venerdì 15 marzo 2013

Il papa della rottura


Hans Küng, il famoso teologo ex cattolico, sospeso a divinis, ha salutato l'elezione di Bergoglio come "la miglior scelta possibile".  Il coro è pressoché unanime, e non solo negli ambienti più smaccatamente progressisti: ovunque si leggono peana e panegirici che, lasciatemi dire, si distinguono per la banalità sconcertante dei luoghi comuni ("Il papa dalla parte degli ultimi", titola il direttore de La Repubblica) o per la cortigianeria d'accatto. Leggiamo ad esempio un pezzo di un mellito articolo dell'arcivescovo di Chieti Bruno Forte su Il Sole 24Ore di ieri:
Francesco sarà il Vescovo della povera gente, il servitore degli umili, l'amico dei piccoli, che proprio così saprà contagiare pace e speranza vera a tutti. È il Papa che aiuterà la Chiesa a dare risposta alle domande decisive che un teologo latino americano, di grande profondità spirituale e a lui ben noto, così poneva [..]

E per inciso questo teologo di grande profondità spirituale "ben noto" al "Vescovo" Francesco, è Gustavo Gutierrez, prete di base e fondatore della teologia della liberazione.

Ecco, in ventiquattr'ore è cambiato completamente il vento. Figuriamoci se un carrierista (finora) frustrato come Bruno Forte - fino a ieri sedicente ratzingeriano - avrebbe osato prima d'ora citare in toni entusiastici il fondatore della teologia della liberazione, ossia di quella corrente filomarxista contro cui hanno strenuamente combattuto Benedetto XVI e, prima ancora e forse più ancora, Giovanni Paolo II. Ma adesso c'è un nuovo boss da assecondare, e questo - a quanto si legge sui giornali - è "il papa dei barrios e degli emarginati". E quindi giù ad adulare, nella speranzosa attesa di una promozione.

Questo entusiasmo per il nuovo vescovo-di-Roma (io lo chiamo così, come si è definito lui, finché non ci farà la grazia di autodichiararsi Papa o Pontefice) è da un lato cosa buona e giusta, se è attaccamento alla figura che rappresenta. Ma se è gridolino isterico da fans, solleticati da gesti dimostrativi o dai tratti della  personalità, diventa un'infatuazione degna d'un cantante pop. La positiva reazione di questo mondo stride singolarmente con l'opposizione che invece accolse la nomina del predecessore, osteggiato fin dal primo giorno: ricordiamo le accuse di Panzerkardinal - proprio a Ratzinger, la cui mitezza è ben nota - o quella di nazista per la partecipazione (obbligatoria!) alla Hitlerjugend. Di lui si poteva ben dire: "Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia". Quando ci sono ostacoli, opposizioni e difficoltà, è la prova che si è sulla giusta via, altrimenti il diavolo non si darebbe la pena di mettersi di traverso.

E di Bergoglio, che dire? Curiosamente, non ostano all'entusiasmo odierno nemmeno i suoi ben più sostanziosi precedenti per collaborazione, secondo alcune circostanziate accuse, con la dittatura militare argentina. Quasi nessuno ne parla, fateci caso. Ma perché stupirsi? Forse che qualcuno ricorda mai che il "paladino dei poveri", il grande protagonista progressista del Concilio, l'arcivescovo dom Helder Camara, in gioventù era stato (già prete, e sfidando il giusto divieto della gerarchia) nientemeno che Segretario Nazionale del partito fascista brasiliano? Ma ai beniamini di questo mondo si perdona tutto...

Il fatto è che i media titolano - ed esaltano - il "nuovo stile", il rifiuto degli "orpelli" (croce pettorale d'oro, scarpe rosse, mozzetta, trono pontificale). In sé, una scelta legittima. Ma se fare questa scelta significa umiliare pubblicamente il cerimoniere, il mite Guido Marini bruscamente strapazzato, e peggio ancora se significa porsi coscientemente e studiatamente in aperta contrapposizione con il predecessore, tentando di distruggere in 24 ore quanto era stato pazientemente proposto in otto anni (oggi, ad esempio, in Sistina è ricomparso l'altare posticcio), allora non è più segno di umiltà ma del suo contrario, l'alterigia. Ve l'immaginate un Benedetto XVI che il giorno dopo la sua elezione avesse cercato in mille modi di distinguersi e far diversamente da Giovanni Paolo II?

Il pauperismo, ossia l'ostentazione ipocrita di povertà da parte di chi povero non è affatto (e il capo del Vaticano non lo è!), sta alla sobrietà e alla povertà evangelica come lo snobismo sta alla vera nobiltà. E il rifiuto delle tradizioni, per minori che esse siano, è sempre espressione di disprezzo per quanti ci hanno preceduto. Specie quando le tradizioni sono infrante per il solo gusto di infrangerle o, peggio, per affermare se stessi.

L'altro giorno abbiamo scritto un post sulla manovra gattopardesca della Curia che, in combutta con i progressisti, cercava in Sudamerica un candidato sufficientemente esotico e 'amico dei poveri' per far finta che tutto cambiasse, mentre nei posti del vero potere tutto sarebbe rimasto com'era. Il candidato prescelto pareva Scherer. Ora viene il sospetto che quei marpioni, più furbi di tutti, avessero volutamente fatto filtrare quel nome come specchietto per le allodole, ma che in realtà avessero già ben pronto un altro candidato. Solo così si spiegherebbe il fatto che il neoeletto sia sbucato fuori in appena ventiquattr'ore di conclave

Comunque, ormai Bergoglio è stato legittimamente eletto, e dobbiamo filialmente accettarlo. Dobbiamo pregare per lui e sperare in un pontificato fruttuoso. Faremo affidamento sulla grazia di stato, pur consci che Gratia naturam perficit, non tollit. Io non vi nascondo comunque il mio sentimento di sereno e quasi rinvigorito ottimismo: la Chiesa vive solo se riscopre la sua Tradizione e i fautori della rottura sono vecchi e, soprattutto, spiritualmente sterili: le nuove leve - quelle che sopravvivono alla generale apostasia che la rottura alimenta - sono in gran maggioranza dei nostri. Si tratta dunque di aspettare ridiscendendo, se sarà necessario, nelle catacombe. E un po' di persecuzione ci farà anche bene, se è vero (si parva licet componere magnis) che il sangue dei martiri è il seme dei cristiani.

Ci auguriamo solo di non dover assistere, nel frattempo, a messe pontificali coi pupazzoni, come in questa celebrazione del card. Bergoglio di due anni fa (v. specialmente ai minuti 2.50 e 7.30):




Enrico

315 commenti:

  1. Che rindondante presunzione vi assale.....

    RispondiElimina
  2. Pure io sono rimasto deluso per certe scelte di S.S. Francesco. Però ho l'impressione, leggendo le informazioni sulla rete, che sia un Papa cattolico nel senso dell'ortodossia. Oltre a ciò da quanto tempo non si sentiva nominare il nemico con il suo nome? Non credo e spero che sarà un Pontefice politicamente corretto. Per quel che riguarda il suo passato, ho letto ieri la testimonianza di Adolfo Perez Esquivel premio Nobel della pace sudamericano che scagionava da tutte le accuse di collaborazionismo il nostro Papa. Se non ho letto male poi egli si è dichiarato 100% antiabortista, ha vietato ai suoi gesuiti di prendere parte al movimento marxista della teologia della liberazione, è stato chiarissimo per quanto riguarda la protezione del matrimonio,... No credo che non sia un Santo Padre liturgista (peccato) ma sicuramente molto cattolico :o) Diamogli il tempo necessario e anche per lui nutriremo quel sincero affetto che dobbiamo avere per il nostro dolce Signore in terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordissimo :)

      Un po' di sfarzo in meno non fa mai male! Benvenga la semplicità.

      E non dimentichiamoci che ci dobbiamo fidare dello Spirito Santo. Preghiamo per il nostro Papa e per la Messa di tutti i tempi.

      Elimina
    2. Anch'io sono d'accordo. Gli ermellini vanno tutelati, perdindirindina! Non sono anch'essi creature d'Iddio?

      Elimina
  3. Mi scuso, ho notato un errore. Naturalmente intendevo dire che spero e credo che NON sarà un Pontefice politicamente corretto.

    RispondiElimina
  4. Cerchiamo di vedere pure le cose buone del Papa.
    Francesco ha detto che chi non confessa Cristo confessa il dimonio.
    Cosa ne pensa in proposito il Rabbino Capo di Roma?
    Che caz... di ecumenismo!
    Se queste cose le avesse dette Benedetto lo avrebbero massacrato.
    Poveri ebrei finirà come al solito e cioè che i beceri tradizionalisti antisemiti e Lefevriani delle immaginette sacre e dei lugubri riti in latino saranno i soli che gli troveranno un posto in cantina per poi sentirsi dire ovviamente che non ne hanno salvati abbastanza.
    La storia è sempre la stessa.
    Bievenidos a la revolution!
    atronge.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Atronge, il papa francesco ha detto che dobbiamo confessare Gesù Cristo crocifisso...i cristiani confessano Gesù Cristo RISORTO!!!!!!!

      Sono gli ebrei che dicono che invece Gesù Cristo era solo un uomo che è stato crocifisso e che quindi è morto.

      I Cristiani confessano che Gesù Cristo è RISORTO!!!! RISORTO!!!!!!

      Elimina
    2. Très juste. Même les rabbins affirment que Jésus a été crucifié… non pas sur une croix, mais sur un choux!
      Voyez les "Toledoth Yeshu", l'anti-Evangile rabbinique, dont Riccardo Di Segni est un éminent spécialiste…
      Et il n'est pas ressuscité, mais a été enlevé du tombeau par Judas, qui l'a jeté dans l'égout de son jardin…

      Elimina
    3. Placet, anonimo 11:42!

      Elimina
  5. Dopo due notti insonni sono giunto a questa conclusione.
    La decisione di eleggere questo Papa così diverso dal predecessore (soprattutto dal punto di vista liturgico), così lontano dal pensiero teologico dei più nel collegio cardinalizio (la maggioranza dei cardinali sono stati creati da Benedetto), secondo il mio modesto parere, evidenzia il tentativo di mettere come parafulmine un religioso pulito per salvare la Chiesa dal prossimo pesante scandalo che emergerà e rischierà di travolgerla. Altrimenti non si spiegherebbero le dimissioni date nel mezzo dell'anno della fede, e soprattutto non si capirebbe il vero motivo per cui ad un Papa che dice di lasciare perché vecchio gli si fa succedere un altro di 76 anni...
    Evidentemente i cardinali sanno cose che noi non sappiamo ancora.
    Credo che questo Papa a 80 anni si ritirerà. Preghiamo per lui, sopratutto preghiamo perché non vengano toccati sacerdozio ed Eucaristia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fermamente convinto che a 80 anni (se non morirà prima) abdicherà.

      Elimina
    2. Però anziché in elicottero, se ne andrà in monopattino.

      Elimina
  6. Il "sito" della "rottura" ...
    titolerei più che altro.

    RispondiElimina
  7. Oltre ai pizzi ed ai merletti, qual è la differenza con il vostro amato Benedetto XVI?
    Entrambi hanno celebrato il NOM
    Entrambi, come prima loro azione del pontificato, hanno scritto al rabbino capo di Roma per assicurarlo che il cammino con gli ebrei iniziato con il CVII, rimane inalterato.
    Entrambi affondono le loro radici nel CVII, anzi Ratzinger, a differenza di Papa Francesco, ne è stato uno degli artefici.
    Quindi smettetela di santificare Ratzinger e cercate di aprire gli occhi: l'elezione di Papa Francesco si inserisce nell'ottica della Rivoluzione nella Chiesa iniziata da Giovanni XXIII.
    Il Papa "tradizionalista" Ratzinger, al di là di un Motu Proprio, non ha confermato per nulla le proprie pecore alla fede, non ha combattuto l'eresie, ma ha continuato a difendere il Concilio Vaticano II. Invece di pensare ai merletti, che ne dite di Ratzinger ad assisi? Che ne dite di Ratzinger con la "pastora" protestante? Che ne dite di Ratzinger in Moschea? Che ne dite di Ratzinger che celebra una messa che nella sostanza è cambiata? Pio X lo avrebbe mai fatto? NO! E allora Ratzinger NON E' UN TRADIZIONALISTA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però Ratzinger con il Summorum Pontificum ha aperto la porta a chi si trova a disagio con la deriva luterana e nello stesso tempo vuole rimanere in obbedienza.
      Non mi sembra poco considerato anche che il peggiore dei tradizionalisti becero e beone come me è sicuramente migliore della "pastora" o della kekkainkontinente.
      Scusate l'umiltà.
      atronge.

      Elimina
    2. Oppure Ratzinger,con il suo MP, ha fatto concentrare noi tradizionalisti solo sulla liturgia e non sulla dottrina, vista che la DOTTRINA di Benedetto XVI non è quella professata prima del Concilio Vaticano II. Ripeto: San Pio X sarebbe entrato mai in sinagoga? Avrebbe mai ricevuto in Vaticano la massoneria giudaica (Bna'i Birth)? Avrebbe fatto riunione interreligiose (condannate nella "Mirari Vos")? Avrebbe mai parlato di collegialità? Sarebbe stato un Papa "mediatico"? SI SAREBBE DIMESSO? Avrebbe mai celebrato la messa del MASSONE bugnini?
      Forse la Provvidenza ci ha dato Papa Francesco perché possiamo aprire finalmente gli occhi e non continuare a divinizzare un Ratzinger, ARTEFICE DI TUTTO QUESTO!

      Elimina
    3. Inteiramente de acordo.

      Elimina
  8. MI vergogno di essere vostro fratello, cado nel peccato e me lo andrò a confessare, la vostra PRESUNZIONE è disarmante, UMILTA'=0; non eravate più cattolici del Papa? Quante volte ho letto articoli che inneggiavano all'infallibilità del Papa? Ora non vi conviene più vero? Ora siete voi principio e fonte di Verità vero? Che Dio perdoni me per stare qui a giudicare ferocemente dei pazzi squilibrati che di CATTOLICO non hanno proprio nulla, e voi per tutto ciò che ho appena detto. Siete gente cresciuta nei palazzi che non sa un bel nulla di ciò che significa povertà, precarietà e sofferenza, e adesso che sentite parlare di CROCE vi scandalizzate. IPOCRITI, PAZZI, FOLLI, siete solo dei ragazzini imbevuti di ideologie pseudoreligiose che col Vangelo non hanno niente a che vedere. Meno male che lo Spirito Santo soffia e manda le persone giuste al tempo giusto. Sono un profondo devoto di Papa Benedetto e inizio ad esserlo di Papa Francesco. Cattolico per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu invece sai tutto di povertà,precarietà e sofferenza ,ma l'umiltà dove la mettiamo?

      Elimina
    2. Infatti ho detto apertamente di stare a sbagliare a giudicare voi e di non avere nemmeno io umiltà. Quindi chiedo scusa per il mio peccato, ti basta?

      Elimina
    3. Non basta perchè fai come i luterani che tirano il sasso e poi chiedono scusa.
      Il sasso o non lo tiri o lo tiri e ti assumi ogni responsabilità del caso davanti a Nostro Signore.

      Elimina
    4. certissimamente caro e tu assumiti le responsabilità di essere ANTICATTOLICO

      Elimina
  9. A quando l'elezione del vero Papa...?

    RispondiElimina
  10. Povero ENRICO ti brucia vero? Ritirati pure tu con Benedetto e non fati vedere più in giro....

    RispondiElimina
  11. Spreriamo non sulle macerie del Vaticano.

    RispondiElimina
  12. Per fortuna, non sono romano così non è il mio vescovo...
    Quanto al circo, non mi è mai piaciuto(vedi messe celebrate da Bergobglio)
    Nella S. Messa si rinnova il Sacrificio di NSGC sul Golgota,mentre assisto alla S.Messa tridentina posso trovare spazi per meditare questo grande dono del Signore che ha voluto attraverso la sua dolorosissima Passione riconciliarsi con le Sue creature.
    Lascio le amenità e le comparse da circo a chi non sente la serietà della messa e che con falsa umiltà deride ciò che vi è di più sacro sulla terra.
    Con falsa umiltà si vuole cancellare un simbolo spirituale.
    Quanto alla collegialità vogliono farci credere che Gesù abbia detto a : Voi (pietro e voi 12) siete Pietro e su questa Pietra edificherò la mia chiesa....portate anche le vostre mogli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è il tuo Vescovo, è il tuo Papa. Ma forse tu non sei cattolico.

      Elimina
    2. Ma se il papa è solo un primus inter pares, nulla vieta di preferire alle sue indicazioni quelle di qualche altro vescovo. Se invece il primato petrino esiste ancora, l'insistenza sul ruolo di vescovo di Roma è fuori luogo. Comunque: aspettiamo e vediamo come si mette. Alzare una cortina di yprite ancor prima che un esercito nemico sia in vista è una penosa carenza tattica, oltre che una squallida mancanza di stile.

      Elimina
    3. Questo si chiama intimismo spirituale....sono contento che nella messa tridentina ritrovi te stesso. E il tuo rapporto con gli altri? Come la mettiamo? Forse l'episodio della lavanda non l'hai mai letto. Perché quel "folle" di Giovanni non spende nemmeno una parola sull'istituzione e parla solo di un "folle" che si piega ai piedi dei disscepoli? Forse perché l'Eucarestia oltre ad essere comunione col cielo è pure comunione con la terra???? Mah, vero questi aspetti qui sono solo "fantascienza"; come se Dio si compiacesse di un ritualismo che non serve a nulla, "Misericordia voglio e non sacrifici"....

      Elimina
    4. In effetti, è stato proprio Francesco a dichiararsi vescovo di Roma che governa collegialmente con gli altri vescovi; per cui possiamo solo registrare un cambiamento profondo ed epocale: la scomparsa del pontefice e la comparsa di migliaia di vescovi che reggono migliaia di chiese e, forse, anche la comparsa di migliaia di magisteri "paralleli". Non scandalizziamoci, sono i segni dei tempi. Un solo dubbio: questa rivoluzione è opera dello Spirito Santo o dell'uomo?

      Elimina
    5. Renzo T.
      Perfettamente d'accordo con te.
      Una babele di religioni fai da te.

      Elimina
  13. Scusate l'intervento, è da due giorni che assisto - impotente - allo scempio inferto a questo blog da parte di alcuni. E' evidente che coloro che scrivono i commenti sono divisi in due parti, come acerrimi nemici (ed anch'io debbo ammettere che l'elezione di Bergoglio a vescovo di Roma mi ha costretto a schierarmi) e si lasciano andare a lazzi e commenti che sulle punte estreme sono veramente indecorosi.

    io tuttavia vorrei semplicemente fare due considerazioni:

    1) il blog non è casa nostra. siamo ospiti di un sito, che ha un amministratore o per meglio dire un "proprietario" oppure un ispiratore. io credo che nessuno di noi se invitato in casa d'altri nel bel mezzo del soggiorno si metterebbe a sbraitare contro questo o contro quello (sia ben chiaro, lo ribadisco, io in questo frangente terribile SONO SCHIERATO da una parte, ma in questo caso si tratta di civili rapporti);
    2) essendo il blog come dicevo poc'anzi ispirato da una persona (o più, non ha importanza) io credo che sia dovere di tutti INNANZITUTTO rispettare la posizione di questa persona che ha creato il blog, quale essa sia. E se non la si condivide, sarebbe il minimo di civile educazione (rara virtù oramai) lasciare questo blog perchè sia - come giusto - in tempi di tempesta riparo per le persone che condividono la posizione sopra descritta. questo lo divo OVVIAMENTE anche pensando a me stesso.

    Se volete andare a vedere sui trad-blog internazionali, tutto l'ambiente tradizionalista è scosso, turbato e diviso, ma non vedrete gli schifosi commenti infantilisti che ho letto negli ultimi due giorni di chi dice "ve l'avevamo detto, andate a nascondervi, tornate nelle catacombe". Evidentemente l'Italia è il paese dei troll, forse perchè c'è tanta disoccupazione e la gente non sa come spendere meglio il proprio tempo. I signori che ce l'hanno tanto con chi è scosso fin nel profondo dell'animo forse farebbero meglio a prendere esempio dal nuovo vescovo di Roma, che ha invitato i propri concittadini a non spendere soldi per il viaggio in occasione della Messa di insediamento ma di devolverli in carità. Ecco se solo la metà dei cristiani che hanno speso il loro tempo ad insultarci lo devolvessero in aiuto ai poveri o anche solo alla recita di un Santo Rosario, forse sarebbero migliori fedeli di Bergoglio.

    Tutto ciò premesso io vorrei chiedere ad Enrico (l'amministratore del sito) di volere valutare la possibilità di sospendere i commenti di tutti per lasciare decantare gli animi (lo dice uno che è due giorni che vive in una angoscia tremenda e mai come in questo momento sento tutta la solitudine che mi circonda).

    Oppure (ma non so se sia una alternativa possibile), dare chiara indicazione sulla propria attitudine in questo momento -anche se mi pare sia abbastanza nota, chiara e condivisibile - e darsi con forza e lena alla bannatura di tutti quei commenti che da essa esulino, fossero anche i miei. Io al contrario di certa gente sono pronto al mea culpa (sulla forma, non sulla sostanza).

    Non rendiamo questo momento, difficilissimo per i Cattolici che ancora credono fermamente nel Cattolicesimo quale quello insegnato, creduto, vissuto e sperato dai nostri padri e dai milioni di morti in esso e per esso nei 2.000 anni precedenti, ancora più mortificante.

    Grazie per la vostra attenzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene EnricoB ma ti faccio notare che la stragrande maggioranza di chi lancia invettive contro il Papa, fa uso del turpiloquio ed offende chi semplicemente accetta Papa Francesco viene da quell'area pseudotradizionalista che non vuole accettare il nuovo Papa. Molti di costoro sono stati invitati ad usare un linguaggio più rispettoso ricevendo, al contrario, altre offese accompagnate da fiumi di superbia.
      La cosa migliore è rispondere con ironia alle loro elucubrazioni, lasciandoli alla loro acrimonia.
      Non facciamo di tutta l'erba un fascio.

      Elimina
    2. PLAACEETTT !!!!
      Rosa

      Elimina
    3. Questo è proprio l'esempio di cosa io chiedevo di non fare. io non mi metto a distinguere tra pseudo tradizionalisti, tradizionalisti veri, falsi, di ottone, belli, brutti. E' un modo tipico italiota di dividere sempre tutti in guelfi e ghibellini, e gli str..i stanno ovviamente TUTTI dalla parte che non è la mia. fare queste distinzioni è mettersi fuori da quella prospettiva che cercavo di tratteggiare nel post precedente.

      Chi siamo noi per giudicare chi non vuole accettare (?) il nuovo vescovo di Roma? i supervescovi di Roma? io non so se chi non accetta Bergoglio sia tradizionalista o meno, io ritengo di esserlo e non permetto a nessuno di contestare questa mia autodefinizione, poichè fino a prova contraria siamo tutti uguali e l'opinione di un altro vale quanto la mia e non ha senso discutere sulle casacche. ma questo è anche il paese delle mille squadre di calcio e dei diecimila campanili, figuriamoci se questo messaggio passa...

      In realtà questo volere imporre l'accettazione assomiglia molto alla lontana paura di uno scisma strisciante, per non dire che sembra figlio di una mentalità questa si totalizzante, dove io NON posso pensare che qualcuno abbia dubbi e magari li manifesti anche in modi a me non graditi. quasi come dire che "se lo faccio io, lo DEVI fare -sic et simpliciter - anche tu".

      Invece se qui c'è qualcuno (io fra gli altri) che non vuole, non sa o non riesce ad accettare ciò che è avvenuto l'altro giorno, scusami ma sono solo ESCLUSIVAMENTE problemi della singola coscienza e del giudizio di Dio. Se io come cattolico sono in grave peccato a non accettare l'elezione di Bergoglio, questo non è giudicabile da nessuno, ripeto nessuno. E quindi NESSUNO, salvo NSGC è abilitato a darmi o togliermi la patente di cattolico. E viceversa.

      io infatti non mi sono mai sognato di pensare che i singoli che si spellano le mani per applaudire Bergoglio non fossero per questo stesso fatto più cattolici. potrebbero non esserlo più se il vescovo di Roma conducesse la Chiesa su una strada non cattolica (ricordiamoci i papi ariani del primo Cristianesimo). Bada bene: non sto dicendo che questa sia una condizione ipso facto discendente dall'elezione di Bergoglio,ma che il rischio a mio avviso sussiste. Le premesse che si vedono sin da ora fanno tremare i polsi e fanno anche dubitare ed avere paura (almeno a me). e se mi sbaglio sarò felice di correggermi.

      io non insulto Bergoglio, ma ho il diritto - pena la dannazione della mia anima - di dubitare di ciò che ho sotto gli occhi. e se anche facessi elucubrazioni, avrei diritto allo stesso rispetto che mostro per chi questi dubbi non sembra (beato lui) averlo.

      Poi - e qui concludo - io resto convinto che un blog sia un luogo dove le idee si possono (NON DOVE SI DEVONO NECESSARIAMENTE) confrontare, fatto salvo che si dovrebbe rispettare A PRIORI l'orientamento di che il blog lo ha aperto. invece è da ieri che imbecilli multipli continuano a chiedere al mio omonimo di chiudere, andarsene, e gioiscono della chiusura (che a me invece mette una tristezza infinita) di Fides et Forma. Solo i fascisti ed i comunisti si comportano così, non i cattolici (quelli veri, almeno secondo me).

      Scusa se sono stato poco chiaro.

      In Christo

      Elimina
    4. Caro EnricoB hai tutta la mia solidarietà e comprensione. Anche perchè condivido il tuo stato d'animo e, francamente, sono in attesa di capir meglio, nella consapevolezza che il momento è davvero oscuro.

      Elimina
  14. a me questo nuovo Vescovo ricorda tanto Pertini:ch'Iddio ce ne scampi,e presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pertini è stato un grande Presidente, partigiano ed antifascista. Speriamo che Papa Francesco sia amato come Pertini.

      Elimina
    2. Pertini era un quaquaraqquà della peggior risma. Un vecchio rimbecillito che alcuni accreditano, fra l'altro, come mandante dell'assassinio del Duce. Per l'Italia non ha fatto nulla, a parte il tifo ai mondiali dell'82, che gli è valso l'immediata simpatia di questo popolo di plebei buffoni.

      Elimina
    3. Capisco, sei fascista. Dio perdona tutti, se si pentono.

      Elimina
    4. Invece non capisci. Evidentemente sei duro di cervice. Non sono affatto fascista (secondo te chi ritiene negativo che qualcuno faccia assassinare qualcun altro è ipso facto un fascista?!). Sei in malafede. E questo purtroppo Dio non te lo perdonerà, perché è un peccato contro lo Spirito di Verità.

      Elimina
    5. a me ricorda LA PIRA, parimenti pericoloso sia per il buon governo che per la vera FEde: il solito pauperismo ingannatore, perchè fa dimenticare alla gente che
      NON DI SOLO PANE VIVE L'UOMO

      e invece grazie a questi falsi profeti, LA MASSA DEI FEDELI accetterà con giubilo il...PANEM ET CIRCENSES
      come vediamo nelle allegre MESSE-BANCHETTI, chiassose e senza più alcun rispetto per NOSTRO SIGNORE.

      L'UOMO è AL CENTRO DEL CULTO
      ....e l'uomo sarà ADORATO DALLE MASSE adescate da questo falso profeta, sprezzante dell'ADORAZIONE DOVUTA A DIO.

      Elimina
    6. Guardi che non ho nulla contro il fascismo, che anzi mi piace parecchio. Però anche Pertini non era male, per via della pipa.

      Elimina
  15. Per insegnare il Vangelo ai bambini ci vuol pazienza. Sarà un grande Papa. Papa di Santa Romana Chiesa. Grazie Signore.

    Ricordate: le Sue vie non sono le nostre. Noi siamo solo esseri limitati (e presuntuosi!)
    Saluti

    RispondiElimina
  16. Mi pare che il nuovo Papa stia pure lui ricevendo la sua buona parte di insulti, tutti da parte vostra (bravi!), e la conseguente beatitudine evangelica.. Quindi per prima cosa non girate il Vangelo come si fa con un bambino nella culla a vostro comodo.
    Secondo: del passato di Bergoglio se ne sta parlando eccome, sui giornali e in rete. Quindi vedete di non sminuire o gonfiare le cose, sempre a vostro comodo. Aggiungo, con una certa umile sicurezza, che con quelle o simili dittature voi ci avreste consumato mille prime notti di nozze.. lo si è ben visto un eminentissimo Pio Laghi e affini...
    Terzo: per quanto riguarda mons. Camara... beh, lo sapete o no che esiste anche quell'esperienza che si chiama "conversione"? Facilmente non potete saperlo.. visto che il Vangelo la prevede e la vostra alterigia no... lo si vede benissimo in questo blog.
    Una domanda: qualcuno di voi illuminati potrebbe spiegarmi perchè si può definire banale luogo comune l'espressione "Un papa dalla parte degli ultimi" mentre sarebbe gravida di senso e valore l'espressione "Un papa fedele alla tradizione" ???
    Io non so, lo riconosco, cosa significa essere un buon cristiano... credo invece ormai di sapere, dal vostro esempio, cosa significa essere un buon cattolico.. e preferisco non esserlo, alla vostra maniera.
    Auguri a me e a voi di un buon "camminare, edificare, confessare" (pardon, è un luogo comune...)

    RispondiElimina
  17. sai quell'altra anima bbbbbbbbbbbbbbbbbòna dell'Omonimo Piero come gòngola.................................miserabili!
    hanno poco da vestir stracci per apparir poveri fuori:son poveri DENTRO.

    RispondiElimina
  18. Il mio commento è qui:
    http://opportuneimportune.blogspot.it/2013/03/estote-parati.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "inclinazione al più stolido ecumenismo mondialista, filogiudaismo eretizzante, irenismo, solidarismo"

      Perché BXVI non era forse un filo-giudeo? Non è forse andato in Sinagoga? Il suo primo atto non è stato, forse, quello di ricevere il capo rabbino di Roma? Non era forse ecumenico (vedi Assisi III)!
      BASTA CONTRAPPORRE I DUE PAPI!!! UNO E' LA CONSEGUENZA DELL'ALTRO!

      Elimina
    2. e aggiungo....parli che con il nuovo Papa la Massoneria esulta! La Massoneria ha esultato pure per Benedetto XVI! Anzi, lui l'ha ricevuta in VATICANO!!!

      Elimina
    3. quoto in toto. Grande Baronio, se solo potessi pensare che siamo in tanti a pensarla così smetterei di tormentarmi sentendomi un cinquantenne imbecille che non capisce niente.

      Elimina
    4. Baroni dovrebbe darsi alla fantascienza o, meglio, creare un nuovo genere letterario: la fantareligione. Considerando che personaggi si nascondono tra i tradizionalisti capisco perché Papa Francesco a limitato il VO in Buenos Aires dove di nostalgici filodittatura c'è n'è ancora qualcuno i troppo e si nasconde tra i tradizionalisti più fanatici e i lefebvriani. Questi personaggi sono i peggior nemici della tradizione.

      Elimina
    5. ecco Il Nuovo, mi sembra che tu sia un bell'esempio di cosa stigmatizzavo nel mio post (evidentemente inutile) precedente. inutile parlare, meglio sopprimere i commenti, ciascuno mediterà a casa sua.

      Elimina
    6. Prendo atto di questa sua stigmatizzazione. Sono un poco pentito dei miei molti commenti inutili, ma nel numero qualche volta ci ho preso. Comunque non è che lei sia un po' fascista per caso? Oppure è un membro della setta di Econe? Scusi sa, è tanto per sapere.

      Elimina
    7. non è mai inutile parlare se ci si ascolta senza insultarsi a vicenda (e il caso di Baronio lo mostra, lui aveva solo postato il link del proprio blog). E' invece inutile se serve solo a sfogare le proprie frustrazioni magari in altri campi della vita, o se si desidera la rissa a tutti i costi.

      Ma in un paese dove mi si dice che in alcune famiglie (cito da insegnanti, non da marziani) ai bambini viene proposto come modello di rapporto con gli altri le risse che vengono propinate dalle televisioni nei vari talk-show, perchè questo è il modo da "vincenti", perchè "è così che si deve fare", non mi stupisco più di nulla.

      ripeto, forse hanno ragione quelli che sostengono che intervenire seriamente nei blog è inutile, che serve solo a far ridere i troll, mi sono illuso che per una volta potesse servire. anche questo è essere a mio avviso CATTOLICI.

      Elimina
  19. Francesco B. da Mirano15 marzo 2013 10:13

    Per quanto mi riguarda, io ho deciso cosa farò nei prossimi anni in attesa che termini il pontificato di questo personaggio: lo ignorerò! Sì, semplicemente ignorerò l'esistenza di bergoglio, farò finta che non sia mai stato eletto, che non sia lui il nuovo papa e che sul soglio di Pietro segga ancora Benedetto XVI. Finchè Ratzinger avrà vita, lui continuerà ad essere papa per me, mentre l'argentino lo considererò un antipapa. Da due giorni non riesco a dormire, vivo in uno stato di ansia, questo papa mi dà il voltastomaco. Non riesco ad accettare che lo Spirito Santo abbia permesso l'elezione al Soglio di Pietro di un individuo di tale squallore e di così basso profilo spirituale, morale e culturale. L'arroganza di un uomo che esercita la propria autorità unicamente per imporsi contro gli usi e le tradizioni del Papato tanto care al precedente Pontefice dimostrano soltanto pochezza intellettiva, saccenza, presunzione, cattiveria e disprezzo. Intanto il popolo imbecille, già dimentico dei (finti) pianti fatti per Benedetto XVI, plaude al novello salvatore della patria, al paladino dei poveri che povero non è, al "comandante Cheguevara in tonaca bianca". Imbecilli, non hanno capito niente! Non possono capire niente! Noi italiani siamo così idioti e provincialotti che ci lasciamo incantare dal primo imbonitore di turno! E questo, secondo me, è l'attuale papa: un imbonitore, uno che ha già in mente la demolizione del Papato. Non guarderò più questo papa. Cambierò canale quando lo vedrò comparire in televisione. Non leggerò gli articoli di giornale che lo riguardano, non ne parlerò più con nessuno. Mi limiterò a leggere i siti cattolici legati alla tradizione che ne parleranno male. Per me il papa è già morto. Resterò in fiduciosa attesa del prossimo, nella speranza che, stavolta, lo Spirito Santo faccia il suo dovere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne faremo una ragione. Poi, quando lo Spirito Santo dedicerà di fare ciò che vuoi, se ne riparlerà...

      Elimina
    2. Il Nuovo tu sei un grande ottimista.
      Tu pensi sempre che lo Spirito Santo ci voglia bene.
      atronge

      Elimina
    3. E A CHI PENSI DI FARE DISPETTO? A chi pensi di fare male oltre a te, alla tua anima (premesso che non sia già morta)e alla tua salvezza eterna? Vai pure con i morti a seppellire i morti!
      framp

      Elimina
    4. Bravo, Francesco B., sono le stesse cose che penso di fare anche io.

      Elimina
  20. Placet per l'intervento di EnricoB.

    Allora: abbiamo preso un colpo basso, il dolore e la sorpresa di subire una cosa del genere ci può accecare, MA -ma- dobbiamo richiamare la nostra lucidità e le nostre forse e analizzare la situazione.
    Per i lefebvriani non cambierà niente, anzi: le loro scelte ormai si confermano inamovibili. Il problema è che con il tramonto della prospettiva di rientro non possiamo certo contare sul loro appoggio e la loro vicinanza da dentro. Il peggio dunque -come al solito- è per il tradizionalista indultista o mutuproprista che sta dentro e sarà vessato e non potrà neppure sperare nella cavalleria che, valutata bene la situazione, dopo tanti tentennamenti e studi tattici, ha desistito dall'effettuare una carica (non so valutare se le sia convenuto o meno né se ciò abbia giovato o meno alle sorti della battaglia). Amici: preghiera, penitenza, S. Rosario, ancor maggior slancio per la S. Tradizione perché se ora arrivasse il peggio dobbiamo rispondere al meglio. Mi diceva sempre la mia nonna che durante i bombardamenti si rincuoravano a vicenda dicendo: "E' un momento, tutto finisce..." L. Moscardò

    RispondiElimina
  21. Se guardate la sua messa di ieri non si è nemmeno inginocchiato, nonostante qui qualche bugiardo abbia affermato il contrario..dal minuto 50 circa.. http://www.youtube.com/watch?feature=endscreen&v=sdWZWDqhCdA&NR=1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da come cammina e si appoggia sul pastorale, credo che abbia qualche serio problema di artrite alle ginocchia. Che sommato a quello della ridotta capacità respiratoria conseguente ad una pregressa lobectomia polmonare...
      Rosa, medico

      Elimina
    2. Se le cose stanno così ,Borgoglio non poteva fare come il suo collega coetaneo cardinale indonesiano malato che è rimasto a casa e magari dava i soldi del biglietto aereo ai poveri?
      atronge

      Elimina
  22. che abbia strapazzato il povero mons Marini non è nulla....(sarà penitenza purificatrice e gli aprirà gli occhi su chi sia questo finto-papa).
    Il guaio grosso è che sta STRAPAZZANDO LA SANTA LLITURGIA, OFFENDENDO COSI' NOSTRO SIGNORE: apriamo gli occhi sulle cose più gravi....
    e questo è un campanello d'allarme che dovrebbe suonare in tutte le anime dei cattolci, a partire dai SACERDOTI !

    costui sta iniziando quella grande DISTRUZIONE DEL CULTO DIVINO PERENNE, che il suo successore completerà, SVUOTANDO PIAN PIANO, sfregio dopo sfregio (con la scusa del "dettaglio irrilevante, badiamo alla sostanza ecc.") DI SEGNI E SIGNIFICATI l'intero culto dovuto a Dio, perchè già la gran massa della gente non gli dà più valore....fino alla SPARIZIONE.
    Lo vedete come favorisce volutamente il DEGRADO della celebrazione, con la SCUSA della semplicità, che adescherà tanti poveri gonzi ?
    è un falso papa e FALSO PROFETA COL suo pauperismo da 4 soldi
    che NON PARLA DI SALVEZZA ETERNA, esattamente come il suo simile B. Forte, che ha distrutto un'intera diocesi :
    DIFFIDATE di lui, perchè anche lui col suo melenso buonismo DISTRUGGERA' LA LITURGIA E LA FEDE della Chiesa.

    LEX ORANDI -LEX CREDENDI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....a meno che non la completi lui stesso la distruzione definitiva e la sparizione, che sarà fatta con la massima naturalezza. Nelle parocchie ci sono già tantissime persone che NON CREDONO alla Presenza di GEsù nell'Eucaristia, si siedono dopo la Comiunione, tornando a chiacchierare come fossero a teatro, E QUESTO DEGRADO lo favoriscono i preti stessi, con le lor profanità (battutine battutacce nelle omelie!) in cui hanno affogato tutto il sacro valore e clima della Messa. La celebrazione è diventata quasi ovunque uno show in cui molti vanno in fila giulivi e distratti, a prendere IN MANO una specie di "pane benedetto", così, per abitudine, per FOLKLORE senza mai confessarsi....
      La S. Messa è già da decenni pronta per essere totalmente svalutata NELLA COSCIENZA DELLE MASSE: e questo falso-papa-falsofrancescanogli sta dando delle belle picconate, in arrivo del..."colpo di grazia", cioè quello finale (cfr. Profeta Daniele + S. Paolo 2Ts) !

      Elimina
    2. La destruction de la liturgie catholique était l'objectif de Paul VI — aujourd'hui parfaitement atteint.
      Cette liturgie détruite a été remplacée par des "célébrations" appelées "eucharisties", destinées à plaire à tout le monde: protestants, juifs, musulmans, bouddhistes (même le Dalai Lama y assiste!) en vue de l'instauration de la religion noachique universelle annoncée par le rabbin de Livorno Elia Benamosegh…

      Elimina
  23. Cari amici tradizionali hanno ragione loro: esiste l'ecumenismo, la libertà religiosa senza se e ma, ed altre questioni che contrastano il Magistero pre CVII ma fanno parte di questa Chiesa.

    Papa Benedetto XVI ci ha consentito di uscire dai cenacoli in cui eravamo confinati ma la lettura del CVII in continuità con il Magistero precedente non sta in piedi (cfr Gherardini) in non pochi casi.

    La Chiesa in duemila anni ha sempre dimostrato una certa ortoprassi tuttavia ora siamo all'eresia.

    Il terzo segreto di Fatima e prima ancora la Madonna a La Salette ci indicano proprio questo.

    E' molto duro accettare ciò ma mi sembra innegabile che, ad esempio, la nuova Messa non è assolutamente uno svilippo del VOrdo.

    Credo quindi, che ci siamo illusi non volendo vedere ciò che ci circonda... abbiamo creduto nella restaurazione che, è evidente, può essere concessa da Dio, ma non sembra verosimile nelle circostanze non solo attuali ma anche future.

    Ciò che resta è preparsi personalmente al Gran Giorno.

    Sia chiaro però che tutto ciò è dovuto ai nostri peccati.

    Se pensiamo alla fede dei nostri nonni ci rendiamo conto che il nostro cristianesimo vive di chiacchere.

    Abbiamo voluto accomodare Cristo con il mondo ed ecco qua il risultato.








    RispondiElimina
    Risposte
    1. E aggiungerei senz'altro la settima profezia della beata Chantal Villiers de l'Isle, duchessa di Lafayette e la quarta visione e mezzo di padre Richard von Birkenau.

      Elimina
    2. ...e pure la profezia del tuo vecchio zio ricco che è qui al neuropsichiatrico con me e non lo vieni mai a trovare
      atronge.

      Elimina
    3. Che sarei poi io.

      Elimina
  24. Purtroppo non posso che sottoscrivere il commento di Francesco B. sono nel suo stesso stato. Anche per me Bergoglio è un antipapa e cerco di ignorarlo: mia mamma, cattolicissima, non capisce il mio sconforto, ma lei non va su Internet (e io neppure voglio spiegarle bene perché detesto l'antipapa Francesco, a volte sapere troppo è peggio). Spero davvero che si sia un pontefice dopo questo "vescovo di Roma" o non porti alla fine del papata, o, magari non si riveli, come ho letto in questo blog, la Bestia dell'Apocalisse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di qeuesto antipapa ereticfo parlò spesso Malachi Martin, era detto nel 3. segreto dalla Madonna e riferito da oltre 12 anni SUL WEB da Padre Gruner, che guarda caso è stato PERSEGUITATO PER ANNI DALL'apparato VATICANO, sempre teso a NASCONDERE-PILOTARE-OCCULTARE il messaggio della Madonna:
      tutto secondo regia di BERTONE-SODANO e compagnia manovrante !

      Elimina
    2. Vergognati, alla tua età ancora attaccato alla gonna di mammina! Lascia stare internet, alimenta le tue nevrosi.

      Elimina
    3. rileggete questa pagina, che sta sul web dagli inizi di internet (almeno 13 anni):

      "Per questo, il Terzo Segreto di Fatima rivelerebbe il "mistero dell’iniquità" (2 Tess. 2,7): la Chiesa Cattolica "contraffatta" - la contro-chiesa, l’anti-Chiesa - il mistero del drago, la cui coda avrebbe spazzato via un terzo delle stelle del cielo , ovvero un terzo della gerarchia Cattolica sotto la guida di un antipapa eretico.
      ....
      Quando parlai con Padre Malachi Martin riguardo all’antipapa eretico e dell’apostasia nel Terzo Segreto, la sua risposta fu: "Fosse solo quello." L’antipapa e i suoi collaboratori apostati saranno (come li chiama Suor Lucia) i partigiani del diavolo (os partidarios do demonio) "i quali lavoreranno per il male e non avranno paura di niente".1 Sono questi "partigiani del demonio" che costituiscono il "terzo delle stelle del cielo" precipitate sulla terra dalla coda del drago. Questi uomini che si nascondono come clero "Cattolico" sono in realtà membri segreti della setta e sono consacrati al demonio. Essi otterranno il controllo dell’apparato Vaticano e creeranno il "ramo" cattolico di una nuova religione ecumenica mondiale. La loro "chiesa" contraffatta sarà Cattolica solo di nome.
      Essa formerà la parte "Cattolica" della RELIGIONE IMPOSTA E ASSERVITA DAL NUOVO ORDINE MONDIALE . Il vero Cattolicesimo sarà considerato fuori legge, ed i fedeli Cattolici che rimarranno saldi nella loro vera fede, saranno soggetti alle più feroci "persecuzioni" che si siano mai viste nella storia."
      -----------------------------
      http://www.fatima.org/it/resources/cr74grande.asp
      QUELLE COSE, dette dalla MADONNA, occultate dalle gerarchie vaticane fin dal 1960 (v. papa G23)
      stanno ACCADENDO ORA, proprio ora, sulle teste di noi pecore impotenti a IMPEDIRLE !
      possiamo solo pregare, ma TUTTO ACCADRA' come previsto e come la Madonna ha detto, per conto di Dio Onnipotente.

      Elimina
  25. "mia mamma, cattolicissima, non capisce il mio sconforto, ma lei non va su Internet"

    Ecco, appunto: okkio a internet! Quale strumento più moderno e modernista di questo?! Pensaci! Usalo, ma non lasciarti prendere dalla sua... rete.

    RispondiElimina
  26. Ma come fa un papa a dire che dobbiamo confessare Gesù Cristo crocifisso, quindi morto??

    Ma i cristiani non confessano Gesù Cristo RISORTO????

    Cosa la festeggiamo a fare la Pasqua allora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo !! Ascoltavo e riascoltavo, leggevo e rileggevo, e sentivo che qualcosa non quadrava... E' Cristo risorto che si deve confessare (ma perchè non annunciare, proclamare ?) e non il "morto".
      Si ci sono stati attacchi, ma sicuramente NON viruenti come con Benedetto, Vedremo se a Francesco lo faranno entrare, per esempio, all'Università...
      Rosa

      Elimina
    2. Sul punto è essenziale sentire mic e Luisa, perché Papa Checco darà molto spazio alle donne, non dimenticarlo.

      Elimina
    3. hai ragione.
      Ma questo è solo l'inizio di una SERIE DI IMMANI FALSIFICAZIONI,
      di cui però solo POCHI si accorgeranno.
      Ha ragione Baronio: ESTOTE PARATI.

      Grazie mille e 10 & Lode alla Redazione per il post di oggi, che dovrebbe APRIRE GLI OCCHI AI CIECHI.
      Per quelli volontari (ottusi con occhiali rosa) non ci sarà nulla da fare.

      Elimina
    4. Certe donne sono molte meglio di certi uomini, che non hanno neache il coraggio di usare il proprio nome quando scrivono.
      Cmq, se il papa argentino è come gli argentini dell'Inter, che giocano bene una partita sì ed una no, non c'è troppo da preoccuparsi.
      Avete saputo che ha pregato vivamente i suoi compatrioti di non recarsi a Roma per la Messa di martedì ? Come saranno contenti non solo gli albergatori ecc,. laici di Roma, ma soprattutto le agenzie di turismo religioso...Se comincia a sconsigliare partecipazioni di massa ai suoi viaggi, ohi, ohi, ohi, povere casse religiose...

      Elimina
    5. Ha ragione. Infatti mi dissocio con forza.

      Elimina
    6. Perché la Chiesa deve curare gli interessi dei bottegai, ristoratori, albergatori et similia? Non sapete più a cosa attaccarvi viste le argomentazioni teologiche deboli.

      Elimina
    7. Siete lividi e crudèli. Sì, crudèli. Se proprio cercate qualcosa cui attaccarvi, venite qui alla neuro, che c'è il trapezio.

      Elimina
    8. Infatti la Pasqua è stata abolita, almeno finché non ricostruiscono il Tempio di Gerusalemme.

      Elimina
  27. Che bello, c'è qualcuno che usa il mio pseudonimo per firmare i suoi interventi. Sono molto popolare tra i pseudo tradizionalisti.

    RispondiElimina
  28. si....ti porta molto in alto il pupazzone...(per carità bello eh!) poi con quei battiti di mano e quelle schitarrate...ottimo!
    Bè...in quel caso avrei sicuramente scelto la discoteca al posto delle messa, sicuramente mi sarei sentito meno a disagio....e dire che in discoteca non ci sono, mai andato nonostante abbia 20 anni.
    Preghiamo e speriamo perché davvero lo spirito Santo con la sua enorme potenza, possa scendere sulla nostra chiesa.
    Prego per il Papa perchè davvero preservi la madre chiesa.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdonatemi, sono un po' scisso. Ma sono contento che ci sia chi usa il mio nick per firmare i suoi interventi.

      Elimina
  29. Hai ragione! L'avevo notato pure io! Un cristiano confessa Gesù Cristo Risorto!
    Un papa che confessa invece un Gesú Cristo crocifisso e pertanto morto è in odor di eresia...altro che rottura!
    Benedetto XVI torna!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che Francesco lo abbia fatto apposta.
      Tuttavia per questo le omelie in Cappella Sistina si scrivono e si leggono in latino dopo lunga preparazione per evitare di dire put....nate
      Ma la tradizione è solo vecchiume e non saggezza per i progressisti.

      Elimina
    2. Non padroneggia bene l'italiano. Bisogna dargli tempo.

      Elimina
    3. E allora che facesse un bel bagno di umiltà e leggesse l'omelia in latino come i 265 papi prima di lui.
      .. eh ma quelli non erano gesuiti....

      Elimina
    4. Bravo anonimo 11:28!

      Elimina
  30. falso umile = FALSISSIMO PROFETA,
    che insegnerà ad ADORARE L'UOMO ( ===>FRATELLANZA MONDIALE, l'ha già detto chiaro dal balcone quella sera! preannunciato da SODANO nel pre-conclave: era TUTTO PRE-ORDINATO da tempo, togliendo di mezzo il papa BENEDETTO):
    e tutti saranno contenti del
    PANEM ET CIRCENSES, e riceveranno da lui una FALSA SICUREZZA, DI una santitàa buon mercato:
    ha tutti i tratti e GLI ARGOMENTI di UN FALSO PROFETA.
    E' un grande INGANNATORE, CHE prepara le anime alla venuta di "quello più grande di lui": sta preparando le menti per far scattare la trappola della falsa chiesa DELL'OSCURITA', il gran CALDERONE ONNI-ERETICO della religioneNWO, che farà obliare Cristo Salvatore del mondo, iniziando ORA A SVILIRE IL SANTO SACRIFICIO DELL'ALTARE.
    fate caso:
    Giovanni Battista --> annunzia Nostro Signore

    falso profeta --> annunzia falso messia = FALSO SALVATORE, gran seduttore degli uomini---> mediante EGALITARISMO, falsa felicità MATERIALE, derivante da benessere ECONOMICO PER TUTTI = PANEM ET CIRCENSES =
    non pensate più alla Vita eterna:
    CARPE DIEM, anime belle, godetevi la vita e non pensate più a salvarvi, perchè....
    Gesù ha fatto TUTTO, ha già salvato tutti, QUINDI siete GIA' SANTI, col 6 politico !
    non dovete pentirvi di nessun peccato NE' CONVERTIRVI: già perdonati SENZA CONFESSIONE DEI PECCATI.
    Tutti santi, come ha detto il concilio v2, senza alcuno sforzo personale. Gesù vi ha già salvati (= pecca fortiter!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi scrivere in italiano? Grazie.

      Elimina
    2. Lei è un grande ipocrita.

      Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire
      Chi può intendere intenda...

      Elimina
  31. Ma Gesù è vivo!!!!! Cosa dice papa checco???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dice che deve sentire. Poi ci fa sapere.

      Elimina
    2. Checcho ha già detto che per lui d'ora in avanti dobbiamo confessare che Gesù è morto.
      La nuova festa secondo questo nuovo papa sarà da fare il Venerdì Santo e si abolierà la festa di Pasqua, perchè Dio è morto crocifisso. Non c'è stata nessuna risurrezione secondo papa francesco.

      Elimina
  32. mamma mia ! speriamo nella grazia di stato altrimenti siamo fritti ! Ratzinger perche' cui hai lasciato ?
    Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. papa Benedetto XVI, con le sue dimissioni, rappresenta di fatto il kathekon di cui parla S.Paolo (2Ts).
      Rileggete questI post di Colafemmina:

      http://fidesetforma.blogspot.it/2013/03/tanti-saluti-al-nuovo-papa-della.html
      TANTI SALUTI AL NUOVO PAPA DELLA DISCONTINUITA' CONCILIARE

      ma specialmente:
      http://fidesetforma.blogspot.it/2013/03/era-gia-tutto-previsto.html
      ERA GIA' TUTTO PREVISTO

      http://fidesetforma.blogspot.it/2013/02/rimosso-il-kathekon-ora-tutto-e.html

      RIMOSSO IL KATECHON: ORA TUTTO E' POSSIBILE

      Elimina
  33. Non ho parole! dovremmo credere in un Gesú morto secondo questo anti-papa????

    RispondiElimina
  34. Ho appena ascoltato il discorso ai Cardinali. Il discorso - mon male - è stato scritto, quasi certamente NON dal nuovo papa, ma da qualcuno che verosimilmente ha scritto in passato sia per GPII e BXVI. Lo si capiva dal corretto uso dell'Italiano, dallo stile, dai contenuti, dalle citazioni, Papa Francesco ha inserito alcuni suoi commenti, in italspagnolo- Ha sottolineato, leggendo, l'umiltà e la mitezza del suo predecessore. Infine si è intrattenuto cordialmente con alcuni Cardinali, tra cui Re.
    L'impressione da tutta la cerimonia è che qualcuno, dopo ieri (omelia breve, niente di più di quello che direbbe il mio vecchio parroco) abbia già cominciato a prederglie le misure ed "istituzionalizzarlo". Vedremo
    Rosa (spero che stavolta il nome compaia, non come prima, che è sparito da 2 commenti).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non male? Ma se ha detto che dobbiamo credere in un Dio morto!!!!!!!!!

      Gesù è risorto!!! E' questo ciò che noi cattolici dobbiamo confessare, che Gesù Cristo è RISORTO!!!

      Questo papa è eretico!

      Elimina
    2. E allora tu sei erotico, ecco!

      Elimina
  35. Roba da matti!

    Come si fa a dire una cosa del genere?

    Da un "papa" poi proprio ne me lo sarei mai aspettato!

    Dovremmo confessare un Gesù Cristo "morto", crocifisso?

    Noi cattolici confessiamo Gesù Cristo risorto, che è vivo e regna con Dio! Tra poche settimane celebriamo la sua Risurrezione con la Pasqua!

    ANATEMA!

    RispondiElimina
  36. Concordo. ANATEMA!

    RispondiElimina
  37. Il Papa non ha fatto altro che riecheggiare la Prima Lettera ai Corinzi, capitolo primo:
    " Annunciamo Cristo crocifisso, scandalo per i Giudei, stoltezza per i greci".

    Si pensa forse che il Papa non creda nella Risurrezione?

    Si leggono veramente commenti esasperati qui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ha detto lui che confessa un Gesù Cristo crocifisso, quindi morto.

      Io, da cristiano, invece confesso un Gesù Cristo risorto.

      Io credo al Vangelo non a questo anti-papa!

      Elimina
  38. Checco ha detto che dobbiamo "confessare" Gesù cristo crocifisso.
    Noi cristiani dobbiamo confessare Gesù Cristo Risorto.
    E' una bella differenza.
    Non c'è peggior cieco di chi non vuole vedere.

    RispondiElimina
  39. Leggendo la stampa cattolica e non ci si rende conto di quanto queste posizioni estremistixhe non abbia seguito tra i fedeli. Solo sui blog tradizionalisti, seguiti poi sempre dale stesse persone, si leggono questi interventi deliranti. Stando così le cose farà bene il Papa se sospenderà le messe VO (come ha fatto a Baires).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quale stampa cattolica? Quella in mano ai massoni o quella in mano ai progressisti?

      Elimina
    2. Sì, certo, intendo quella. Quale sennò?

      Elimina
    3. Ah, allora se i progressisti e i massoni e i media in mano loro osannano papa checco allora dobbiamo osannarlo anche noi?
      Benedetto XVI torna da noi!!!

      Elimina
  40. Se Papa Francesco si movesse contro il Venerabile Rito firmerebbe la certificazione della sua delegittimazione cattolica dando finalmente ufficialità allo scisma della maggioranza neoterica modernista dalla Santa Romana Chiesa che era, che è e che sarà fino alla Parusia.
    L.Mò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa possiamo fare?
      Come possiamo organizzarci?

      Elimina
  41. Il papa della rottura…

    "Dans son commentaire de la prophétie de saint Malachie, en 1951, le père jésuite René Thibaut a analysé et annoncé l’extinction de la succession apostolique visible sur le trône de Pierre après le tenant de la devise “Gloria olivae” (Benoît XVI).
    "À partir de là, selon ce jésuite (voir la page 22 de son livre “La mystérieuse prophétie des Papes”), l’Église catholique cesse de s’appeler romaine…"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Placet.
      Questo Checco è un anti-papa.

      Elimina
    2. Les saints Albert de Brive-la-Gaillarde et Marcel de Moulins l'ont prophétisé plusieurs fois: "Et un grand cocu noir viendra se manifester au dessus du Grand Dôme" (st Albert de Brive-la-Gaillarde, Le voile déchiré VII,18); "Les clochards de tout le monde se réjouissaient"(Visions, XI,2).

      Elimina
    3. Hai dimenticato di segnalare che l'autore delle "Visions" è, in questo caso, Marcel del Moulins (che fra l'altro era anche duca di Lyon).

      Elimina
  42. per anonimo delle 12,05

    non puoi confessare la Resurrezione se prima non confessi la Croce, ti pare?
    Suvvia un po' di cervello prima di scrivere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma gli ebrei non dicono forse che Gesù è morto crocifisso?
      Per loro è morto.
      Non è risorto dopo essere stato crocifisso.
      Il papa ha detto una cosa al limite dell'eresia in effetti.

      Elimina
  43. Ma avete letto quel che ha detto il Papa? Non basta confessare Cristo come Figlio di Dio e poi rifiutare la Croce (come fece Pietro prima di venire rearguito da Nostro Signore): lettera ai Corinzi, come giustamente diceva un altro commentatore sopra. Poi, la Messa antica non mette forse proprio il Cristo Crocifisso al centro della celebrazione? Uno dei problemi di comprensione della Messa (criticata dai "tradizionalisti"), veicolati dal rito riformato, non sta forse nell'esasperazione della "gioia della risurrezione" (facendoci scordare di dover prima patire e morire con e come il Maestro)?
    Qui si critica il Papa per aver detto cose perfettamente tradizionali che non si sentono dire da papi o parroci da tantssimo tempo, sveglia ragazzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vero! Non solo. Sembra che Francesco si sia fermato a pregare sulla tomba di Pio V. Pare poco?

      Elimina
    2. Essi non tengono in debito conto l'ottavo pizzino consegnato dalla Maddalena Penitente alla piccola veggente Mariolina di Budrio nell'apparizione del giovedì grasso 1743.

      Elimina
    3. ...che, dovresti sapere, riporta incredibilmente gli stessi contenuti del messaggio n.12189 di meggiugore.

      Elimina
    4. Non c'è peggior cieco di chi non vuole vedere.
      Ha rifiutato le scarpe rosse che simboleggiano il sangue di Cristo.
      Io non sto con un anti-papa.
      Io sto con Papa Benedetto XVI e con Gesù Cristo Risorto!

      Elimina
    5. Ma il n.12189 di quale dei quindici volumi?

      Elimina
    6. Ah, ecco, ecco.

      Elimina
  44. Mi vien tanto da piangere: povero Marini, povero Ratzinger... che la preghiera l'abbia fatta verso di lui il nuovo vescovo, perché sapeva che gli avrebbe fatto troppi torti? Mah, che dire, speriamo speriamo vivamente che non venga buttato via nulla... o la fede di molti vacillerà ben presto! Viva la Santa Romana Chiesa cattolica

    RispondiElimina
  45. Io penso che sono proprio le persone che scrivono commenti così schifosi contro il nostro nuovo e già amato Santo padre Francesco la causa delle tante difficoltà che ci sono state nella liberalizzazione della messa tridentina.
    Questi non sono cristiani,non hanno nel cuore il vero amore a Gesù.al massimo amano i riti,ma non hanno nel cuore la vera devozione che dà senso e ragione a quei riti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W Papa Benedetto XVI!

      Elimina
    2. W Papa Benedetto XVI!

      QUESTO A PRESCINDERE!

      Elimina
    3. E infatti sono i modernisti travestiti da tradizionalisti, ossia i tradimodernisti, che si son dati subito un bel da fare per distruggere la credibilità della Tradizione.

      Ve ne sono molti in giro e si possono distinguere molto bene.

      Ora sparlare così, DEL nuovo papa, senza prima avere dei dati oggettivi, significa seminar zizzania, e per dirla tutta, i veri tradizionalisti, hanno detto che abbiamo i papi che ci meritiamo, altrochè!! comunque vedremo come si comporterà con la Tradizione e con la FSPX e non mi pare che abbiano offeso nessuno come invece, vorrebbero far credere i tradiprotestanti, che a mio avviso non sono nemmeno cattolici, ma appertenenti alle varie sette protestanti di cui la Chiesa ecumenica uscita dal cv2, si è nutrita ingrassata.

      Saprò se è un vero Papa cattolico da come si muoverà in tema di ecumenismo, l'eresia delle eresie, se rifarà gli stessi atti di Ratzinger ad Assisi allora è chiaro che nulla di buono potrà avvenire.

      Per quanto riguarda il discorso che in molti fanno sulla mancata accentuazione alla Resurrezione di Cristo sul discorso di papa Francesco, vorrei dire una cosa, ma vi siete mai chiesti o avete mai meditato, il fatto GRAVISSIMO della formula che si recita subito dopo la Consacrazione alla orribile messa protestante imposta dal Paolo 6?

      LEGGIAMOLA INSIEME:

      " ANNUNCIAMO LA TUA MORTE SIGNORE, PROCLAMIAMO LA TUA RESURREZIONE ......NELL'ATTESA DELLA TUA VENUTA! "

      CAPITO?

      Nell'attesa della tua Venuta....

      Ora per noi cattolici, Gesù è GIA' VENUTO, sono i neogiudei che ASPETTANO ANCORA IL loro messia.


      DOMANDA:

      ' come mai in quella SCHIFOSISSIMA FORMULETTA NEOGIUDAICA, fatta recitare subito dopo la Consacrazione, invece di dire nell'attesa della tua venuta, NON SI dice, NELL'ATTESA DEL TUO RITORNO? '

      Che ci voleva? Che cosa cambiava? Foneticamente suona anche molto meglio e DA' L'ESATTA IDEA DELLA NOSTRA FEDE!!!

      Da notare che la Fede Cattolica PROFESSA ED ATTENTE IL SUO RITORNO che è MOLTO DIVERSO DAL DIRE NELL'ATTESA DELLA TUA VENUTA!!!

      Di fatto nella messa montiniana CIOE' QUELLA CHE SI CELEBRA IN TUTTE LE PARROCCHIE DEL MONDO con questa formula, PRIMA SI CONSACRA E SUBITO DOPO SI NEGA CRISTO.....

      COME?

      OVVIO ...SE ATTENDIAMO ANCORA LA SUA VENUTA....

      prima si consacra e poi si sconsacra, perchè si attende un qualcosa che deve ancora venire....il dio dei neogiudei?


      ...e ti credo che molte persone hanno perso la Fede e non credono nella REALE PRESENZA DI GESU' CRISTO....

      ORA PIU' CHE MAI COMPRENDO LA SANTITA' DI MONS. LEFEBVRE, CHE DI FATTO AVEVA MESSO IN GUARDIA DAI PERICOLI DERIVANTI DA QUESTA messa MONTINIANA....

      ...MA E' STATO SCOMUNICATO DAL GPII...un'altro che di ecumenismo se ne intendeva parecchio.....

      Ma guarda un po'.... che bravi questi papi postconciliari....che arguti ....non si sono mai accorti di nulla...

      CONCLUSIONE:

      io quella formula dissacratoria neogiudaica NON LA RECITERO' MAI PIU' e anzi quando la invocano CHIEDERO' CHE DIO ABBIA PIETA' DI NOI!!!


      Elimina
    4. Queste sì che sono riflessioni profonde. Perle, anzi gemme, di vera saggezza.

      Elimina
    5. esimio, dolce, profumatissimo, ineludibilmente "il Nuovo" buahh!!...solo il nick che incarna, è tutto un programma.....

      Lo dice con tono ironico, oppure pensa di averne capito la sostanza?

      Se lo dice con tono ironico, significa che l'ha colta un gravissimo virus di somma IGNORANZA.

      Se, al contrario ne ha capita la sostanza, bene significa che per lei vi è ancora una SPERANZA.

      Elimina
    6. Via, non sia così cattiva. Altimenti mi si blocca tutto e poi non riesco più ad andare di corpo. Glielo dico con BALDANZA per amore di PIETANZA.

      Elimina
    7. Faccia poco lo spiritoso lei. E anche lei, veda ti stare calmina, eh. Altrimenti sciolgo la catena al mio neokat e son dolori.

      Elimina
    8. Sento il profumo soave della fragranza EAU DE' BOVASS0N,( cfr. distillato di BOVAZZA ) che inconsapevolmente emana il signor il Nuovo (cfr. modernista novatores )et similia, ecco chiedo cortesemente, di leggere bene le istruzioni della boccettina, prima di andare in giro, le quali raccomandano di usarne poche gocce alla volta.

      Scusi l'ironia (a volte mi scappa assai....), ma in sostanza, lei che cosa ha da dire su quanto ho scritto sopra?

      Ah! scusi..ha appena confermato di essere un neokat...QUVINDI (cfr. dizionario lingua italiana alla voce quindi), la preghierina neogiudaica imposta a tutti gli ignari cattolici nella messa nuova di montini, che ha sostituito la VERA MESSA CATTOLICA CIOE' LA TRIDENTINA ...è pan pei so' denti...capisco....capisco....

      Elimina
    9. A me certe polemiche sembrano pretestuose però. VENUTA? Perché, nel credo (anche in latino) non è sempre quello il verbo utilizzato?

      "Et ìterum ventùrus est cum glòria iudicàre vivos et mòrtuos"

      Elimina
    10. E caro il mio amico il Nuovo (cfr.modernista novatores) e quà la volevo:

      Et ìterum ventùrus est cum glòria iudicàre vivos et mòrtuos"

      TRADUZIONE:

      E DI NUOVO VERRA' nella gloria per giudicare i vivi e i morti "



      BELLA DIFFERENZA tra " TUA VENUTA " e di " NUOVO VERRA'"


      TUA VENUTA equivale A DUE significati che possono dire sia l'uno che l'altro ma più consono all'aspettare che debba ancora venire.

      DI NUOVO VERRA', lo dice la parola stessa SENZA DOPPI FINI che dovrà TORNARE NUOVAMENTE, quindi il SUO RITORNO, con ciò la VERA PROFESSIONE DI FEDE CATTOLICA.

      MENTRE, nel primo caso nella formula montiniana, si professa la religione neogiudaica, che aspettano il loro dio messia, CHE NON E' CERTO GESU' CRISTO!!!







      Elimina
  46. Mi permetto di dire solo due cose:
    1) Bergoglio potrebbe effettivamente essere un Papa disastroso, però cerchiamo di "muoverci" con più serenità. Restiamo vigili ma evitiamo di incendiarci subito. Sforziamoci di valutare tutte e cose e di serbarle nel nostro cuore e nella nostra coscienza, tanto lo sappiamo bene ciò che dovrà accadere e non possiamo fare molto per evitarlo. Potrebbe non essere neanche lui ma quello dopo.
    Vi chiedo, se tra un paio d'anni, per ragioni di salute, il vescovo di Roma dovesse passare a miglior vita o, meglio, dimettersi ancor prima per motivi di salute, al successivo conclave che facciamo ci intossichiamo di valium?
    Questo è un blog importante, vorrei incoraggiare Enrico nel suo impegno che nel futuro sarà sempre più prezioso ed importante. Teniamo a mente tutto, discutiamo in modo razionale, ma evitiamo gli eccessi emotivi. Se dovessero mostrare alcuni dei nostri interventi al vescovo di Roma, difficilmente potremmo sperare in ulteriori sue aperture nei nostri confronti.
    Sforziamoci almeno di non dargli il pretesto per ostacolare il nostro cammino di fede nel solco della tradizione.
    2) NON DATE SPAGO AL SOLITO TROLL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Diamo un po' di tempo al nuovo Vescovo di Roma e vediamo che fa, senza saltargli addosso pretestuosamente per il fatto che ha pronunciato parole perfettamente cattoliche (non ha detto che Cristo non è risorto, ma che bisogna passare dalla Croce). E' vero, Bergoglio potrebbe rivelarsi un disastro, se non il disastro, ma non è detto. Cerchiamo di stare un po' sereni. Poi si vedrà.

      Elimina
  47. A propósito da profecia de São Malaquias, há um livro notável, hoje quase totalmente desconhecido, publicado em 1951 pelo padre jesuíta René Thibaut, professor na Faculdade de Filosofia e Letras de Namur (Bélgica) , "La Mystérieuse Prophétie des Papes" (Namur-Paris, 1951).

    Na página 7 escreve o seguinte:

    "La conclusion […] vise-t-elle, comme tout le monde l'a cru jusqu'ici, Ie Jugement dernier, ou bien, comme nous le pensons, un de ces jugements de Dieu qui jalonnent l'histoire, tels que la ruine de Jérusalem en 70, la chute de I'Empire romain au Ve siècle, la fin de Ia Chrétienté médiévale au XVe? Nous affirmons dès maintenant qu'il s'agit, non pas de la fin du monde, mais seulement de la ruine de la Ville aux sept collines, symbole de Ia civilisation paienne issue de Ia Renaissance. Nous fondons notre opinion sur un ensemble impressionnant de calculs exacts qui, tous, donnent l'année 2012 pour la date de la ruine en question. Il est evident que cette date ne saurait être Ie "Jour inconnu" et que la ruine, par conséquent, n'est pas davantage la fin du monde. L'auteur de la Prophétie des papes n'est point saint Malachie, mais il a fait honneur de son œuvre au grand saint irlandais… "

    Pdf aqui: http://pt.scribd.com/doc/36516232/La-Mysterieuse-Prophetie-des-Papes

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Há um livro muy mas notável, pelo padre Alonso de Pedrosa ("El desarrollo de los cuernos", Cartagena 1887), em que profetizó: "Et el hombre negro comía todo el turrón".

      Elimina
    2. Y tambien la bendita Chanel do Carmelo dijo:dormes hoy que mañana es demasiado tarde.

      Elimina
  48. Parece-me óbvio que a aludida "ruina" não há-de ser obrigatoriamente material (embora o possa também ser) mas sobretudo espiritual, como a que testemunhamos presentemente.
    Seja como for, a data (aproximativa) de 2012 é impressionante, se tivermos em conta que foi prevista em 1951…
    Enfim, há jesuítas e jesuítas…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La obra de Alondo de Pedrosa es netamente aforística. Todo este libre no debe leerse en un sentido literal. "Ruina" no significa "ruina".

      Elimina
    2. Como tanbien hay tradicionalista y tradicionalista.

      Elimina
    3. La date de 2012 ne me paraît pas du tout approximative si l'on sait qu'autrefois l'année commençait le 25 mars. Selon ce comput (année de l'Incarnation), nous sommes encore en 2012.

      Elimina
    4. Pas du tout. Mais selon saint Alphonse Reverdy de Crèpes, l'année serait plutôt le 2016 (v. "La descente des gnomes sacrés", Paris, Gallimard, 1921 p.178).

      Elimina
  49. Riprendo qui ciò che ho scritto su Chiesa e post concilio a proposito della rinuncia agli "orpelli", che sarà forse anche una scelta legittima (ne ho qualche dubbio), ma viene letta in chiave fuorviante.

    Infatti credo che il rifiuto dei "pizzi e merletti", ma direi meglio delle insegne papali, non sia da vedere come un segno di umiltà, ma di orgoglio - come è stato già fatto notare altrove, ad esempio da Cesare Baronio su opportune importune.

    Tempo fa mi capitò la ventura di andare a un ricevimento del capo dello Stato in cui vivo. In realtà di lui non sapevo niente, ma ci tenni ad andare a salutarlo e gli dissi che in lui salutavo lo Stato. Non mi interessava prestare omaggio a lui in persona, che poteva pure essere un farabutto, ma a ciò che rappresentava.

    Ora, sembra proprio che Papa Bergoglio non abbia il senso di ciò che rappresenta e non riesca a distinguerlo dalla sua persona. La croce di ferro in un primo tempo mi era sembrata la cosa meno importante, ma forse è la più eloquente. Mi metto la mia croce pettorale di sempre, sembra dire, che è una croce in metallo povero e vile, perché a mettersela non è il Papa, il vicario di Cristo, ma sono Io e nient'altro.

    Ecco l'orgoglio, mascherato da umiltà: io vengo prima della funzione che rivesto. Ed ecco che cosa vuol dire, a mio giudizio, eliminare "pizzi e merletti", che allo stesso modo valgono non di per sé, ma per ciò che rappresentano - non sono vanità ed ossequio alla persona, che magari è un farabutto, ma reverenza per la funzione.

    Del resto Bergoglio ha già fatto capire in molti modi che non si sente né Papa né vicario di Cristo. Mi sembra di vedere "don Tonino" Bello, solo molto più in grande.

    Aspettiamo e vediamo, ma per ora mi sembra troppo coerente su questa linea perché ci si possa aspettare un cambiamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro che il Papa continui su questa linea, le tue elucubrazioni sono solo prevenzione.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. Anche Lutero soffriva d'emorroidi dolentisssime.

      Elimina
  50. Chiedo scusa non mi funziona l'opzione "rispondi"

    "Anonimo15 marzo 2013 12:56
    Cosa possiamo fare?
    Come possiamo organizzarci?"

    Intanto dovremmo veramente porre fine alle divisioni tra noi. E questo è possibile con gente seria che senza tanti giri di parole ma con molta concretezza, senza sparate né fughe in avanti, con discrezione ed efficacia incominciasse a cucire una trama di legami coinvolgendo le maggiori realtà ecclesiali laiche e di chierici legate alla S.Messa. Da queste realtà che forse non possono vantare numeri oceanici, ma possono contare su un inossidabile base, dovrebbe poi emergere una figura che riassumesse tutti e in cui tutti si possano riconoscere. Uniti e inattaccabili saremmo così in grado di resistere in primo luogo e poi sbaragliare il vuoto della "chiesa" conciliare.
    Prego il Signore che ci dia la consapevole disciplina e che ci renda degni di tale forza. LMò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dice anche il melodioso canto "evitiamo di dividerci tra nooooiiiiii, via le loootte maligne via le liiiiitiiiii".

      Elimina
    2. quoto: mi sembra fondamentale, ma prima occorre rimuovere insulti, incomprensioni, superbia.

      Dobbiamo vedere il nostro fattore legante: l'amore assoluto, incondizionato e totale a:

      Nostro Signore Gesù Cristo
      La Santa Messa di Sempre
      La Santa Chiesa Cattolica così come ci è stata tramandata per 2000 anni.

      Disciplina ed amore, ecco le nostre armi. E l'assistenza del Cielo, che non può mancare.

      Elimina
  51. Importantissimo:

    http://wordpress.catholicapedia.net/

    RispondiElimina
  52. Nel discorso ai cardinali nella Sala Clementina, il Papa ha detto oggi di non lasciarci prendere dal pessimismo, che il DIAVOLO SPARGE CONTINUAMENTE tra noi.
    Un Papa che in due giorni ha già citato il diavolo due volte: allora, non è un segno moderatamente positivo per l'ortodossia, specie in questi tempi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luther aussi parlait continuellement du diable. Il en était obsédé, et probablement possédé.

      Elimina
    2. Oui, bien sûr. Et avec Luther, saint Louis de Narbonne, lui même obsédé par le diable. Lisez, si'il vous plaît, son "De natura geminis cornubus", particulièrment le livre II, chap. 32. Ah, Rome a perdu la foi (mais Chevanceaux l'a gardée).

      Elimina
    3. C' que t'es drôle, mon pauv' gars! C' que t'es drôle!

      Elimina
    4. C'est l'alcool qui monte dans ta tête, mon pauv' gars!

      Elimina
    5. Infatti...papa francesco è grande amico personale e di lunga data del cardinal Mahony, il pedofilo che non doveva neppure partecipare al conclave ma ci è andato ugualmente per votare bergoglio.
      Un papa amico di pedofili...chi è il diavolo?

      Elimina
  53. mi permetto di osservare che il problema fondamentale è riconducibile a un sostantivo: democrazia e a una espressione: politicamente corretto;
    democrazia: termine logorato dall'uso indiscriminato che se è fatto negli ultimi decenni, talmente logorato da aver completamente dissipato il luminoso lascito dei grandi ateniesi - la virtù principe che contraddistingue la democrazia è la coerenza; in poche parole, la liturgia in latino va preservata - in senso non museale - non perché sia legata alla tradizione, alla conservazione o alla vaghezza nostalgica di qualche bello spirito, ma solo perché, a mio avviso, è ^coerente con la fede e con il silenzio imposto dalla fede^
    politicamente corretto: tutto ciò che passa attraverso l'indrottinamento della TV e, negli ultimi anni, della Rete; per farla breve, sono politicamente corretti sia il papa che va in autobus sia la folla osannante che ha applaudito, e che applaudirà con sempre maggiore entusiasmo nel prossimo futuro, il papa che va in autobus. tra non molto, sarà celebrata anche la messa via web, e le preghiere dei fedeli saranno twittate in tempo reale.
    ...in fin dei conti è la tecnologia che, prendendoci a calci, detta modi e tempi, validando il modello del ^grande fratello liturgico^

    RispondiElimina
  54. ora via , e mi dispiace molto, mons guido marini......e pavone palombella .....piazzolla arriverà.....ma si aria nuova tango all'offertorio e maradona palleggiatore per intrattenere i fedeli....dicono che il fisco italiano condonerà la multa ora a diego la manos de dios.....che bel circoooooooo

    RispondiElimina
  55. http://www.grandeoriente.it/comunicati/2013/03/il-gran-maestro-raffi-con-papa-francesco-nulla-sara-piu-come-prima.aspx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elucidativo…
      Aliás, já foi Joseph Ratzinger a nomear, há poucos meses, um prestigiado maçon colombiano na pontifícia academia das ciências.
      Portanto, estamos já no melhor dos mundos…

      Elimina
  56. Cari amici non illudiamoci su bergoglio ..per noi della tradizione è la disfatta più totale.

    Ratzinger ci ha abbandonato. Ma che papa era un papa che non riesce a controlare nemmeno i cardinali da lui nominati?
    All'ottimo Scola han preferito uno della Pampa con trascorsi non certo limpidi e che dire della preotezione accordata dalla chiesa argentina a Maciel?
    Bertone Sodano Re Sandri Stanislao Rhodé ecco i sei dell'apocalisse o meglio della Gran loggia che hanno eletto il loro confratello papa.
    O Roma infelix!

    RispondiElimina
  57. Una cosa non riesco ancora a mandar giù, sebbene siano passati due giorni: perché Papa Francesco si è affacciato dalla Loggia centrale di San Pietro senza mozzetta, rocchetto, croce pettorale e scarpe rosse? Avrebbe preferito presentarsi in clergyman?
    Temo proprio che Mons. Marini sarà rispedito a Genova entro un paio di mesi.
    Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche prima. e se non viene rispedito chiede lui di tornarci, se è vero che è stato apostrofato da Bergoglio

      Elimina
    2. Forse il povero Guido Marini non vede l'ora di andarsene.

      Elimina
    3. solo tra un paio di mesi ???
      meglio oggi stesso con una pappa-mobile !!!
      Ah AH AHAAH

      Elimina
  58. E' solo un superbo. Sarebbe stato umile se avesse sacrificato il suo gusto personale in favore del ruolo che dovrebbe svolgere quale supposto Papa. L'ho pensato subito. Inoltre, i suoi discorsi, le sue parole, non sono altro che un insieme di stucchevoli banalità da pretino terzomondista. Piace pure a don Gallo e con questo ho detto tutto.

    RispondiElimina
  59. Il marciume dentro la curia romna è pggio delle stalle di augia...

    RispondiElimina
  60. Papa Francesco si presenta come vescovo di Roma che presiede "tutte le chiese" nella carità: chiaro richiamo a S. Ignazio d'Antiochia e al primato petrino;
    Manda in immediato disuso il pessimo termine "Papa emerito";
    Parla di evangelizzare Roma (forse viaggiando meno?) senza mettere l'aggettivo "nuova" davanti a "evangelizzazione";
    Parla di confessare - noi tutti - il Cristo, e non senza la Croce ...
    ... e di edificare la Chiesa;
    menziona la necessità di pregare ...
    ... e il diavolo due volte in due giorni.

    E parlare martiniano, questo? Fumosità ravasiana, forse?? Parlare da gesuita medio???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo Moscatelli... hai detto una delle poche cose serie e ragionate che si leggono qui dentro.. il resto mi sembrano derive isteriche di perpetue insoddisfatte..

      Elimina
    2. Giustissime osservazioni..... alle quali aggiungerei che il pregiudizio, la maldicenza, l'accusa indimostrata, l'essere prevenuti su ogni mossa, parola o gesta che il nostro povero Papa fresco di elezione (anche per inesperienza) può commettere, sono tutti comportamenti non CRISTIANI, non Cattolici, condannati ripetutamente da Nostro Signore che ci chiama altresì alla Carità fraterna, alla compassione e comprensione reciproca: ma andate a confessarvi e fate penitenza che siamo in Quaresima e pensate al male che avete nel cuore e che vi sta accecando e uccidendo l'anima.
      framp

      Elimina
    3. Ma se il papa francesco ha come grande amico di lunga data il pedofilo cardinal Mahony che lo acclama su tutti i media!
      Abbiamo un papa amico di pedofili!

      Elimina
  61. Non vi preoccupate, non è forse scritto non praebalebunt ? E allora pensate alla salute hi hi hi

    RispondiElimina
  62. Papa Bergoglio?

    Dopo il demolitore Paolo VI, anche Jack lo Squartatore potrebbe essere un buon Papa. Nonostante una boccata d'aria con Ratzinger, si può dire che la cattolicità romana è finita, ora si può solo raschiare il fondo.

    RispondiElimina
  63. Fatima " Un Vescovo vestito di Bianco " abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre .

    RispondiElimina
  64. Scusate ma la profezia de La Salette s'é ora avverata o dobbiamo aspettare ancora?

    RispondiElimina
  65. Sembra che, per voi di questo ottimo sito, in Vaticano la persona più importante dopo il Papa sia il suo cerimoniere... fate proprio pena e nulla più! Dovreste essere meno ignoranti e studiare di più.. tutto qua!

    RispondiElimina
  66. Il mio Papa resta Benedetto XVI.

    RispondiElimina
  67. CAro Anonimo 15,37 dici bene in effetti so che bergoglio è un bravo chimico...i cardinali che l'hanno eletto son poi dei cervelloni...guardate Bertone e Sodano, i gemelli di Ollio e Stanlio...

    RispondiElimina
  68. aspettiamo una predica così anche a san pietro...
    ... per i pupazzoni ci sarete sicuramente voi !!!

    RispondiElimina
  69. Leggo che i "don" Gallo, i "don" Farinella e i "don" Bizzotto esultano... Se la loro soddisfazione è motivata (vedremo...) mi sa che siamo cascati proprio male...

    RispondiElimina
  70. Ma siamo sicuri che sia verus papa e se le dimissioni di benedetto fossero state estorte o fosse stato raggirato da quelle belle anime marpioni della Curia? E' forse per quello che non ha adottato la dicitura Francesco I°.

    Se è illegittimo e un usurpatore e invasore della Sede Apostolica!
    Ho un pensiero: riunirci nel palazzo Apostolico di Avignone e provvedere all'elezione di un verus papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo va ad Avignone e porta con te tutti questi tuopi amici esaltati. Eleggetevi il vostro papa e fuori dalle scatole!
      framp

      Elimina
    2. l'anti-papa francesco I è un impostore!

      Vogliamo il nostro papa, Benedetto XVI!

      Elimina
    3. Non farò come Badoglio, non cambio bandiera: il mio Papa è Benedetto XVI.

      Elimina
    4. Cucù
      benedetto non c'è più !!!

      Elimina
  71. papa checco è persino amicone da molto tempo con il pedofilo cardinale Mahony che non lesina entusiasmi su ogni giornale americano o europeo nei confronti dell'amico papa francesco!

    Abbiamo un papa amico di pedofili! Questa sì che è vera fratellanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi dire...Don Gallo entusiasta di papa francesco, cardinale mahony entusiasta di papa francesco, Hans Kung entusiasta di papa francesco...che bel quadretto!

      Benedetto XVI, perchè ci hai abbandonato?

      Elimina
  72. Cucù
    benedetto non c'è più !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello! abbiamo papa francesco amico dei pedofili come il cardinale mahony!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.