giovedì 16 novembre 2017

La confessione di un vescovo modernista "voglio chiederti perdono per tutto il male che ti ho fatto"

Un "dialogo" che fa molto riflettere: è accaduto realmente in talune occasioni
L'avvicinarsi di "sorella morte" produce un sincero , seppur tardivo, pentimento.
AC 
Un vescovo modernista si confessa 

[Il seguente dialogo è inventato, i due protagonisti sono personaggi di fantasia, pertanto eventuali riferimenti a persone realmente esistite sono puramente casuali]. 

Un vescovo era in fin di vita, ma prima di morire fece chiamare al suo capezzale un sacerdote legato alla Tradizione Cattolica, che in passato aveva ferocemente perseguitato...  

- Eccellenza, mi ha fatto chiamare? 
- Sì, avvicinati, devo parlarti.  

- L'ascolto volentieri. 
  - Voglio chiederti perdono per tutto il male che ti ho fatto e per le enormi sofferenze che hai patito a causa mia. 
Adesso che mi trovo vicino alla morte, le vicende terrene mi appaiono in maniera diversa...  

- Eccellenza, io l'ho già perdonata. 
Anzi, devo dirle che le tante sofferenze che ho patito mi hanno stretto di più al Signore. 
Ah, quante notti ho trascorso in lacrime dinanzi al tabernacolo! 
Ad Deum stillat oculus meus. 
Del resto, se Gesù Cristo ha permesso che io soffrissi, lo ha fatto in vista di un bene maggiore. 
Se non mi avesse inviato tante croci nella vita, chissà, forse mi sarei allontanato da Lui. 
È proprio vero che Dio castiga quelli che ama! Ma come mai ha cambiato idea su di me? 
- Adesso te lo spiego. 
Da bambino ero molto devoto, avevo un parroco zelante che era un ottimo direttore spirituale tipo Padre Réginald Garrigou-Lagrange e Padre Adolphe Tanquerey, il quale mi diede una buona preparazione dottrinale e spirituale, ma dopo la sua morte arrivò un nuovo parroco che aveva una visione immanentista della vita, non parlava mai della questione della salvezza eterna dell'anima ma solo di “questione operaia” e di altri problemi sociali. 
Simpatizzava per il comunismo. Io allora ero ancora un ragazzo e mi lasciai un po' sviare da quel prete. 
Tuttavia avevo ancora una valida formazione spirituale. 
Mi sentii attratto al sacerdozio ed entrai in seminario, ma poco tempo dopo scoppiò la “rivoluzione culturale” nel clero della nostra diocesi: tutto ciò che nella Religione aveva un sapore “tradizionale” doveva essere abbattuto. 
Per me fu un trauma, avrei voluto resistere, ma non volevo essere etichettato come “tradizionalista” dai superiori del seminario, e quindi mi adeguai all'andazzo generale. 
Venni ordinato sacerdote, ma ormai avevo perso il fervore per la vita devota, non mi attraeva più, ero diventato modernista anche io, e conducevo una vita “poco edificante”. 
Inizialmente sentivo un po' di rimorso nella coscienza, ma cercavo di soffocarlo gettandomi nel sociale, cioè occupandomi dei problemi materiali dei poveri e degli oppressi dalla società liberal-capitalista in cui viviamo. 
Intanto mi ero fatto amico il Nunzio Apostolico del mio Paese, il quale era ultramodernista e mi inserì nella lista dei nominativi da segnalare a Roma per un'eventuale nomina episcopale. 
Nella nota informativa che spedì in Vaticano parlò in maniera molto positiva di me, quasi fossi un santo, e poco tempo dopo il Papa mi elevò a vescovo della diocesi di […]. 
Ero felice di aver fatto carriera, e cominciai a plasmare la diocesi in senso modernista, visto che il mio predecessore era stato uno della “vecchia guardia”, vestiva sempre in talare, amava il canto gregoriano e la "Somma Teologica", e parlava solo di cose devote. 
Per prima cosa misi le mani sul seminario, cacciando i professori tomisti e sostituendoli con teologi modernisti. 
Ma nel giro di pochi anni i seminaristi calarono del 90%. 
Poi passai a sistemare i conti in sospeso con i parroci filo-tradizionali, perseguitandoli in ogni modo e ostacolando il loro apostolato. 
Ero accecato dall'odio nei loro confronti. Il fatto è che col loro comportamento pio e zelante mi ricordavano il mio tradimento nei confronti della Tradizione Cattolica, erano una sorta di “grillo parlante” per la mia coscienza. 
Non mi confessavo più, celebravo sacrilegamente la Messa in stato di peccato mortale, non credevo più alla Risurrezione di Cristo e a tante altre verità di fede cattolica. 
Il mio scopo era di costruire un paradiso su questa terra, proprio come pretendono di fare i comunisti. 
E intanto odiavo e perseguitavo brutalmente tutti i pochi preti come te che non volevano piegarsi di fronte alla nuova religione sincretista che tanto piace ai modernisti.  

- Ma come mai adesso ha cambiato idea? 
- In effetti mi ero ostinato nel male e in questo stato disgraziato mi accingevo a presentarmi dinanzi al tribunale di Gesù Cristo, ove tra poche ore dovrò rendere conto di tutta la mia vita. 
Ma questa mattina è venuta a trovarmi un'anziana suora infermiera per dirmi alcune parole buone, io però non avevo voglia di ascoltarla e le ho detto di andarsene perché ero stanco. 
La suora, prima di uscire dalla stanza, mi ha dato un santino del Sacro Cuore di Gesù, quasi identico a quello che quando ero bambino mi regalò il mio zelante parroco e direttore spirituale. 
E così mi sono ricordato che da fanciullo feci con grande fervore la pia pratica dei “Primi nove venerdì del mese” in onore del Sacro Cuore di Gesù e quella dei “Primi cinque sabati” per riparare i peccati commessi contro il Cuore Immacolato di Maria... [piange].  

- Eccellenza, capisco la sua commozione. 
Ancora una volta, Gesù buono, nell'eccesso della sua infinita misericordia ha mantenuto la promessa... ma non capisco per quale motivo ha chiamato proprio me al suo capezzale, visto che qui in arcivescovado ci sono tanti altri preti. 

- Volevo chiederti perdono per tutto il male che ti ho fatto, ma soprattutto vorrei che tu mi confessassi. 
Degli altri preti non mi fido, li conosco bene, li ho formati io: sono modernisti, mi ingannerebbero, mi ingannerebbero, mi direbbero che le cose che ho fatto non sono peccati da confessare. 
Di te invece mi fido, sei come il parroco che avevo da bambino, so che non mi inganneresti. 
Voglio fare una confessione generale. Subito.  

- Va bene Eccellenza, cominciamo... In nómine Patris + et Filii et Spíritus Sancti.  

Fonte: Cordialiter ( QUI )