giovedì 12 ottobre 2017

La scuola ascolti l’appello anti gender del Papa



di Enrico Salvi 
 Vale la pena di diffondere la lettera a firma di Gabriele Soriani (Reggio Emilia) pubblicata sul quotidiano “La Verità” di mercoledì 11 ottobre 2017.


Papa Francesco è stato veramente chiaro parlando ai partecipanti alla XXIII assemblea generale dei membri della Pontificia accademia per la guida, guidata dal presidente monsignor Vincenzo Paglia, che si è svolta i Vaticano da 5 al 6 ottobre. Maschi e femmine non devono solo «parlarsi d’amore» ma parlarsi con amore. L’alleanza «tra uomo e donna è chiamata a prendere nelle mani la regia dell’intera società». Bisogna «contrastare le interpretazioni negative della differenza sessuale». Francesco smaschera «l’utopia del neutro» che rimuove a un tempo sia la dignità umana «sia la qualità personale della trasmissione generativa della vita», e chiede che «le forme di subordinazione che hanno tristemente segnato la storia delle donne» vengano definitivamente abbandonate. Secondo il Papa, «un nuovo inizio deve essere scritto nell’ethos dei popoli, e questo può farlo una rinnovata cultura  dell’identità e della differenza». I programmi scolastici dovrebbero basarsi su questi concetti.

8 commenti:

  1. Il Papa per i migranti e per l'ambiente bombarda tutti i giorni i telegiornali...riguardo le tematiche "difficili" (gay, divorzi, ecc.) parla a "mozzichi" e sempre in maniera ambigua....

    RispondiElimina
  2. Non vi va mai bene. Non è un problema di dottrina per voi. Il problema è lui...Siete dei miserabili, più protestanti di Lutero. Vergognatevi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi protestanti? Fatevi curare finti tradizionalisti bergogliani che venite a trollare su un blog cattolico a base di Magistero della Chiesa (in particolare San PIo V - Leone XIII- Pio IX - S. Pio X - Pio XI e PIO XII)!

      Elimina
  3. Certo che è lui il problema ma non il solo, aggiungici te stesso e quelli come te che hanno un prosciutto intero sugli occhi e negli orecchi.

    RispondiElimina
  4. Codeste poche frasette estrapolate dal contesto, non rendono giustizia all'intero discorso d'El Papa, che magari sarà stato bellissimo (con Paglia ascoltatore, capirai !). Comunque il criterio per giudicare le parole sia d'El Papa sia di chiunque altro, è molto semplice: se un discorso è cattolico, non è nuovo; se un discorso è nuovo, non è cattolico.

    RispondiElimina
  5. Non c'è piu' la famiglia, ma le famiglie: separate, ricomposte, formate da un solo genitore. Tutti devono essere accolti e rispettati. Poi quello che pensano i cattolici di messa in latino diciamo...machisenefrega

    RispondiElimina
  6. L'esternazione anti gender di Bergoglio appare isolata e quindi difficilmente accordabile e credibile con quanto da lui affermato in tema di famiglia e di società, del tutto fuori la dottrina e tradizione cattolica. Ben più completa e profonda è stata la critica di papa Benedetto del tutto incompresa e avversata proprio da coloro che ora detengono ora il potere, convinti o adeguati.

    RispondiElimina
  7. Alla fine i catto-sinistri, nella loro ottusità, ripudieranno anche Bergoglio.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.