martedì 18 luglio 2017

Il Cardinale Anders Arborelius (Stoccolma): no all'intercomunione con i luterani

Ogni tanto qualche piccola buona notizia! Notizia un po' datata ma vale la pena riproporla! 
Meno male!!!
L

Crolla un sogno per l’attuale Pontefice, il Cardinale Anders Arborelius di Stoccolma non è pronto a sostenere la condivisione di Comunione tra Cattolici e luterani.
Il nuovo Cardinale Carmelitano, per la prima volta Membro del Collegio Cardinalizio, che proviene da un paese prevalentemente luterano, mette il freno a quello che sembrava già ben radicato, “l’Intercomunione con i Luterani”.
Tra le molteplici difficoltà è riuscito ad affrontare la questione “luterana” , parlando delle grandi differenze che persistono tra Cattolici e Luterani, una delle tante il riconoscimento del Corpo e Sangue di Gesù Cristo, nell’Eucaristia!
In un’intervista rilasciata al giornale la Crux di John Allen, il Cardinale Anders ha fatto delle osservazioni:“nella Chiesa Luterana, ci sono diverse visioni sull’Eucaristia. Alcuni membri sono molto vicino a noi, … mentre altri hanno una visione molto diversa.”
Il Cardinale Arborelius ha continuato:
Molti nella Chiesa luterana ora diranno: “Abbiamo raggiunto un accordo, ora dobbiamo celebrare insieme l’Eucaristia.” Considerando che abbiamo molto da
dire, iniziamo con: “No, non siete venuti finora in un dialogo reciproco”, e, naturalmente, questo creerà una sorta di frustrazione in molti luterani, (e in molti loro sostenitori) perchè non possiamo festeggiare insieme.
Inutile dire che questo sarà un’altro problema da affrontare per Francesco, nella riconciliazione con i Luterani.

10 commenti:

  1. Notizia che non vale nulla perchè è il BOSS che silura chi non gli aggrada e continua la sua missione di scristianizzare la Chiesa e il mondo!

    RispondiElimina
  2. Purtroppo i buoi del relativismo selvaggio bergogliano sono scappati e sarà difficilissimo farli rientrare e rinchiuderli e non è una notizia del tutto confortante quella che viene da Stoccolma perché il vescovo successore potrebbe annullare la decisione del predecessore. La Chiesa cattolica non esiste più.

    RispondiElimina
  3. C'è già chi non si inginocchia dinnanzi all'Eucaristia....non mi stupisco più di nulla.

    RispondiElimina
  4. Mimmo di Taranto18 luglio 2017 19:48

    Io conosco dirigenti dell'ordine del santo sepolcro che ordinano di non inginocchiarsi al momento della transustanzazione.

    RispondiElimina
  5. Papa Benedetto aveva dichiarato più volte che l'ecumenismo deve essere fondato su una verità che non è nostra ma di Cristo. Il suo sovversivo successore ha gettato la Chiesa nella confusione proclamando e cercando di imporre una sua personale "verità", mutuata dalle correnti relativistiche moderniste, ben diversa e contraria a quella professata e difesa nei secoli. Ci si chiede che idea abbia del depositum fidei cattolico che non accetta compromessi con il mondo come ha insegnato Cristo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "L'ecumenismo deve essere fondato su una verità che non è nostra ma di Cristo". E quale sarebbe questa "verità di Cristo" ... ecumenica? Ci sarebbe una "verità" più vera di quella proposta dalla Chiesa cattolica fondata da Cristo? Oh, benedetto Papa Benedetto!

      Elimina
    2. ECUMENISMO indica "dialogo" finalizzato alla "conversione" e al "ritorno alla Chiesa cattolica", dopo il Concilio è indicato ereticamente come "ci può essere salvezza in OGNI religione e c'è del buono in OGNI religione!, questo non è opera di Cristo ma dell'uomo!

      Elimina
  6. La signora che innalza un' ostia che non è diventata di certo il corpo di Cristo, è una carnevalata blasfema degna di Bergoglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli orecchini, gioielli e trucco fanno molta scenografia! Chissà se i signori guardano più lei o l'ostia gigante!

      Elimina
  7. Io sono fiducioso, se tutti ci mettiamo a sostenere la sana tradizione della Chiesa Cattolica vuoi che le cose non migliorino?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.