giovedì 14 marzo 2013

Le reazioni della Fraternità S. Pio X alla nomina del nuovo Papa


Dici, organo ufficiale di stampa dei lefebvriani, ha diramato un comunicato. Eccolo



Alla proclamazione dell'elezione di Papa Francesco, la Fraternità San Pio X prega Dio di dare in sovrabbondanza al nuovo Pontefice le grazie necessarie per l'esercizio del suo pesante carico.

Sostenuto dalla Provvidenza Divina, possa il nuovo Papa "confermare i suoi fratelli nella fede"[1], con l'autorità che San Pio X proclamava all'inizio del suo pontificato: "Non vogliamo essere, e con l'aiuto di Dio, Noi non saremo nient'altro, in mezzo alla società umana, che il ministro di Dio, che Ci ha rivestito della Sua autorità. I suoi interessi sono i nostri interessi; dedicare ad essi le nostre forze e la nostra vita, questa è la nostra determinazione incrollabile"[2].

San Francesco d'Assisi, del quale il nuovo pontefice porta il nome, sentì il divino crocifisso che gli diceva: "Va', Francesco, e ripara la mia Chiesa". E' in questo spirito che i vescovi, i sacerdoti e i religiosi della Fraternità San Pio X assicurano al Santo Padre il loro desiderio filiale di "restaurare ogni cosa in Cristo, perché Cristo sia tutto in tutti"[3], secondo i loro mezzi, per l'amore di Santa Romana Chiesa Cattolica.


Menzingen, 13 marzo 2013

[1] Luc 22,32
[2] Saint Pie X, Encyclique E supremi apostolatus (4 octobre 1903)
[3] Eph. 1,10 et Col. 3,11

88 commenti:

  1. Non riesco a darmi pace! Perché? Perché? Perchèèèèèè????????? Mi sento spinto al suicidio :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti senti spiunto al suicidio è segno che sei vessato da un demone. Fatti vedere da un padre esorcista.

      Elimina
  2. Tranquillo! Anch'io sono preso da santimenti contrastanti, ma bisogna pregare e affidarsi al Signore e alla Madonna

    RispondiElimina
  3. Queste spinte sono diaboliche.
    Convertiti a Cristo e accetta la Sua volonta'.
    La fede aiuta a comprendere certe scelte.
    Questo Papa, poi, mi sembra un Sant'uomo.
    Non capisco le tue perplessita'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le capisco io le mie perplessità!

      Elimina
    2. E' vero. Sono spinte diaboliche. Come d'altronde quelle di chi danza alterutro pede gridando: è finitaaaaa, chiudeteeee, e altre scemenze degne di un mentecatto poco mente e molto catto.

      Elimina
  4. dopo il duro colpo inferto alla sacralità del papato dalla rinuncia di Benedetto XVI (gesto la cui gravità ha lui stesso riconosciuto)un altro durissimo attacco viene e verrà da Francesco I, intriso dell'idea della "collegialità" intesa in senso quasi corporativistico. Per carità, un papa che viaggiava in metropolitana e che viveva con austerità è cosa buona, anzi, ottima. Non sono questi aspetti che preoccupano (questi aspetti anzi costituiscono un elemento che potrà avere grande importanza); ciò che preoccupa e che deve preoccupare, è la contaminazione modernistica della sua visione teologica, pastorale ed ecumenica. E per ultimo non può certo entusiasmare la feroce opposizione che il card. Bergoglio ha fatto nella sua diocesi al Summorum Pontificum. Da papa però si guarda la Chiesa con un più ampio orizzonte, ben più ampio del ristretto orizzonte diocesano che un vescovo ha. Si preannunciano indubbiamente decisioni molto filoprogressiste, anche se di fronte ai problemi concreti può darsi che Francesco I prenda pure decisioni filotradizionali. Di certo non è il papa che speravamo di avere. 'esperienza però mi ha portato a vedere che è più facile che certe "aperture" verso di noi vengano più da chi la pensa diversamente e non ha quindi remore a concedere "zuccherini", che da persone filotradizionali, ma pavide e impegnate a scrollarsi di dosso le proprie simpatie tradizioniste.
    vediamo come il nuovo papa affronterà la "questione FSSPX". Personalmente credo sarà molto freddo se non addirittura ostile, ma attendiamolo alla prova dei fatti.I problemi non si risolvono ignorandoli, né nascondendoli sotto il tappeto. E neppure rimandandone la soluzione alle calende greche. La FSSPX solleva dei problemi che riguardano tutta la Chiesa. Anche se a molti dentro la Chiesa non interessa nulla di tali problemi.... non per questo cessano di esistere.Vediamo. Entusiasmo questa elezione non me ne provoca, anzi mi provoca grande perplessità e anche un po di paura. Ma considerando che altre elezioni hanno generato grandi entusiasmi finiti in grandi delusioni....vediamo cosa succede questa volta. Memori del monito di un santo: Certi papi Dio li dona, altri li tollera ed altri ancora li infligge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante analisi non c'è che ringraziarLa si vedrà ...
      Certi papi Dio li dona, altri li tollera ed altri ancora li infligge.
      Cerchiamo di meritarci il meglio del meglio.

      Elimina
    2. Ringrazia DIO per questo PAPA che ci ha donato,che e gia un SANTO.Ignorante,che non sei altro.

      Elimina
    3. Questo è un grande Papa, hai ragione. Aggiungo che sono veramente indignato per le fesserie e le falsità che ho letto contro di lui in alcuni siti cosiddetti "tradizionalisti": non possumus, Unavox, Militia Christi, ecc.

      Elimina
  5. Bergoglio, il vescovo di Roma che non si definisce papa, mentre Papa Benedetto XVI viene rinchiuso in un monastero.

    Bergoglio, che vuol farsi credere francescano ma in realtá è un gesuita come il card.Martini.

    Bergoglio, il papa nero gesuita che si fa benedire dal popolo.

    È la fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non si è fatto benedire dal popolo! Ascolta bene prima di sparare!

      Elimina
    2. Bene lo disse la beata Géneviève de Tours nel terzo libro del Piffero profetico.

      Elimina
    3. Ignorante!!nn si è fatto benedire dal popolo!non capisci la lingua italiana?ignorante!!!

      Elimina
    4. Come no, per certa gente ogni giorno è la fine, ma poi c'è sempre un altro giorno per ripeterlo.
      Divertentissima l'ironia che sta facendo l'anonimo delle 9:45, i suoi "visionari" mi fanno scompisciare dal ridere.

      Elimina
    5. Vatti a vedere l'elezione di Giovanni Paolo II: anche lui si definì solamente vescovo di Roma (tra l'altro il suo discorso di presentazione fu molto simile a quello di Bergoglio).E' stata forse la fine? In questo blog da ieri sera ho davvero letto una quantità immensa di messaggi deliranti.Qui c'è gente che sta nella Cattolica per via della messa in latino, delle belle tradizioni antiche, dell'italietta contadina, dei paramenti sfarzosi, della destra Dio-Patria-Famiglia ma che del messaggio di Cristo non sembra curarsene più di tanto e anche la fedeltà al Papa diventa un optional se questo non ha l'immagine dell'ultra-tradizionalista. E' decisamente troppo presto per fare bilanci, ma la presentazione del nuovo Papa, a partire dalla scelta del nome, ha suscitato una reazione generalmente positiva e probabilmente contribuirà a riavvicinare alla Chiesa chi (sbagliando, ma è un fatto che sia stato così) negli ultimi anni ha percepito nella stessa un'aura di giudizio più che di misericordia. Se alla fine della corsa la Chiesa avrà perso qualche tradizionalista attento solamente agli aspetti formali della liturgia ed avrà riguadagnato la vicinanza di molti credenti tiepidi ne sarà valsa la pena. Ma per questo tipo di ragionamenti, comunque, è ancora presto.

      Enrico

      Elimina
    6. E soprattutto vatti a leggere il sermone "Noli me tangare" di fra' Vinifredo da Cortazzone, la fine cui ti riferisci è partitamente illustrata.

      Elimina
  6. Iniziano a tremare i protestanti delle Falkland.
    (scusate volevo stemperare)

    RispondiElimina
  7. Si dice che Benedetto abbia sentito un gallo cantare per la terza volta questa notte... Torna, Benedetto!

    RispondiElimina
  8. Aspettiamo prima di esprimerci. A parte la grazia di stato, che opera sempre, è nella natura umana che dal soglio di Papa si vedano le cose diversamente da come si erano viste dallo scranno di vescovo o di cardinale. Anche di Benedetto XVI si disse appena eletto che sarebbe stato un molosso, un carabiniere inflessibile, un "pastore tedesco", invece il suo è stato un papato mite. Riparliamone come minimo fra qualche mese, e potremmo avere sorprese (buone).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo asseriva anche Gugliemo il Censore nel suo "Speculum tangherorum et misae criollae".

      Elimina
    2. Magari tra qualche mese avremo un nuovo conclave! Speriamo bene...

      Elimina
    3. Sì, quello degli psichiatri che ti rinchiuderanno. A chiave, appunto.

      Elimina
  9. PIO XII!!! TORNAAAA!!! LIBERACI DALLO SQUALLORE DEL PAUPERISMO PIAGNONE!!!
    Andrea S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente: VERGOGNATI!!

      Elimina
    2. Sentirsi dare del piagnone da gente come Andrea S. è una barzelletta. Siete su questo ed altri blog a piangervi addosso tutti i giorni, ad ammorbarci con le visioni millenaristiche di non so quale malato di mente e date del piagnone agli altri? Non avete proprio il senso del ridicolo. Fate un esame di coscienza.

      Elimina
    3. ecco l'ignoranza storica di chi non conosce la tradizione e la storia della chiesa.
      I piagnoni erano i seguaci di Fra Savonarola che professavano un pauperismo estremo e costruivano Chiese vuote e spoglie tanto da essere definite architettura piagnona.
      Andrea S.

      Elimina
  10. L'eta è gia avanzata.... speriamo non abbia il tempo di far troppi danni..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se lo vedrai un altro Papa...

      Elimina
    2. Il Nuovo, questa è cattiva, dài, è cinismo pretesco. Mica sarai anche tu un prete come quel demente pederasta del camomillo!

      Elimina
    3. Ricordo semplicemente che quanto l'anonimo delle 9:45 augura al Papa può accadere anche a lui... Non ti proccupare, non sono un sacerdote.

      Elimina
    4. Be', meno male. Comunque, Il Nuovo, perché non cambi pseudonimo. E' un po' provocatorio in questo ambiente, no? Non dico che le novità siano sempre sbagliate, anzi. Però è un po' sciocco irritare il prossimo a prescindere dal contenuto di quanto si scrive. Non avertene a male, ma forse può essere una buona idea trovare un... nuovo... nick.

      Elimina
    5. ma va via ignorantone

      Elimina
  11. I lefebvriano sono stati dei grulli a rifiutare con sufficienza e caparbietà la proposta d'oro di papa Ratzinger. A questo punto spero che rimangano per sempre nell'anticamera. Si sono rivelati sciocchi, inutili e incapaci, anche se il comunicato d'esordio per l'elezione di Francesco I è una sviolinata non da poco (probabilmente è per via del nome, che ricorda un grande re francese, e loro di vecchia Francia vivono).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad Econe dovranno presto prendere delle decisioni molto dure come ho già anticipato in un altro post. Inoltre sono divisi e rappresentano ormai solo se stessi, i loro sostenitori sono sempre di meno quasi tutti appartenenti a gruppi di estrema destra. La Chiesa non ha bisogno di loro, possiamo farne tranquillamente a meno se non si ravvedono nel loro ribellismo conservatore.

      Elimina
    2. Che la Chiesa non abbia bisogno di loro è pacifico.

      Elimina
    3. Il Nuovo continua a sognare

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Ma Henri le Bouleversé, nel suo "L'enfant chetif et l'ésprit de la lithurgie", chiarisce, se mai ce ne fosse bisogno, che in certi luogi innominabili (pena la rimozione immediata) e tuttavia situati tra le alpi elvetiche, non si sogna. Tutt'al più si lavora di mandibola.

      Elimina
  12. Non fatevi stereotipi sbagliati (aizzati da una semina a dir poco demoniaca; e chi di dovere faccia mea culpa...) leggendo tutto ciò che è sozzura (Qui potest capere capiat).
    Tanto per informarvi, questa mattina Papa Francesco ha fatto una sosta innanzi alla Tomba di San Pio V !

    Ps. Risciaquarsi la bocca giova alla igiene orale, e in certi casi alla purezza dell'anima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto. Anche se è inutile. Questi sono plebei da taverna.

      Elimina
    2. Buongiorno, Messer Conte di Magna Sparta e Rocca Civetta

      Elimina
    3. Ma se ha impedito la Messa di San Pio V per tutta la sua vita in diocesi argentina!!!

      Ha persino perseguitato i preti che volevano celebrare la messa in latino e non sono riusciti!

      E' il classico gesuita che si spaccia da francescano...doppia faccia!

      Elimina
  13. Ad ogni conto, credo che si debba tener presente che è difficile capacitarsi del fatto di essere il Supremo Pontefice soprattutto per un uomo di grande respiro spirituale, magari definirsi "Vescovo di Roma" può tornare più semplice... credo che non si debba guardare in ciò nulla di "tragico", il Vescovo di Roma è il Papa. STOP.

    RispondiElimina
  14. alla preghiera dei fedeli ricordiamoci di Papa benedetto XVI e del Vescovo di roma Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GIUSTISSIMO!!!!!!

      OREMUS PRO PONTIFICE NOSTRO: BENEDICTO.

      Viva il nostro Papa, Benedetto XVI!

      Elimina
  15. Ricordiamoci che come per introdurre l'"aggiornamento" è servito, per poco, un bonaccione tradizionaleggiante, forse per buttar fuori il marcio postconciliare e riportare la Chiesa alla Cattolicità serve, per poco, un antipatico modernisteggiante (che poi magari si rivelerà un simpatico ed efficace Pontefice).
    Siamo nelle Mani della Provvidenza: il futuro che ci attende è oscuro agli uomini, ma non a Dio!
    L.Mò

    RispondiElimina
  16. Non gli ho sentito pronunciare la parola "Concilio"
    Alfonso Zito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo farà sarà per indirne uno nuovo, il terzo, che distruggerà la Chiesa definitivamente.

      Elimina
  17. Basta polemiche.
    Io mi metto in obbedienza a Papa Francesco e sono d'accordo con lui per una Chiesa povera.
    Non darò più l'otto per mille e non faro più offerte.
    Sono anche pronto,in umiltà, ad ascoltare il gesuita di turno che mi dirà che il mio tradizionalismo becero nasce dalla mia ignoranza di popolano da cantina.
    Viva il Papa!
    atronge

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non te la cavi mica con così poco atronge... Capirai, continuamente minacci di sospendere il tuo contributo che, probabilmente, non hai mai versato e dell'ignorante da popolano da cantina te lo prendi qui più volte al giorno!
      E meno male che alcuni conservatori scrivevano che c'era un aria nuova, che il Concilio era ormai agli sgoccioli, che l'unità di non meglio specificati tradizionalisti ormai aveva un peso e bla bla bla e bla bla bla... Questo dimostra quanto questa gente sia lontana dal popolo di Dio enon abbia quasi contatto con la realtà: una realtà che, fondamentalmente, li ignora.

      Elimina
    2. Hai ragione,
      senti lasciamo da parte le solite litigate ed andiamo a rubare la mercedes del vescovo locale per darla ai poveri.
      Sei con me? O sono solo chiacchiare le tue?
      Ce le hai le palle il nuovo?
      atronge

      Elimina
    3. Placet per atronge

      Elimina
    4. Tacet per atronz.

      Elimina
  18. Questa mobilitazione preventiva della parte più estrema del cosiddetto mondo tradizionalista è insensata e anche un po' squallida. Chi è veramente fedele alla Tradizione sa che il Papa ne è una delle componenti imprescindibili. Quindi il fedele tradizionale serio accetta senza troppe discussioni ciò che è stato deciso in conclave e si pone realmente in obbedienza al Santo Padre. E' auspicabile che Messainlatino non si abbandoni a post iconoclasti (per questo ci sono già altri blog, soprattutto quelli gestiti da qualche "signora"). OREMUS PRO PONTIFICE NOSTRO FRANCISCO. DOMINUS CONSERVET EUM ET VIVIFICET EUM ET BEATUM FACIAT EUM IN TERRA ET NON TRADAT EUM IN ANIMAM INIMICORUM EIUS.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lascia perdere mic, la sua amichetta Luisa, Don Camillo, Areki e compagnia cantante che, tra l'altro, era tutti in orante attesa avendo già decretato la fine del Concilio, dei papi massoni, pronosticavano il ritorno di simboli ormai senza senso ed etc. etc.
      Probabilmente le loro preghiere (meglio desideri) non sono molto ascoltati e dimostra che vivono n un mondo allucinatorio dove il contatto con il reale è un optional.
      Lì stanno scorrendo fiumi di Valium....

      Elimina
    2. Poveretti, dài, un po' di pietà! Essi sono come sono e dev'essere già abbastanza doloroso per loro convivere quotidianamente con se stessi.
      Però trovo insensato il tuo accenno ai simboli ormai "senza senso". Direi piuttosto che il senso va approfondito, spiritualizzato: se per te, poniamo, la tiara è simbolo del potere temporale, è un problema tuo, non della tiara, che si presta invece a essere interpretata come un simbolo di sovranità spirituale. Un po' come la Croce: se qualcuno ci vede solo uno strumento di tortura romano, è un problema suo; il valore simbolico della Croce va molto al di là di questo, ed è in primo luogo un valore spirituale. Ovvio che il tradizionalista terragno non può capirlo. Però tu, che mi pari persona intelligente, non fare il modernista terragno. Seguiamo la giusta via, quella della TRADIZIONE e della sua SPIRITUALITA'. Il resto sono bagatelle, divertenti, ma inutili, diversivi.

      Elimina
  19. Poveretti, dài, un po' di pietà! Essi sono come sono e dev'essere già abbastanza doloroso per loro convivere quotidianamente con se stessi.
    Però trovo insensato il tuo accenno ai simboli ormai "senza senso". Direi piuttosto che il senso va approfondito, spiritualizzato: se per te, poniamo, la tiara è simbolo del potere temporale, è un problema tuo, non della tiara, che si presta invece a essere interpretata come un simbolo di sovranità spirituale. Un po' come la Croce: se qualcuno ci vede solo uno strumento di tortura romano, è un problema suo; il valore simbolico della Croce va molto al di là di questo, ed è in primo luogo un valore spirituale. Ovvio che il tradizionalista terragno non può capirlo. Però tu, che mi pari persona intelligente, non fare il modernista terragno. Seguiamo la giusta via, quella della TRADIZIONE e della sua SPIRITUALITA'. Il resto sono bagatelle, divertenti, ma inutili, diversivi.

    RispondiElimina
  20. Chiesa Povera !Chiesa povera!
    Hanno ragione i progressisti e lasciamo perdere gli orpelli e i merletti e gli ermellini!
    Roba da vecchiette!
    Attacco alla torre dello IOR!
    Viva Francesco mio Papa mio Re!
    atronge

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per Il Nuovo14 marzo 2013 11:40

      Ma lascia perdere mic, la sua amichetta Luisa, Don Camillo, Areki e compagnia cantante che, tra l'altro, era tutti in orante attesa avendo già decretato la fine del Concilio, dei papi massoni, pronosticavano il ritorno di simboli ormai senza senso ed etc. etc.


      --------------

      Bella questa, detta da un modernista come lei è un tentativo, di far apparire quel posto come buono...in realtà è un 'blog' gestito da anime moderniste come lei solo che, indossano i panni degli amanti della tradizione, a parte l'ottimo don Areki, Baronio don Camillo, e pochissimi altri (tutti maschi guarda caso) per il resto della lista fanno veramente pena.

      Quindi la sua non è una critica come potrebbe sembrare a prima vista, ma un tentativo di riabilitare un 'blog' agli occhi dei veri cattolici.

      Già che ci siamo le vorrei ricordare che oltre a parlare di Summorum Pontificum e denunciare gli eretici CNC, non sanno fare...altro che parlare di massoneria all'interno della Chiesa....anzi quell' altra 'signora' certa luisa, è di una insulsaggine che lascia sbigottiti..ha i chiodi fissi e guai chi osa contraddirla...superbia, arroganza mista ad un sentimentalismo da occhiali rosa, tipico di chi ha paura di afrontare la realtà....

      Quando uno non è carne ne pesce lascia inevitabilmente dei segni indelebili agli occhi di quanti invece amano un linguaggio chiaro che vien da Dio.

      Lei il nuovo, seppur molto astutamente ha tentato di riabilitare con la sua critica costruita ad arte, un 'blog' all'apparenza ortodosso, ma che invece è altra cosa, una commistione tra modernismo e tradizione....che certamente non può aiutare la fede dei più piccoli. Spero che MIL non sia sulla stessa scia.


      L.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    4. Stai attento a quel che scrivi, perché ti faccio censurare, sai!

      Elimina
  22. secondo me ci sarà separazione perchè i linguaggi sono diversi e le finalità pure...è stato desiderato un cambiamento e lo SPIRITO SANTO ha provveduto, quindi facciamo le valigie con le idee preconciliari

    RispondiElimina
  23. La morte è sempre in agguato non dimenticatelo e come un ladro viene quando meno ve lo aspettate speriamo che si sbrighi in questo caso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Placet!!!!!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Che fai? Auguri la morte al nuovo Papa?!

      Elimina
    4. quale Papa? Abbiamo solo un vescovo chiamato Francesco al momento.

      Elimina
  24. non capisco come mai i Papi per 2000 anni sono stati eletti dalle famiglie potenti di Roma, in mezzo ad intrighi di politica, potere e denaro... Ah la corrotta società e chiesa medievale durata fino al XX secolo! Ma dal Concilio in poi è tutto stabilito: lo Spirito Santo in persona sceglie i Papi e guai a chi li tocca! Paradossalmente i progressisti di oggi sono più infallibilisti del beato Pio IX (ma solamente quando va bene a loro)

    RispondiElimina
  25. Una elezione di un papa sta suscitando una marea di divisioni tra i cristiani. Condivido quanto dicono da Mentzingen nel comunicato. Preghiamo nel silenzio affinchè presieda nella carità l'unità della Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sta dividendo proprio nulla. Non è che la scissione di un gruppo di pirla già scissi debba essere considerata un'oceano di divisioni. Se quattro poveri minchioni se ne vanno via, non per questo se ne andrà va la Tradizione.

      Elimina
    2. Ma nessuno ha detto che qualcuno se ne sta andando via. Ho solo notato molto astio ed offese da parte di qualcuno contro altri e viceversa. Queste per me sono divisioni. Anzichè perder tempo a litigare impegnassimo quel tempo a pregare per lui forse sarebbe meglio.(sono l'anonimo autore del post a cui hai risposto) . Davide

      Elimina
  26. Bell'esempio di misericordia, Papa Francesco ringrazia.

    RispondiElimina
  27. In uno degli ultimi discorsi papa Benedetto ci ha ricordato che il Sommo Pontefice della Chiesa è Gesù Cristo. Chi pensa che la chiesa potrà essere annientata non ha fede!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nostra Signora, la Madonna di Salette la pensa diversamente avendo previsto il peggio per la Chiesa, l'apostasia e la perdita della fede a Roma.

      Elimina
    2. E con lei anche la beata Antonia di Salaparuta e santa Véronique Mezière de la Villotte, marchesa di Angèrs. Per tacere del venerabile doc Auricchio d'Avola detto il Nero.

      Elimina
  28. Livore immeritato e che a tratti fa male...
    Non sara un Papa trad-friendly (scusate l'espressione....), ma non penso proprio che sia un confuso e scialbo progressista....
    Intanto oggi nell'omelia ha ricordato l'importanza della Confessione....cosa che molti Vescovi hanno dimenticato.
    Penso che ne vedremo delle belle
    Barbalbero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si è inginocchiato neppure davanti a Nostro Signore oggi durante la Messa...però si inginocchia davanti la folla per esserne "benedetto", ma che razza di gesuita è questo Francesco?

      Elimina
    2. a anonimo 14 marzo 2013 19:35
      Si riferiva all'importanza di confessare, cioè professare la fede in Cristo. Non certo del sacramento della Confessione. Dai toni e dal livello dei commenti posso affermare che siete voi, pseudo tradizionalisti annoiati, viziati e frustrati, forse anche deviati spiritualmente, la principale causa del fallimento della diffusione e dell'applicazione del SP nelle nostre diocesi. Che Dio abbia misericordia delle vostre anime eretiche da sedevacantisti.

      Elimina
    3. Placet. Finché gli eretici di parte tradizionalista non saranno formalmente scomunicati la messa gregoriana non potrà avere la diffusione che merita.

      Elimina
  29. Ha chiesto al popolo romano, che Lo ha acclamato, di invocare su di lui la benedizione del Padre e l'ha ottenuto, per questo si è inchinato, non inginocchiato, ignorante cieco che non sei altro.
    Non c'é gesto più tradizionale di questo; ci fu un tempo nel quale bastava per ascendere al soglio di Pietro.
    Erano tempi nei quali i cristiani di ogni dove sapevano vivere e parlare da cristiani e santificarsi, senza aspettare che il Vescovo di Roma facesse loro le lezioncine di filosofia e di dottrina, o prescrivesse quante volte inginocchiarsi e come, e quali arnesi indossare.

    Come quel Suo mostrarsi composto, quello "stare" senza spettacolo - segno di unità divinamente donata e offerta alla venerazione - senza personalismi e senza sproloqui e senza sfarzo.Abbiate rispetto per il Successore di San Pietro, che ha il coraggio di abbracciare e di baciare i piedi ai lebbrosi del nostro mondo.

    E abbiamo Fede. Già che sia stato accolto qui in Italia in modo nuovo e soprendentemente devoto, rispetto ad altri a parole "fedeli", con la confutazione rigorosa della stupidaggine dell'antipapa e l'offerta di sé e del proprio servizio, già questo è eloquente. L'unità e la comunione si faranno senza arzigogoli renani.

    RispondiElimina
  30. Cattolico Intransigente15 marzo 2013 01:06

    A noi Cattolici Tradizionalisti delle reazioni della cosiddetta "Fraternità San Pio X" all'elezione del Sommo Pontefice interessano quanto le reazioni della Tavola Valdese o della Comunione Anglicana (che probabilmente sono state meno sfacciate di quelle dei gallicani).
    Eh, eh "mons" Fellay.. pauuuraaa neh?

    RispondiElimina
  31. Sito di fanatici, pesudo-predicatori da strapazzo, sito pieno di scipitaggini e falsità.

    RispondiElimina
  32. ...e tutti voi vi definite cattolici? siete tutti solo un branco di fanatici mentecatti(e ipocriti,anche). andate a farvi rinchiudere tutti insieme così vi scannate al manicomio.
    Samael

    RispondiElimina
  33. Si va in Chiesa a pregare e si glorifica Dio in ogni cosa facciamo nella giornata. Smettete di perdere il vostro tempo . Incontratevi, parlate, confrontatevi...Ma fatelo dal vivo. Dove potete guardarvi negli occhi, e salutarvi con una stretta di mano. Magari recitate un rosario insieme...Contemplate Gesù sofferente sulla croce, è impossibile non innamorarsene e non affidare a Lui, ed a Lui solo, queste umane faccende, alle quali noi non potendo sapere, non possiamo pretendere di dare delle risposte. Spegnete la TV che ci influenza il pensiero. Troviamo del tempo per noi, per i nostri cari. Sorridiamo, e cerchiamo di vivere nella Grazia di Dio. Portiamo l'esempio, come un maestro all'alunno per semplificare, come Gesù per noi Cristiani. Ma evitiamo di perdere tempo...il Diavolo esiste, e del tuo ozio, approfitta, e non aspetta altro...Ecco da chi proviene la brutalità, che mi ha suscitato angoscia, nel leggere i commenti che vi scambiate. Sia Lodato Gesù Cristo

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.