sabato 19 marzo 2016

Sacerdote di Torino non vuole Imam in chiesa "Il loro dio non è come il nostro".

Il 18 gennaio scorso abbiamo dato mestamente la sciagurata notizia di un sacerdote che ha fatto leggere il Corano dall'ambone a termine della Messa (si veda qui e qui). 
Ci era però sfuggita la notizia che ci ridà un certo sollievo e fiducia verso una parte del clero. 
Trattavasi di di un sacerdote piemontese (veneto di origine) che  senza mezzi termini aveva affermato "Io gli imam in chiesa non ce li voglio. Il loro dio non è come il nostro.".
A a dirlo è un parroco della grande parrocchia di Torino (N. S. della Pace) don Michele Babuin, che pur aiutando 300 famiglie (la maggior parte delle quali di religione musulmana) non rinnega la propria identità di sacerdote, nè si lascia influenzare dagli errori dell'ecumenismo dilagante.
Qui  l'articolo di N. Muratore, da Il Giornale del 07.12.2015
Roberto

5 commenti:

  1. Sacerdote coraggioso contro corrente testimone della Verità. Non sarebbe stato tra quelli che aggredirono il card. Ratzinger per la Dominus Jesus. Ha smentito Bergoglio che dice non esistere un Dio Cattolico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno direbbe che è divisivo!

      Elimina
    2. Qualcun'altro che e` retrogado.

      Elimina
  2. Beh se aiuta le famiglie musulmane...questa di chiama cooperazione al male!

    RispondiElimina
  3. E che significa dire che il loro dio non è come il nostro??? Quello che chiama il loro dio semplicemente non esiste!!! O abbiamo qualche dubbio???

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.