lunedì 24 febbraio 2014

Le giuste rimostranze a "Radio Maria"


Padre Livio ha deluso moltissime persone
di Marco Bongi
"La nostra emittente si è impegnata ad evangelizzare non solo attraverso l'obbedienza al Magistero e alla Dottrina, ma anche con il sostegno alle concrete iniziative pastorali del S. Padre".
Con queste parole, più o meno sempre le medesime, p. Livio Fanzaga stronca regolarmente in partenza ogni dibattito o protesta a riguardo dei vergognosi licenziamenti posti in essere, negli ultimi mesi, a Radio Maria, la radio di cui è direttore.
E' il tipico atteggiamento di chi non vuole confrontarsi, perché non ha evidentemente ragioni da addurre: E' così..., perché è così... e basta. Non importa se il regolamento è giusto o meno; quì comando io, questa è casa mia e chi non accetta le mie condizioni, se ne deve andare.  
Il discorso è chiuso.
Egli non si rende neppure conto dell'assurdità del suo ragionamento. Laddove infatti egli mette esplicitamente in contraddizione il Magistero e la Dottrina, con le concrete iniziative pastorali del S. Padre, egli ammette, cosa davvero inaudita, che ci possa essere opposizione fra questi elementi dell'azione ecclesiale.
In altre parole: p. Livio dà per scontato, e non si scandalizza minimamente di tale fatto, che ci possano essere situazioni nelle quali il Magistero e la Dottrina dicano una cosa..., e le concrete iniziative pastorali del S. Padre ne presentino un'altra diversa.
Se così infatti non fosse..., tanto per fare un esempio, il prof. De Mattei, nel momento in cui difende il Magistero e la Dottrina, dovrebbe, più o meno automaticamente, esporre anche l'atteggiamento pastorale del Papa. Quest'ultimo, del resto, cosa dovrebbe forse fare di diverso se non "Confermare i fratelli nella Fede, pascere gli agnelli e le pecorelle del Signore"?   
Ma il Fanzaga sembra non comprendere, o forse finge di non comprendere, o forse ancora è costretto a non comprendere.
Ascoltando inoltre questa nuova versione di p. Livio francescano (ovviamente non nel senso di discepolo del poverello d'Assisi), mi viene alla mente, con sconsolante tristezza, il giorno in cui, poco prima del Conclave 2005, fu proprio lui a farmi conoscere una famosa citazione di S. Vincenzo di Lerins:
"Ci sono Papi che Dio dona alla Chiesa, altri li tollera, altri infine li infligge".
E la medesima citazione fu più volte ripetuta, nella rassegna stampa e nella Catechesi giovanile, anche prima del Conclave 2013. Già solo far riferimento a tali parole dunque presuppone il fatto che ci possano essere nella storia Pontefici non santi, i cui comportamenti non possono costituire esempio per i cristiani.
Perchè allora il p. Fanzaga non si auto-licenzia dalla sua radio?
Ma le contraddizioni del direttore di Radio Maria si moltiplicano in questi ultimi mesi.
Egli, tanto per fare un esempio, oggi si affanna a sostenere che: "Non serve a nulla condannare chi si comporta male..., è più utile presentare positivamente la bellezza della famiglia cristiana, della vita nascente o del matrimonio"
All'epoca però del referendum abrogativo radicale sulla legge 40, fu proprio lui ad impegnarsi con forza a favore dell'astensione e diede molto spazio ad importanti bioeticisti che esposero con chiarezza la dottrina morale cattolica indicando, senza ambiguità, ciò che era giusto e ciò che era sbagliato.
Ma probabilmente erano altri tempi...
Naturalmente poi..., e la cosa sfiora il grottesco, a suo dire tutti i pronunciamenti e comportamenti di Papa Francesco sono, più o meno esplicitamente, in perfetta sintonia con i presunti messaggi della Madonna di Medjugorje.
In questo articolo non intendo occuparmi di tali messaggi, anche perché non spetta al sottoscritto giudicarne l'autenticità. Noto tuttavia, non senza stupore, come la medesima "piena sintonia" veniva regolarmente dichiarata anche all'epoca dei pontificati precedenti di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. 
Chissà allora che non sia proprio la S. Vergine, ad aver ispirato prima il Summorum Pontificum e poi... qualche anno dopo, il commissariamento dei F.I., con il relativo divieto della celebrazione V.O.
In conclusione devo purtroppo esprimere, ancora una volta, la mia tristezza e delusione di fronte al nuovo corso dell'emittente di Erba. In tanti ci avevamo creduto, in tanti pensavamo che p. Livio fosse davvero un sacerdote, magari non di impostazione tradizionale, ma comunque  coraggioso.
Scrivere queste righe dunque mi costa davvero molto ma la Verità è assai più importante e non si può tacere. Chiedo allora a tutti gli ascoltatori di Radio Maria di vincere i timori e di far sentire il loro sconcerto, alto e forte, alla direzione.
Marco Bongi

44 commenti:

  1. Seguivo la radio volentieri per i tanti bei programmi che c'erano, poi è arrivata l'era franceschiana e non si può più reggere tanto è lecchinosa e smielata e non si può neanche farlo notare educatamente sul blog...con gli altri papi non era così, non si trasmettevano in diretta le omelie private e Angelus 3 volte al giorno più tutti i commenti estasiati....una profonda delusione e non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  2. Vi stupite' Io no, il tradimento in molti taliani è una seconda natura. Poi deve ottenere l'approvazione per i messaggi inventati ...

    RispondiElimina
  3. Non vi crucciate: presto Radio Maria affonderà con padre Livio. Non vi accorgete quante panzane dice circa Medjugorje, i 10 segreti, i "meravigliosi" messaggi della Gospa"?
    Ha voglia di fare il ruffiano... la bufala dei 10 segreti non potrà reggere ancora a lungo, e tutti i progressisti esulteranno per l'affondamento di una Radio che in fondo, per molti anni, ha difeso e diffuso la sana dottrina e morale cattolica.
    Forse in tutta questa fissazione di p. Livio per Medjugorjie c'è lo zampino del demonio, perché alla fine butteranno via il bambino (la sana dottrina) don l'acqua sporca (la bufala Medjugorje)

    RispondiElimina
  4. chiudere i rubinetti a radio maria subito almeno la pianta di fare il despota.

    RispondiElimina
  5. Sono stata affezionata a Radio Maria una compagnia insostituibile in questi anni ho sempre versato anche il 5 per mille in suo favore.
    Ma con l'era franceschiana (Francesco nel nome non nei fatti) è inascoltabile.Il Francesco ha detto che loro non sono padroni bene cercassero di non essere padroni con la parola di Cristo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem.. il 5 per 1000 dell'anno passato per me e' l'ultimo... ho sopportato pro bono i suoi sproloqui neo-cons, le trovate rifondarole di un certo Magni, le assurdita' dei 10 segreti e chi piu' ne ha piu' ne metta.. a questo punto si faccia finanziare dai modernisti. Gianni

      Elimina
  6. Cari amici non siate eccessivamente duri con P.Livio perchè egli con Radio Maria ha fatto tantissimo bene. Adesso ,da un anno ,egli è in crisi come tanti di noi e credo che anche lui ne avrebbe fatto volentieri a meno. Non dimentichiamo però che gli uomini,anche i papi,passano e vengono sostituiti. La Chiesa non passa solo perchè è opera di Dio.Clermont

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Chiesa è una cosa, la radio del pessimo fanzaga un'altra.

      Concordo con gli altri: tagliare ogni sostegno alla radio del pessimo e togliere dalle sintonie le sue frequenze.

      Il Rosario lo sappiamo pregare senza radio e le canzoncelle scialbe estonate con le chitarre abbondano ovunque senza bisogno di sentircele via radio, le sue eresie visionarie sono assolutamente da evitare e quel poco di buono che andava in radio prima, il pessimo lo ha epurato: indi chiudere i fondi spegnere la sua radio in via definitiva.

      Polimar

      Elimina
  7. P.Livio con Radio Maria avrebbe fatto tantisimo bene?Tipo prendere il potere di una radio non sua mandandone via il fondatore don Mario Galbiati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero ?
      E perche` l' ha mandato via ?

      Elimina
    2. Radio Maria non fa del bene?
      Vallo a chiedere alle popolazioni dell'Africa quanto bene fa, vallo a chiedere ai carcerati che è l'unica radio che sentono...ma dai...calunnie tirate a caso finiranno presto.

      Elimina
  8. Annuncio che, a partire dal prossimo 8 marzo, la Messa Tridentina secondo il rito domenicano verrà celebrata tutti i sabati alle 9.30 del mattino nella Basilica di San Clemente al Laterano. Ottima notizia!

    RispondiElimina
  9. Esiste un solo rimedio per mandare a picco il Fanzaga con le sue panzane: spegnere la radio e non mandare più un centesimo. Così ho fatto e farò. State pu certi che è l'unico rimedio.

    RispondiElimina
  10. Signor Bongi, Radio Maria non ha dipendenti da licenziare. Chi trasmette in Radio, come facevano De Mattei, Gnocchi e Palmaro, sono volontari a cui il padre Fanzaga ha concesso di parlare. E in ogni momento si può rescindere il "contratto" di collaborazione. Forse, non condividerai i motivi del loro allontanamento. Io penso che il direttore padre Livio abbia fatto male a chiamarli in radio.
    Scrivi:
    "...ci possano essere situazioni nelle quali il Magistero e la Dottrina dicano una cosa..., e le concrete iniziative pastorali del S. Padre ne presentino un'altra diversa". Certo, questo nella vostra ideologia, che da cinquant'anni critica Concilio e pastorale dei Papi (tranne il Summorum Pontificum perchè vi fa comodo) perchè pensare di essere quelli che sanno tutto. Invece chi segue il Magistero e la pastorale dei Papi lo considerate un pecorone del "pensiero dominante".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DON MARIO GALBIATI E' L'UNICO FONDATORE DI RADIO MARIA.IN SEGUITO,TRA IL 1986 E IL 1987 LUI STESSO HA CHIESTO LA COLLABORAZIONE AD ALCUNI DELLA PRIMA COMUNITA' DI MARIA E A PADRE LIVIO FANZAGA.
      DIO,SOMMA VERITA',SA E CONOSCE IL CUORE DI OGNUNO...
      PREGHIAMO LA REGINA DELLA PACE PER CHI SOFFRE ANCORA ADESSO E PER CHI HA DATO SCANDALO....
      UN CONSIGLIO:LASCIATE ALLA CHIESA IL GIUDIZIO SU
      MEDJUGORJE.
      PROVATE AD ANDARE COL CUORE APERTO E IN UMILTA'...
      TROVERETE UN LUOGO FORTE,PIENO DI PREGHIERA:UN LUOGO DI PACE CHE VI POTREBBE SCONVOLGERE LA VITA FACENDOVI RINASCERE COME E' SUCCESSO A MILIONI DI PELLEGRINI.
      GRAZIE,PREGATE PER ME:IO LO FARO' PER VOI.

      Elimina
    2. Io sono stata a Medjugorje e ho trovato molto clima di preghiera, molte cose belle e sante... ma sono andata in crisi dopo aver letto l'omelia del Vescovo di quella diocesi (La cerchi:.Mons. Ratko Peric, Vescovo di Mostar, a Medjugorje, il 15 giugno 2006 ) in cui dice che Medjugorje è una parrocchia scismatica, dove si amministrano i sacramenti in modo illecito, invalido e sacrilego! allora io mi dico: come è possibile che la Madonna continui ad apparire in quella parrocchia “approvando”, così, con la sua presenza, il comportamento disobbediente di questi frati?

      Che sia giusto o no il giudizio del Vescovo, che egli sia o meno in buona fede, tutta la dottrina cattolica e i santi insegnano che in tutti i casi occorre obbedire.
      Da quando ho letto l’omelia di questo vescovo non ho più pace, e mi chiedo come sia possibile che nessuno ne tenga conto…
      E se le cose stanno così, se davvero i parroci della parrocchia di Medjugorje vivono in una situazione scismatica, in disobbedienza al Vescovo e alla famiglia religiosa, e amministrano i sacramenti in modo illecito, invalido o sacrilego… io mi dico: questa è la prova, il segno più certo che lì il Cielo, la Vergine, il Signore non c’entrano proprio… Questo almeno mi è sempre stato insegnato.
      E così ho cominciato ad ascoltare in modo più "lucido" anche ciò che dice padre Livio circa queste apparizioni, e mi sono accorta dell'inconsistenza delle argomentazioni che porta circa la loro autenticità.

      Elimina
    3. Beh! Completamente d'accordo a metà con te, ma se devo scegliere tra chi critica gli ultimi 50 anni o i primi diciannove secoli, preferisco comunque i primi ai secondi!

      Elimina
    4. Cari amici , avanti a tutto, è vero, serve misericordia e mitezza come il Signore Gesù ci chiede. Tuttavia al di là di posizioni giudicate "tradizionaliste" precostituite, alcune affermazioni dell'attuale Pontefice hanno destato turbamenti non rispetto a chissà quale documento o dottrina ma semplicemente rispetto ai cardini della Sacra Scrittura. Con il risultato che sembrano, eccetto la misericordia, non esservi altre verità evangeliche e bibliche. Il problema Radio compresa è : Signore da chi andremo ? Tu solo hai parole di vita. Ed è da qui che si deve partire. A costo di andare sempre contro corrente . Abbiate sempre mitezza nella verità !

      Elimina
    5. Il vescovo si prepari a fare le valigie,il suo parere non è già da ora vincolante per la Santa Sede riguardo la veridicità delle delle apparizioni ,prima o poi alla luce dei fatti che sono e dovranno avvenire gli verrà tolta la giurisdizione ,poi ne riparleremo .Chi la fa l'aspetti.

      Elimina
    6. Mancava anche la propaganda carismatica! Non manca proprio nulla su questo blog...è il cattolicesimo che stenta a prendere il volo.

      Elimina
    7. Che il vescovo di Mostar attuale sia contrario la vedo dura, visto che è lui che gestisce la parrocchia di Medjugorje e le sue attività interne alla chiesa festival dei giovani compreso...ed è talmente contrario che vuole comprare la collina del Podbrodo per far costruire un santuario alla Gospa.
      Vorrei ricordare che qualsiasi cosa dicano i vescovi la decisione attuale spetta al santo padre e che opporsi al magistero del papa contestando il suo operato, come fatto da ex conduttori di radio maria e da altre persone, non è da cattolico.
      Un cattolico ha come principio l'obbedienza al papa sempre e comunque, altrimenti fatevi voi una chiesa a parte come hanno fatto protestanti, geova, ortodossi, eccetera...
      Se radio maria che pur essendo una radio privata che non ha sostentamento se non le offerte di chi la segue, avesse fatto qualcosa contrario al magistero di qualsiasi papa o contrario alla Chiesa cattolica sarebbe stata chiuda da tempo.
      Articoli come questi e con loro chi li diffonde finiranno presto.

      Elimina
  11. Fratelli per favore, soprattutto coloro che hanno la grazia di conoscere il rito tridentino, vi prego non dimentichiamo che la prima virtú cristiana é la caritá. Senza caritá potremmo dire anche qualche preghiera in piú ma non ci salverá. Invece di dare spazio a tali commenti, preghiamo soprattutto a Messa nel Canone! Parliamo di questa situazione con Gesú.

    RispondiElimina
  12. Bravissimo p. Livio. Sarei rimasto male se avessse agito diversamente.

    RispondiElimina
  13. Scusate l'anonimato. Anche se P.Livio non mi sta particolarmente simpatico a a causa delle sue " canonizzazioni " personali, senza attendere il giudizio della chiesa, questo tam tam della Siccardi&company ( avevano bisogno anche dell'aiuto di Bongi ...) è eccessivo.
    De Mattei & alleati hanno preso una posizione sulla quale l'emittente di padre Livio ha dovuto reagire.
    Se io mi mettessi a inneggiare alla legittimità della convinvenza o alla lecità dei matrimoni omosex sarei allontanato ( legittimamente) dalla mia comunità religiosa e ridotto allo stato laicale.
    Anche padre Livio ha dovuto reagiare nei confronti della posizione di De Mattei & compagni.
    Andata male la storia dei francescani dell'Immacolata ora la signora & compagni a corto di argomenti per mettersi in mostra si mettono contro padre Livio ... domani ne troveranno un altro e vaiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa c'entra l'approvazione del rapporto contro natura o gli atti impuri ,peccati mortali (e quindi sarebbe gravissima questa approvazione,anche se penso lei non ignori le notevoli scandalose aperture di parte del clero,anche alto,"pastorali",s'intende)con la lucjda disamina ,da parte di due stimati intellettuali ,basata su FATTI ,confrontati con l'ETERNA PAROLA DI DIO RIVELATA, e trasmessaci dalla S Chiesa,della tragica situazione oggettiva?

      Elimina
    2. VI aspettate logica da chi è modernista?

      Elimina
  14. Il pessimo Fanzaga e le sue eresie hanno finalmente dismesso la maschera e per molti è un bene quello che è avvenuto. Molti
    cattolici fedeli alla Tradizione continuavano a ritenere il "pessimo" un buon sacerdote e un vero apologeta cattolico, costui invece è solo attento a curarsi il suo orticello che non coincide punto con la Santa Chiesa Cattolica Romana e le sue eresie continue riguardo le favolette annunciate che la Madonna racconterebbe ad orologeria sono la prova concreta che inchioda alle sue responsabilità il pessimo. L'epurazione dalla sua radio di gente di valore come Gnocchi e Palmaro e ora De Mattei, rende giustizia a questi ultimi, meglio stare alla larga da questi "pastori" mediatici sempre pronti a seguir la moda "che tira". La Provvidenza Divina separa la zizzania dal buon raccolto.

    Deo Gratias

    Polimar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei Polimar la conosce la bella favola de " La volpe e l'uva"?
      Sarebbe buona cosa se oggi la leggesse e ci meditasse sopra
      fil

      Elimina
    2. Ma perchè il saggio Polimar deve meditare(addirittura)su favolette pagane?Mediterà sicuramente su grandi testi di spiritualità cristiana,cosa che consiglio anche a lei,anonimo

      Elimina
  15. Don Fanzaga non mi è mai stato simpatico...anche se mi fa piacere poter ascoltare la S.Messa mentre vado al lavoro...
    Però non mi spiace che abbia allontanato i professoroni che fanno le pulci anche al Papa (non solo/tanto perché è Papa ma perché quel che dice "odora" non tanto di "pecore" ma di il Vangelo).

    RispondiElimina
  16. speriamo che Fanzaga affondi e si porti con se....tutta la corte dei miracoli bergogliana....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti! Questi sì che sono commenti veramente cristiani...

      Elimina
    2. Soprattutto di rispetto per il santo padre....

      Elimina
  17. Bongi, hai sbagliato preposizione. Il titolo corretto è: le giuste rimostranze DI Radiomaria.

    RispondiElimina
  18. Gia` da tempo ritenevo inascoltabile Radio Maria.
    Adesso ascolto Tele Radio Buon Consiglio
    dei Francescani dell' Immacolata che trasmette da Frigento (AV).

    RispondiElimina
  19. ''padre'' Livio..il tipico modernista!

    RispondiElimina
  20. Ci si delude solo se ci si è illusi.
    Molti nel mondo cattolico si illudono (per poi deludersi) semplicemente perché pongono la loro fiducia non in uomini spirituali (nel verso senso del termine) ma in uomini che fanno calcoli mondani (carriera, piacere a chi conta, ecc.).
    Chi ha la fortuna di sentire immediatamente questo con il naso non ci casca. Fortunatamente io appartengo a questi ultimi.
    Ma perché nelle cose religiose molti si fanno imbrogliare quando nelle cose del mondo sono assai avveduti? Non è forse segno che non sanno quasi nulla delle cose religiose e si affidano a falsi profeti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro commento inutile visto che è evidente che non conosce come viene amministrata radio maria.

      Elimina
  21. Ho seguito tutte le mattine la "rassegna stampa" di pare Livio, da sempre.... e purtroppo devo constatare che ormai da tempo tale rassegna non è più attendibile, non tanto per ciò che il direttore di Radio Maria cita ma per ciò che omette di dire. Un sacerdote di Cristo dovrebbe esserte veritiero per essere credibile, e le verità su quello che succede nella Chiesa vanno dette tutte senza "censure". Ora sfido chiunque a dimostrare che in tutti i mesi che sono passati da quando c'è stato il "caso Francescani dell'Immacolata" padre Livio abbia parlato di questi "fatti" accodandosi così alla "censura" di dutti i midia nazionali e anche di uno dei suoi conduttori AntonioSocci, che se pure dopo un'imbatazzante "no comment" tenuto per mesi... ha poi sollevato "lecite" domande... senza peraltro nessuna risposta... neanche dai microfoni di RadioMaria: ora mi chiedo come sia possibile che qualcuno voglia difendere padre Livio che col suo "silenzio" prende per il bavero gli ascoltatori di Radio Maria: insomma se questa Radio deve accodarsi ai midia nrl riferire solo i fatti che l'ecclesialese "corretto" rende possibile che si sappia faccia pure.... Non credo che se il Direttore anche sostituisse i programmi di cultura religiosa di bioetica ecc. con quelli di arte culinaria le persone che come me hanno diffuso, difeso, pregato, sostenuto l'emittene anche con sacrifici economici.. continueranno a sostenere un sacerdote che sembra abbia a cuore solo di "distruggere" la Radio anche per le continue critiche e disprezzo vero chi la battaglia "buona" vuole continuare a farla mentre lui ha praticamente rinnegato tutto quello che è stato.. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è tra i commenti più ridicoli ed insensati oltreché calunniosi che abbia letto qui.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.