sabato 18 aprile 2015

Card. Müller: "L'ex Sant'Uffizio strutturerà teologicamente i pontificati. Anche quello di Francesco"

 E' passato un po' inosservato, questo intervento, ma lo pubblichiano noi.
Interessantissimo, e... molto opportuno! Complimenti, Card. Müller. Ce n'è molto bisogno!
Roberto


  Il cardinale tedesco preannuncia un'inedita competenza del suo dicastero:
quella di «strutturare teologicamente un pontificato»

di Andrea Tornielli, da Vatican Insider del 07.04.2015



Il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, in una delle numerose interviste concesse nelle ultime settimane e focalizzate sul prossimo Sinodo, ha parlato di un nuovo compito del suo dicastero. Un compito che non è stato mai citato nei documenti che riguardano le precise competenze dell'ex Sant'Uffizio.
Il porporato tedesco, intervistato da «La Croix», ha infatti dichiarato: «L'arrivo sulla Cattedra di Pietro di un teologo come Benedetto XVI è probabilmente un'eccezione. Anche Giovanni XXIII non era un teologo di professione. Papa Francesco è anche più pastorale e la Congregazione per la Dottrina della Fede ha una missione di una strutturazione teologica di un pontificato». Dunque, da quanto dichiara Müller, l'ex Sant'Uffizio deve «strutturare teologicamente» il pontificato di Papa Francesco. Ed è probabilmente per questo motivo che il Prefetto interviene così spesso pubblicamente, come mai è accaduto prima.
Si tratta di una significativa novità, dato che secondo l’articolo 48 della Costituzione apostolica sulla Curia Romana «Pastor bonus», promulgata da Giovanni Paolo II nel 1988, «compito proprio della Congregazione per la dottrina della fede è di promuovere e di tutelare la dottrina della fede e i costumi in tutto l’orbe cattolico».
Mentre il Papa «per volontà di Cristo stesso», come ha ricordato in chiusura del Sinodo 2014 anche Francesco, è il «Pastore e Dottore supremo di tutti i fedeli» (canone 749). Fino a pochi decenni fa (l'ultimo a farlo è stato Paolo VI) era lo stesso Pontefice a presiedere in prima persona la Congregazione per la dottrina della fede, proprio in ragione di questo compito che solo a lui compete in virtù del primato petrino. Un primato che appartiene al vescovo di Roma, quello di presiedere «nella carità», dirimendo anche, nel caso sorgessero, questioni teologiche.
Le parole del cardinale Müller, con l'introduzione dell'inedito e fino a oggi non ancora formalizzato compito di «strutturare teologicamente un pontificato», sono passate quasi inosservate. Se da un lato aprono scenari dottrinali nuovi rispetto alla tradizione della Chiesa, dall'altra sembrerebbero lasciar intendere che, secondo Müller, l'attuale pontificato - come peraltro anche quello di san Giovanni XXIII - non abbia sufficiente «struttura» teologica.

21 commenti:

  1. ancora con il sant'uffizio?! avanti con amore ed apertura ... evviva la primavera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato, o per fortuna, anzi per grazia di Dio, che naturalmente alla primavera subentra l'estate e all'estate l'autunno e poi l'inverno e così ciclicamente. Peccato però anche che non esistono più le mezze stagioni, per cui a quale primavera intendi dare il tuo respiroso assenso? A quale amore e apertura? Menomale esiste la natura delle cose, che di certo non si ferma alla primavera...

      Elimina
  2. Quale amore? Quale apertura? Sei il solito che necessita di aria nuova. Aria kikiana. E allora cammina e continua a camminare. Anche Paolo VI s'aspettava la primavera dal Concilio, e poi s'accorse che aveva lasciato le porte aperte alla tempesta e al fumo di satana e ad un pensiero non cattolico.
    Strutturare? Direi "ristrutturare". Un edificio pericolante si ristruttura. O s'abbatte e se ne riedifica uno nuovo. Ma ciò non si può far con la Chiesa che è e resta una, anche quando ha bisogno di bisturi o di ponteggi.

    RispondiElimina
  3. Il cardinale non ha torto. Ciò non toglie che sarebbe stato saggio "fare" senza "dire", quantomeno per non urtare facili suscettibilità. Antiquario

    RispondiElimina
  4. L'importante, al di là di Tornielli e dell'attuale sua posizione, è la volontà di Mueller.

    RispondiElimina
  5. Speriamo che, da tutto ciò, esca qualcosa di buono. In ogni caso, è normale che la notizia abbia avuto scarsissima o nulla risonanza mediatica. Che volete che dicano, all'uomo della strada, lettore di giornali o usufruitore di TV, parole come "strutturare teologicamente un pontificato"? Il concetto è quasi ostico persino per chi, come il sottoscritto, da tempo si appassiona ed interessa a questi temi...
    Tommaso Pellegrino - Torino
    www.tommasopellegrino.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Sua Eminenza il Card.Mueller non è il Cardinale Ratzinger e soprattutto Padre Bergoglio non è Papa Carol Woytila.
    A nessuno viene il dubbio perché Benedetto XVI non ha fatto Mueller Cardinale prima delle dimissioni?
    Dopotutto era il suo Prefetto della Fede.

    RispondiElimina
  7. Non lo ha fatto cardinale semplicemente perchè è stato nominato prefetto del sant'uffizio solo pochi mesi prima delle dimissioni. Non ha fatto in tempo, tutto qua. Certamente Muellere non è Ratzinger, ma neppure Levada ea tanto meglio.

    RispondiElimina
  8. " «compito proprio della Congregazione per la dottrina della fede è di promuovere e di tutelare la dottrina della fede e i costumi in tutto l’orbe cattolico», " compreso il Papa ? ? ? !.

    RispondiElimina
  9. Perché no? Quanti documenti pontifici son passati prima della pubblicazione dall'ex-S. Uffizio? Quanto materiale da questa ex-Suprema Congregazione è stato preparato per i Papi? perché, almeno un tempo, il pro-prefetto del S. Uffizio (prefetto sino alle non remote innovazioni, era il papa) veniva pressoché settimanalmente ricevuto in udienza.
    I temi su cui si esprime il Papa posson benissimo esser estranei alla sua formazione.
    Pio XII per ogni discorso specialistico, chiedeva relazioni a scienziati, cardinali, professori delle facoltà pontificie ecc., e, ovviamente al S. Uffizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il nome non fa la cosa si diceva il Cardinale Segretario della Sacra Suprema Congregazione dell Sant'Uffizio. Ad es. il Cardinale Raffaele Merry del Val.

      Elimina
    2. Non farà la cosa, ma ne esprime il valore e il compito.

      Elimina
    3. Per un Papa, un conto è "consultare su materie specialistiche", come Pio XII faceva magnificamente, e un conto tutto diverso è farsi bacchettare sulla Fede, che è il suo Munus specifico affidatogli direttamente e esplicitamente da Gesù Cristo.

      Elimina
  10. la situazione E' BRUTTA ASSAI !!!

    RispondiElimina
  11. Allora Eminenza cominci subito, e non perda piu tempo, altrimenti qui finiamo tutti non si sa dove, certamente non piucatolici.

    RispondiElimina
  12. Allora Eminenza cominci subito, e non perda piu tempo, altrimenti qui finiamo tutti non si sa dove, certamente non piucatolici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doveva avere cominciato subito dopo la sua elevazione alla Porpora. Ma penso che per prudenza non lo ha fatto. Papa Francesco e uomo orgoglioso sebbene ultimamente pare che voglia fare il Papa davvero. Ma la sua natura e defizientissima formazione teologica glielo impedisce. Preghiamo per Lui.

      Elimina
  13. Mueller vuole far strutturare teologicamente Il Papa. Che non sappia che il Papa e non lui ha una speciale assistenza dello Spirito Santo? o quest'ultimo è diventato proprietà dei vari compagni di Mueller: Burke e compagnia?

    RispondiElimina
  14. Il Papa gode della particolare assistenza dello Spirito santo a precise condizioni. Se il papa tutto sapesse ed in tutto parlasse in lui lo Spirito Santo, non avrebbe bisogno di collaboratori, teologi, biblisti ecc.

    RispondiElimina
  15. Il Papa ha bisogno di un Tutor... c'è l'aspetto sarcastico ma anche l'aspetto oggettivo

    RispondiElimina
  16. Che ci mantengano la religionem Cattolica almeno! Che non ci portino alla deriva verso un proto-luteranesimo!!!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.