martedì 9 maggio 2017

Il Centenario della nascita del Maestro Cardinale Domenico Bartolucci

Ci occuperemo  più volte del Centenario della nascita del Maestro Cardinale Domenico Bartolucci, ultimo Direttore Perpetuo della Cappella Musicale Sistina, grandissimo compositore e sommo esponente dell'alta polifonia della "Scuola Romana", indissolubilmente legato alla concezione liturgica tradizionale della Messa nell'unico modo in cui Chiesa l'ha sempre venerata "per omnia sæcula sæculorum".
L'Ufficio Filatelico e Numismatico Vaticano ha onorato "La tradizione di ricordare gli artisti che hanno lasciato un’impronta importante nella storia della musica prosegue nel 2017 con una emissione che l’Ufficio Filatelico e Numismatico dedica al centenario della nascita di Domenico Bartolucci (1917-2017)..." ( QUI )  
AC



Centenario dalla nascita di S.E. il Cardinale Domenico Bartolucci 
1917-2017 

Ricorre il centenario dalla nascita di S.E. il Cardinale Domenico Bartolucci (8 maggio 1917 – 11 novembre 2013), illustre compositore, Accademico di Santa Cecilia e storico Direttore della Cappella Musicale Pontificia “Sistina” . 

Originario di Borgo San Lorenzo (FI), ha iniziato a comporre giovanissimo. 

Le sue doti destarono l’attenzione dei superiori che dopo l’ordinazione sacerdotale lo inviarono a Roma per studiare al Pontificio Istituto di Musica Sacra. 



Nel 1947 divenne Maestro della Cappella Liberiana di Santa Maria Maggiore e nel 1956 Papa Pio XII lo nominò Direttore Perpetuo della Cappella Musicale Pontificia dove è rimasto per più di 40 anni. Nel 1965 fu annoverato tra gli Accademici di Santa Cecilia. 

Lungo tutto il suo magistero ha promosso l’attività della Cappella Sistina in Italia e nel mondo, con splendide esecuzioni nelle liturgie papali della Basilica di San Pietro e concerti presso le più importanti istituzioni musicali italiane ed estere. 

È ritenuto il più autorevole interprete di Giovanni Pierluigi da Palestrina e della Scuola polifonica romana. 

Ha lavorato vigorosamente per la valorizzazione della tradizione musicale della Chiesa, in particolare del canto gregoriano e della polifonia. 

Come autore vanta una produzione vastissima che spazia dalla musica sacra a musiche cameristiche, organistiche, sinfoniche e per il teatro. 

 Per la generosità e la dedizione con la quale si è distinto nel servizio alla Chiesa, il Santo Padre Benedetto XVI lo ha creato Cardinale nel Concistoro del 20 novembre 2010. 

In occasione del Centenario la Fondazione Bartolucci ha in programma una serie di attività per ricordare l’opera del Cardinale. 

Esse inizieranno nel mese di maggio e saranno introdotte da una conferenza stampa al Senato della Repubblica dove sarà presentata l’emissione del Francobollo commemorativo di Domenico Bartolucci e del CD realizzati dall’Ufficio Filatelico dello Stato della Città del Vaticano. 

Da maggio a dicembre è prevista una ricca serie di appuntamenti musicali con cori provenienti da diversi Paesi del mondo che verranno a Roma per tributare il loro omaggio al Maestro con dei concerti nelle principali Chiese del centro storico. 

Ci saranno inoltre numerose esecuzioni di musiche organistiche e cameristiche e alcune grandi esecuzioni sinfonico corali. 

Il 14 giugno è prevista una solenne commemorazione del Cardinale Bartolucci nel Braccio Nuovo dei Musei Vaticani dove interverrà il M° Uto Ughi. 

Tutte le attività del Centenario saranno dettagliate nel sito 
http://www.centenario-bartolucci.it 

Per informazioni scrivere a segreteria@fondazionebartolucci.it 

 
Fonte: QUI

2 commenti:

  1. " Ringrazio il Signore che ha voluto donarmi una lunga vita nella quale mi ha permesso di servirlo attraverso l'arte della musica". Così volle riassumere la sua vita di sacerdote ad esclusivo servizio della parola di Dio, con la composizione e le esecuzioni, che se predicata con la grande arte, sostenuta dalla fede, penetra più fortemente nell'animo dei fedeli. Papa Benedetto a quell'indirizzo di omaggio, in occasione di un concerto nella Cappella Sistina, disse: " Lei venerato Maestro ha cercato di valorizzare il canto sacro come veicolo di evangelizzazione...ha così cooperato alla stessa missione dei pontefici che è quella di diffondere il messaggio cristiano". Il centenario della nascita, tra varie manifestazioni, vede arrivare a Roma molti prestigiosi cori: dalla Croazia, Giakarta, Firenze, Ungheria, Francia, Austria, Portogallo, Svezia, Slovacchia, per eseguire le sue musiche sacre in segno di ammirazione e riconoscenza. Il Signore lo ricompensi in riparazione dalle tante sofferenze, fino alla proditoria cacciata dalla carica di direttore perpetuo della Sistina, subite ad opera dei sovvertitori della millenaria tradizione liturgico-musicale della Chiesa.

    RispondiElimina
  2. Unico Grande Maestro!
    Dopo di lui il nulla!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.