Pagine

Nuova

martedì 10 luglio 2018

Il Papa e la tavola rotonda

Bari, Sabato 7 luglio 2018 
Nella Basilica Pontificia di San Nicola assieme al Santo Padre Francesco si sono riuniti  per
una Giornata di preghiera e di riflessione sul tema: “Su di te sia pace! Cristiani insieme per il Medio Oriente” diversi esponenti delle Chiese e delle Comunità Cristiane del Medio Oriente: il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I; il Patriarca greco-ortodosso di Alessandria e di tutta l’Africa Theodoros II;  l’Arcivescovo di Anthedon Nektarios, in rappresentanza in rappresentanza di Theophilos III, Patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme; il Metropolita Hilarion, in rappresentanza del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill; il Metropolita di Konstantia e Ammochostos Vasilios, in rappresentanza di Chrysostomos II, Arcivescovo di Nuova Giustiniana e di tutta Cipro. 
Per le Chiese ortodosse orientali, erano presenti Papa Tawadros II, Patriarca della Chiesa copto-ortodossa d’Alessandria; Ignatius Aphrem II, Patriarca siro-ortodosso di Antiochia e di tutto l’Oriente; Hovakim, vescovo di Inghilterra e Irlanda, in rappresentanza di Karekin II, Patriarca e Catholicos di tutti gli Armeni; Aram I, Catholicos di Cilicia degli Armeni. 
Per la Chiesa ortodossa assira Mar Gewargis II, Patriarca e Catholicos della Chiesa assira d’Oriente. 
Hanno preso parte all'incontro anche il Rev. Sani Ibrahim Azar, "vescovo" della Chiesa evangelica luterana in Giordania e Terra Santa, e Souraya Bechealany, segretaria generale del Consiglio delle Chiese del Medio Oriente.
La foto della tavola rotonda allestita in Basilica per il dialogo che si è tenuto a porte chiuse. 
AC

4 commenti:

  1. Al centro potete notare squadra e compasso.

    RispondiElimina
  2. ...e il tavolo a scacchi!

    RispondiElimina
  3. Ennesima ammucchiata con storici nemici della Chiesa Cattolica, da loro sempre disprezzata e demonizzata, che dal CVII in poi approfittano per accreditarsi veritieri ( ma falsi!)seguaci del Vangelo, per colpa di una gerarchia che, infetta di apostasia, dichiara di aver sbagliato nella dottrina e nella morale, e assiste rassegnata e impotente all'arretramento del cattolicesimo e all'abbandono di tanti battezzati e al crollo delle vocazioni che sta lasciando il popolo di Dio senza sacerdoti, baloccandosi con un ecumenismo da tempo fallito e proclami socio-politici. L'evento è tanto più grave poiché promosso da Colui che non vuole riconoscere, nella nazione da cui è venuto, il fallimento totale delle sue ideologie che ha voluto imporre a tutta la Chiesa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.