sabato 5 settembre 2015

Due nuovi centri stabili di Messa in rito romano antico in Toscana: Arezzo e Lucca. Domenica 6 sett. la prima Messa a Lucca!

Due altre vittorie della Tradizione in Toscana e due nuovi centri stabili di Messa: Arezzo e Lucca 
Chi – fra fedeli, sacerdoti e vescovi – conosce il Coordinamento toscano “Benedetto XVI”, ha potuto constatare che la vena polemica non ci contraddistingue. 
Il Coordinamento, fin dalla sua costituzione, ha mirato infatti a lavorare sodo sul territorio per ottenere il risultato di organizzare i gruppi di fedeli e attivare celebrazioni a norma delle disposizioni canoniche dettate dal Motu proprio Summorum Pontificum del 2007. 
Non che in questi sette anni di esistenza operosa nella nostra regione non si siano trovati ostacoli, talora pretestuosi, talaltra infondati o capziosi, ma gli organi del Coordinamento e i gruppi in esso federati hanno volontariamente evitato ogni fragorosa e mediatica polemica, specialmente con gli Ordinari diocesani con i quali si è avuto a che fare. 
Alcuni Ordinari hanno mostrato benevolenza, altri hanno applicato con correttezza le norme pontificie, pochi infine hanno tenuto una condotta “ostruzionistica”. 

Notorio è il caso di Arezzo, sul quale qui però non vogliamo insistere, anche perché grazie alla caparbietà dell’Associazione Regina Sacratissimi Rosarii e all’aiuto della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, oltre che più modestamente al nostro aiuto, il gruppo è riuscito a far officiare tre celebrazioni nella Parrocchia di S. Bernardo (http://coordinamentotoscano.blogspot.it/2015/03/arezzo-il-resoconto-della-visita-di.html http://coordinamentotoscano.blogspot.it/2015/04/arezzo-s-messa-in-rito-antico-domenica.html), che da settembre ospiterà nuovamente la S. Messa con i libri liturgici del 1962 ogni terza domenica del mese (a cura dell'Istituto Cristo Re Sommo Sacerdote), come più avanti annunceremo con maggior dettaglio.  

Più problematico e irto di ostacoli è stato l’itinerario del Comitato Lucio III di Lucca, fondato grazie all’intervento del Coordinamento nel febbraio 2012 (http://coordinamentotoscano.blogspot.it/2012/02/notizie-da-lucca-costituzione-di-un.html).
Non scenderemo troppo in particolari, ma non possiamo tacere che solo la fede, la pazienza, la tenacia e l’organizzazione del gruppo lucchese, unite al sostegno del Coordinamento e all’interessamento della Commissione Ecclesia Dei, hanno potuto fruttare il buon esito. 
Dobbiamo darne conto, anche per fornire a tutte le associazioni di laici italiane un chiaro esempio di come sia possibile giungere a risultati concreti, nonostante ostacoli e barriere apparentemente insormontabili. 
Come suggerito dal Coordinamento, il coetus si dette una struttura giuridica e uno statuto contenente le proprie finalità, fece tutti i passi opportuni per presentarsi e chiedere la benedizione del proprio vescovo, mons. Benvenuto Italo Castellani, al quale assicurò la propria volontà di agire con deferenza e filiale obbedienza, pur restando saldamente convinto della legittimità delle proprie aspirazioni. 
Dopo alcuni colloqui piuttosto “interlocutori”, non reperendo un sacerdote che celebrasse i Sacri misteri nella forma tradizionale, seguendo le prescrizioni contenute nel motu proprio Summorum Pontificum (art. 7), il comitato chiese allora la designazione da parte dell’Ordinario. 
La mancata risposta non indusse il coetus a un cedimento, ma al contrario lo spinse a intensificare la preghiera, con appuntamenti a cadenza fissa, dedicati alla recita del Rosario. Dopo aver ribadito la richiesta di un celebrante, con lettera del primo aprile 2015, l’arcivescovo, ringraziando per le «cortesi parole» e la «deferenza» mostrata nei suoi riguardi, esortava il comitato a ritrovarsi non solo per il Rosario, «ma anche per l’Ufficio divino come per altre pie pratiche», mentre per la Messa, dato che «con una certa frequenza» il gruppo partecipava a «altri incontri comuni con altri gruppi ai quali siete collegati», la risposta era negativa. 
Il presule additava al più la possibilità di assistere alla celebrazione dell’ultima domenica del mese a Viareggio (distante circa 30 km da Lucca), che peraltro, a causa della difficoltà di reperimento di un sacerdote, spesso era cancellata. 
Mons. Castellani si diceva «certo della religiosa accoglienza di queste indicazioni del vostro Vescovo», che pure apparivano un modo mascherato per disapplicare il motuproprio. 
 
Per niente scoraggiato, il comitato lucchese inviava, nel termine dei quindici giorni previsti dal Codice di diritto canonico, una lettera con la quale reiterava fermamente l’istanza di fissazione di una celebrazione festiva stabile secondo l’edizione tipica del Messale del 1962. 
In questa missiva, veniva avanzata una richiesta di modifica del decreto arcivescovile e, nell’ipotesi malaugurata del mancato accoglimento o di silenzio qualificato ex cann. 57 e 1735, si prospettava ricorso all’autorità superiore, ossia la Pontificia Commissione Ecclesia Dei. 
In data 15 maggio giungeva risposta dell’Arcivescovo, con la quale pur qualificando l’atteggiamento dei nostri amici lucchesi come una «lucida ed esemplare testimonianza di comunione ecclesiale» (espressione sulla quale preferiamo soprassedere, ma che ognuno potrà valutare autonomamente, anche in relazione a quanto esposto sopra), decretava l’attivazione di una «celebrazione della Santa Messa domenicale nell’Usus antiquior» con luogo e orario seguenti: «ore 7,30 Chiesa dei Padri Cappuccini», presso Monte San Quirico, alle porte di Lucca. 
L’incaricato è uno dei Padri Cappuccini, ma qualora a questi non sia possibile assicurare la S. Messa, su preavviso, si potrà trovare un altro presbitero idoneo. 
La prima Santa Messa sarà officiata domenica 6 settembre, alle ore 7.30 ( di mattino N.d.R.), presso la Chiesa dei Cappuccini di Monte S. Quirico, in via della Chiesa, 87
Certo, nessuno si nasconde che l’orario della celebrazione sia alquanto penalizzante – cosa che può dar vita a interrogativi circa le reali intenzioni di Sua Eccellenza – e che non sarà compito facile per i nostri amici quello di allargare il gruppo e creare un centro di apostolato basato su una sana liturgia, accompagnata da una sana dottrina. 
Eppure, vogliamo ringraziare la Provvidenza che, attraverso meccanismi che a noi non ci sono del tutto chiari, ha voluto premiare gli sforzi di quanti con sincerità cercano di vivere la fede cattolica in modo coerente e integrale. 
E, nell’osservare le buone intenzioni del sacerdote incaricato, confidiamo anche che la stessa Provvidenza possa sorreggere l’associazione lucchese e tutti i fedeli che desiderano la S. Messa e i sacramenti nel rito antico, al fine di ottenere condizioni sempre migliori. 
E vogliamo infine pensare che il Coordinamento toscano sia stato in queste vicende di Lucca e Arezzo, con il sostegno morale, giuridico e logistico dei gruppi, uno dei tanti piccoli strumenti di cui il Signore Iddio si è avvalso per riportare alla luce una liturgia in cui Egli è il centro e il fine. 

Fonte  : Blog del Coordinamento Toscano Benedetto XVI per l'applicazione del Motu Proprio "Summorum Pontificum"