola Procaccini, 23 anni da Porto Sant’Elpidio (Fermo) sabato scorso, 29 settembre, ha vinto a Lubecca in Germania la quinta edizione del prestigioso Concorso organistico internazionale “Dieter Buxtehude”, una gara nota per la sua selettività e per la difficoltà esecutiva
Superate le prove eliminatorie tenutesi nella chiesa di San Giacomo e le semifinali agli organi storici delle chiese di Santa Caterina e San Giacomo di Amburgo, Procaccini è risultato vincitore sugli altri quattro finalisti, tutti chiamati a eseguire, fra gli altri di Buxtehude e di scuole nord-europea, anche un brano contemporaneo (lui aveva scelto l’”Estampie” di F. Danksagmuller). 
La classifica finale 
del Concorso organistico internazionale “Dieter Buxtehude” 2018
1) Nicola Procaccini (Italia)
2-3) (ex aequo) Lars Schwarze e Jochem Schurman (Germania),
4) Anna Scholl (Germania)
5) Freddie James (Gran Bretagna)
Il giovane organista Procaccini già allievo-prodigio laureato appena ventenne in clavicembalo presso il Conservatorio “Pergolesi” di Fermo, ha voluto festeggiare la sua vittoria (nonostante la ben nota timidezza) invitando  nella storica Chiesa basilicale della Misericordia di Sant'Elpidio a Mare lunedì 1 ottobre alcuni suoi amici della Hochschule fur Musik di Amburgo che si stanno perfezionando con il M° Wolfgang Zerer. 
I cinque organisti Tiark Pinne (Germania); Xiaojing Sheng (Cina); Haruka Kiroshita (Giappone); Jun Byung Park (Corea) e Nicola Procaccini  hanno "duellato" avvalendosi dei due Organi costruiti rispettivamente da don Pietro Nacchini (1757 in cornu epistulae) e Gaetano Callido (1785 in cornu evangelii).
Una "maratona organistica" eccezionale!
Dalle stesse due cantorie alla fine del Concerto organizzato dalla prestigiosa Accademia Organistica Elpidiense il Prof. Paolo Peretti, docente di Storia della Musica del giovane organista quando frequentava il Conservatorio di Fermo, ha lanciato decine di foglietti con l'epigrafe latina che che ha dedicato al suo ex alunno, come uso celebrativo nel ‘700 (v.sotto). 
Il Maestro Procaccini, a cui dei gruppi "tridentini" locali debbono riconoscenza  ha dovuto emigrare all’estero come tanti altri organisti italiani. 
In Germania infatti la musica antica ed organistica rappresenta un' eccellenza, mentre da noi ormai è ai margini dell’interesse e sappiamo per colpa di chi. 

AC 

Foto: Fermo. Chiesa del Carmine. Organo meccanico costruito nel 2014 dall'Organaro Andrea Zenti per il Conservatorio "G.Pergolesi" di Fermo.