venerdì 18 aprile 2014

Laigueglia: torna dopo un secolo il Gran Teatro dei Cartelami

Ricostruzione virtuale
Ieri a Laigueglia, diocesi di Albenga-Imperia, si è inaugurata l'esposizione di un'opera d'arte eccezionale, il "Gran Sepolcro istoriato". Questo autentico “teatro sacro" è composto da boccascena, quinte e fondale e, nonostante le dimensioni colossali (larghezza 9 mt.; altezza 16 mt.), è interamente smontabile. Fu realizzato nel 1832 da Giuseppe Musso, pittore locale, ed è considerato il più importante "cartelame" di tutto il Ponente Ligure e il più grande interamente conservato al mondo.
Quest' opera di gusto tardo-barocco, ideata per suscitare meraviglia e donare forti impatti emotivi capaci di meravigliare i fedeli raccolti in preghiera, diviene successivamente l'Altare del Trionfo eucaristico (Giovedì Santo), il luogo della deposizione (Venerdì santo) e, infine, il Sepolcro vuoto indicato dall'Angelo la mattina di Pasqua. Intorno ad esso si celebrano i riti del Triduo Santo, fatti di Liturgia e devozioni. Particolarmente suggestivo l' "Ufficio delle Tenebre" cantato dai Confratelli penitenti di santa Maria Maddalena su antichissime e struggenti melodie tramandate oralmente.

La portata della tradizione dei cartelami, significativa nella nostra Laigueglia, mostra quali frutti d’arte può far maturare la fede, vissuta e praticata con semplicità – osserva l’arciprete Don Danilo Galliani – La creatività, la cura e la fatica gratuita di chi ha ideato e realizzato queste opere sono il segno di una fede essenziale e ricca insieme, lontana da pretese intellettualistiche, eppure così densa di espressività. Ecco perché è parso importante ridare valore a questi tesori. Non solo per cogliere una preziosa opportunità di recupero artistico o per un doveroso omaggio alla memoria dei nostri padri che li hanno creati quasi due secoli fa, ma soprattutto per tornare a vivere di nuovo questa storia di generosa fedeltà, di dedizione e affidamento, di pietà popolare e comunione”. 
Con la volontà di mantenere vive le antiche tradizioni che contraddistinguevano le celebrazioni religiose della Settimana Santa nel passato, oltre all’esposizione del “Sepolcro istoriato”, Laigueglia celebrerà presso la chiesa di san Matteo “l’Ufficio delle tenebre” con la partecipazione della storica confraternita di santa Maria Maddalena. Il Venerdì Santo, alle ore 21, si svolgerà la processione del Cristo morto, preceduta dalla cosiddetta “dita”, l’asta delle croci in dialetto ligure. Sabato 26 aprile alle 21 si terrà invece il Concerto Inaugurale per l’esposizione del cartelame con il Coro e l’Orchestra Istituto Diocesano di Musica Sacra, brani di Mozart e Vivaldi.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.