venerdì 28 luglio 2017

E' morto il piccolo Charlie: requiescat in pace!

Dio li punirà! 

 Notizia ANSA

Il piccolo Charlie è morto. "Il nostro splendido bambino se n'è andato": questo il lapidario annuncio dato dai genitori di Charlie Gard, il bambino britannico malato terminale che ha sollevato un dibattito mondiale.
La morte del piccolo Charlie, di soli 11 mesi, era di fatto annunciata dopo che ieri l'Alta Corte di Londra ha ordinato che fosse trasferito dall'ospedale ad un hospice, dove non avrebbe più avuto il respiratore a tenerlo in vita. La decisione è stata presa perché Connie Yates e Chris Gard, che chiedevano che morisse a casa, non sono riusciti a raggiungere un accordo con il Great Ormond Street Hospital, che chiedeva di continuare ad assisterlo negli ultimi giorni con i macchinari appropriati nelle sue strutture. "Il nostro splendido bambino se n'è andato. Siamo veramente orgogliosi di Charlie", ha detto la madre Connie, chiudendo una battaglia legale durata mesi che ha diviso l'opinione pubblica e coinvolto anche figure di peso come Papa Francesco e Donald Trump.

Per la giustizia e la VERA misericordia di Dio, possiamo vedere il bellissimo pezzo di Aldo Maria Valli (si veda qui)

Roberto

4 commenti:

  1. In Paradisum deducant te Angeli
    in tuo adventu suscipiant te Martyres
    et perducant te in Sanctam Civitatem Ierusalem.
    Chorus Angelorum te suscipiat
    et cum Lazaro quondam paupere
    Aeterna habeas Requiem.

    Ti accolgano, Charlie, i Santi Martiri Nazario e Celso. Arrivederci in Paradiso!
    E prega per i padri tuoi.

    RispondiElimina
  2. Charlie non è morto, semplicemente è stata eseguita la sua condanna a morte, senza appello. Adesso è in Paradiso, la corte di in-giustizia e i medici non ci andranno di sicuro.

    RispondiElimina
  3. RIP, piccolo Charlie!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.