lunedì 18 marzo 2013

Ecco lo stemma del nuovo Vescovo-di-Roma




Ovviamente, considerato il modo di porsi del neoeletto, nessuno poteva farsi illusioni in merito ad un ritorno della tiara pontificia nello stemma (già accantonata, con scelta invero mai interamente spiegata, da Benedetto XVI). E' già tanto, vien da dire, che siano presenti le due chiavi decussate. V'era perfino chi preconizzava che Francesco avrebbe fatto a meno di ogni insegna pontificale, stemma compreso.

Il disegno ricalca quello già cardinalizio di Bergoglio: in alto, l'emblema della compagnia di Gesù, con i chiodi della Passione e il trigramma del nome di Gesù. Al di sotto, la stella che rappresenta Maria ed un grappolo di fiori di Nardo che, nei paesi ispanici, si accompagna all'iconografia di San Giuseppe.

Particolare - e molto bello - il motto, tratto da un commento del Venerabile Beda (scrittore ecclesiastico inglese dell'Alto Medioevo) sul brano evangelico della chiamata di Matteo, del quale Gesù "ebbe compassione scegliendolo".

L'anello piscatorio è in corso di realizzazione e non sarà d'oro ma in argento dorato. Probabilmente le casse vaticane sono esauste per il costo di dover far realizzare per la Messa di inaugurazione un numero smisurato di nuove casule. Non che i paramenti mancassero nelle sacrestie, ma forse sembravano troppo ricchi e solenni (benché a costo zero).

Per contro, in riferimento alla Messa di domani, contiamo di darvi a breve una buona notiziola un po' controcorrente con quanto precede.

Enrico

144 commenti:

  1. uguale a quello da cardinale, col pentalfa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 'pentalfa' sarebbe poi la stella, simbolo tradizionale di Maria. Che infatti nello stemma si accompagna al fiore di nardo, simbolo di san Giuseppe nell'iconografia ispanica (ma agli occhi malati dei soliti noti sarà, ovviamente, un grappolo d'uva, simbolo della mensa protestante). La presenza del sole, simbolo tradizionale di Cristo, fa di questo stemma una rappresentazione simbolica della Sacra Famiglia.

      Il motto è tratto da un'omelia del Venerabile Beda, cosa di cui i tradizionalisti seri si rallegreranno (per quelli non seri san Beda val poco o nulla, essendo l'unico santo medievale di quale valore Tommaso d'Aquino, ovviamente riletto in chiave Ottocentesca).

      L'assenza della Tiara è spiacevole, anche se non è imputabile in prima battuta ai gusti di Papa Francesco, dal momento che l'uso della mitria è stato introdotto da Papa Benedetto XVI.

      Elimina
  2. L'argento dorato è l'emblema dell'effimero, dell'inganno. Sembra oro, ma non lo è. Sembra incorruttibile, ma non lo è. Sembra qualcosa, ma è qualcos'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Nella simboligia le chiavi sono una prerogativa esclusiva di Pietro, più ancora delle reti. Non vedo di che scandalizzarsi: più Pietro di così!

      Elimina
    3. L'anello, secondo Padre Lombardi, non raffigurerà nemmeno San Pietro con le reti, ma San Pietro con le chiavi. Mah...

      Elimina
    4. Vedo che il commento di Silver è stato intelligentemente obliterato. La presenza delle chiavi nell'anello (e, naturalmente, nello stemma) pontificio dev'essere motivo di conforto.

      Elimina
    5. Vedo che Silver lo ha ripostato. Ribadisco: le chiavi sono emblema massimamente petrino.

      Elimina
    6. Il mio commento riportava un errore, per questo l'ho ripostato. Allora non si chiamerà più "Anello del Pescatore", ma "Anello delle Chiavi"?

      Elimina
    7. Può darsi, Silver. Ma non credo che ciò possa costituire motivo di scandalo. Lo sarebbe se anziché le chiavi l'anello raffigurasse, poniamo, un compasso e una squadra, non pensi?

      Elimina
    8. Pare che prima del XIV secolo l'anulus piscatorius raffigurasse in realtà i simboli degli evangelisti. La prima menzione è dell'anello è in una lettera di Clemente IV (7 marzo 1265). All'epoca era, normalmente, di bronzo dorato.

      Elimina
  3. É sinal de que ele não pretende corrigir-se!
    Vai ser um bispo de Roma influenciado por sua amizade com o escandaloso bispo de Avellaneda, mons. Podestá, que vivia amigado com uma divorciada e promovia a revolução dentro da Igreja com apoio do cardeal Benelli.

    RispondiElimina
  4. E' stupendo quel motto: 'ebbe compassione scegliendolo'. E' l'immagine di Gesù misericordioso che si china sulle nostre miserie ed è conferma che Gesù non sceglie i migliori per i suoi disegni, ma i più piccoli..Grazie Gesù per avercelo donato e perdonaci per non averlo accettato prontamente! In fondo la tua Parola dice: 'i miei pensieri non sono i vostri pensieri'...Elizabeth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è veramente impressionante leggere con quale occhio malevolo ogni atto di Papa Francesco venga inquadrato dall'ideologia psicotradizionalista.

      Elimina
  5. 'miserando atque eligendo'. Bello e Vero!
    Saluti

    RispondiElimina
  6. che strano!

    http://vaticaninsider.lastampa.it/documenti/dettaglio-articolo/articolo/francesco-francis-francisco-23317/

    Anzitutto papa Benedetto non ha celebrato mai secondo gusti personali!!! Ma il novus ordo come andrebbe celebrato, come volevano i padri del concilio disattesi e disatteso.
    Poi....ma il sig. Bianchi ha dimenticato quante ne han dette lor signori contro papa Bendetto? E se tacquerò fu solo per mera codardia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bianchi è un pigmeo. Lasciamolo nella sua tribù. Sed contra: "ma Papa Bergoglio è suo amico". Respondeo: vorrà dire che Papa Bergoglio è amico, tra gli altri, anche dei pigmei.

      Elimina
    2. Più che un pigmeo a me ricorda uno gnomo.

      Elimina
  7. Il pallio, innovazione dovuta al precedente pontificato, è stato eliminato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, sotto questo aspetto, un ritorno alla tradizione.

      Elimina
    2. nel libretto è presente

      Elimina
    3. ...si parla dello stemma, non della messa...

      Elimina
    4. Il pallio è una variante piuttosto libera. Anche negli stemmi cardinalizi è così. Può esserci o non esserci. In né non indica né adesione né rifiuto della tradizione. Rinunciare allo stemma, questo sì sarebbe uno stupido rifiuto di mille anni di tradizione. L'araldica è cosa per sciuri? Può darsi (certo non per plebei), ma in seno alla chiesa ha un suo nobilissimo lignaggio. Onorato, e brillantemente, anche da Papa Francesco I.

      Elimina
    5. Beh mica tanto, l'araldica è una sorta di grafica ante litteram per una societa sostanzialmente analfabeta e gli stemmi nell'europa d'antico regime li usavano anche mercanti, artigiani, borghesi e, udite udite, anche contadini. La vuglata "l'araldica roba da sciuri e non per plebei" è quanto mai più lontana dai reali dati storici.
      Ciao.

      Elimina
  8. Bello stemma, davvero... ma mi dispiace tantissimo per la tiara... secondo me non ritornerà mai più... poi il pallio davvero non sembrava una scelta felice, anche se (con l'accostamento dela tiara) poteva avere un certo significato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me spiace per la Tiara. Ma mai dire mai.

      Elimina
  9. Sulla questione della povertà vi assicuro che provo una certa soddisfazione nel pensare ai 90 cardinali che lo hanno votato e che ora si dovranno adeguare alla nuova austeity...ahaha che soddisfazione. Ogni cristiano avrà il diritto di pretendere che i principi della chiesa seguano l'esempio di Francesco...Ci sarà da divertirsi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono tenuti lontani dall'esempio di Cristo per secoli, è ora che si adeguino. Per fortuna sembra che questo auspicato cambiamento arrivi dal Papa, quindi ci ha messo lo zampiono lo Spirito. Molto bene.

      STD

      Elimina
    2. Anonimi delle 15.54 e 16.20

      I vostri messaggini, sono tipici del linguaggio luterano protestante, la classica demenzialità proferita contro la BELLEZZA DELLA CHIESA, che è anche ricchezza d'Arte. La Chiesa non ha mai lasciato soli i poveri.
      Lutero ribadiva sempre questi concetti, per invidia faziosità e demenzialità...allocchi della stessa risma ancora vivi e vegeti, continuano a rimarcare questa fesseria storica.

      Caso strano, non mi sembra che lutero e compagnia cantante siano stati nè poveri nè carne ed ossa....come i regimi comunisti del resto...il popolo affamato, ma loro ricchi anzi ricchissimi....infatti oggi assistiamo che la chiesa conciliare protestantizzata, abbia gettato la maschera, è divenuta da buona protestante, avida di denaro e potere, quello che invece NON è mai successo prima della sua protestantizzazione, tranne rari casi denunciati dalla Chiesa Cattolica.

      A proposito di povertà e terzo mondo:


      GLI AIUTI ECONOMICI ALL'AFRICA SONO STATI INUTILI

      I soldi donati dall'Occidente hanno devastato il Terzo mondo, perché hanno solo alimentato la corruzione, i conflitti interni e il potere dei regimi armati

      di Anna Bono

      http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2675

      Teo

      Elimina
  10. Bellissimo stemma, bellissimo motto. Per la tiara, bisogna "prendersela" con il Card. Montezemolo (e ahinoi, con l'eccessiva timidezza di Papa Benedetto XVI che non si oppose).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che centra il Card. Montezemolo com la tiara?

      Elimina
    2. Disegnò lui lo stemma per Benedetto XVI.

      Elimina
    3. E' un esperto di araldica (come facilmente si può immaginare) e fu per questo invitato a disegnare lo stemma, seguendo fedelmente le indicazioni di Papa Benedetto.

      Elimina
    4. Mica tanto... mica tanto... la questione era nell'aria da tempo; vari stemmi tardi di Giovanni Paolo II realizzati qua e la vennero espunti della tiara e a sua insaputa. Pare non la prendesse bene. A suo tempo si volle insistere sull'aspetto temporale della tiara sorvolando sull'ampia simbologia spirituale che la connaturava se vi fosse stato Monsignor Heim araldista dei quattro pontefici precedenti difficilmente sarebbe successo. va da se che la mitria a tre fasce ha riproposto le stesse cose, tre corone/tre fasce, ma in modo più brutto...

      Elimina
  11. Questo stemma è' davvero bello .Auguri papa Francesco pregheremo per te e son certo ti ameremo come abbiamo amato Benedetto XVI.
    Con l'austerity Sodano perderà il pancino. E il Badoglio di Romano Canavese che farà...si ritirerà al Delle Alpi.Li potrà assistere a tutte le partite che vuole. So che è un fine intenditor di calcio.

    RispondiElimina
  12. Cari Amici,noi crediamo nel Papato di sempre e nei suoi simboli che non potranno mai essere cancellati,perche'hanno sfidato i secoli.Girando per la mia Roma,dappertutto,triregni e chiavi decussate mi guardano.Ed io guardo loro e mi rassicuro...perche' questo che vivo e' solo un piccolo intervallo,difficile,della storia della Chiesa che esistera' fino alla fine dei tempi.

    RispondiElimina
  13. Per anonimo delle 15.46
    Il Pallio NON è stato affatto eliminato e sarà identico a quello utilizzato per la Messa di inizio pontificato di Papa Benedetto. E' stato puntualmente riferito stamattina da Padre Lombardi. Evitiamo per cortesia di mettere in giro notizie infondate in un momento nel quale ci sono fin troppi motivi di preoccupazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è stato eliminato dallo stemma....

      Elimina
  14. mi aggiungo anch'io: che notiziola???

    RispondiElimina
  15. G.P. II aveva la M di Maria sotto la croce.
    Comunque la stella ha anche altri significati mel simbolismo moderno:
    http://www.santaruina.it/la-stella-a-cinque-punte-nel-simbolismo-moderno#13636196637341&77481::resize_frame|0-0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il sole. Per esempio, è lo stemma di St. Moritz.

      Elimina
    2. Se vogliamo speculare diabolicamente sui simboli, possiamo trovare chiavi di lettura maligne negli stemmi di ogni papa. Stelle, soli, monti, animali simbolici, ecc. Ma il problema sarà nel nostro occhio ammorbato, non nel simbolo. L'intento con cui stella, nardo e sole sono stati inseriti nello stemma di Papa Francesco è dichiarato a chiare lettere nel sito della Santa Sede. Se poi qualche stolto pensa che la Santa Sede sia la sede vacante dell'Anticristo, accodandosi in questo ai luterani d'antan, lo faccia pure, ma è un problema suo, non della Santa Sede.

      Elimina
  16. Ma sarà casuale la presenza della stella a 5 punte:

    a) nello stemma del Card. Cordero Lanza di Monteprezzemolo

    b) in quello del Card. Filoni - il cui nome circola quale ipotetico futuro segretario di Stato

    c) in quello di Mons. Baldisseri (cui Bergoglio la sera dell'elezione ha posto in testa la sua papalina rossa indicando che lo creerà Cardinale al primo concistoro)

    d) in quello di Bergoglio - Vescovo Francesco

    ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il papa ha ripreso in questo modo una consuetudine, porre lo zucchetto sulla testa del segretario del conclave)da diversi conclavi accantonata!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Càndidati come valletto a Voyager. Là queste associazioni da asilo infantile furoreggiano. Potrai inventare che esiste una confraternita segreta, i Fedeli della Stella o Pentalfini, e stupire con effetti speciali un pubblico assortito di gonzi e beoti pronti a librarsi in volo sulle ali dell'allucinazione.

      Elimina
    3. Anche il cardinal O'Malley fa parte di questa confraternita. Ne è anzi il capo, avendo nel suo stemma ben tre stelle a cinque punte!

      Elimina
    4. Dolan ha addirittura due rotoli, il Talmud e la Torah, nonché tre mezze lune, chiara allusione a Sunniti e Sciiti (le due mezzelune d'oro) e al misticismo Sufi (la mezzaluna d'argento).

      Elimina
    5. Ho fatto solo una domanda... Ecchecaspita....

      Comunque sono tutti adepti della setta di Alan... sì di Alan Sorrenti. Pare che in Vaticano in questi giorni tutti cantino: "noi siamo figli delle stelle..."

      Elimina
    6. Anche Scherer (ma lo sapevamo). E, ovviamente, Castrillon Hoyos!

      Mahony no, lui va di bilancia e pagnottelle.

      Elimina
    7. E che dire della stella a sei punte (evidentemente filo-ebraici) sugli stemmi di Pio X e Gregorio XVI!
      O delle 3 stelle a cinque punte sullo stemma di Giovanni Paolo I...

      Elimina
    8. E be', ma non lo sapi che Pio X era di famiglia semita? Fu segretamente adottato da una pia famiglia cattolica, ma il legame con le sue origini è sempre stato forte. Per questo c'è la stella a sei punte nel suo stemma. L'hanno detto a Voyager!

      Elimina
  17. Caro Enrico, ti chiami come il mio padre spirituale. Sono certa che anche tu, come lui, ami Gesù. E' vero, la liturgia è importante ma ancor di più lo è Gesù al centro della nostra vita. Ciò che mi ha convertita non è stata la perfezione della liturgia, ma l'umanità di Gesù...nel mio prossimo!
    Ciò che conta è che il nuovo Papa, come tutti i suoi predecessori, metta sempre Gesù al centro. Grazie per i tuoi posts pieni di passione per la nostra Chiesa!!

    RispondiElimina
  18. Quella su Baldisseri è stata smentita da Lombardi già da qualche giorno.

    RispondiElimina
  19. La famosa profezia."Fin quando resistera'il Colosseo resistera' Roma, quando cadra'il Colosseo cadra' Roma,quando cadra' Roma cadra' il mondo...e' del Venerabile Beda

    RispondiElimina
  20. Le casule per la messa di inizio pontificato sono state sicuramente commissionate dall'Ufficio delle Celebrazioni ben prima dell'elezione di papa Francesco. Come avrebbero potuto realizzarne 200 in una settimana? Penso che il Papa avrebbe preferito di gran lunga utilizzare quelle già presenti (e in abbondanza) nella sacrestia pontificia. Per la messa di inizio pontificato di Benedetto XVI il tanto vituperato Piero Marini fece utilizzare a Papa e concelebranti paramenti già esistenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' possibile anche che l'ufficio per le celebrazioni liturgiche non abbia commissionato nulla, e che le casule siano state un regalo spontaneo, che poteva essere utilizzato come poteva finire in un cassetto.

      Elimina
  21. La Roma eterna è finita da un bel pezzo solo noi non ce ne siamo ancora accorti...

    RispondiElimina
  22. Caro anonimo delle 16:32 se cerchi in Google "Serpone" assieme a "Papa Francesco" vedrai che le cose stanno diversamente.
    Nessuno aveva ordinato le casule prima dell'Elezione. La fanno a macchina, per quello possono realizzarne 200 in una settimana...

    RispondiElimina
  23. Guardate il libretto della Messa "di intronazione": Kyrie VIII, Credo III, roba da Messa parrocchiale. Nulla di polifonico, si direbbe. Anche l'Introito è in gregoriano. Per carità: meglio dei tamburi.

    http://www.vatican.va/news_services/liturgy/libretti/2013/20130319_inizio-ministero-petrino.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', se ci mettiamo anche a sparare sul gregoriano siamo veramente dei tradizionalisti del meo! Ma come?! Il gregoriano, prima e più ancora della polifonia, è la forma musicale della Tradizione! Un plauso alla preferenza accordatagli. E meglio sarebbe senza uso di strumenti in accompagnamento (organo), come si faceva ai tempi di Agostino, di Beda, di Anselmo, di Francesco, di Tommaso...

      Elimina
    2. Magari fosse roba da messa parrocchiale.. Da me è normale che il Credo si reciti anche nelle solennità (motivazione: dopo la gente protesta perché la messa viene troppo lunga..), x il resto la consuetudine è che si cantino canti d'assemblea tipo "Chiesa di Dio popolo ho festa" o simili, anche nelle solennità..

      Elimina
    3. Sono d'accordo! Ci stava la Missa Papae Marcelli di Palestrina...

      Elimina
    4. È vero anche che x la messa di incoronazione vista j'eccezionalità dell'evento il coro della sistina era solito eseguire qualcosa tipo la Missa papae Marcelli di Palestrina..

      Elimina
    5. Ma i tradizionalisti lamentosi e perennemente scontenti si trovano tutti qui? Io ne conosco veramente tanti di tradizionalisti, ma fra loro quelli che si lamentano sempre e trovano sempre da ridire su tutto sono due o tre. Fossero state tirate fuori le chitarre, ci sarebbero state tutte le ragioni per protestare. Ma per una tradizionalissima Missa de angelis... Banalotta, va be', certamente non il miglior gregoriano disponibile, epperò, vivaddio!, tradizionale da secoli!

      Elimina
  24. Purtroppo, tradizionalmente, ciò che fa un papa i suoi successori si sentono moralmente impegnati a mantenerlo, specialmente quando si tratta di abolire qualcosa per dare l'impressione alla gente di morigeratezza. Così, temo che mai più vedremo la tiara su uno stemma papale. Mai più vedremo un papa indossare la mozzetta bordata di ermellino, mai più vedremo camici in pizzo e pianete nelle messe papali. Mai più vedremo i bei troni pontificali dorati essere utilizzati da un papa.
    Rassegniamoci e facciamocene una ragione: ogni pontificato impegna i successivi e fa scuola. La bellezza ripristinata da Benedetto XVI resterà, nella storia del papato, una felice ma breve parentesi destinata a restare tale. Prepariamoci al ritorno, in gran stile, degli usi e dei gusti di Virgilio Noè e Piero Marini, visto che tanto sono apprezzati dalla gente comune (che non capisce un'acca del significato del bello).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero. Benedetto XVI riutilizzò ermellino e troni, cose che non si vedevano da trent'anni.

      Elimina
    2. super placet per Francesco B,

      Elimina
  25. Il motto è stupendo, caro Enrico, e dice ad ognuno di noi di avere compassione vicendevole come fece Gesù con Matteo. Non è importante la forma, ma l'amore con cui viviamo il Vangelo di Cristo. Se il mondo conoscesse alcuni movimenti all'interno della Chiesa si renderebbe conto di come il Signore passa anche in mezzo alle imperfezioni umane, ai limiti delle circostanze..Gesù sa usare anche strumenti inabili per compiere le sue meraviglie, credimi Enrico!!

    RispondiElimina
  26. "Ovviamente, considerato il modo di porsi del neoeletto, nessuno poteva farsi illusioni in merito ad un ritorno della tiara pontificia nello stemma (già accantonata, con scelta invero mai interamente spiegata, da Benedetto XVI). "

    Mi chiedo perché iniziare la prima frase di una descrizione in maniera polemica... è possibile che non sia "dei nostri", ma se vogliamo mantenere un minimo di credibilità, credo che negli ultimi giorni non si è data una gran dimostrazione di civiltà e di rispetto del gioco delle parti.

    L'Argentina non ha una bandiera con due strisce blu/azzurre e un sole al centro? Non escluderei che la nazione di provenienza sia stata una (grande) fonte di ispirazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un minimo di credibilità,

      GIOCO DELLE PARTI


      che cosa hanno a che fare queste strategie con il Vangelo ?
      credibilità davanti a CHI, a Dio o ai poteri del MONDO ?

      - gioco delle parti, ? arte di RECITARE, di porsi proporsi, per comparire davanti a chi?
      sulla scena del mondo o davantia Dio ?
      quanto conta per Nostro Signore il "gioco delle parti "
      ?
      quale passo del Vangelo ce lo insegna o raccomanda ?

      Elimina
    2. C'è anche da dire che i toni usati in questi giorni su queste pagine sono tipicamente evangelici.

      Elimina
  27. http://unacumpapanostro.wordpress.com/about/

    RispondiElimina
  28. Ah, i tradizionalisti! C'è lo stemma! Allora tutto è salvato! Proprio oggi il Vescovo di Roma Francesco ha pranzato con Maria Kirchner, sostenitrice dei matrimoni omosessuali e dell'aborto, e l'ha persino BACIATA!! La stessa Kirchner raggiante ha dichiarata che è la prima volta che un papa la bacia. Dobbiamo baciare e ringraziare, come ha fatto il Vescovo di Roma Francesco, chi sostiene gli omosessuali e l'aborto quindi anche noi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sorgerà mai il dubbio che ha ricevuto un Capo di Stato, tra l'altro della sua nazione di origine? Immagino che secondo te non doveva ricevere il Presidente della Repubblica Argentina: quindi domani l'Ufficio delle Cerimonie deve chiedere il certificato di buona condotta ai governanti che interverranno, giusto? Oppure ti presenti tu in piazza e fai da buttafuori?

      Elimina
    2. ricevuto un Capo di Stato...certo !
      e che senso ha baciare se non quello di condividere tutto ciò che quella persona rappresenta ?

      tutti queesti abbracci e baci sono dati per piacere a Dio o piacere / compiacere quelle persone ?

      Elimina
    3. Aspetta, hai dimenticato la stretta di mano massonica, lo scambio del gagliardetto col pentalfa, i Maya, la profezia di Bernardina da Sassoferrato sulla fine della Chiesa, l'Antipapa.

      Elimina
    4. è Gesù Cristo che ci dice:
      "Guai quando tutti diranno bene di voi....così facevano con i falsi profeti";
      e Lui è segno di contraddizione, vedasi:

      «Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti Io dal mondo, per questo il mondo vi odia. Ricordatevi della parola che io vi ho detto: “Un servo non è più grande del suo padrone”. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato».
      -------------------
      "Se voi foste DEL mondo":
      raccomanda di non voler piacere al mondo, ma a dio soltanto, insegnando a osservare TUTTO ciò che Egli ha comandato.
      Quindi NON il politically correct: non far finta che il PECCATO SIA COSA BUONA, MA:

      ammonire il peccatore, insegnare all'errante la via di Dio -> 10 Comandamenti.

      Elimina
    5. Credo che la cortesia sia alla base dei rapporti sociali, soprattutto per chi non la pensa come noi. Ciò non significa che sia espressione di condivisione di ideali e pensieri politici. Ridurre tutto a un sistema binario (1/0) credo non sia reale della situazione delle cose.

      Elimina
    6. da molti anni la "cortesia" diplomatica qui sopra teorizzata -valore mondano più che cristiano- da parte dei supremi pastori della Chiesa viene INTESA come un politically correct che è inchino ai poteri del mondo e supina acquiescenza alle false confessioni/religioni nemiche di Cristo (v. visite "fraterne" a moschee, sinagoghe ecc.)
      sistema binario ? certo! è Gesù stesso che ci comanda di usare il sì sì no no: distinguere VERO DA FALSO è sacrosanto dovere della coscienza cristiana prima che cattolica; Nostro Signore ci pone sempre l'aut aut
      Chi non è con Me è contro di Me
      Chi non raccoglie con Me disperde
      ed è ora di ricordarsi di come Egli rispose duramentte a Pietro quando questi voleva invitarlo ad un COMPROMESSO coi potenti per evitare la condanna a morte..........
      andate a rileggere, perchè quelle parole sono attualissime oggi,a monito di tutti noi, cioè del Corpo Mistico, che si avvia al suo Calvario....
      Ma tanti ciechi ottusi, poveri gonzi IMBAMBOLATI dalle belle riunioni catto-carismatiche mondiali non se ne accorgono, occupati a dire "che beelloo...che meraviglia di fraternità mondiaale ! stupeendo abbraccio con i pagani ecc. ecc."
      per forza...si sa: la grande scuola indifferentista di Assisi1-2-3; e così Dio lascia che tanti siano ingannati dalla fraternità ecumenica che porta all'apostasia! non vogliono vedere il pericolo per la Fede, e bendandosi gli occhi, OBLIANDO gli avvisi del Vangelo, la perderanno.
      In nome dell'abbraccio planetario che non guarda le differenze tra Vero Dio e falsi dèi bugiardi degli idolatri . Oblieranno S. Paolo:
      "Che cosa c'è in comune tra Cristo e belial ? CHE PARTE HA il fedele con l'infedele?"
      milioni di cattolici, illusi dalla falsa pace coi servi del demonio (IRENISMO), in nome di questa diabolica cortesia (=RISPETTO UMANO) cadranno in questa letale trappola soprannaturale, credendo che sia volontà di Dio! ....invece è il demonio che spinge alla sincresi ONU delle religioni, non Certo il Dio Trinitario che ha indicato Gesù Suo Figlio Unigenito testimoniando Lui come 2a Persona della SS.ma Trinità, con lo Spirito Santo su di Lui, al fiume Girodano e alla Trasfigurazione sul TAbor, DICENDO:
      Ascoltatelo!

      Elimina
  29. Lo stemma é splendido ...

    Esprime tutte le devozioni del Sommo Pontefice ...

    Chi ama la tradizione, chi ama la messa di sempre non può avere nulla da temere da un Pontefice devoto della Santissima Vergine e del Suo castissimo Sposo.

    Le perplessità ???

    Non contano e scompariranno quando, da figli devoti della Scrittura e della Tradizione, ci inchineremo metaforicamente al bacio del sacro piede ... (come si diceva un tempo).

    W IL PAPA

    Non contano le perplessità (anche mie)

    W IL PAPA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. X Anonimo 18 marzo 17:39

      Esiste il vero rispetto per la Cattedra di Pietro che è una cosa, poi esiste l'adorazione ad ogni costo che non è comportamento cristiano. Nella storia ci sono stati antipapi, uomini che non facevano gli interessi di Dio ma i loro, massoni, alcuni magari anche votati al demonio e di loro non so quanti pentiti. Allora per questo idolatriamo loro? No! Chiaro che Dio ha fatto e sa fare del male un bene più grande, ma a volte abbiamo pagato tutti questo sistema di persone accecate che idolatravano la persona solo perché era papa, o era Vescovo. No! Bisogna essere prudenti. La prudenza è cristiana e poi il rispetto è vissuto con l'intelligenza che Dio ci dà. Che cosa vi hanno insegnato a voi in occidente al Catechismo negli ultimi anni? Io lo so: a "rispettare lo straniero" alla "pace" (intesa più come falso pacifismo di sinistra, pacifismo ideologico da buttare nel pattume perchè distruttivo). Vi hanno fatto il lavaggio del cervello con le ideologie nascoste sotto forma di "verità cristiane". Il diavolo certo è stato molto astuto a plagiare gli occidentali.

      Quindi attenzione, rispetto per la Cattedra di Pietro e la missione, ma un papa si può anche ammonire, persone singole o il popolo cristiano può lanciare la voce e ammonire, con rispetto ma ammonire, esortare. Ci sono stati papi scomunicati, durante la loro vita e scomunicati anche dopo la loro morte. L'ignoranza fa parlare molti di voi che portate a distruggere la Chiesa occidentale e abbassate la qualità della spiritualità bimillenaria cristiana. Io sono solidale con i cattolici che cercano la Verità e sono severo con chi cerca di nasconderla o sfigurarla.

      Elimina
    2. Vero. Un papa si può anche ammonire, specie se si è santi uomini o sante donne. Ma prenderlo a insulti o minarlo con volgari insinuazioni prima che abbia avuto modo di fare alcunché è biasimevole e indegno di una persona civile, tanto più di un cristiano.

      Elimina
    3. Non bisogna essere Santi per ammonire. La falsa umiltà porta a pensare che solo i Santi possono parlare, no, anche perché loro in vita fino all'ultimo istanti sono stati tentati di decadere, non è questa la verità. Può ammonire anche un contadino che ha una condotta irreprensibile, che ama Dio ed è ispirato da Dio. Un contadino che forse in Cielo non sarà Santo, ma è ispirato da Dio può diventare strumento per confondere e fare arrossire i cristiani che seguono il mondo o peggio il demonio

      Elimina
  30. Questo stemma è molto bello ed i suoi simboli sono davvero nella Tradizione: Maria, Giuseppe e Gesù. C'è la sacra famiglia inscritta...facciamo passare del tempo, magari abbiamo soltanto bisogno di un pò di tempo per conoscerlo e amarlo! Grazie Gesù per il dono di Francesco!

    RispondiElimina
  31. Cosa ne sappiamo noi di quale sara' il futuro? Le vie di Dio non sono le nostre vie.... Abbiamo gia' dimenticato il numero di giovani preti presenti al pellegrinaggio del 3 novembre "una cum Papa nostro"? I cristiani della domenica contano relativamente,sono i sacerdoti e i religiosi, che hanno dedicato la vita alla Chiesa, che sono determinanti. E il futuro, a giudicare dai numeri, sorride a chi e' amico della Tradizione, non certo alle realta' stravolte dal postconcilio, che languono senza vocazioni. E' solo questione di aspettare un po' di tempo...... Felice

    RispondiElimina
  32. E' l'inizio della fine. Molti hanno paura di dirlo solo per perbenismo "ecclesiale". Prossimamente assiteremo allo smantellamento di tutto.

    RispondiElimina
  33. Lo stemma è stato creato ex novo quando Msgr. Bergoglio nel 1992 è diventato vescovo. La sua famiglia non ha stemma. Spiegabilissimo il sigillo del suo ordine, capisco e condivido perfettamente la spiegazione della stella (Maria) e del nardo (San Giuseppe). Quello che non riesco a capire: perchè una stella a cinque punte? Negli ultimi 200 anni questo simbolo è stato usurpato dalla massoneria e dai comunisti, e, se non sbaglio, per loro simboleggia l'uomo indipentente che nega Dio.
    Domanda: Si sa, come questa forma della stella (e non una a sei o otto punte) è finita nello stemma del vescovo, poi cardinale, e adesso anche nello stemma papale? E p.f. non voglio che qualcuno mi salti adosso, insultandomi di volere criticare il Papa, perche non lo faccio. Pongo una domanda, e spero che qualcuno sappia darne una risposta. Finora, solo Papa Luciani aveva la stella a cinque punte (tre per l'esatezza) nel suo stemma. Curiosamente in quello vescovile avevano ancora otto punte, in quello patriarcale e cardinalizio sei punte e proprio in quello papale ad un tratto cinque punte. Sa qualcuno il perchè di questa evoluzione? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimane per la stessa ragione per cui non si tolgono il verde e il rosso dalla bandiera italiana pur essendo divenuti colori leghisti o comunisti.
      Se si togliessero/modificassero simboli in base al cattivo uso degli altri fossi un massone adotterei la croce giusto per toglierla ai cristiani.

      Elimina
    2. Affermazione verissima se si tratasse di uno stemma storico, diciamo del '600. Ma visto che è del 1992, io p.es. non avrei mai, e poi mai messo una stella a cinque punte nello stemma, o diciamolo in altro modo, non avrei mai accettato se me l'avesse proposto qualcun'altro. Allora ripeto la mia domanda: nel 1992 qualcuno ha pensato che cosa? Sappiamo: stella = Maria. Ma perche una stella a cinque punte? Mi sono studiato lo stemma di Buenos Aires (città), della Provincia, dell'Argentina (talvolta si prende uno spunto da stemmi del territorio del quale corrisponde una diocesi). Ma non ho trovato una stella a cinque punte. Ringrazio chi sa dirmi qualcosa.

      Elimina
    3. Ma se avesse avuto la stella 6 punte seriamente asserite che non l'avreste tacciato di ebreo-massone?
      Se avesse avuto la stella a 8 punte qualcuno avrebbe notato che si trova alla fine di ogni capitolo del corano o che nella religione indù rapprensenta la stella di lakshmi, consorte di visnù....su dài, una volta tanto, siamo seri!

      Elimina
    4. Proprio questo intendevo sopra: p.f. niente risposte inutili a una domanda. Grazie

      Elimina
  34. La stella a cinque punte è considerata perfetta, in quanto rispetta la proporzioni della sezione aurea. Ovvero, nella stella a cinque punte ogni parte è la sezione aurea di un'altra.

    Per questo la si ritrova in araldica molto più spesso delle altre stelle (ad esempio è anche nella bandiera italiana ed europea).

    RispondiElimina
  35. Ma come..... i modernisti non sono contro "i fascisti medievali" non sono contro "i pericolosi Tradizionalisti"? Come mai adesso commentano lo Stemma che onora il Vescovo, il Cardinale e il Papa nella Tradizione araldica? Siate coerenti modernisti....tacete per coerenza. Adattatevi ai tempi, queste non sono cose per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusi sa, ma lei è un poco trinariciuto, se ai suoi occhi chiunque legittima le scelte araldiche di Papa Francesco è automaticamente un modernista. Qui c'è chi conosce l'opera di Guillaume Durand de Mende, tanto per citare il primo che viene in mente, quando lei era ancora in fasce.

      Elimina
    2. Michele, lascia la simbologia a chi ha più fiato di te e continua a occuparti di Glenn Grant che ti riesce meglio.

      Elimina
  36. Dai su, meno pippe antimassoniche:
    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/7/72/Miraculous_medal.jpg/800px-Miraculous_medal.jpg

    RispondiElimina
  37. Monachesimo post conciliare:

    L'unico monaco modernista che rispetto è Lasko... del Pugnus Dei.... un modernismo che farebbe bene.... visto la corruzione e la criminalità, a partire dalle Diocesi.
    Per chi non conoscesse "Lasko" ve lo presento:

    https://www.youtube.com/watch?v=NeLv-n4VCIY

    RispondiElimina
  38. ma lei la conosce la storia della medaglia miracolosa ?

    RispondiElimina
  39. Guardi le punte delle stelle. A meno di sostenere che sono massoniche...

    RispondiElimina
  40. La massoneria e i comunisti qualcosa avranno pensato adottando la stella a cinque punte (se è entrata nello stemma italiano nel 1870 senza dubbio per merito massone). La domanda è seria.

    RispondiElimina
  41. Ok, per i masdoni ha un significato. Senza dubbio. Da quando la chiesa e la Sua simbologia devono preoccuparsene più di tanto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto. Per i massoni ha un significato anche la croce, se è per questo, o l'occhio nel triangolo. E allora? Questo rende forse inutilizzabile questi simboli? Nelle chiese, che sono simbolo (anzi una vera summa di simboli) anch'esse, c'è chi in Olanda ha fatto dei night club. E allora non dovremmo più usare le nostre chiese? Ma per carità, per carità, non fate fare ai tradizionalisti la figura degli ignorantoni imbottiti di pregiudizio. Siamo persone serie. La Tradizione è una cosa seria. La Chiesa è una cosa seria.

      Elimina
  42. Vescovo di Roma con la kippah:

    http://www.lastampa.it/2013/03/18/esteri/vatican-insider/it/ebrei-e-musulmani-saluto-il-papa-hY29fZH99itYmneyTQRDNP/pagina.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.repubblica.it/esteri/2010/01/17/foto/roma_la_visita_del_papa_alla_sinagoga-1982677/1/

      Elimina
    2. " Cristiani ed Ebrei hanno una grande parte di patrimonio spirituale in comune, pregano lo stesso Signore" (Benedetto XVI, che in sinagoga sui scorda che il Signore dei cristiani si chiama Gesù Cristo contrariamente a quello ebraico)

      Elimina
  43. Esiste il vero rispetto per la Cattedra di Pietro che è una cosa, poi esiste l'adorazione ad ogni costo che non è comportamento cristiano. Nella storia ci sono stati antipapi, uomini che non facevano gli interessi di Dio ma i loro, massoni, alcuni magari anche votati al demonio e di loro non so quanti pentiti. Allora per questo idolatriamo loro? No! Chiaro che Dio ha fatto e sa fare del male un bene più grande, ma a volte abbiamo pagato tutti questo sistema di persone accecate che idolatravano la persona solo perché era papa, o era Vescovo. No! Bisogna essere prudenti. La prudenza è cristiana e poi il rispetto è vissuto con l'intelligenza che Dio ci dà. Che cosa vi hanno insegnato a voi in occidente al Catechismo negli ultimi anni? Io lo so: a "rispettare lo straniero" alla "pace" (intesa più come falso pacifismo di sinistra, pacifismo ideologico da buttare nel pattume perchè distruttivo). Vi hanno fatto il lavaggio del cervello con le ideologie nascoste sotto forma di "verità cristiane". Il diavolo certo è stato molto astuto a plagiare gli occidentali.

    Quindi attenzione, rispetto per la Cattedra di Pietro e la missione, ma un papa si può anche ammonire, ci sono stati papi scomunicati, durante la loro vita e scomunicati anche dopo la loro morte. L'ignoranza fa parlare molti di voi che portate a distruggere la Chiesa occidentale e abbassate la qualità della spiritualità bimillenaria cristiana. Io sono solidale con i cattolici che cercano la Verità e sono severo con chi cerca di nasconderla o sfigurarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Un papa si può anche ammonire, specie se si è santi uomini o sante donne. Ma prenderlo a insulti o minarlo con volgari insinuazioni prima che abbia avuto modo di fare alcunché è biasimevole e indegno di una persona civile, tanto più di un cristiano.

      Elimina
    2. Mi dica se ha letto in quello che ho scritto che è lecito insultare ?

      Non bisogna essere Santi per ammonire. La falsa umiltà porta a pensare che solo i Santi possono parlare, no, anche perché loro in vita fino all'ultimo istanti sono stati tentati di decadere, non è questa la verità. Può ammonire anche un contadino che ha una condotta irreprensibile, che ama Dio ed è ispirato da Dio. Un contadino che forse in Cielo non sarà Santo, ma è ispirato da Dio può diventare strumento per confondere e fare arrossire i cristiani che seguono il mondo o peggio il demonio

      Elimina
  44. Esiste il vero rispetto per la Cattedra di Pietro che è una cosa, poi esiste l'adorazione ad ogni costo che non è comportamento cristiano. Nella storia ci sono stati antipapi, uomini che non facevano gli interessi di Dio ma i loro, massoni, alcuni magari anche votati al demonio e di loro non so quanti pentiti. Allora per questo idolatriamo loro? No! Chiaro che Dio ha fatto e sa fare del male un bene più grande, ma a volte abbiamo pagato tutti questo sistema di persone accecate che idolatravano la persona solo perché era papa, o era Vescovo. No! Bisogna essere prudenti. La prudenza è cristiana e poi il rispetto è vissuto con l'intelligenza che Dio ci dà. Che cosa vi hanno insegnato a voi in occidente al Catechismo negli ultimi anni? Io lo so: a "rispettare lo straniero" alla "pace" (intesa più come falso pacifismo di sinistra, pacifismo ideologico da buttare nel pattume perchè distruttivo). Vi hanno fatto il lavaggio del cervello con le ideologie nascoste sotto forma di "verità cristiane". Il diavolo certo è stato molto astuto a plagiare gli occidentali.

    Quindi attenzione, rispetto per la Cattedra di Pietro e la missione, ma un papa si può anche ammonire, ci sono stati papi scomunicati, durante la loro vita e scomunicati anche dopo la loro morte. L'ignoranza fa parlare molti di voi che portate a distruggere la Chiesa occidentale e abbassate la qualità della spiritualità bimillenaria cristiana. Io sono solidale con i cattolici che cercano la Verità e sono severo con chi cerca di nasconderla o sfigurarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Un papa si può anche ammonire, specie se si è santi uomini o sante donne. Ma prenderlo a insulti o minarlo con volgari insinuazioni prima che abbia avuto modo di fare alcunché è biasimevole e indegno di una persona civile, tanto più di un cristiano.

      Elimina
    2. Mi dica se ha letto in quello che ho scritto che è giusto insultare ? No di certo! Ovvio, non siamo faziosi.

      Non bisogna essere Santi per ammonire. La falsa umiltà porta a pensare che solo i Santi possono parlare, no, anche perché loro in vita fino all'ultimo istanti sono stati tentati di decadere, non è questa la verità. Può ammonire anche un contadino che ha una condotta irreprensibile, che ama Dio ed è ispirato da Dio. Un contadino che forse in Cielo non sarà Santo, ma è ispirato da Dio può diventare strumento per confondere e fare arrossire i cristiani che seguono il mondo o peggio il demonio

      Elimina
  45. Certo, ma fare le pulci ad una stella è eagerato. Evitiamo di vedere massoneria ovunque.

    RispondiElimina
  46. Scusate ho scritto due volte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuarti. Ho risposto due volte.

      Elimina
  47. Qualcuno sa formulare qualche ipotesi circa la scomparsa della tiara dagli stemmi pontifici, da Papa Benedetto XVI in poi? Anche GPII aveva lasciato la tiara, sebbene più simile nella forma ad una mitria...

    Grazie.
    Praecentor

    RispondiElimina
  48. Un mio amico di nobili origini, che conosce l'araldica, mi disse che la stella indicante Maria santissima è per tradizione quella a otto punte. La conferma il costante uso nele icone e nei mosaici o dipinti antichi. In Vaticano qualcuno dovrebbe conoscere bene l'araldica e correggere il dettaglio: se non altro per non dare credibilità alle illazioni. Altrimenti la cosa sarebbe volutamente ambigua, come il fiore di nardo, che al nardo non assomiglia per niente, checché se ne dica. Per il resto lo stemma sarebbe di piacevole effetto e di religioso significato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillizzati. In Vaticano c'è chi conosce l'Araldica come e meglio del tuo amico. Credimi.

      Elimina
    2. Ha vinto lei Michele. Il suo ignoto amico, nonché nobile, è la fonte infallibile che attendavamo. Mi pare evidente che graziea queste prove inconfutabili possiamo affermare con certezza che i massoni sono in possesso del Vaticano.

      Elimina
    3. Nella tradizione iconografica e nella simbologia cristiana la stella di Maria compare in molteplici versioni. Prevalgono quella otto punte (simile alla quella della rosa dei venti, per intenderci) e quella a sei. Ma non mancano altre versioni, tra cui anche quella a cinque. Posso convenire sul fatto che la stella a otto punte è più elegante. Non sull'illazione per cui non sarebbe stella mariana (ma addirittura comunista/massonica, e perché no, militarista). Peccato, in tutti i sensi, questi sospetti insinuati con tanta disinvoltura, questa discordia seminata con tanta leggerezza (non mi riferisco specificamente a lei, Michele). E' fin troppo chiaro da dove tutto questo venga. Ed è cosa triste.

      Elimina
    4. miserando atque eligendo...son due gerundi! Quindi in iitaliano : avendo miisericordia e discernimento. Emisfero destro ed emisfero sinistro. Tradurre non è tradire. Dal nardo poi si otteneva un preziosissimo unguento, quello che fu usato dalla Maddalena per Gesù..motivo di scandalo per molti miscredenti malpancisti. fidelius.

      Elimina
    5. Confermo nella tradizione bizantina, non è mai stata di 5 punte. Ma questo poco importante, se questo papa è un'impostore lo si vedrà da altre cose.

      Elimina
  49. Tanto per chiarezza, l'anello raffigura San Pietro che tiene le chiavi nella destra e le reti nella sinistra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ennesimo smarronamento. Questa volta però non dovuto ai bollenti spiriti di Enrico.

      Elimina
  50. Nello stemma del Cardinale Siri c'erano due stelle a cinque punte (e due gigli)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra un po' i fanatici qua dentro avranno da dire anche contro il card. Siri, del resto Siri aiutava gli ebrei a scappare dagli sgherri fascisti e nel 1944 fu costretto a fuggire per non essere arrestato. I fanatici qua dentro si riempiono la bocca con Pio XII ma omettono l'allocuzione ai cardinali del 2 giugno 1945 in cui definiva "SATANICO" il nazionalsocialismo (credo che non abbia mai usato un termine simile per il comunismo, a significare che il nazionalsocialismo era non solo ispirato dal demonio come si può pensare un po' per tutte le ideologie anticristiane, ma era addirittura l'incarnazione MATERIALE sulla Terra di Satana)

      Elimina
    2. Anonimo ore 23.39.

      Ora il male è purtroppo dentro il Vaticano.

      Il Nazismo (non comprendo come possa essere giudicato più grave del comunismo visto che quantitativamente gli stermini del primo non sono paragonabili per numero ai morti prodotti dal comunismo - nessuno parla dei sacerdoti italiani uccisi dai partigiani e dei sacerdoti uccisi dai fascisti perchè la proporizione genera l'orticaria al pensiero democratico) non ha inquinato in alcun modo il Deposito della Fede.

      Il Concilio sì.

      Va benissimo la "disarmante umiltà" del Romano Pontefice ma URGE il coraggio di porre Dio sopra il mondo, di uscire dalla logica antropocentrica in cui siamo finiti.

      Credo che il Novus Ordo Missae abbia contribuito a far crollare il bastione del Dogma e a farci pervenire alle triste condizioni attuali.

      Infine un'annotazione: il Papa più umile (anche per origini, insieme a Papa Roncalli) che abbiamo avuto l'altro secolo è stato il figlio di contadini Giuseppe Sarto.

      Umile sì, ma tenace nella difesa dei diritti di Dio!

      Elimina
    3. fatti una cultura su quello che il nazismo è stato e specialmente COSA SAREBBE STATO SE AVESSE VINTO. Ti faccio notare che il comunismo si è sciolto praticamente sa solo.

      http://www.vatican.va/holy_father/pius_xii/speeches/1945/documents/hf_p-xii_spe_19450602_accogliere_it.html

      "Invero la lotta contro la Chiesa si andava sempre più inasprendo: era la distruzione delle organizzazioni cattoliche; era la soppressione progressiva delle così fiorenti scuole cattoliche, pubbliche e private; era la separazione forzata della gioventù dalla famiglia e dalla Chiesa; era l’oppressione esercitata sulla coscienza dei cittadini, particolarmente degli impiegati dello Stato; era la denigrazione sistematica, mediante una propaganda scaltramente e rigorosamente organizzata, della Chiesa, del Clero, dei fedeli, delle sue istituzioni, della sua dottrina, della sua storia; era la chiusura, lo scioglimento, la confisca di case religiose e di altri istituti ecclesiastici; era l’annientamento della stampa e della produzione libraria cattolica. "

      "I grandi avvenimenti politici, che contrassegnarono i due anni seguenti, e poi la guerra non attenuarono in alcun modo l’ostilità del nazionalsocialismo contro la Chiesa, ostilità che si manifestò fino a questi ultimi mesi, quando i suoi seguaci si lusingavano ancora di potere, non appena riportata la vittoria militare, FINIRLA PER SEMPRE CON LA CHIESA "

      Elimina
  51. TRADIZIONALISTA18 marzo 2013 23:17

    Quanta distanza fra la disarmante umiltà del Romano Pontefice e la diabolica superbia dei gallicani lefebriani e sedevacantisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. com'è facile mettersi un'etichetta a tutte maiuscole (tipo quelle gigantesche appioppate da Claudio Lippi sulla testa di Luca Laurenti quando gli faceva l'indovinello impossibile....), come specchietto per allodole, da veri ipocriti !
      e quanto è facile etichettare il prossimo (che non si conosce) con accuse-condanne GRATUITE e giudizi temerari ....ma di tutto questo ognuno renderà conto al Giudice Supremo, Nostro Signore: nihil inultum remanebit.
      e com'è facile ingannare/essere ingannati da una umiltà di facciata, quella che si mostrta su uno scenario per dire :"acclamate! applausi applausi, applaudite al grande umile, al SOMMO umile qual mai vi fu...."
      senza vedere la trappola mentale: se acclamiamo un uomo osannandolo, ne facciamo un idolo delle masse !
      Dio ci proibisce qualunque idolatria: solo LUI deve essere adorato sopra ogni uomo, fosse pure il più buono del mondo.
      i gonzi incantati dalla humanitas un uomo, polvere come tutti noi, dovrebbe chiedersi : può esistere uno che sia PIU' UMILE E PIU' SANTO dei santi e di Nostro Signore ? c'è forse un uomo più buono di Dio stesso ?
      QUIS UT DEUS ? (v. nome di S. Michael Arcangelo)
      ma queste folle ottuse applaudenti si avviano alla divinizzazione di un uomo,..., come facevano i romani quando adoravano l'imperatore del momento >>. cfr. apoteosi del Divo Claudio ecc.

      Elimina
  52. Non commento lo stemma e nemmeno l'attuale papa, aspetto ancora un po' di tempo per capire alcune cose importanti, anche se un'idea iniziale ce la si può già fare.

    Guardate che il diavolo, è molto astuto a distruggere la Chiesa non apertamente, ma soprattutto facendo passare una cosa anticristiana come “volontà di Dio”, come innovazione di costruzione, di pace, di fratellanza. Il diavolo è talmente astuto che è in grado di rovinare un intero popolo in nome della “pace”, della (falsa) “fratellanza”, dell’amore…. e a fare questo si compiace ancora di più!!!

    Inoltre sono la maggioranza oggi dei cristiani che non hanno un briciolo di discernimento, che si bevono tutto quello che il diavolo gli offre, ma vi rendete tutti conto in che tempi anticristiani viviamo? Vi rendete conto della grande apostasia della maggioranza del clero? Li leggete i giornali? Sentite le eresie e le diavolorie nei discorsi di vescovi ?
    Consolare gli afflitti per l’ideologia falsa pacifista e massonica-mondialista è ancora accettata e strumentalizzare, ma l’opera di Misericordia “ammonire i peccatori” e chiamare le cose per il loro nome questo è raro vederlo, perché c’è in giro un falso buonismo, una falsa umiltà che non vuole sapere di questo. Dicono che non si “può giudicare”, anche i mafiosi siciliani dicono “solo Dio mi può giudicare…. Lui solo!!” Questo è vero, Dio solo ha l’ultima parola, ma la carità cristiana in 2000 anni ha permesso che molte anime si salvassero, perché ha ammonito e SOPRATUTTO perché il peccato è DAVVERO pentito e ha dimostrato con i fatti, con la vita il suo pentimento, il suo sincero ritorno a Dio. L’amminimento di un uomo o donna ispirato è come la voce di Dio, questa gentaglia moderna vuole mettere il bavaglio a Dio e negarci le cose Sante di sempre.
    Basta questo cattolicesimo anticristiano, basta falsi buonisti, leggete la lettera di San Paolo Corinzi
    "Non v'ingannate: né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né gli omosessuali, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né gli oltraggiatori, né i rapinatori erediteranno il regno di Dio" (1 Corinzi 6:9-10, cf. Lev. 18:22).

    I rapinatori sono anche cattolici, sacerdoti, Vescovi, Cardinali, che RUBANO al popolo di Dio le cose Sante, che rubano al popolo di Dio la verità Salvifica. Oltraggiatori e rapinatori che celebrano la S. Messa, certo ce ne sono! E anche quelli che sono oltraggiatori e rapinatori e fanno la S. Comunione sentendosi in coscienza pulita! Cristiani occidentali, non fatevi rubare la Vostra Eredità Spirituale, Culturale, Liturgica, restiamo uniti e combattiamo con la fedeltà a Dio e ai Padri della Chiesa per il Regno di Cristo e la Sua Regalità sul mondo intero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. alla faccia che non volevi commentare...
      Gentaglia moderna... alla faccia della carità predicata da Gesù!
      Ma sei sicuro tu di averlo incontrato a Gesù?.... Perchè... (te lo dico sottovoce...proprio tra me e te...) non si percepisce proprio che nella tua vita c'è Cristo!!!

      Elimina
    2. La gentaglia moderna è chi maliziosamente vuole contribuire a distruggere i valori cristiani, le Chiese cioé distruggendo altari etc... in nome dell'"innovazione" e a distruggere tutto quello che c'è di buono in nome di una falsa apertura, di cambiamenti che non sono saggi. Io difendo le nostre generazioni e le generazioni future, perché che mondo riceveranno con la vostra mentalità moderna? Chiese distrutte, edonismo, relativismo etico, ignoranza culturale, studi nelle scuole con programmi illuministi di autori che non gli fanno nemmeno le scarpe alla cultura Medioevale, il medioevo fatto passare come epoca "oscura" A me fa completamente schifo il mondo anticristiano che volete costruire. Si costruisce tenendo conto dell'eredità spirituale, storica, culturale, linguistica, molti di voi invece plagiati dalle mentalità moderne vogliono un mondo anticristiano che è destinato a distruggersi perché costruito sul nulla e su valori anticristiani! Il Gesù buonista e garantista predicato nelle Chiese di occidente non è il vero Gesù!!!!! Leggete i mistici come Santa Teresa d'Avila e Giovanni della Croce, leggete i Padri della Chiesa non i teologi modernisti che con le loro idee avvelenano la società e la Chiesa

      Elimina
    3. Vai al dunque. Tu il papa lo seguirai o no? Tutto ciò che legherai sulla terra sará legato nei cieli e tutto ciò che scioglierai sulla terra sará sciolto nei cieli...vale anche per questo papa? O per te vale solo se si muove seguendo il tuo pensiero...

      Elimina
  53. Un altro segno dell'isteria collettiva di destra, di una destra assai poco cattolica nell'estremizzazione del formalismo, è il rintracciare dovunque segni massonici. Che ci sia una corrente massonica in Vaticano e in tante diocesi non è una novità ed è da scovare e schiacciare nel modo più deciso. Ma da qui al vederla dietro ogni angolo ed in ogni alzarsi di sopracciglio ce ne corre: si finisce davvero nella schizofrenia.
    L'isteria collettiva dei neomodernisti, siano essi sedicenti "progressisti" o neocat palesi o camuffati, si manifesta apertamente nella canonizzazione dei papi che sembrano opporsi alla Sacra Tradizione ed alla liturgia che esprime e nell'invitop a grandi cardinali e teologi che la Fede coraggiosamente difendono. Come isterico è il gridar al santo subito, vivo o morto che sia un papa.
    Con l'attuale Vescovo di Roma s'è già cominciata la canonizzazione a furor di popolo ignorante in buona parte e di movimenti o cammini interessati. Ecco perché è necessaria la valeriana, che fra l'altro è anche un'insalata gradevole che ha come altro nome "dolcetta". Ma a molti occorrerebbero ben più forti psicofarmaci.
    Il nuovo Sommo Pontefice, che tale è, volente o nolente, manifesta, a mio avviso aspetti contrastanti, anche vistosamente contrastanti, ma un giudizio sul suo operato non può formularsi se non si veda all'opera. Attendiamo, pregando, che inizi il suo magistero, e poi sapremo quale degli aspetti contrastanti prevarrà.
    CONTINUA

    RispondiElimina
  54. RIPRENDE
    Bergoglio è senz'altro uomo di preghiera, dotato di umiltà e forza di persuasione. In campo morale è rigorosissimo e darà filo da torcere a tutti gli "aperturisti" ad una morale-immorale. E' devoto a Maria, parla della Croce, evoca il demonio, e quindi l'inferno di cui non si sentiva più parlare se non per negarne l'esistenza, sulla scorta della teologia della salvezza universale che parte almeno da Origene e arriva a Giovanni Paolo II che la sostiene innegabilmente. Commuove la sua afflizione per i poveri, ed è da apprezzare il suo impegno per questi nella sua terra. Già, la sua terra: va tenuto conto del luogo in cui ha operato per formarsi un'idea del sostrato della sua missione episcopale ed ora apostolica-universale.
    L'umiltà, tuttavia, non dev'essere sbandierata, come l'amore per la povertà. A volte l'umiltà deve anche soggiacere a riti e norme dello stato a cui si è chiamati. La Chiesa povera: come farebbe una Chiesa povera ad aiutare i milioni di poveri in tutto il mondo? Come potrebbero costruirsi ospedali, lebbrosari, case, chiese, scuole, università ecc. per civilizzare i poveri ed emarginati d'ogni parte del mondo? Il singolo individuo può esser povero, la Chiesa può esser povera interiormente, ma ha bisogno di risorse finanziarie per sostituirsi all'egoismo degli stati che davanti a morte e distruzione chiudono gli occhi. S. Francesco era povero, per scelta personale, ma non imponeva la povertà alla Chiesa, anzi voleva che a Dio si riservassero le cose più preziose.
    La Chiesa inoltre è per tutti. Il povero può esser peccatore anch'egli, così come il ricco può esser santo. La ricchezza in sé non è un peccato, peccaminoso può esserne l'uso. La Sacra Famiglia non rifiutò i doni preziosi dei Magi, ed eloquente è pure la pagina del Vangelo su Marta, Maria e Giuda.
    Lascia molto perplessi l'insistenza sul suo carattere di vescovo di Roma senza specificare il ruolo di autorità prima, con giurisdizione immediata e universale che tale ruolo comporta. Umiltà? O volontà di falsa collegialità che può sfociare in conciliarismo? C'è il pericolo che la Chiesa una ed unica si trasformi in una federazione di chiese locali? O in uno stillicidio di chiese di base? Indubbiamente il Papa sembra affascinato dal mito della Chiesa primitiva. Ma la storia non può cancellarsi. Come potrebbero le chiese locali sostituirsi alla Chiesa per garantire la più vasta possibile libertà di proseguire nella loro missione?
    Ecco, queste poche osservazioni derivano dai primi passi del nuovo Papa, ed anche dalla sua formazione. Deploro le carnevalate che ho visto in internet, ovviamente, e spero che non abbiano a ripetersi pena il sacrilegio.
    Un Papa doubleface, insomma io vedo. Ma è, ora, inutile scannarsi tra chi lo esalta come l'autore di un nuovo Inizio o nuova Pentecoste e chi lo individua, con la sfera di cristallo, come ho letto in qualche commento raccapricciante, l'incarnazione di Satana.
    Il tempo della valutazione e del discernimento, e quindi anche delle doverose opzioni, non è ancora giunto.
    La disperazione non è cattolica o cristiana in genere, la vigilanza è da consigliare, ma nella speranza, nella carità, che son virtù teologali che sorreggono la Fede. E la Fede del novello Pietro ha ancora da acclararsi nella sua essenza.

    RispondiElimina
  55. Solo ora, al TG, ho sentito qualche passo dell'omelia pontificia. Francesco ha usato anche la parola "PAPA". Si comincia ad aggiustare il tiro?

    RispondiElimina
  56. El Arzobispo de Buenos Aires y Cardenal Primado de Argentina,

    Monseñor Jorge Bergoglio, prodigó una bendición especial al

    Parlamento Argentino de Religiones, a todas las Comunidades

    que lo integran y, en especial a U.T.C.R.A. - Unión de Trabajadores

    Cooperativistas de la República Argentina-, Mahatma Krishananda

    (Prof. José Sergio Griffa) en representación del Parlamento y Mario

    Carrera por U.T.C.R.A. . Los visitantes rindieron un pequeño

    homenaje en agradecimiento a la infinita bondad que

    expresó con sus palabras este verdadero Apóstol de la Paz.

    En el Arzobispado de Buenos Aires, 05 Mayo del 2006

    >
    http://www.par.org.ar/

    >
    http://www.guruom.com.ar/krishananda/bergoglio/bergoglio.htm

    si spera di sbagliare, per il bene della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, ma andranno seguite con molta attenzione le mosse del beroglio, viste e considerate certe premesse. m

    RispondiElimina
  57. Da persone COME Bergoglio possono venire delle sorprese, che mi auguro positive. Da quanto ho visto, ma spero d' errare, non si è genuflesso alla consacrazione. Problemi alle gambe? La deambulazione mi sembra talvolta incerta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soffre di sciatalgie. Informati prima di alimentare dubbi e sparare caxxate...w il papa. Fate proprio schifo.....

      Elimina
  58. Qui è necessaria una mente saggia. Le sette teste sono i sette monti sui quali è seduta la donna. E i re sono sette: i primi cinque sono caduti; uno è ancora in vita, l’altro non è ancora venuto e, quando sarà venuto, dovrà rimanere per poco.
    Quanto alla bestia che era e non è più, è ad un tempo l'ottavo re e uno dei sette, ma va in perdizione
    (Apocalisse 17, 9-11)
    Messaggio di Nostra Signora Regina della Pace n°3790
    16.03.2013
    Amati figli, Pietro condurrà la Sua barca in mezzo a grandi tempeste. Pregate. Il successore di Pietro avrà bisogno delle vostre preghiere. Egli sperimenterà il calvario. Sarà amato e odiato a causa delle sue posizioni. Ecco i tempi dei dolori. Il veleno è nell'albero, non frutto. La Chiesa del Mio Gesù cammina per un futuro di grandi privazioni, ma come ho già detto, Gesù è al controllo di tutto. Pietro nella terra di Pietro. Ciò che vi dico non potete comprendere adesso, ma calmate i vostri cuori, perchè il Mio Gesù cammina con voi. Il re soffrirà a causa dei suoi sudditi. Non temete. Io sono la vostra Madre e pregherò il Mio Gesù per voi. La strada sarà corta per il re, simile all'attraversare la famosa piazza. Piegate le vostre ginocchia in orazione. Alla fine la vittoria sarà del Signore. Amate la verità e restate con la Chiesa. Le lezioni del passato non possono essere dimenticate. Avanti senza timore. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso riunirvi quì ancora una volta. Io vi benedico, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Restate in pace.
    http://nostrasignoradianguera.blogspot.it/2013/03/il-martirio-del-papa-averra-gerusalemme.html
    ..vedremo, certo che la confusione è grande...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come, non si era detto che chi riferisce le visioni della Madonna è geovista ?
      ancora bisogna leggere questi geovisti apocalittici ?
      mettetevi in testa che l'Apocalisse è argomento dei protestanti, non per cattolici !
      lei poi non si accorge di quanto questo messaggio sia falso, dello stesso tipo della "gospa" di Medjugorie che dice "il mio Gesù", con toni piuttosto frivoli...nonv ede che banalità:
      Pietro nella terra di Pietro ??
      e che significa ??
      non vede da quelle frasi VAGHE E FUMOSE, che è come il responso della sibilla, vuol dire tutto e il suo contrario ?
      senta lasci perdere, è una bufala come quella di Medjugorie, che sta da 30 anni a circuire gli ingenui con una "madonna" ecumenista, figurarsi !

      Elimina
    2. e poi, senta un po'.....
      secondo lei:
      "il martirio del papa", mi dica :

      QUALE papa:
      quello uscente o quello entrante ?

      Elimina
  59. Il mondo ama ciò che è suo. Il papa non deve essere amato dal mondo, non deve piacere al mondo. Se il mondo ama questo papa non marca bene. Comunque staremo a vedere..... molti sono i cattolici (o gattolici per la scaltrezza con cui manipolano a loro comodità il Vangelo) che si sono adattati al mondo e alla sua mentalità

    Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.