mercoledì 4 ottobre 2017

Su "Il resto del Carlino" si parla della Messa in latino. "Che fascino!"


ps. orgogliosi di avere nella squadra di MiL l'amico insostituibile M° Andrea Carradori!
Roberto

20 commenti:

  1. Ancora col capire ! Ma che devi capire oltre al fatto che anche tu hai contribuito alla morte dell'Innocente Figlio di Dio !
    Ma cosa dovete capire ! Bisogna staccarsi da terra , elevare l'anima , piangere per i propri e altrui peccati , adorare il Figlio di Dio , implorare pieta' e misericordia per i propri e altrui peccati , implorare il dono della fede per se' e per il prossimo ! Ahhh !

    RispondiElimina
  2. "Però anche capirci qualcosa non è male". Ma certamente! Non è male nemmeno capire qualcosa della trigonometria, dei quark, della lingua inglese, della filosofia di Leibniz, della pittura di Velasquez... E' il motivo per cui si studia e non si aspetta la scienza infusa, che purtroppo non esiste.

    RispondiElimina
  3. Bene, molto bene, benissimo!!! Serve sempre più Malox per i modernisti!!!

    RispondiElimina
  4. Cosa ci sarà mai da "capire"!!! I brutti discorsi dei preti nelle attuali omelie si capiscono benissimo!!!!

    RispondiElimina
  5. Tutti con sto capire!!! La gente non capisce più un c.....zo di nulla ma la Messa (Mistero Supremo) la vuol capire!!!! Capire cosa?????

    RispondiElimina
  6. Ma tutti quei riferimenti new age e persino a "raggi energetici"??? Sembrano parole di un fanatico, non certamente di un cattolico. Ha fatto bene la giornalista a rispondergli per le rime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provi a leggere i commenti di questo Rapanelli su Stilum curiae, troverà parecchie conferme. Sembra una specie di occultista.
      Ma se gli piace la messa in latino è tutto a posto...

      Elimina
    2. Se gli piace la messa di sempre saranno fatti suoi. Proprio non vi riesce accettare sensibilità diverse dalla vostra? Cosa ci state a fare su questo blog? Dovete sfogarvi per le sconfitte che subite nella vita reale?

      Elimina
  7. Lettera bellissima ed emozionante del lettore e risposta come al solito ignorante, superficiale e scandente...cosa deve o vuole capire la signora?

    RispondiElimina
  8. Bisognerebbe spiegare al commentatore del Resto del Carlino che normalmente le letture sono anche tradotte in italiano dal sacedote (questo era già previsto in tempi non sospetti da Pio XII, inoltre esistono i messalino che riportano sia l'ordinario che il prorio tradotto anche in italiano. Non ultimo: spesso i magnifici volontari che organizzano le Messe v.o. si sbattono ben bene per distyribuire volantini e fotocopie con le traduzioni. Insomma se vogliamo argomentare negatività facciamolo con dovuto criterio e soprattutto con sostanza

    RispondiElimina
  9. Rapanelli è un blogger che scrive molto e in vari siti, un cattolico di ritorno che viene da Scientology, varie sette e Raiki, Yoga et similia, mi pare ancora un po' sotto influssi non proprio benevoli, da prendersi con le molle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! Mette la Messa in latino sullo stesso piano di una seduta di yoga praticamente

      Elimina
  10. Staccarsi da terra... gran bella cosa, ma da non farsi da soli scordandoci, non vedere ( o far finta di non vedere ) il fratello che ha bisogno del nostro aiuto, della nostra misericordia, si la tanto villipesa, vituperata misericordia che non è quella cosa melensa e sdolcinata che sono soliti descrivere i suoi detrattori, ma una cosa tremendamente seria, che ti cambia la vita. Ama il signore Dio tuo e ama il prossimo tuo come te stesso, le due cose stanno insieme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rivedrei la sintassi... Poi ci si può anche lanciare in proclami moralisti.

      Elimina
  11. Stessa frase ripetutami anche dal mio parroco: " la gente deve poter comprendere"....poi scopro che in una delle chiese del mio paese , sabato hanno celebrato una messa in lingua castigliana, per dieci ospiti.....beh ma allora com'è sta fola !?

    RispondiElimina
  12. All' " Ite Missa est " riceviamo il mandato di preoccuparci dei "fratelli "che poi e' il nostro prossimo piu' prossimo e piu' lontano . Durante il Santo Sacrificio l'anima e' sotto la Croce in attesa di essere lavata e nutrita dal Preziosissimo Sangue .
    " Coprimi Preziosissimo Sangue di Gesu' ridonami la Grazia del Battesimo , il candore immacolato dei gigli " ! Per staccarsi da terra si intende di sgombrare dalla mente i terrestri ardori per portarsi sul Golgota al fianco della Vergine Madre e di S.Giovanni , in vista di questo e' buonissima norma prepararsi per tempo al Sacrosanto Sacrificio della Croce leggendo e meditando nella propria lingua madre sia il Vangelo , sia le Letture , sia il Salmo del giorno .

    https://vimeo.com/95315621
    Pax et bonum !

    RispondiElimina
  13. Soltanto l’Adorazione quotidiana e la preghiera permettono a Dio di mettere nel nostro cuore il Suo Amore che è poi possibile portare ai poveri. «Senza Dio siamo troppo poveri per aiutare i poveri», diceva Madre Teresa di Calcutta .

    RispondiElimina
  14. Credo che il problema non sia tanto il commento alla Messa in latino, quanto il fatto che Rapanelli, com'è suo solito (cosa di cui l'ho ammonito io stesso, e che continua ad asserire pubblicamente, sia su carta stampata che su Internet) mescoli New Age ed esoterismo al cattolicesimo tradizionale, contribuendo a dare scandalo e adi alimentare pregiudizi. Mi dispiace ma è così.

    RispondiElimina
  15. Vorrei segnalare all'attenzione della Redazione di MIL la notizia straordinaria della Messa in rito antico che verrà celebrata, secondo il Motu Proprio Summorum Pontificum, dal Vescovo di Reggio Emilia in persona, Mons.Massimo Camisasca, a Correggio (RE) Venerdì 13 Ottobre 2017, in occasione del centenario di Fatima. Dopo la Messa in rito antico, Mons.Camisasca ha persino organizzato una processione per le vie cittadine. E' un evento straordinario per tutti i cattolici. Qui tutte le informazioni: http://summorumpontificumcorreggio.blogspot.it/2017/10/131017-correggio-messa-prelatizia-nel.html

    RispondiElimina
  16. Il giornale non ha mostrato chiusura in quanto ha pubblicato la lettera e ci ha aiutati a capire meglio, se già non lo avessimo capito, che milioni di cattolici sono ostaggi della curia romana. La risposta è tipica di una persona che comprende l'importanza di qualcosa ma non ha gli strumenti per valutare tale importanza ed allora finisce con il non riconoscerne il valore assoluto e intrinseco.
    sabato preghiamo per la "liberazione" di questi nostri fratelli e sorelle perché di questo passo la parrocchia sarà semplicemente il lager delle anime...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.