mercoledì 3 aprile 2013

Un libro sulla credibilità dei miracoli

Esce in questi giorni, per La fontana di Siloe (Lindau), il libro "Miracoli. L'irruzione del soprannaturale nella storia", di Francesco Agnoli e Giulia Tanel, con appendice di Massimo Gandolfini, consultore della Congregazione dei santi e neurochirurgo:Ai miracoli credono solo i cattolici e i fedeli di qualche altra religione? Magari solo quelli più semplici e ingenui? No. Il miracolo, che comporta un superamento o una sospensione di una legge naturale, non è di per sé una realtà contraria alla ragione e al pensiero scientifico, come dimostrano le riflessioni e le testimonianze di tanti filosofi e scienziati, molti dei quali protagonisti di appassionanti ricerche sulla Sindone, la Tilma della Vergine di Guadalupe, le guarigioni di Lourdes, le profezie di Fatima o gli straordinari miracoli eucaristici (quello di Lanciano su tutti). Questo libro non nasce dalla semplice curiosità verso fatti “strani”, né dal bisogno di giustificare la fede in Dio tramite la ricerca di segni evidenti ed eclatanti, ma piuttosto vuole mostrare come la realtà soprannaturale non sia meno vera di quella naturale, perché “l’essenziale è invisibile agli occhi” (Antoine de Saint-Exupéry), e perché, per dirla con Wittgenstein, “il senso del mondo dev’essere fuori di esso”.