domenica 3 giugno 2018

Nel silenzio dell’Occidente e dell’Europa il grido di allarme di Mons. Wilfred Chikpa Anagbe:"vogliono islamizzare la Nigeria"!

Chiedilo a loro: facciamo parlare e soprattutto ascoltiamo i tanti, troppi Pastori che soffrono assieme  ai loro fedeli situazioni di inaudita violenza da parte degli islamici e associano la loro sofferenza all'immolazione di  Cristo Signore sulla Croce ripetendo con l'Apostolo Paolo: “Perciò sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo che è la Chiesa.” (Col 1,24).
AC 



Nigeria, la denuncia del vescovo:“Così vogliono islamizzarci” 
  
C’è un piano per islamizzare la Nigeria”, è il grido di allarme del vescovo Wilfred Chikpa Anagbe della diocesi di Makurdi alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre. 
Vogliono islamizzare la parte centrale del Paese, conosciuta anche come Middle Belt nigeriana, che è abitata per la quasi totalità da cristiani. 
Nel recente attacco del 24 aprile sono morti due preti della mia diocesi assieme ad altri 17 fedeli ma il numero esatto delle vittime non è ancora accertato”, denuncia il vescovo. Purtroppo non è un caso isolato. 
Sin dall’inizio del 2018, ben 11 parrocchie della diocesi nigeriana sono state attaccate. 
Nello Stato del Benue ci sono stati innumerevoli atti di violenza contro la popolazione che è per il 99% cristiana. Il 18 gennaio è stata persino ritrovata una fossa comune con 72 cadaveri. 
Non si tratta di Boko Haram, segnala il vescovo che si trovava in Vaticano per un incontro con papa Francesco. 
Le violenze sono perpetrate da mandriani islamisti di etnia Fulani che in passato hanno
avuto rapporti, anche stretti, con gruppi terroristi e che sono uniti dal loro obiettivo finale: islamizzare la parte cristiana della Nigeria!”, continua il vescovo. 
Le tribù Fulani vivono sulle montagne e non si possono permettere il lusso di armi sofisticate, per cui bisognerebbe chiedersi chi li finanzia veramente?”, domanda monsignor Anagbe, segnalando inoltre come durante gli attacchi non vi sia mai una presenza della polizia o dell’esercito del governo nigeriano, in particolar modo del governo federale. 
Le violenze contro i cristiani hanno provocato forti tensioni nell’area e oltre 100mila persone vivono ora in campi rifugiati per scampare alle incursioni degli islamisti nei villaggi cristiani. 
 “La Chiesa cerca di aiutarli come può anche senza il supporto del governo nigeriano”, segnala il vescovo ricordando anche come al momento del loro arrivo non esistessero scuole o ospedali, costruiti successivamente dalla Chiesa con il supporto di padre Joseph e padre Felix, due delle vittime massacrate dai Fulani nella loro diocesi mentre cercavano di portare un po’ di sollievo ai cristiani nigeriani, ormai vittime della violenza e della volontà di decristianizzare l’area da parte islamista. 
Nel silenzio dell’Occidente e dell’Europa. 

Fonte: Occhi della guerra QUI

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.