sabato 11 agosto 2018

Giubileo: Mille anni dell'Abbazia di Buckfast (Inghilterra) 1018-2018

"Dopo le prime fondamenta gettate dai Santi Apostoli Pietro e Paolo, i monaci benedettini fecero nascere l'’Europa, le dettero un credo, un'’educazione, dei costumi, una moralità, un’'economia, un corpo di leggi, una scienza. Lasciarono il loro segno nell'’ambiente, nelle arti, nelle città, nelle campagne. Insomma, risollevarono una civiltà perduta, la trasformarono, la plasmarono. E dettero all'Europa un'’identità. La nostra identità". 
Ci uniamo spiritualmente alla gioia  dei Monaci Benedettini  che festeggiano il Giubileo millenario della loro Insigne Abbazia di Buckfast. (v.link sotto)
Ammirevole l'apostolato liturgico della Comunità Monastica Benedettina che si esplica nella particolare cura della Musica Sacra corale e organistica: il coro polifonico ed il Festival of Sacred Music ne sono la prova!
AC

Buckfast Abbey Millennium Year 1018 - 2018  
 
"Da tempo immemorabile i cervi sono stati attratti a pascolare nei prati riparati che costeggiano le rive del fiume Dart in questa valle del Devonshire per placare la loro sete nelle acque rinfrescanti che scorrono qui dall'alto sulle brughiere e si gettano giù verso il mare. 
Per quasi mille anni,  qui sono state attratte anche tante persone venute per cercare Dio.
Dio  è certamente dappertutto ma accade, ieri come oggi, che la Comunità  di persone orientate nella stessa ricerca dell'Assoluto  contemplando  la sua bellezza, il  suo silenzio e la sua  tranquillità  ne fecero un luogo in cui Dio poteva essere trovato più facilmente".

Dalla storia dell'Abbazia:

La distruzione dell'Insigne Abbazia e dei Monasteri in Inghilterra
" All'inizio del XVI secolo i monasteri in Inghilterra, sebbene generalmente molto ricchi, erano in declino. 
A Buckfast nel 12 ° secolo, erano stati registrati ben 60 monaci "di coro" e forse il doppio di fratelli laici; mentre tra il 1500 e il 1539 furono ordinati solo 22 monaci, dieci dei quali rimasero testimoni della dissoluzione dell'Abbazia e firmarono l'atto di resa. 
Gli storici hanno avuto la tendenza a vedere i monasteri di questo periodo come corrotti, oltre ad essere negligenti nei loro doveri religiosi e caritatevoli. 
Tuttavia, alcuni storici moderni ora contestano questo. 
Qualunque fosse lo stato in cui si trovavano i monasteri, il re Enrico VIII aveva messo gli occhi sulla ricchezza che possedevano. 
Il Re nel 1535, nominò un nuovo Vicario generale, Thomas Cromwell, con le istruzioni per visitare e riformare le case degli ordini religiosi. Solo un anno dopo, i piccoli monasteri in Inghilterra erano stati chiusi, con questa decisione essenzialmente finanziaria giustificata dal fatto che erano centri di "peccato manifesto, vizioso, vita carnale e abominevole" - una
conclusione non supportata dalle relazioni dei Visitatori. 
Per Buckfast, il fatidico giorno arrivò il 25 febbraio 1539. 
I commissari del re, guidati da un gruppo ristretto di cinque distinti avvocati, avevano viaggiato per il paese negli ultimi dodici mesi chiudendo i monasteri dove si erano recati. Due di loro, William Petre e John Tregonwell, rivolsero la loro attenzione al West Country nel gennaio 1539. 
A Exeter si separarono per "ripulire" i restanti monasteri del Devon e della Cornovaglia. William Petre era a Torre Abbey il 23, e Buckfast il 25, prima di continuare a Buckland (27) e Plympton Priory (1 marzo). 
I due delegati principali per le soppressioni si riunirono nuovamente a Dorset l'8 marzo per chiudere Forde Abbey. 
In quattro mesi, questi due uomini avevano visitato e chiuso quaranta monasteri. 
Durante la loro breve visita nei  monasteri che dovevano chiudere essi hanno presentato e testimoniato la firma del cosiddetto "atto di resa", assegnato le pensioni ai monaci , preso possesso dei sigilli, delle carte e del "piatto" della chiesa dell'Abbazia. 
Dopo questa particolare campagna, i due commissari delle soppressioni consegnarono 1,5 tonnellate di oro, oro e argento alla Torre di Londra, che includeva anche i tesori di Buckfast Abbey. 
... la chiesa e gli edifici monastici furono spogliati e lasciati decadere. 
Il piombo fu fuso, i mobili e i rimorchi furono messi all'asta e le cinque campane dell'Abbazia furono acquistate dai parrocchiani di Buckfastleigh. 
Molti degli edifici più piccoli nella corte esterna sono stati mantenuti e convertiti per usi diversi. 
... 
Ancora nel 1793, le rovine dell'ex abbazia erano ancora molto evidenti, e rimasero tali fino a quando il sito fu acquistato da Samuel Berry nel 1800, che cancellò la maggior parte delle macerie per far posto alla costruzione di una villa sul posto. 
Berry mantenne la torre dell'abate e il sotterraneo del XII secolo, ma il resto dell'Abbazia fu appiattito. 
Nel corso dei successivi ottanta anni, il vasto complesso di Buckfast cambiò più volte proprietari fino al 1872 quando venne acquista dal dott. James Gale: che fu l'ultimo proprietario
Dieci anni dopo, il dott. Gale decise di vendere la proprietà, ma era ansioso di offrirla a una comunità religiosa . 
Una pubblicità è stata inserita in The Tablet, descrivendo l'Abbazia come "una grande acquisizione che potesse essere ripristinata allo scopo originale". 
Sei settimane dopo, i monaci vivevano di nuovo a Buckfast dopo un intervallo di 343 anni." 

***
La Consacrazione della nuova Abbazia ebbe luogo il 25 agosto 1932
Il titolo completo del video QUI  recita: "Devon, un sogno diventa realtà! Cardinale Bourne - Legato papale - e tutta la gerarchia cattolica romana britannica, per la consacrazione della chiesa di Buckfast Abbey, la prima a essere ripristinata dopo la Riforma". 
Video QUI




Fonte: Buckfast Abbey QUI

Video dell'Abbazia QUIQUI , le campane della chiesa abbaziale QUI  e QUI