martedì 12 dicembre 2017

L'okkupazione delle kiese:"ora domina la superbia e l'ingiustizia, è il tempo della distruzione"

Altari distrutti e presbiteri privati persino della Croce! 
Nessuna lampada davanti al Tabernacolo nascosto chissà dove., ammesso che ci sia.
Con l'idea di apparire come uomini qualsiasi "vestendosi come chiunque, sarebbe più vicino alla gente, più capace di mettersi in relazione con loro" il Consacrato non genuflette neppure davanti al Santissimo Sacramento per paura di apparire  " troppo cerimonioso". 
Nel nome di un ossessionante culto per l'uomo si stanno moltiplicando i sacrilegi e le profanazioni ( fra mille esempi questo  QUI ). 
Sembra di essere proiettati indietro nel tempo nella situazione storica del popolo ebraico  così come ci viene descritta nel primo libro dei Maccabei :" 
(Antioco) Entrò con arroganza nel santuario e ne asportò l'altare d'oro e il candelabro dei lumi con tutti i suoi arredi e la tavola dell'offerta e i vasi per le libazioni, le coppe e gli incensieri d'oro, il velo, le corone e i fregi d'oro della facciata del tempio e lo sguarnì tutto; si impadronì dell'argento e dell'oro e d'ogni oggetto pregiato e asportò i tesori nascosti che riuscì a trovare; quindi, raccolta ogni cosa, fece ritorno nella sua regione.
Fece anche molte stragi e parlò con grande arroganza. ...  tutta la casa di Giacobbe si vestì di vergogna. ... Versarono sangue innocente intorno al santuario e profanarono il luogo santo.
Fuggirono gli abitanti di Gerusalemme a causa loro e la città divenne abitazione di stranieri; divenne straniera alla sua gente e i suoi figli l'abbandonarono.
Il suo santuario fu desolato come il deserto, le sue feste si mutarono in lutto, i suoi sabati in vergogna il suo onore in disprezzo.
Quanta era stata la sua gloria altrettanto fu il suo disonore e il suo splendore si cambiò in lutto". 
AC  

L’okkupazione delle chiese e il superamento della distinzione tra sacro e profano 

Negli anni Settanta ci facevano le assemblee dei Collettivi, ora i pranzi e le rassegne di prodotti artigianali. 

Dietro c’è la cancellazione della differenza tra sacro e profano 

Stanno aumentando i casi di chiese adoperate per scopi diversi rispetto alla loro destinazione. 

Capita spesso che nelle chiese si tengano concerti, spettacoli musicali per bambini, oppure conferenze o spettacoli teatrali. 

Entro certi limiti, se i temi sono cristiani e non profani, se non ci sono altri spazi a disposizione, se le autorità ecclesiastiche hanno dato la concessione la cosa si può anche limitatamente tollerare. 

Da qualche tempo, però, si sentono casi più problematici.
La presentazione di un libro, per esempio, non sarebbe da farsi in chiesa.
Una conferenza su temi sociali neppure.
anto meno si dovrebbe usare una chiesa per fare lo spoglio elettorale come è successo in Catalogna, oppure per far parlare un politico: anche Renzi ha parlato dall’ambone di una chiesa adibita a luogo di riunione politica. Il fatto poi che a parlare siano persone delle istituzioni non cambia la sostanza e anche a Laura Boldrini va detto di no.
Una manifestazione della Confartigianato sui prodotti locali come quella che si è tenuta nella Chiesa di San Domenico ad Alba nei giorni scorsi è assolutamente inopportuna. Anche la “pizza di solidarietà” mangiata in chiesa non è una gran bella cosa.  

Alcuni di questi eventi si svolgono in chiese consacrate.  

In questi casi il tabernacolo del Santissimo viene spostato, quando non lo sia già dato che viene conservato spesso in cappelle particolari.
E non è una bella cosa spostare il Padrone di casa. In alcuni casi si tratta di iniziative autonome e non autorizzate, però quando avvengono poi non si ha notizia di sanzioni. In qualche caso si fanno in chiese sconsacrate.
Anche in questo caso, però, se la proprietà non è di privati, il buon gusto vorrebbe che il loro uso tenesse conto di quello che sono state e che è tuttora testimoniato dalla loro architettura.  

Talvolta si è in presenza di abusi
talaltra però l’apertura delle chiese a finalità diverse da quella religiosa è voluta e teorizzata.
Si tratterebbe di una “apertura” della Chiesa – tramite l’apertura delle chiese – al mondo dell’uomo e un superamento dei confini tra il sacro e il profano. C’è tutta una teologia di moda oggi che vorrebbe fondare questa esigenza.
Dopo l’incarnazione di Cristo in un uomo, si dice, il mondo stesso è diventato tempio di Dio e tutto l’umano in quanto tale è diventato grazia. 

Il pro-fano, ossia quanto sta davanti al tempio, non esisterebbe più.
E’ per questi motivi che, come negli anni Settanta alcune chiese ospitavano assemblee dei collettivi di base, oggi esse ospitano le conferenze di Emma Bonino o spettacoli musicali tekno oppure mostre di quadri raffiguranti Mao Tze Tung.  

A proposito di queste teologie della confusione tra sacro e profano
Benedetto XVI ebbe a dire che quando saremo al cospetto di Dio nella gloria dei Santi non ci sarà più tale distinzione, ma quaggiù gli uomini hanno bisogno degli spazi del sacro, ove rifugiarsi, rigenerarsi, contemplare, pregare, celebrare e incontrare Gesù Cristo nei Sacramenti. 

Quando questi fenomeni non sono solo frutto di superficialità, ma sono motivati da sedicenti cause teologiche
e non solo da sprovvedutezza, e lo si fa perché Gesù stesso lo vorrebbe e lo farebbe, i processi per ricondurre la tendenza a ragione sono più lunghi e i danni più cospicui. 

Fonte: Vita nuova ( Trieste) QUI

Foto: Firenze, chiesa di San Pietro Gattuario (detta del Gattolino) QUI

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.