venerdì 20 febbraio 2015

Pellegrinaggio delle Domenicane "del Santo Nome di Gesù" a San Giovanni in Laterano per il XL di fondazione

  Per i 40 anni dell’Istituto, le domenicane di Fanjeaux in pellegrinaggio a Roma
nella Basilica di San Giovanni in Laterano (febbraio 2015)

suore e ragazze in LateranoMartedì 9 febbraio 2015, all’inizio del loro pellegrinaggio a Roma, le Domenicane del Santo Nome di Gesù, insieme con le alunne ed le famiglie che le accompagnavano, sono entrate processionalmente della Basilica di S. Giovanni in Laterano ove, prima di seguire la Via Crucis, sono state accolte dal Superiore del Distretto d’Italia della Fraternità San Pio X don Petrucci (con un particolare atto di filiale e ossequiosa devozione al Papa).
La Congregazione Dominicana del “Santissimo Nome di Gesù” di Fanjeaux ha organizzato infatti dal 9 al 14 febbraio 2015, un pellegrinaggio di ringraziamento a Roma in occasione dei 40 anni dalla sua fondazione.
La congregazione ha come fine l'educazione delle giovani ragazze, fornendo loro tutta la qualità dell'insegnamento cristiano; costituita oggi 200 religiose, esse sono impegnate in 8 scuole secondarie e sei scuole elementari in Francia, Germania e Stati Uniti. Al pellegrinaggio hanno partecipato, oltre alle religiose, 950 delle loro studentesse, un centinaio di insegnanti e genitori.
E’ attraverso il suo attaccamento alla Messa Tridentina e la Tradizione della Chiesa, che la Congregazione ha conosciuto un così grande sviluppo nel corso di questi quattro decenni; esse vogliono dunque ringraziare la Città Eterna e la Divina Provvidenza per tutti i loro benefici.
Le Domenicane, mentre ringraziano le autorità romane di aver loro consentito l'ingresso nelle basiliche papali, deplorano che, nonostante le reiterate richieste della Pontificia Commissione Ecclesia Dei, in nessuna chiesa di Roma si sia potuta celebrare la Santa Messa antica per 1300 pellegrini.

  Pellegrinaggio delle Dominicane a Roma:
predica di don Pierpaolo Petrucci a San Giovanni in Laterano
(Fonte: DICI)

           Cari confratelli, reverende madri, care alunne, cari fedeli,
      in qualità di superiore del Distretto italiano della Fraternità S Pio X, sono molto onorato di accogliervi qui a Roma in questa magnifica Basilica, in occasione del vostro pellegrinaggio per i 40 anni della vostra comunità,  40 anni che avete consacrato al servizio dell’educazione delle giovani ragazze, e per festeggiare questo anniversario siete voluti venire a Roma, certamente come testimonianza di fede, per rendere manifeste le ragioni che vi legano alla Roma eterna, quella degli Apostoli, dei martiri, dei santi e dei Papi che hanno trasmesso la fede per tutto il corso della storia. E questa fede non può cambiare, perché come ha detto Nostro Signore: «Il cielo e la terra passeranno ma le mie parole non passeranno». Di questa fede voi avete fatto il criterio della vostra difficile scelta, sono 40 anni, e il fondamento di tutta la formazione che dispensate.
 Questa Basilica dove noi abbiamo la grazia di poterci raccogliere in preghiera oggi, è un monumento magnifico che mette in evidenza il legame indissolubile tra la nostra fede e quella degli Apostoli. Voi potete ammirare le grandi statue che ne ornano le pareti e che li rappresentano, ma soprattutto potrete pregare su due reliquie insigni, le teste dei suoi Apostoli S. Pietro e S. Paolo, che sono contenute nella sommità del Ciborio.
Domenicane  SS. Pietro e Paolo
Nostro Signore dopo la sua resurrezione aveva detto ai suoi apostoli: «Andate a predicare il Vangelo a tutte le nazioni, coloro che crederanno e saranno battezzati saranno salvi, coloro che non crederanno saranno condannati».
Fedeli alla parola di Gesù gli Apostoli cominciarono a predicare la fede in Gesù Cristo, e la Provvidenza condusse S. Pietro e S. Paolo qui a Roma per farne il centro del mondo cristiano.
Non si trattava di dialogare con i sacerdoti della religione pagana per valorizzarne gli elementi di verità che vi si potevano trovare.
Lo scopo degli Apostoli era di convertire le anime alla fede in Gesù Cristo, unico Salvatore, poiché, come S. Pietro ricordava ai giudei, «non è stato dato agli uomini nessun altro nome nel quale ci si possa salvare».
Il loro apostolato era fondato sull’umile predicazione della Verità che spesso era accompagnata da numerosi miracoli ad attestarne l’origine divina. Questa predicazione essi l’incarnavano nella loro vita, in tutto conforme alla dottrina che predicavano.
Non esitarono a denunciare gli errori del paganesimo e la sua immoralità, immoralità che è la conseguenza immediata di ogni falsa religione. È sufficiente leggere l’epistola di S. Paolo ai Romani per rendersene conto.
Così la predicazione degli Apostoli, davvero opera soprannaturale, porterà frutti straordinari, soprattutto una fede che sarà bagnata dal loro sangue versato in testimonianza della realtà di colui che avevano conosciuto: Gesù Cristo Figlio di Dio, morto per i nostri peccati, resuscitato il terzo giorno e salito al cielo. È qui a Roma, in effetti, che essi doneranno le loro vite per Gesù Cristo durante la persecuzione di Nerone nel 64.
Come sapete S. Paolo fu decapitato alle Tre Fontane e S. Pietro crocifisso a testa in giù sul colle del Vaticano, perché si considerava indegno di morire come Gesù.
La conquista dell’impero romano al Cristianesimo, meritata grazie al loro martirio e quello di migliaia di altri cristiani, avverrà per la conversione dell’imperatore Costantino che, come sapete, dopo la visione miracolosa della Croce nel cielo e dell’iscrizione «in questo segno vincerai», fece mettere le iniziali del Cristo sugli stendardi del suo esercito e riportò la vittoria contro il cugino Massenzio, a Ponte Milvio, alle porte di Roma.
Egli darà la libertà alla Chiesa attraverso l’editto di Milano nel 313 e offrirà in dono al Papa il terreno sul quale sarà edificata questa basilica - prima chiesa ad essere pubblicamente consacrata - il 9 novembre 324, dal Papa S. Silvestro.
Ma gli imperatori cristiani non potevano accontentarsi di un regime di libertà religiosa, non potevano accettare di veder ancora, accanto al culto reso al vero Dio le superstizioni dell’idolatria, ed ecco che, qualche anno dopo, nel 370, l’imperatore Teodosio con l’editto di Tessalonica dichiara il cattolicesimo religione di Stato È la vittoria completa del cristianesimo.
Potrete ammirare otto grandi affreschi nella Basilica che narrano questi avvenimenti della vita di Costantino e il grande mosaico che si trova sull’abside vi fa anche riferimento mostrando il trionfo della Croce.
Questo mosaico ci mostra che tutte le grazie vengono a noi dal sacrificio della Croce di Gesù. È là che Egli ha incatenato il demonio e che gli ha strappato la sua preda: l’umanità decaduta a causa del peccato originale.
Tutte le grazie ci vengono per la Croce di Gesù e quindi attraverso la S. Messa che non è nient’altro che il Sacrificio della Croce reso presente sull’altare mediante il ministero del sacerdote. Il giovedì santo nel cenacolo Gesù istituì la Messa e ordinò ai suoi Apostoli di perpetuare questo Sacrificio per comunicarci le grazie che ci sono necessarie per raggiungere il Cielo.
Questa Basilica ci aiuta a meditare su questo grande mistero, perciò conserva le preziose reliquie.
Infatti potrete contemplare alla vostra sinistra sull’altare laterale, il tavolo dell’ultima cena sul quale Gesù ha istituito la S. Messa e ha ordinato sacerdoti gli Apostoli per perpetuare il suo Sacrificio e restare con noi, realmente presente nella SS. Eucarestia.
Sotto l’altare maggiore si conserva ancora l’altare in legno sul quale S. Pietro celebrava la S. Messa. Su di esso i Papi continueranno a celebrare il S. Sacrificio finché non sarà inglobato nell’altare attuale.
Il Papa soltanto, o coloro ai quali egli accordi un permesso speciale, possono celebrare su questo altare.
In questi luoghi ci sono altri ricordi importanti della Passione di Gesù. Questa Basilica infatti fa parte del palazzo del Laterano, dove il Papa ha abitato per circa dieci secoli. Questo palazzo era molto più grande e comprendeva una parte che attualmente si trova distaccata, dall’altro lato della strada. È quella che si chiama la Scala Santa, salita da Gesù quando, durante la sua Passione, coronato di spine e coperto di un manto scarlatto, sarà presentato da Pilato alla folla. Questa scala fu trasportata da Gerusalemme a Roma grazie a Sant’Elena, madre di Costantino. Si può percorrere questa scala unicamente in ginocchio, pregando (avrete senza dubbio l’occasione di salirla). In cima c’è quello che era considerato come il luogo più santo del palazzo: la cappella papale, dove si trova un’immagine acheropita del Cristo, vale a dire un’immagine non fatta da mano umana.
Questa Basilica porta, inscritto sul suo frontone, il titolo di «omnium urbis et orbis ecclesiarum mater», che significa «madre e capo di tutte le chiese della città (ossia di Roma) e del mondo». È qui, in effetti, a Roma, che S. Pietro stabilì la sua sede, e i suoi successori alla guida della Chiesa sono vescovi di Roma.
Noi ci troviamo dunque nella cattedrale del Papa, nella chiesa che è al vertice di tutte le chiese del mondo. In fondo al coro potrete vedere la cattedra del Papa, il trono di cui prende possesso dopo la sua elezione.
Questo ci ricorda che il Papa è il capo supremo della Chiesa. Egli solo, e nessun altro, ha la pienezza del potere per governarla.
È al di sopra di tutti gli altri vescovi ai quali comunica il potere di governare le loro diocesi, quel potere che lui solo ha ricevuto direttamente da Cristo al momento della sua elezione.
Il Papa è la pietra sulla quale Gesù Cristo ha fondato la sua Chiesa e le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa poiché il Cristo, di cui il Papa è vicario, ne è il Capo invisibile e continua a vegliare su di essa. È questo per noi un gran motivo di speranza, soprattutto oggi.
 Tutti questi ricordi ci mostrano quindi la continuità tra la fede che ci è stata trasmessa dagli Apostoli e la nostra fede cattolica. Questa stessa fede che voi, reverende madri, vi impegnate a trasmettere ai vostri allievi, questa fede che l’uomo non può cambiare e che un giorno ci aprirà le porte del Cielo.
Preghiamo la S. Vergine che ai piedi della Croce ha custodito la fede nella divinità di Gesù, sebbene fosse come offuscata a causa delle sofferenze che Egli sopportava per noi; preghiamola affinché ci aiuti a custodire intatta questa fede e a testimoniarla senza paura in questi tempi difficili.
don Pierpaolo Maria Petrucci

21 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un commento volgarissimo che avrebbe dovuto esser subito rimosso

      Elimina
    2. Peccato non ce l'ho fatta a leggerlo....cosa diceva che si possa ripetere ovviamente??

      Elimina
    3. te la racconto io !
      C' ' era una volta la messa in latino . Poi un bel giorno fu proibita anzi non lo fu per niente ; fu strangolata in tutti i modi . La fata cattiva nelle fiabe è sempre presente . Per farla breve un bel giorno , col passar del tempo , chi fu posto in alto per rimediare all' accrocco , decise che si , la messa v.o. era sempre valida , ma per poterla celebrare ci voleva un permesso ! anzi fu dichiarato che entrambe le messe , quella in latino e quella deficiente , proprio perche' mancante di QUALCOSA , si arricchivano reciprocamente .
      Allora dei feudatari di rosso vestiti , decisero di rimanere indifferenti a questa grazia concessa da chi era posto in alto .
      feudatari eminentisssssssssssssimi e reverendisssssssssssimi .

      Con tutte queste esse i signori feudatari si sentiranno ancor piu' gratificati nella loro '' dignita' ,, . piu' ancora dello strascico passato in disuso
      .... la messa in latino è una bestia nera che lascia indifferenti alcuni e fa dormire sogni tranquilli a molti . è valida ma ci sara' sempre un ma !

      Elimina
    4. Sono sempre più convinto che la Vera Potenza della Fede sia proprio la Messa di Sempre....ecco perché fa tanta paura...

      Elimina
    5. Hierro , hai colto nel segno !!!

      quella di oggi è una fede per cosi' dire ......... globalizzata !!!!!!!

      Elimina
  2. È grazie a monache come queste che la fede non si è ancora persa...l'Isis sta per arrivare a Roma "caput mundi", ieri gli olandesi (chissà com'è, proprio loro, i scismatici del Catechismo) hanno distrutto Piazza di Spagna consacrata sll'Immacolata, siamo alla frutta e le autorità del Vaticano cosa fanno? Sanno solo proibire la Santa Messa di sempre! Stiamo spingendoci da soli nelle braccia del demonio!

    RispondiElimina
  3. A onor del vero bisogna dire che non è stranissimo il fatto che si interdica di celebrare la Messa ai lefebrviani, visto che si trovano ancora (speriamo per poco) in una condizione di irregolarità canonica ed eventuali permessi, come quelli recentemente concessi a S. Pietro, sono gesti di cortesia, nulla più.
    Gravissimo sarebbe stato se avessero impedito la celebrazione di una Messa antica ad un qualsiasi sacerdote diocesano o di istituto riconosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a certo e alcuni cardinaloni invece ? quale esempio di carita' e misericordia ..... GESU' è amore , perdona tutto la misericordia e patati' patata' . a suon di carte bollate .
      hai voglia a scomunicare nella chiesa .
      dimenticavo ...... alla Volpi

      PACE E BENE !!!

      Elimina
    2. Gravissimo è che questa Chiesa permetta messe con i baluba selvaggi in San Pietro, l'orrenda strage di ostie della messa orgiastica delle Filippine. Le messe carismatiche del Rinnovamento. Però loro sono regolari!! Sveglia, che l'Isis è alle porte

      Elimina
    3. Alle falde del Gargano20 febbraio 2015 18:10

      Caro Francesco, i suoi ragionamenti non reggono alla prova dei fatti. Che senso continuare a ripetere che quelli della San Pio X sono in una condizione di irregolarità quando il Papa in persona partecipa ai riti buddisti, accoglie nei giardini vaticani gli imam e sul suo esempio vescovi e cardinali concedono le chiese perché vengano celebrate le liturgie di tutte le religioni di questo mondo in nome dell'accoglienza? La contraddizione è troppo vistosa. Se si fosse trattato di protestanti, ortodossi, valdesi, islamici, induisti e così via, crede che la Diocesi di Roma non avrebbe trovato un luogo per le loro liturgie?

      Elimina
    4. Proibire una Messa è sempre un atto GRAVISSIMO per la Chiesa Cattolica! Soprattutto quando trattasi di Messa TOTALMENTE CATTOLICA e celebrata da PRETI CATTOLICI!!!

      Elimina
  4. Vergogna senza fine, ma Dio farà giustizia della setta vaticana

    RispondiElimina
  5. Il giudizio divino sta arrivando senz'altro a Roma...per ora purtroppo vediamo solo l'opera del maligno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscete né il giorno né l'ora.

      Elimina
    2. Benedetto il giorno e l'ora in cui tacerai!

      Elimina
    3. Ecco il solito analfabeta. Pasqualino!

      Elimina
  6. Gli unici irergolari sono quelli della setta cattocomunista che sgoverna la Chiesa che legittima l'empietà e il sincretismo ma il giudizio di Dio verrà anche per loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero...il progetto loro sta andando a gonfie vele ormai da 50 anni e passa....chi vivrà vedrà come si suol dire....

      Elimina
  7. Per chi avesse ancora dei dubbi sul piano organizzato di distruzione dall'interno della chiesa cattolica, anche di fronte alle ormai sfacciate insolenze contro l'Eucarestia da parte di componenti dei nuclei parrocchiali e purtroppo di molti sacerdoti e suore, si vada a consultare lo strano account di facebook così intitolato: "Imbarazzante colpo di tosse durante i momenti di silenzio in Chiesa".

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.