sabato 4 novembre 2017

Ecclesia fuit in Germania "nel solo 2016 il cattolicesimo tedesco ha perso 162.093 fedeli e ha chiuso ben 537 parrocchie"

Chi semina vento raccoglie tempesta!
Ecclesia fuit nell' ultra-progressista Germania già cattolica.
Supplichiamo il Divin Redentore perchè bussi alla porta dei Consacrati rimasti in quelle antiche terre flagellate e divise dalla ribellione luterana infondendo nei lori cuori un salutare desiderio di purificazione e di abbandono delle  ideologie mondane che non possono coabitare con il Vangelo di Gesù.
Superbissimi e ricchi pastori che  hanno provocato con le loro idee perniciose uno sfascio senza precedenti nella  comunità ecclesiale tedesca ( e non solo...) ma  che dovranno come tutti rispondere davanti  a Dio giusto Giudice delle loro azioni e dell'abbandono dalla vera Fede delle anime  affidate alle loro cure spirituali.
AC


Tenetevi forte! 
Vi comunichiamo i dati dello “stato di salute” 
del Cattolicesimo tedesco 

Il cattolicesimo è in crisi, i dati parlano chiaro: 2+2 fa 4 e non c’è interpretazione che tenga. E meno male che trionfa la teologia dei “segni dei tempi”! 
Che sarebbe stato se a gestire gli andamenti della teologia cattolica contemporanea non ci fossero coloro che pur si dicono attenti a scorgere i segni, a sentire la storia, a valutare i vissuti, ad analizzare le situazioni singole e sociali? 

Ci sono costoro e fanno orecchi da mercante, figuriamoci se ci fossero altri! 
 In un articolo di un paio di mesi fa, comparso su ilfoglio.it (clicca qui) ,sono stati riportati i dati dello “stato di salute” della Chiesa tedesca. 
Una Chiesa ricca, ma ormai povera di anime. 
I dati sono quelli comunicati dalla Conferenza Episcopale Tedesca e sono impressionanti. 
Nel solo 2016 il cattolicesimo tedesco ha perso 162.093 fedeli e ha chiuso ben 537 parrocchie. 
Dal 1996 ad oggi si conta il 15% in meno dei fedeli e la chiusura di un quarto delle comunità cattoliche. Insomma negli ultimi venti anni i cattolici tedeschi sono diminuiti di 4 milioni di unità e le parrocchie sono passate da 13.329 a 10.280. 
C’è un dato che ha un significato simbolico spaventoso. 
La diocesi di Treviri, ovvero la sede della più antica comunità cattolica tedesca, a detta del suo vescovo monsignor Stephan Ackermann, entro il 2020 passerà da 903 a 35 parrocchie, dunque con un calo di oltre il 90%. 
Il settimane Spirit riferisce che nei prossimi anni 15mila della 45mila chiese esistenti (un terzo del totale) saranno demolite e vendute. 
Veniamo ai sacerdoti
Nel 1963 i nuovi sacerdoti in Germania erano stati 400. 
Nel 1993 calarono a 238. 
Nel 2013 sono scesi a 98 e nel 2015 sono stati appena 58. 
L’arcidiocesi di Monaco l’anno scorso ha attirato un solo (sic!) candidato al sacerdozio e i seminaristi sono attualmente 37 a fronte di una popolazione di 1,5 milione di abitanti. 
Morale di ciò che …purtroppo non è una favola: la teologia tedesca continua a guidare le linee pastorali dei nostri tempi e una delle sue punte di diamante, il cardinale Kasper, viene considerato da molto in alto come un grande teologo. 
Se questi sono i risultati… 

Fonte: Il cammino dei tre sentieri ( QUI )

1 commento:

  1. L'area tedesca che concorda con quella austriaca nell'ideologia relativistica e protestantoide e geneticamente nazistoide, per definizione anticattolica, ha nei vescovi dei falsi pastori e nelle narcisistiche scuole 'teologiche', coloro che sono stati i più feroci oppositori del loro più grande conterraneo: papa Benedetto.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.