giovedì 14 gennaio 2016

I fiori sono "tradizionalisti"? Per qualcuno si ...

La crescente “socializzazione” dell’apparato ecclesiale ( che preoccupa persino alcuni onesti osservatori "laici") sta producendo, come prevedibile, la sterilizzazione dei germogli vocazionali così come la diserzione dalla vita sacramentale.
Ma fra risate scomposte  e trovate pubblicitarie varie, mentre la casa comune sta per crollare, c’è chi continua a ripetere il solito ritornello “tout va très bien madame la marquise”!
Avviene così che nel profondo nord un Vescovo, che si sta distinguendo nella persecuzione nei confronti dei seminaristi che la Provvidenza ha affidato alle sue “cure pastorali”, in occasione della festa del suo Seminario ha durissimamente rimproverato i ragazzi compevoli di aver addobbato con fiori l’altare del Tabernacolo.
Quei fiori nascondevano qualcosa presente nell'animo dei seminaristi... erano poco "sociali"... poco a passo con i tempi... insomma quei fiori erano "tradizionalisti" !
Eppure i seminaristi, perpetuando le pie e sante consuetudini dei nostri padri, avevano pure dato seguito le indicazioni dell’Ordinamento Generale del Messale Romano ( 2004) che stabilisce che la Cappella dove è conservato di Santissimo Sacramento sia “ ornata decorosamente” e  del Coerimoniale Episcoporum (1984) che assai chiaramente indica :
- Tra le cose da preparare per la reposizione del Ss. Sacramento n. 299 : c) lumina, flores et ali ornamenta opportuna (luci, fiori e altri opportuni ornamenti).
 - Nell’esposizione eucaristica per l’adorazione n. 1104: [...] pro opportunitate, flore vel supra vel circa altare (secondo l’opportunità, fiori sopra o attorno all’altare).
Le prescrizioni liturgiche non servono a nulla a quei Vescovi che si sentono degli esseri superiori con la mente sempre impegnata per tutto ciò che fa moda e che riesce a “forare la notizia” : dagli abbracci – ovviamente sempre davanti una telecamera :
- dall’Imam di turno ( facendo  torto alle altre realtà confessionali …) .... alla ricerca ridicola del “profugo” da mostrare come un trofeo alla cerimonie religiose;
- dalla dissacrazione delle chiese, che la pietas dei nostri padri ha donato alla maestà divina , spesso difese con il loro sangue, camuffate come "mense per i bisognosi"  solo per compiacere il dio dell’informazione guidata e  facendo scempio della sensibilità e della dignità di quelle persone : "filmate e fotografate...ergo tutti sanno che versano in stato di miseria. Ciò significa alcun tatto e rispetto per la dignità di queste persone...che lì son venute" (come giustamente ha scritto  una Fedele che aveva conosciuto bene l'indigenza e la miseria).
In questo caso specifico  quel Vescovo del "profondo nord" ha un hobby particolare : rimproverare e cacciare dal suo seminario ( che fra poco sarà deserto) quei ragazzi che dimostrano di possedere i requisiti cattolici per diventare preti : dalla preghiera alla carità e soprattutto la bontà d’animo.
Alcuni Vescovi difatti preferirebbero che i loro seminaristi assumino la qualifica di “operatori del sacro” piuttosto che venire consacrati Sacerdoti di Cristo Signore.
Osservando tutto questo scempio contro la sana concezione cattolica ( che denota che i novatori hanno fretta, molta fretta…) preti e fedeli confidano di poter aiutare concretamente gli ultimi, i perseguitati , gli espulsi: vale a dire le vittime innocenti dei cattivi, “illuminati” Vescovi attuali.
AC

Immagine :  Santi Buglioni (Firenze, 1494 – 1576) : Santi in adorazione del Santissimo Sacramento. Ornamento floreale della cornice. Terracotta invetriata. Chiesa di Santa Maria Assunta in Gavinana (San Marcello Pistoiese).

23 commenti:

  1. Si potrebbe dire : una risata lo seppellirà , se non fosse che questa risma di vescovimodernisti è la più nociva pestilenza . jane

    RispondiElimina
  2. con riferimento a questo pseudo/vescovo, non sarebbe meglio parlare di partito vaticansecondista e partito bergogliano, che ha ridotto così la Chiesa? guardate che in linea di massima i veri Vescovi Cattolici, così come i preti in genere, ne sono rimasti pochissimi e nel giro di qualche anno, visto come vanno le cose, spariranno del tutto; e dunque come vuole il vat.II ed in ultima analisi Bergoglio ed il suo seguito rimarrà solo la nuova religione mondializzata senza Dio. (il potere è potere, non dimentichiamolo mai).
    Ormai il concilio che doveva aggiornare la Chiesa ed essere pastorale, ha raggiunto i suoi scopi, è diventato la nuova chiesa 2.0 il superdogma, e crede di aver preso il posto di Dio.

    RispondiElimina
  3. I preti quasi spariranno, i sacerdoti saranno sempre più numerosi e sempre più coscienti che la Messa (tridentina) è il culmine della loro vocazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo ! ho sempre sostenuto che l' essere prete è ormai diventato sempre piu' un mestiere , anzi , essere ladri di anime !

      l' essere sacerdoti è una dignita' che è data e non appartiene alla persona !

      Elimina
  4. Ricordo che ,secondo le disposizioni ecumeniche del Sacrosanto Concilio Ecumenico Vaticano II,le preci ed opere di pietà verso la Santissima Eucaristia sono una devozione privata.
    La Chiesa deve assolutamente diminuire il culto pubblico verso il Corpus Domini ritenuto inferiore rispetto all'esigenza di non offendere ,per esempio,il luterani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. troppe cose , sono ritenute inferiori , secondo il superdogma baraccone , questo si infallibile !!!!!!!!!! per non offendere i protestanti

      MA- CHI - SE - NE - STRA-FRE- GA!!!!
      e con gli ortodossi , invece , come la mettiamo ! che ci stiano bene alla larga !!

      Elimina
    2. La realtà purtroppo ridicolizza le teorie anche più brillanti.
      Quanti eretici sono tornati a Gesù grazie al Concilio Ecumenico e quanti invece si sono persi pur essendo sulla retta via?
      Purtroppo anche l'attuale Pontefice Massimo ancora insiste con questi espedienti fallimentari tipo il non inginocchiarsi dinanzi al Santissimo.

      Elimina
  5. Loro, i novatori, sanno benissimo di essere accerchiati dalle nuove generazioni che in verità sono più propensi alla buona liturgia e alla sana dottrina. Hanno poco tempo a disposizione per sfasciare quel che è rimasto. Se l'articolo fosse stato completato enumerando anche le sofferenze disumane inflitte a un povero seminarista colpevole di pregare troppo... vi sareste strappati le vesti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è roba vecchia ! durante la riforma liturgica voluta da quel sant' uomo di Paolo VI , i miei vecchi sacerdoti , con la veste lacera , cui si andava a casa a portate un uovo , un po' di formaggio o del vino , perche' non avevano nulla per cena , ma pieni di fede e ne davano ! sono stati gettati in soffitta dalla mattina alla sera , alcuni sono morti di crepacuore per quel che succedeva. che Dio li abbia in gloria .

      Elimina
    2. E' verissimo quello che dice l'anonimo delle 11.25. Alla faccia della "Chiesa pppovera per i ppppoveri" nelle pievi di campagna i sacerdoti erano poveri davvero e vivevano delle offerte dei fedeli. Ma quanta Fede Vera sapevano spargere tutto intorno! Io vengo da quel mondo che purtroppo ho solo sfiorato ma ho conosciuto nei racconti dei miei nonni e dei miei genitori.
      Quanta falsità nel proclamare una povertà di facciata quando la vera povertà è nel cuore e nella Fede.

      Elimina
    3. la poverta' è aristocrazia , il vivere distaccati dalle cose ; da non confondere mai con la miseria che è solo squallore !!
      ce lo dice San Paolo '' che si sia come non essendo e si possegga come non possedendo , lasciando che in se viva ed operi Altri ,,

      Elimina
  6. "Operatori del sacro" : è vero questa denominazione casca a pennello ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio sarebbe operatori ecologici per quanta monnezza si stanno lasciando dietro....

      Elimina
  7. io ho smesso di incazzarmi. Da un pezzo. Poiché tutto doveva e dovrà succedere. Quando arriviamo ad avere i giullari di corte a presentare l'opuscolo del bergoglio pensiero allora credo che non c'è più nulla da aggiungere. Non bastava , infatti, il veneto vestito naturalmente all'accomodante pensiero laicista, non bastava il commovente e lucido racconto della conversione del giovane cinese ( che vale la pena ricordare come bella trovata del gesuita euclideo , doveva nascere il casus . perché creando il casus , il Bergoglio ci sguazza! E dice al popolo osannante: "Vedete come mi odiano?". Evvia.Lasciamoli la popolarità dovuta. A noi il nascondimento e il silenzio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io dovrei avvelenarmi il sangue con questi ladri di anime , massoni , apostati , miscredenti ??

      piu' volte ho tenuto a far sapere , che quello che non mi fa dormire la notte , è quando il mio gatto rientra pestato per aver trascorso la notte in bagordi , in compagnia coi suoi compari !

      e tante grassssssssssssssssie !!! .........

      Elimina
  8. Ricordiamoci sempre che questa apostasia di massa assecondata dai falsi profeti del vaticano II non durerá un istante di piú di quanto il buon Dio ha previsto da tutta l'eternitá! Rimaniamo saldi con la Messa di sempre e col rosario!piú buio che a mezzanotte non viene prima o poi la falsa chiesa crollerá! Animo e fiducia nella Madonna!

    RispondiElimina
  9. recito sempre questa preghiera , scritta da un anima veramente santa ed in tempi '' piu' bui che a mezzanotte non viene mai ,,
    Quel che mi accadra' oggi , mio Dio , non lo so . Tutto quello che so è che nulla mi accadra' che Voi non abbiate preveduto e diretto al mio maggior bene da tutta l' etenita' . Questo solo mi basta . Adoro i Vostri santi disegni eterni e impenetrabili , mi sottometto con tutto il cuore per Vostro amore . Vi faccio un sacrificio a quello del mio Divin Salvatore . Vi domando in Suo Nome e per gli infiniti Suoi meriti la pazienza nelle mie pene , la perfetta sommissione che Vi si deve , purchè tutto quello che Voi volete e permettete che accada , riesca a Vostra maggior gloria ,
    + Così sia

    RispondiElimina
  10. Benissimo ha scritto Anonimo delle 12:10 : poche parole che meriterebbero di essere incorniciate " La realtà purtroppo ridicolizza le teorie anche più brillanti.
    Quanti eretici sono tornati a Gesù grazie al Concilio Ecumenico e quanti invece si sono persi pur essendo sulla retta via?
    Purtroppo anche l'attuale Pontefice Massimo ancora insiste con questi espedienti fallimentari tipo il non inginocchiarsi dinanzi al Santissimo."
    Quanti eretici ( e quanti peccatori) sono tornati a Gesù grazie al Concilio Ecumenico e quanti invece si sono persi pur essendo sulla retta via?

    RispondiElimina
  11. Rispondo con le parole del Cardinale Burke: questi indegni vescovi non subiranno alcun giudizio in seno alla Conferenza episcopale, priva com'è di ogni ruolo e assoggettata al Regnante misericordioso in modo acritico e totalizzante, ma risponderanno direttamente a Dio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che gran parte dell'alto clero non crede più a nulla che non alla gloria terrena ed al denaro.

      Elimina
  12. Gesu' chiedera' il conto di quel che ne è stato del gregge e di dove sono andate a finire e quel che se e fatto e perche' , delle pecore smarrite !!! ce lo ha detto e lasciato detto Lui stesso !!

    RispondiElimina
  13. Al di là delle considerazioni generiche sullo sfascio di cui questo episodio è un preclaro esempio: nel caso specifico nessuno ha fatto notare al soggetto in questione che l'addobbo è previsto dalle norme canoniche? (In caso positivo, immagino la risposta)
    NAT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra che il tono usato dall'Eccellentissimo ( forte con i deboli ma debole con i forti) nei confronti dei giovani seminaristi non prevedeva alcuna replica : aut - aut.
      Purtroppo questi Eccellentissimi se la prendono solo contro coloro che dimostrano devozione e pietas cattolica. Esattamente come Qualcun altro...

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.