venerdì 11 ottobre 2013

La provocazione scismatica di Friburgo ed il silenzio di Roma. Il Catechismo, sui divorziati risposati, parla chiaro

Lo strappo di Friburgo ed il silenzio di Roma
di M. Faverzani, da Corrispondenza Romana del 10.10.2013

Nella prima parte della sua opera Rivoluzione e Contro-Rivoluzione, il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira al cap. VI, analizzando la strategia rivoluzionaria, evidenzia come «i movimenti più veloci» non siano inutili: «L’esplosione di questi estremismi – scrive – alza una bandiera, crea un punto di attrazione fisso che affascina per il suo stesso radicalismo i moderati, e verso cui questi cominciano lentamente ad incamminarsi». Così, «il fallimento degli estremisti è soltanto apparente».
V’è il rischio che quanto descritto ben si attagli a quel che è capitato nelle scorse ore nell’Arcidiocesi di Friburgo con la diffusione di un documento dell’Ufficio per la Pastorale Familiare per la riammissione ai Sacramenti dei cattolici divorziati e risposati, nonché per un loro coinvolgimento negli organismi ecclesiali, documento rilanciato prima dal giornale tedesco “Der Spiegel”, poi ovviamente dai media di tutto il mondo, che lo hanno presentato come uno “strappo” o una “rivoluzione”.
In tale documento si suggeriscono percorsi di «accompagnamento spirituale» per divorziati e risposati, senza escludere una forma di “riconciliazione” con la Chiesa, la possibilità di tornare a ricevere la S.Comunione e addirittura l’eventualità di celebrare un “piccolo rito in chiesa”, che in qualche modo legittimi e “benedica” le seconde nozze. Una «porta aperta a chi abbia alle spalle un matrimonio fallito, ricominciato un’altra vita sentimentale» e voglia «restar parte della comunità dei fedeli», come dichiarato alla stampa dal decano della Cattedrale di Friburgo, Andreas Möhrle.
Dimenticando come il Catechismo della Chiesa Cattolica dica un’altra cosa, definendo il divorzio «una grave offesa alla legge naturale» e precisando come «il coniuge risposato» si trovi «in una condizione di adulterio pubblico e permanente» (n. 2384). Padre Federico Lombardi, portavoce della sala stampa vaticana, ha specificato non trattarsi di una «fuga in avanti», né di «espressione dell’autorità diocesana». Tuttavia, è pur vero che la notizia non ha finora provocato alcuna presa di distanza seria e decisa da parte di chi di dovere. Né formalmente da parte del Vescovo, Mons. Robert Zöllisch, che è dimissionario per raggiunti limiti di età, ma che è anche Presidente uscente della Conferenza Episcopale Tedesca, pure non pronunciatasi, benché della questione si sia occupata nell’ultima assemblea plenaria.
Né dal Vaticano. Né tanto meno da Pietro: non si è sentita al momento in modo chiaro la voce del Magistero. Col rischio che, nell’immaginario collettivo, finisca per prevalere il pericoloso principio del “silenzio/assenso” con un possibile effetto-domino dalle imprevedibili conseguenze. Roma locuta, causa finita. Ma se Roma non parla, tutto pare ammesso. Anzi, di questo tema e con queste premesse dovrebbe occuparsi in una prossima seduta, forse ai primi di dicembre, il Consiglio dei Cardinali, l’organismo voluto dal Pontefice, per aiutarlo nel governo e nella riforma della Chiesa. E poi ancora la prossima assemblea generale del Sinodo, su esplicita richiesta di Papa Francesco.
Ciò ch’è stato definito da Padre Lombardi un modo per incoraggiare la «partecipazione responsabile dell’episcopato delle diverse parti del mondo» per «orientamenti pastorali comuni». Che decisioni, su punti così importanti e delicati quale la pastorale familiare, vengano affidate ad un Sinodo, a riunioni di Vescovi o a Collegi, benché – come visto ‒ tutto in merito sia già scritto ed in modo molto chiaro, è un fatto nuovo, cui guardare con un certo timore, poiché rafforza l’idea che ormai prevalga l’ottica “parlamentaristica” su quella gerarchica, più propria della Chiesa Cattolica nella Tradizione.
Ed il fatto poi che, come specifica tutt’altro che a caso Padre Lombardi, questo sia «il modo in cui il Papa intende portare avanti la riflessione ed il cammino della comunità della Chiesa» rappresenta più che altro un monito, un avvertimento verso eventuali voci dissenzienti o dubbiose. Anche perché la “bandiera” alzata dall’Ufficio per la Pastorale Familiare non è frutto dell’intemperanza di un singolo balzano, ma s’innesta in una precisa temperie ecclesiale. Già l’anno scorso 120 sacerdoti della stessa Arcidiocesi firmarono un documento, in cui espressero dissenso circa la disciplina vigente in tema di Comunione ai divorziati risposati. Lo stesso episcopato tedesco in passato ne richiese la riammissione ai Sacramenti, ma tutto fu bloccato dal severo diniego opposto da Benedetto XVI. Ora questo nuovo tentativo. Scrisse ancora il Prof. Plinio Corrêa de Oliveira nel cap. VI della prima parte di Rivoluzione e Contro-Rivoluzione: «I Cattolici che professano la Dottrina della Chiesa, ma sono dominati dallo spirito rivoluzionario» sono «mille volte più pericolosi dei nemici dichiarati» in quanto «combattono la Città Santa dentro le Sue stesse mura».
Che sia anche questo il caso?
(Mauro Faverzani)

15 commenti:

  1. Tutto vero, d'altro canto oggi le priorità della chiesa sono invertiti a capo dello ior, cortigiane nelle commissioni di vigilanza, tutto rigorosamente a sbafo, ovviamente a spese sei FFI.
    Forti con i deboli e deboli con i forti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affermazioni che denotano solo frustrazione, accuse buttate lì a caso.

      Elimina
    2. Il nuovo si è visto allo specchio! Delle accuse buttate a caso è, infatti, il maestro; per non parlare della frustrazione che lo riduce a fare il disturbatore perenne di blog che non condivide.
      A buon rendere!

      Elimina
  2. FFI commissariati, Neocat promossi.

    http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350621

    RispondiElimina
  3. Quando voglio leggere C R lo so fare da solo.
    Non occorre che giorno dopo giorno debba rileggere le stesse cose anche su MiL.
    Almeno Enrico offriva, senza fare copiaincolla, delle belle riflessioni personali determinando una linea editoriale specifica.
    Si poteva anche dissentire ( come ovvio ) dagli scritti di Enrico ma almeno quelli erano e non dovevano ricorrere a altre fonti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non essere noioso. Buoni articoli meritano divulgazione.

      Elimina
  4. Il concetto di famiglia si sta modificando da circa un secolo, dalle esperienze delle comuni alle famiglie allargate dei nostri giorni. Il catechismo non è qualcosa di inamovibile ma segue la società. Poi, onestamente, citare uno come Plinio è ridicolo, un fanatico di destra interessato solo al mantenimento dei privilegi di ricchi ed aristocratici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco un'altro che si stà preparando a fare outing.

      Non preoccuparti procedi pure, tanto bergoglio dalla seconda classe e bagaglio a mano non è nessuno per giudicarti ahahahahahahaha

      dopofrancesco

      Elimina
    2. Come sempre, dopofrancesco, hai solide argomentazioni. Bravo, continua così!

      Elimina
  5. Carissimi Amici d'Italia,

    Forse manca un punto a quel vostro articolo. Se la diocesi di Freiburg in Brisgau ha pubblicato questo riguardo alla pastorale dei divorziati risposati non e' perche' sta per iniziare a farlo ma perche' e' gia cosi da anni in quella diocesi come in tante diocesi di cultura tedesca (Svizzera, Austria, Germania, Hollanda). - A voi sembra una novita che rompe la comunione ma a noi cattolici da oltre alpi, e' una situazione quotidiana e andare contro o manifestare qualche scontento, si finisce al rogo e bollettato da lefevriano.

    Quello che vedete in quella dichiarazione della diocesi di Freiburg e' solo la conferma di una prassi gia' effettiva da molti anni che solo sorprende voi che vivete fuori di quel contesto ma noi qui non ci soprende piu perche' tanti sacerdoti e vescovi ci hanno imposti questo modo di pensare, fare e risolvere certe situazioni pastorali.

    E dopo vi chiedete perche' tanti cattolici francesi, svizzeri, tedeschi e austriaci frequentano le chiese dei Lefevriani ? E' solo per rimanere in comunione con Roma e il Sommo Pontefice che ora parla pure come questi preti e vescovi nostri qui.

    Ci stiamo chiedendo come andra a finire tutto questo se il Papa a Roma comincia a dire le stesse cose che noi sentiamo qui dalle prediche dei sacerdoti diocesani nostri !!!!

    Cordialmente vostro ... da oltre alpi.

    Eschaton.ch

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà scisma... ecco come finirà

      Polimar

      Elimina
    2. Ci sara ?

      Da noi e' gia' realta anche se la parola non e' mai pronunciata !

      Da anni noi viviamo in quel stato di scisma pure se non viene mai detto ma lo e' di fatto.

      Beati voi se da voi, nelle vostre diocesi avete la grazia di poter fare tutto da cattolici. Qui, e' diventato una fatica e quasi impossibile a tale punto che pendoliamo tra messe lefevriane o messe quasi clandestine o che dobbiamo varcare i confini per trovare una chiesa dove si riesce ad avere una messa "conciliare" secondo il Messale.

      Penso che non potete ben immaginare come e' diventato oltre alpi quello che voi qualificate come chiesa cattolica. Ora mai c'e' una Low Church ed una High Church nella stessa chiesa cattolica. O se volete meglio UN SCISMA non DICHIARATO ma effetivo

      Cordialmente vostro da oltre alpi

      Eschaton.ch

      Elimina
  6. Condivido a pieno quello che dice il giornalista. Io sono cattolico e divorziato ma non mi sento non amato dalla Chiesa, soprattutto dopo quello che ha detto Benedetto XVI ( Papa che mi manca davvero tanto e che sapeva toccare i cuori non osta tante quel che si dice si lui)

    RispondiElimina
  7. Mauro, uno che come Gnocchi e Morandi bazzicava quelli del Mater Bonii Consili.

    Chi va con lo zoppo impara a zoppicare.

    Che peccato vedere tanti talenti sottratti alla Buona Battaglia.

    Col Papa e con Cristo, ieri, oggi, domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il papa lo sa di essere con Cristo? Tra salamelecchi agli atei e baciapiedi ai delinquenti musulmani non saprei...intanto nel mondo i cristiani muoiono senza che nemmeno venga loro dedicata...una telefonata.
      Bergoglio e Cristo stanno insieme con il diavolo e l'acqua santa.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.