lunedì 1 aprile 2013

"SURREXIT DOMINUS VERE et apparuit Simoni"

ALLELUIA! ALLELUIA!




"E narrarono anch'essi quanto era accaduto
e come l'avevano risconociuto nello spezzare il pane
"
(Lc, 24, 35)




Le tre Solennità maggiori (Natale, Pasqua e Pentecoste) hanno sempre goduto del privilegio della c.d. "ottava".
In questi otto giorni (compreso il dies a quo) la festa continua, e rende più solenne la ricorrenza e permettere d'imprimere più profondamente lo spirito nei nostri cuori (Lesage).
Inoltre, fino a qualche decennio fa, la solennità era rimarcata anche dal fatto che i due giorni successivi godevano particolare rilievo. (si pensi ai "lunedì e martedì di Pasqua, o di Pentecoste).
Ai nostri giorni è stata conservata solo l'Ottava di Natale e Pasqua, e i giorni "privilegiati" son stati ridotti a uno (il giorno seguente al Natale, e il c.d. Lunedì dell'Angelo). Prova ne è che il 26 dicembre e Pasquetta sono giorni di festa anche civili.
La Pentecoste è stata "declassata" liturgicamente (anche se in Trentino AltoAdige e nella gran parte di altre Nazioni, il lunedì di Pentecoste è ancora festa civile).

23 commenti:

  1. Claudio Sinclair25 aprile 2011 09:43

    Scusate l’OT ma ho visto questo filmato del Patriarca Elio della Chiesa Ortodossa Greca Cattolica Ucraina: guardatelo tutto anche se è molto lungo, forse non ha tutti i torti, o no?
    <span> </span>http://uogcc.org.ua/it/actual/article/?article=4523

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa c'entra con l'argomento in questione?

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    6. TRADIZIONALISTA2 aprile 2013 03:01

      Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  2. OT di servizio: avete la mailbox full, e non riceve le mail.

    RispondiElimina
  3. Dopo i sedevacantisti complottisti (Benedetto XVI "rapito" dai Cardinali secondo loro..) adesso anche i sedevacantisti ortodossi.. quando Dio vuole abbandonare qualcuno lo abbandona alla sua follia.
    Fra l'altro i pizzi e merletti orientaleggianti di questi gai d'oriente non trovano alcun "mercato" liturgico dato che tutta la vegli di Pasqua è stata affidata dal Sommo Pontefice Francesco ai giovani Cattolici dei Riti Orientali.
    Bisognerà davvero stabilire un team di psicoterapeuti ed esorcisti per aiutare le sempre più numerose sette sedeprivazioniste che sbucano come funghi nel supermarket della falsa tradizione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea, ottimo intervento! Concordo pienamente.

      Elimina
    2. TRADIZIONALISTA2 aprile 2013 03:18

      Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  4. Io vorrei solo esternare il senso di tristezza che provo a proposito di questo papa.. Dopo la squallida messa in coena Domini nel carcere, anche una squallida e sbrigativa benedizione urbi et orbi e, a seguire, l'angelus di oggi, con una fredda benedizione resa ancor più triste dall'inopportuno "buon pranzo" (oltre che dai vari buon giorno e buona sera)... Non riesco a capire tutto l'entusiasmo che suscita.. Cerco di evitare di parlare di lui con parenti, conoscenti e amici o gente che vedo in parrocchia per prudenza ed evitare di dare giudizi temerari.
    La sensazione però è che, per la maggior parte della gente (assolutamente a digiuno di teologia o che non ha la più pallida idea di cosa sia il primato petrino, la collegialità e tutti i problemi che questo papato sta ponendo), la simpatia derivi semplicemente dal fatto che questo papa non indossa la mozzetta di ermellino, le scarpe rosse e la croce d'oro, quasi che questo fosse un titolo di merito.. Ho sentito ieri persone che dicevano, a proposito di Benedetto XVI, che la sua "colpa" è stata quella di aver "osato" rimettere cose che il suo predecessore aveva tolto, attirandosi l'antipatia generale di tutti e, in un certo senso, scavandosi la fossa da solo.
    Ebbene: passi sentire certi discorsi da parte di gente atea o miscredente, ma sentirli da cattolici praticanti...
    Infine concludo con un'altra amenità che mi è toccato sentire, e cioè che la messa in coena Domini in carcere diventerà una prassi regolare non solo per questo papa, ma anche per i suoi eventuali successori, che se ne sentiranno vincolati e non potranno sottrarsi a tale lodevole iniziativa, con buona pace del sottoscritto che timidamente osservava che il papa avrebbe potuto scegliere un'altra occasione per andare a dire la messa in carcere e che forse sarebbe stato il caso di celebrare in San Giovanni in Laterano come ogni vescovo celebra nella sua cattedrale..

    Sono straconvinto del ruolo assolutamente negativo esercitato dai mass-media che presentano in maniera assolutamente positiva tutte le innovazioni possibili ed immaginabili di questo papa e spingono la gente più sprovveduta e priva di senso critico, il cosiddetto popolo bue (la maggior parte della gente), ad accettare ed applaudire tutto, acriticamente e in maniera omologata... E poi questa gente si sente pure anticonformista perchè apprezza un papa anticonformista!
    Più conformisti di così....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TRADIZIONALISTA2 aprile 2013 03:10

      Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Caro Anonimo del 01 Aprile ore 23.05 sei arrivato appena in tempo, allo scoccare della mezzanotte infatti il tuo scritto poteva rischiare di esser preso in considerazione, di esser preso sul serio, di poter sembrare un vero pensiero. Invece grazie a Dio non è difficile capire che è uno scherzo, che si tratta dell'ultimo pesce d'aprile della giornata...... Bravo ce l'hai fatta! Spero che dopo tu abbia riposato bene. Oggi è un'altro giorno e al risveglio voglio credere che da buon cristiano tu abbia ringraziato Dio per questo tempo che ci ha concesso di vivere, per la vita, per il mondo, per il tempo che verrà, per la Chiesa e per averci donato ancora un Papa a guida della Sua e nostra Santa Chiesa.
      Saluti framp

      Elimina
    3. Placet anonimo 23.05

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. No caro Framp, il mio discorso è estremamente serio e la battuta sul pesce d'aprile potevi risparmiartela. Non sono tipo da battute e da pesci d'aprile. Ribadisco quello che ho detto: la Chiesa sta vivendo tempi tristissimi dopo le dimissioni forzate di Benedetto XVI (perchè tali sono state e non regge la storiella dei motivi di salute data in pasto all'opinione pubblica che "beve" tutto quello che gli propinano).
    Con buona pace tua e del tuo papa Francesco.
    Anonimo delle 23.05 dei 1° aprile

    RispondiElimina
  7. allora sei da manicomio...................
    framp

    RispondiElimina
  8. Allora secondo te chi ha opinioni diverse dalla massa è da manicomio? Vediamo di non offendere perché è giusto e legittimo avere opinioni fuori dal coro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo.

      Elimina
    2. Non confondere le opinioni con i deliri, le prime sono lecite i secondi vanno curati e i tuoi scritti non fanno parte del primo
      Santa notte

      Elimina
    3. Tutti i marxisti - cattocomunisti compresi - hanno in comune l' intolleranza verso chi la pensa diversamente da loro. Tu ne stai dando una chiara prova nel definire deliri le altrui opinioni.
      Se poi vogliamo proprio parlare di delirio, quello appartiene piuttosto alla gran massa che, come te, in questi giorni sta andando in "delirio" x papa francesco e accecata da un ingiustificato entusiasmo ha perso il lume della ragione e non é capace di leggere con senso critico ciò che sta succedendo alla chiesa.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.