giovedì 10 settembre 2015

Mons.Negri : La chiesa italiana "Ragiona secondo il mondo" e la notizia di un'aberrante ... "nuovissima messa"...

Speravamo, nel primo pomeriggio, di postare l' Articolo del bravissimo Matteo Matzuzzi : La crisi della chiesa italiana? "Ragiona secondo il mondo". Parla monsignor Negri. Tra bellum iustum e dissidi interni alla Cei il problema è che “non abbiamo più valori per cui vivere, ecco perché non combattiamo l’Isis”. L'arcivescovo di Ferrara-Comacchio sottolinea come il mondo cattolico "rischia di non accorgersi della pervasività degli attacchi, non vedendo cose che normalmente si vedono a occhio nudo"
Ci siamo aimè accorti che a quell'ora il "contenuto ( dell'Articolo de Il Foglio   N.d.R.) -era- disponibile solo per utenti abbonati"...
Troppo poco per un post...
La Provvidenza è venuta però in soccorso dei poveri "ricercatori" perchè dal Blog "Chiesa e post Concilio" abbiamo  letto una notizia postata da una Lettrice che può essere inquadrata, purtroppo, nel realistico ragionamento di Mons.Negri :
"Una messa non Novus Ordo, ma addirittura Novissimus Ordo. 
In un paesino delle Marche ( prima o poi riusciremo ad individuare quella località N.d.R.) ieri sera ( 9 settembre N.d.R.) processione con messa in onore della Madonna Addolorata che viene portata in pellegrinaggio ogni sera in una chiesa diversa dove si celebra l'eucarestia con concorso di popolo. 
Dopo la prima lettura e il salmo responsoriale viene annunciata la seconda lettura:"Dalle parole di papa Francesco", e viene letto un brano di un suo discorso. 
Al termine di questa "seconda lettura", come di consueto, viene detto:"parola.....della chiesa". 
Segue un momento di silenzio imbarazzato e alla fine si risponde:"Rendiamo grazie a Dio".  
Come può essere definita questa ultimissima versione della nuova, anzi nuovissima messa?
Inaudito ! Non ci sono parole !
Queste aberrazioni sono generate solo da chierici teologicamente sbandati che "ragionano secondo il mondo" !
Gli anziani Sacerdoti insegnavano che la Liturgia si nutre della buona Teologia così come la Teologia si nutre della buona Liturgia.
E' senz'altro edificante che durante una Processione o in un incontro di preghiera si possano ascoltare  brani tratti dalle Encicliche o dai discorsi papali ( senza fare eccezioni fra i Papi: sia quelli resi ultra-popolari dalle "carezze" dei mass media che quelli che hanno conosciuto "sorella perseuzione" attraverso il vituperio quotidiano dei potentissimi mezzi d'informazione...).
Nella celebrazione della Messa però a nessuno è concesso l'ardire di  sostituire  una lettura del Lezionario addirittura con un discorso papale - scelto fra i tanti chissà con quale criterio- dal celebrante.
Negli atti arbitrari e personalistici come quello descritto dalla sdegnata Lettrice di Chiesa e post Concilio si percepisce tutta la negativa ed anarchica arbitrarietà di un prete che "ragiona secondo il mondo" anzichè seguire, con semplice umiltà di consacrato, il Vangelo ed il Magistero immutabile della Chiesa.
Ci affidiamo come sempre con la preghiera alla Madonna Santissima, Madre della Chiesa, affinchè illumini la mente ed i cuori dei Sacerdoti, i Suoi figli prediletti : perchè non "ragionino secondo il mondo" ma possano essere "sale della terra e luce del mondo" per guidare il gregge che è stato loro affidato e non farlo "fuggire per paura davanti ai lupi" ma affidarlo amorevolmente nelle sicure braccia di Cristo Gesù Buon Pastore.


Immagine : Nostra Signora di La Salette (o Madonna di La Salette)che piange sulle sorti della Chiesa durante una delle apparizioni che ebbero, il 19 settembre 1846, due ragazzi, Maximin Giraud e Mélanie Calvat. Il nome della località si riferisce al comune francese di La Salette-Fallavaux.